Viaggio a Capo Nord.

L'idea è nata nell'autunno del 2007 col desiderio di vedere e sentire il richiamo del Grande Nord, un tour di 35 giorni, durante i quali ho sognato ad occhi aperti nel vedere madre natura in tutto il suo splendore. Prendiamo la nave da Puttngard per la traversata in terra danese per poi proseguire verso la capitale percorrendo la strada statale E47 spazzata da forti venti. 

Copenaghen: è una delle città più affascinanti d’Europa. Le meraviglie da visitare sono molte, da non perdere il vecchio porto di Copenaghen, caratteristico per le linde case dai tetti spioventi, dove numerosi ristorantini offrono menu a base di pesce ed il classico piatto tipico danese, il Polser.

La Danimarca e la Svezia sono collegate da un ponte a pagamento “ il Ponte sull’Oresund “ che collega Copenaghen con Malmo . Superato il ponte prendiamo la  E20 fino Goteborg per poi proseguire con la mitica e suggestiva strada panoramica E6 fino ad Oslo.

La Norvegia , una terra di incredibile bellezza considerata tra le più affascinanti al mondo che da sempre ispira poeti, artisti, compositori, fotografi e sognatori. La  capitale  è Oslo situata in fondo al fiordo Oslofjord , circondata da colline e montagne. E’ una delle città con il più alto standard di vita al mondo, a Oslo c’è sempre qualcosa di nuovo da fare.

Da Oslo in poi non è facile trovare le parole giuste per descrivere l'incanto di un paesaggio così vario. La strada che collega Oslo con Bergen è una delle più belle e panoramiche dell'intera Europa: le sue colline boscose, i ghiacciai dell'altopiano, le montagne che si riflettono sull'acqua, il tunnel più lungo del mondo (ben 25 km!) scavato nella nuda roccia e le spettacolari cascate che scendono da vertiginose pareti rocciose

Bergen : è una città unica, non ha pari al mondo, sia per la sua splendida posizione sul mare che per i suoi celebri dintorni. E’ situata tra il fiordo più lungo , il Sognefjord , quello più spettacolare l’Hardangerfjord ed è’ stata anche capitale della Norvegia tra il XII e XIII secolo. Le case di legno col tipico tetto spiovente dai colori pastello rendono questa città unica, particolari che creano una armonia quasi mistica, la visita lascia un segno indelebile.

Le isole Lofoten sono spettacolari, uno scenario da favola col pittoresco villaggio di A e le sue bianche spiagge.

Terza ed ultima tappa per Capo Nord  è nella città di Alta situata nella contea di Finnmark dove il freddo si avverte notevolmente in considerazione del forte vento proveniente dal Nord. Da qui proseguiamo per Hammerfest  attraversando il tunnel sottomarino di 6.870 metri che collega l’isola di Mageroy  con Nordkapp. Finalmente a Capo Nord !!! Punta estrema dell’Europa spettacolo incommensurabile nonostante la nuvolosa giornata.

Il rientro da Capo Nord avviene passando da Rovaniemi città di Babbo Natale a ridosso della E75 contornata dai soliti negozi, ristoranti e fast-food per offrire al visitatore e soprattutto ai bambini i confort necessari. Una struttura realizzata in legno di betulla, che assieme all’allevamento di renne rappresenta la principale fonte economica della Lapponia. Lo stile è tipicamente nordico, molto spigoloso e spiovente, per far sì che la neve possa scivolare e non appesantire la struttura di due piani. Il primo piano ospita, il negozio di souvenir, il box per le foto ricordo con Santa Claus e un enorme pendolo di legno che scandisce il tempo.  Al secondo piano c'è Babbo Natale, tratti somatici lapponi, barba lunga e ben curata che  sorridendo ti invita a sederti sul trespolo alla sua sinistra per la foto. 

Oulu : è ritenuta la città principale della Finlandia settentrionale. Il nome Oulu che significa "acqua straripante" dopo Turku è la più grande città del nord in termini di abitanti. Una cittadina situata tra due laghi e, la differenza di altitudine dei due, dà luogo alle rapide di Tammerkoski lunghe circa 945 metri che sono sfruttate come fonte di energia idroelettrica.

A Helsinki troviamo posto in un ostello prossimo al centro città per cui la “ sera”; dico sera per questione di abitudine visto che a luglio nei paesi scandinavi è sempre giorno, per spostarci non avevamo necessità di usare la moto. Dopo due giorni di permanenza ad Helsinki siamo pronti per la traversata che ci porterà negli Stati Baltici di Estonia, Lettonia e Lituania . Sono paesi dal clima mutevole; come del resto nell’intera Scandinavia, ricordo ancora come se fosse oggi i violenti ed improvvisi temporali da lasciarti a bocca aperta per la loro abbondante intensità. Dopo circa due ore sbarchiamo a Tallin e ci immettiamo sul grande corso anulare che circonda tutta la città vecchia. I monumenti sono posti lungo un'unica direttrice e questo fa si che la città possa essere visitata anche in un giorno solo.
Riga, il centro storico è un isola pedonale che rappresenta il cuore della città , lì si trovano i locali più trendy, i musei, il Duomo, la chiesa di S.Giacomo, di S.Pietro, la Cattedrale ortodossa, e molte le sculture di personaggi celebri sparse per i giardini. La cucina locale è ottima ed i numerosi ristoranti offrono una moltitudine di pietanze che consentono di abbuffarsi a sazietà unitamente a copiosi boccali di birra.  

Varsavia è attraversata dalla Sistola, principale fiume della Polonia, città interamente distrutta durante la seconda guerra mondiale ed in seguito ricostruita nelle sue forme originali . All’interno delle vecchie mura si può ammirare il Castello Reale, la Cattedrale di S. Giovanni,il Palazzo della Cultura e della Scienza e la colorita Piazza del Mercato intersecata dal pregevole viale principale letteralmente sovrastato dai prominenti ultramoderni grattacieli. 

La strada che congiunge Varsavia a Cracovia non è affatto delle migliori per viabilità ma offre una veduta agreste bellissima. Le carreggiate sono contornate da immense colline che in estate quando il grano è maturo si confondono con il sole, uno spettacolo mozzafiato! Troviamo alloggio in un antico palazzo adiacente la piazza principale, un appartamento con diciotto posti letto, una cucina enorme attrezzata di tutto e due bagni di cui uno con vasca idromassaggio.

La Piazza del Mercato, la più grande piazza medievale d'Europa, è veramente bella , attorno alla quale sorgono bellissimi palazzi di stile architettonico gotico, rinascimentale e barocco. Sessanta chilometri separano Cracovia da Auschwitz  teatro dell’immane tragedia pertanto  decidiamo di andare a vedere questi luoghi di dolore e misericordia. Dei due lager quello che più mi ha lasciato senza respiro è Birkenau, perché tetro raccapricciante e funesto.

  Una leggera pioggerellina ci ha accompagnato per quasi tutta la durata del viaggio a Praga città dal glorioso passato e dal luminoso futuro è una città magica, la posizione strategica l'ha collocata fin dall'antichità al centro di una rete di scambi commerciali e culturali che hanno costituito le basi fondamentali del patrimonio culturale e monumentale.
Prima di rientrare in Italia una visita al quartiere Prater di Vienna per vedere la ruota panoramica più vecchia del mondo e nel pomeriggio ci immettiamo sulla A6 che ci condurrà in Italia per l’ultimo temporale estivo sulle stupende Alpi. Non posso che concludere questo racconto con l'augurio che anche voi possiate vivere un'esperienza indimenticabile come quella di un viaggio nei paesi scandinavi fino a Capo Nord.

Curata da:
Quando:
Luoghi visitati: