USA

Ho viaggiato alla scoperta di luoghi pittoreschi e territori dal fascino intramontabile, tra città e paesaggi naturali senza tempo, molti dei quali resi celebri pure dalle grandi pellicole del cinema, visitando sempre mete attentamente selezionate lungo itinerari dettagliatamente studiati.

Insomma, pur viaggiando “on the road” ed avendo percorso pure la mitica Route 66, ho preferito fare le cose “my way”, a modo mio, senza seguire il suggerimento dello scrittore americano Jack Kerouac, che nel suo famosissimo libro “On the Road” afferma: “Basta seguire la strada e prima o poi si fa il giro del mondo. Non può finire in nessun altro posto, no?”

Così facendo e sempre privilegiando le possibili opportunità fotografiche, ho scoperto il fascino di mete naturali mozzafiato e grandi metropoli americane Ho camminato a Times Square e sulla Quinta Strada a New York, la “grande mela” di Woody Allen e Sex and the City, città che non dorme mai. Ho ammirato l’eleganza dell’europea San Francisco, poggiata su dolci colli e affacciata sulla splendida baia, su cui si erge il famoso Golden Gate Bridge, che al tramonto mostra tutta la sua fierezza. Ho camminato sull’assolata spiaggia di Miami Beach, dove l’oceano si fonde con la terra, tra le luci ed i colori di una città giovane ed allegra, pronta ad accoglierti con il suo calore e la sua vivacità e, sempre in Florida, sono tornato bambino a Disney World e negli incredibili parchi di divertimento e fantasia di Orlando.

Viaggiare negli USA significa pure includere destinazioni come la pazza Las Vegas e Hollywood, culla del cinema americano a Los Angeles. Ho passeggiato lungo la Sunset Boulevard, dove le più grandi star hanno inciso i loro nomi ed ho pure fatto un giro a Beverly Hills. Non sto  a fare un elenco di luoghi negli U.S.A., ma da Seattle sul Pacifico a Boston sull’Atlantico, dai Great Lakes, i grandi laghi, al Golfo del Messico in Texas, dalle imponenti barriere di scogli sulla costa dell’Oceano Pacifico nello stato di Washington alle Cascate del fiume Niagara, in lungo e largo, ho fotografato gli USA.

Oltre alle cittadine e metropoli, il continente americano ospita splendide riserve naturali. Ho visitato e fotografato buona parte dei suoi tesori naturalistici e la maggior parte dei parchi nazionali, tra cui tutti quelli più importanti: da Yellowstone e Grand Teton sullo Snake River a Yosemite National Park e il Sequoia Park, celebri appunto per le gigantesche sequoie, dal deserto della Valle della Morte, Death Valley, tra California e Nevada, fino alla Monument Valley ed il Grand Canyon sul fiume Colorado, luoghi sacri per gli appassionati del vero Far West.
Non sono mancati Zion e Bryce Canyon in Utah, il misterioso, variopinto e remote Fly Ranch Geyser in Nevada, né il Fall Foliage del New England, ai confini col Canada. Lo stesso dicasi per gli archi spettacolari di Arches a Moab, gli alligatori nelle paludi di Everglades, il Grande Lago Salato di Salt Lake City, il White Sands National Park ad Alamogordo, nei pressi della misteriosa Area 51 di Roswell.

Sono andato alla ricerca delle auto vintage negli stati del South West, dei “boneyard”, i cimiteri degli aeroplani a Phoenix, Tucson e tutto il sud, dell’emarginazione degli indiani pellerossa, come nel pueblo di Taos in New Mexico. Mi sono pure spinto alla ricerca delle ghost town, le città fantasma minerarie sparse in tutto il vecchio west, come illustrato in uno dei video che seguono sotto …ma quelle sono altre storie!

In questa pagina presento vari video degli USA, realizzati con foto scattate sia da me stesso che da mia moglie Giulietta Laconeo.

http://www.sarodibartolo.it/usa/

Curata da:
Luoghi visitati:
Saro Di Bartolo - Giulietta Laconeo
Quando:
Luoghi visitati: