Il Sun Bear del Borneo Malese: l'orso più piccolo del mondo

Questo bellissimo orsetto è l' orso malesiano, conosciuto come Bornean Sun Bear.

Si tratta della più piccola specie di orso esistente al mondo ed è diffuso nelle foreste del sud est asiatico. E'una specie a rischio e in alcuni dei paesi in cui prima viveva, è quasi del tutto scomparso (Vietnam, Myanmar...). Il borneo resta un po' la sua roccaforte, pur essendo costantemente minacciato dalla deforestazione, dalla caccia e dal contrabbando di cuccioli venduti come animali domestici.

E' molto meno famoso dei cugini panda, greezly e orso bruno e in moltissimi non ne avranno mai sentito parlare. Io in effetti ero tra questi, fino a quando un annetto fa ho scoperto che a Sepilok, nel Sabah, esisteva un centro - allora non ancora aperto al pubblico - per il recupero dei Sun Bear, ossia il Bornean Sun Bear Conservation Centre (BSBCC).

Visto che di lì a pochi mesi sarei partita proprio per il Borneo con il mio gruppo, li ho subito contattati per cercare di organizzare una visita. I volontari del centro sono stati così carini da accoglierci e farci conoscere questi incredibili animali, che loro salvano, curano e cercano di riabilitare.

Alcuni come Bermuda erano tenuti come animali domestici, Linggam invece era un cucciolo di appena 3,5kg quando è stato trovato, probabilmente era rimasto orfano. Molti prima di giungere al centro hanno vissuto in gabbia per parecchi anni: Amaco, che ora ha 20 anni, ha trascorso ben 18 anni della sua vita in una gabbia, nutrito a riso e latte condensato che gli hanno provocato la perdita di tutti i denti. E poi ci hanno raccontato di un altro orsetto, di cui ora però non ricordo il nome, che avendo sempre vissuto fin da cucciolo con gli umani, non si rendeva ancora conto di essere un orso. Insomma, ognuno con la sua storia e con un muso che ti faceva infinita tenerezza. 

Il tratto distintivo dei Sun Bear e la macchia marroncina a forma di mezzaluna che hanno sul petto. Hanno anche artigli aguzzi che gli servono per arrampicarsi sugli alberi e una lingua molto lunga. Sono onnivori e prediligono termiti, formiche, insetti, larve, miele e frutta (cocco, banane e fichi in particolare) e preferiscono vivere di notte, mentre di giorno li trovi spesso a fare sonnellini sugli alberi, come questo qui sotto...

Ieri 17 gennaio 2014 il BSBCC ha ufficilamente aperto le porte al pubblico, quindi se vi trovate in zona vi consiglio di non perdervi la visita. L'entrata del centro è esattamente di fronte a quella del centro degli Orang Utan, proprio dall'altro lato della strada, non vi potete sbagliare.

L'ingresso è possibile tutti i giorni inclusi festivi dalle 9.30 alle 15.30 e il costo del biglietto è di 30 ringhitt, che sono circa 6-7 euro. E se visitarli una volta non vi basta, potete anche offrirvi come volontari oppure potete adottare uno dei 28 orsi ospitati! 

Tutte le informazioni le trovate sulla pagina ufficiale del BSBCC.

Se ci volete andare con Vagabondo invece date un occhiata al programma di viaggio del Borneo Malese.

 

 

 

Curata da:
Luoghi visitati:
Roberta
Quando:
Luoghi visitati: