Gruppo India del Nord - Partenza del 2017-07-15

India del Nord Easy Style



  • Prezzo base: 2150
  • Cassa comune: 180
  • Partenza: 15 Luglio 2017
  • Ritorno: 26 Luglio 2017
  • Durata: 12 Giorni
  • Iscritti/posti:
  • Status: Completo
  • Vagabondo DOC
PRENOTA FORUM



Partecipanti

Vagabondo DOC: Peo-Wanderer   

Quando Giuseppe si perde in giro per il mondo, al contempo si ritrova sempre un po’, a quanto dice. In lui coesistono, talora litigando, un napoletano che si arrangia sempre e un brianzolo attento alle spese.
Insegnante di storia e filosofia ama immaginare e raccontare il passato dei luoghi che incontra da un lato e portarsi dietro la curiosità anche in vacanza, dall’altro. Amante dell’Occidente, nel viaggio predilige Oriente o Sud come direzioni da seguire. Il Doc Peo-Wanderer ama la vita all’aperto, la lentezza del camminare e l’adrenalina di una partita di basket. Ha imparato bene l’inglese tra canzoni e computer e lo spagnolo camminando verso Santiago. Paese preferito? La Siria, ma ci vorrà un po’ per saziarne la nostalgia.

Iscritti/posti:

GRUPPO COMPLETO

Con il Vagabondo DOC Giuseppe / Peo_Wanderer

Quando Giuseppe si perde in giro per il mondo, al contempo si ritrova sempre un po’, a quanto dice. In lui coesistono, talora litigando, un napoletano che si arrangia sempre e un brianzolo attento alle spese.
Insegnante di storia e filosofia ama immaginare e raccontare il passato dei luoghi che incontra da un lato e portarsi dietro la curiosità anche in vacanza, dall’altro. Amante dell’Occidente, nel viaggio predilige Oriente o Sud come direzioni da seguire. Il Doc Peo-Wanderer ama la vita all’aperto, la lentezza del camminare e l’adrenalina di una partita di basket. Ha imparato bene l’inglese tra canzoni e computer e lo spagnolo camminando verso Santiago. Paese preferito? La Siria, ma ci vorrà un po’ per saziarne la nostalgia.

 

Elenco Iscritti

Francesca - Ciumy - da Milano - in camera singola Elena - da Bologna - con Giulia e Anna Maria Giulia - da Bologna - con Elena e Anna Maria Anna Maria - da Bologna - con Elena e Giulia Elisa - da Roma - con Gioia Gioia - da Roma - con Elisa   il Vagabondo DOC Giuseppe - Peo_Wanderer - da Milano - cerca compagno di stanza  

Quota

Rajastan e Taj Mahal - 2150 euro a persona  
Rajastan e Gange fino a Varanasi - 2590 euro 

Piano Voli

Da Milano (con Air India - estensione Varanasi)

AI138 Milano Malpensa - Delhi 15 Lug 21:00 16 Lug 08:25
AI471 Delhi - Udaipur               16 Lug 13:10 16 Lug 14:20
AI137 Delhi - Milano Malpensa 31 Lug 14:15 31 Lug 19:30

Da Roma (Con Etihad)   EY84Fiumicino Roma - Abou Dhabi 15 Lug 22:00 - 16 Lug 05:55 EY7605Abou Dhabi - Mumbai 16 Lug 08:25 - 16 Lug 13:10 9W2073Mumbai - Udaipur 16 Lug 16:20 - 16 Lug 17:40 EY7603Delhi - Abou Dhabi 31 Lug 04:35- 31 Lug 06:55 EY83Abou Dhabi - Fiumicino Roma 31 Lug 08:50 - 31 Lug 13:05

Da Milano (Con Air India - fino ad Agra)

AI138 Milano Malpensa - Delhi 15 Lug 21:00 16 Lug 08:25
AI471 Delhi - Udaipur 16 Lug 13:10 16 Lug 14:20
AI123 Delhi - Roma Fiumicino 26 Lug 14:15 26 Lug 19:05
AZ2118 Roma Fiumicino - MIlano Linate 26 Lug 21:00 26 Lug 22:10

Programma di Viaggio

Al momento della conferma del viaggio il programma potrà subire delle piccole variazioni in base ai voli utilizzati

Giorno 1: Italia - Delhi (India)
Partenza dall'Italia con destinazione Delhi, il primo giorno sarà di viaggio e l’arrivo è previsto per la giornata seguente (la mattina successiva). 

Giorno 2: Delhi-Udaipur
Eccoci in India, il secondo stato più popoloso al mondo e sicuramente quello in cui sono presenti più religioni e filosofie. Passiamo dall’aeroporto di Delhi, ma solo per prendere un nuovo volo e raggiungere Udaipur. Da qui inizia la nostra immersione nell'India. 
Appena in città saremo accolti da un tripudio di colori, rumori, odori. Un caos visivo, uditivo e olfattivo che lascia basito anche il più esperto dei viaggiatori. Se il nostro volo di collegamento per Udaipur arriva presto potremo già cominciare a visitare la città nel pomeriggio, altrimenti la visiteremo la mattina successiva.
Potremo cenare sulla terrazza sul lago, e volendo, per chi ancora in forza, si potrebbe pensare a uno spettacolo di danze rajasthane: molto turistico, ma altrettanto spettacolare. 
Notte in Udaipur.

Giorno 3: Udaipur - Eklingi - Nagda - Udaipur

Oggi visitiamo Udaipur e i suoi dintorni. Spesso chiamata la “Venezia dell’India” Udaipur è circondata da tre laghi ed è caratterizzata dai suoi tipici palazzi bianchi in calce. 
A Udaipur si visitano il lago Pichola e il possente City Palace, il palazzo-fortezza più grande di tutto il Rajasthan. Poi il museo, i giardini e il tempio induista Jagdish Mandir.
Nel pomeriggio visitiamo il complesso shivaita di Eklingi dove ci confonderemo tra le centinaia di pellegrini scalzi che vi transitano ogni giorno (qui si entra scalzi e senza calzini). Dopo andiamo nella vicina Nagda, città che accoglie i resti  della capitale del Marwar dove sorgono tre antichi templi: le rovine del tempio jainista di Abduji e i templi (questi perfettamente conservati) di Sas e di  Bahu, cioè della madre e della nuora. 
Poi torniamo ad Udaipur per una serata libera in questa bellissima città.
Secondo pernottamento a Udaipur.

Giorno 4: Udaipur - Ranakpur - Jodhpur (Udaipur-Ranakpur 90 km - 3 ore.  Ranakpur - Jodhpur 210 km - 4 ore)

Oggi ci trasferiamo a Jodhpur, la città  blu, e sulla strada ci fermiamo a Ranakpur, città dai raffinati templi jainisti. Visitiamo Chaumukha, con le sue 29 sale sorrette da 1.444 colonne, tutte diverse tra loro, uno dei più belli senza dubbio. Janisti da tutta l'India arrivano tutti i giorni a visitarlo, ne vediamo alcuni che portano una benda sulla bocca e che spazzano con una scopa  il suolo dove camminano. Cosa stanno facendo? Dovete sapere che i janisti sono vegetariani e non uccidono alcun animale, insetti compresi. La benda sulla bocca gli serve per non inghiottire le mosche e la scopa allontana le formiche e gli impedisce di pestarle! A questo punto ci spostiamo e attraversiamo i Monti Aravalli sperando di incontrare le transumanze dei pastori rajasthani con i loro  turbanti rossi. 
Arrivo a Jodhpur in serata e pernottamento.

Giorno 5: Jodhpur- Jaisalmer ( 300 km - 5 ore)

Jodhpur è nota anche come la “città del sole” (non a caso si trova giusto al confine con il deserto di Thar) e “la città blu”, grazie alle case dipinte in questa tonalità. 
La mattina la dedichiamo all'enorme Fortezza di Meherangarh, poi visiteremo la città vecchia ovvero un dedalo di stretti vicoli, splendide haveli e cisterne medievali. Arriveremo tra le  affollate botteghe del  Sadar Bazar, il mercato cittadino che si trova vicino la Torre dell'Orologio, ottimo posto per comprare cose che troverete solo qui e in nessun'altra parte del mondo. Qui c'è il meglio dell'artigianato rajastano per ciò che riguarda stoffe, pelli e gioielli. Dopo pranzo lasciamo la bella Jodhpur per un viaggio nel deserto che ci porterà nella lontana Jaisalmer, incredibile e affascinante città nel deserto del Thar non lontana dalla frontiera con il Pakistan.Pernottamento a Jaisalmer.

Giorno 6: Jaisalmer

Jaisalmer è un antico centro commerciale dell'itinerario della seta e patrimonio dell’Unesco. Detta “The golden city” per le sfumature cromatiche dell'arenaria utilizzata per la costruzione delle case, anche questa città è dominata da un forte ancora abitato per giunta e pieno di botteghe. Dedichiamo la giornarta a questa città: visitiamo i suoi palazzi interamente scolpiti nell’arenaria, i templi jainisti e le raffinate “haveli”, le case dei ricchi mercanti. Ne visitiamo qualcuna ammirandone l'architettura e lo stile. Nel pomeriggio ci prendiamo del tempo libero a Jaisalmer oppure facciamo un'escursione a Khuri, un villaggio nel Deserto del Thar dove potremo anche fare un giro sul cammello all’ora del tramonto (esperienza sicuramente turistica, ma il deserto resta sempre affascinante). 
Per cena si può rimanere nel deserto o rientrare in città. Pernottamento a Jaisalmer.

Giorno 7: Jaisalmer - Karni Mata - Bikaner (330 km - 5/6 ore)

Oggi lasciamo Jaisalmer e andiamo verso est, con soste e visite lungo la strada rajasthana. Ci fermiamo per esempio al tempio di Karni Mata, detto anche "tempio dei topi", facile ne abbiate sentito parlare (qui trovate un video girato da alcuni vagabondi in un viaggio precedente): il tempio è abitato dacentinaia di topi grigi che, secondo la tradizione hindù, sono la reincarnazioni dei bramini. Sono considerati pertanto sacri e vengono protetti e nutriti dai fedeli con grandi ciotole di latte, cocco e cereali. Si dice che chi tra tutti i topini grigi ne vedrà uno bianco... sarà molto fortunato.
Arriviamo a Bikaner, dove si dorme.

Giorno 8: Bikaner - Jaipur (330 km - 5 ore)

Oggi visitiamo questa città rajastana vicina al deserto del Thar.Bikanernon è famosa come le altre città del Rajastan, ma ha a nostro parere alcune delle haveli più belle di tutto lo stato sono qui. Ci sono anche il bellissimo Junagarh Fort del XVI secolo, il tempio giainista di Bhandasar e un vivace mercato. Nel Lalgarh Palace, reggia eretta tra il 1902- 1926, da pochi anni trasformata in albergo, vive ancora in una parte del palazzo la famiglia reale. Un altro bel palazzo è il Gajner Palace, in arenaria rossa, residenza estiva dei maharaja, descritto come "incomparabile gioiello nel deserto del Thar". Bikaner è anche un famoso centro per le manifatture di tappeti e coperte, vasellame e legni intarsiati, gioielli e smalti, lavorazione di pelli di cammello e dolciumi. Poi ci avviamo verso Jaipur, The Pink City, con i suoi  abitanti, costumi, templi, colori, musiche, antichi palazzi . Durante il tragitto ci fermiamo a visitare il villaggio di Samode e poi, una volta giunti nella città rosa potremo assistere alla cerimonia presso il tempio di Govinda Devi Mandir. Notte a Jaipur.

Giorno 9: Jaipur  - Amber - Jaipur

Jaipur è la capitale del Rajasthan.

La mattina la dedichiamo all'escursione alla vicina Amber e alla visita del Forte Man Singh. Poi rientriamo a Jaipur e iniziamo le altre visite: l'Hawa Mahal (comunemente chiamato Palazzo dei Venti) costruito nel 1799 è un palazzo di otto piani la cui facciata, in arenaria rosa, comprende quasi mille fra nicchie e finestre, tutte finemente lavorate a merletto; - l'osservatorio astronomico Jantar Mantar e altra attrazione della città sono i bazar ed i mercati, numerosissimi e suddivisi a seconda delle varie e molteplici attività artigianali. Per citarne alcune: gioielli, pietre preziose, smalti, stoffe sia stampate che intessute, oggetti intagliati. Secondo pernottamento a Jaipur.

Giorno 10: Jaipur - Galta - Abhaneri - Fathepur Sikri - Agra (Jaipur- Agra 250 km - 5 ore)

Oggi andiamo verso est. Lungo il tragitto ci fermiamo a visitare il tempio di Galta, un luogo poco turistico, ma davvero meraviglioso. Se c'è tempo sosta anche ad Abhaneri, il pozzo- palazzo (1000 d.C.), un tempio scavato sottoterra per effettuare le cerimonie nel periodo della calura estiva e poi proseguiamo per Fathepur Sikri, l'impressionante città abbandonata costruita dall'imperatore Akbar tra il 1571 e il 1584. La città fu abitata solo per 15 anni perchè avevano sbagliato a costruirla in una zona priva d'acqua, ma in questi 15 anni fu capitale assoluta di un grandioso impero, quindi c'è moltissimo da vedere. 
Arriviamo poi ad Agra, la grande capitale moghul e di Akbar (1561-1605), il Gran Moghul, il forte sultano guerriero che la scelse per il suo regno facendovi costruire il Forte Rosso.
Agra si può dire che sia la destinazione più “turistica” dell’India. Abbiamo messo le virgolette perché ad affollare le sue strade e l’ingresso al celeberrimo Taj Mahal i turisti stranieri sono solo la minoranza. Gli indiani di fede musulmana (ma anche gli altri) adorano il Taj Mahal! A seconda del periodo dell'anno e del giorno della settimana (il venerdì il Taj Mahal è chiuso) decideremo se visitare il Taj Mahal oggi al tramonto oppure domani. Notte a Agra.

Giorno 11: Agra e il Taj Mahal - Gwalior

Ad Agra visitiamo uno dei monumenti più famosi al mondo: il Taj Mahal, ndiscutibilmente il simbolo dell'India anche se, e questo è curioso, non è un monumento induista ma musulmano. All'alba e al tramonto il marmo bianco si illumina di colori magici.
Per chi fa il viaggio Rajasthan Taj Mahal di 12 giorni: nel pomeriggio rientriamo a Delhi. Se abbiamo il volo notturno andiamo direttamente in aeroporto, altrimenti passiamo la notte a Delhi e partiamo la mattina successiva (Giorno 12).
Per chi prosegue il viaggio invece si va a dormire a Gwalior.

Giorno 12: Gwalior - Orcha (120 km - 3 ore)

Gwalior è una città spesso ignorata dal turismo. A torto secondo noi, perché invece è ricca di splendidi templi e di colossali statue-sculture jainiste del V secolo scolpite nella roccia. La città fu la culla di grandiose dinastie rajput e la Cittadella è davvero grande e comprende: il Man Mandir Palace residenza costruita dal raja Man Singh tra il 1486 e il 1517; il Teli-ka Mandir, un enorme monumento in pietra che divide gli archeologi sulla sua origine e che per una leggenda popolare sarebbe un palazzo erotico e molte altre cose. Proseguiamo poi il viaggio per Orcha, una cittadina tranquilla immersa nel verde, dove riposarsi le orecchie dai clacson. Il suo nome significa “nascosta”. Sembra quasi un paesotto e chi non lo sa si stupisce che un tempo sia stata la capitale della dinastia rajput dei Bundela. Pernottamento a Orchha. 

Giorno 13: Orcha - Khajuraho (170 km - 3/4 ore)

Oggi chi si sveglia presto può fare una passeggiata all'alba sul fiume Betwa.
Visitiamo il Raj Mahal e se ci va possiamo visitare anche le rovine del Rai Praveen Mahal, palazzo dove visse la poetessa Raj Praveen, che fu la favorita del raja Indramani. 
Poi con il nostro pulmino ci trasferiamo a Khajuraho, un lungo viaggio attraverso la campagna. Arriviamo nel pomeriggio. Il complesso di templi di Khajuraho è famoso in tutto il mondo per le sue sculture erotiche. Una fama che sminuisce parecchio l’importanza artistica di questo sito, ma che sicuramente diverte. Khajuraho  è in realtà un luogo di culto e pellegrinaggio con raffinatissimi esempi di scultura indiana. Notte a Khajuraho.

Giorno 14: Khajuraho - Varanasi (notte in treno)

Oggi abbiamo tutta la giornata per visitare con calma i templi. Quello di Khajuraho è uno dei complessi più famosi dell'architettura indo-ariana di stile Nagara. Degli 85 templi edificati tra il 950 e il 1050 d.C. oggi ne restano una ventina.
In serata prendiamo il treno notturno che ci porterà a Varanasi. Eh si, abbiamo deciso di provare pure l'avventura del treno notturno in India, in questo modo guadagnamo qualche ora in più a Khajuraho e la mattina dopo saremo già  pronti per cominciare le nostre visite. Sul treno si dorme in cuccette da 3 posti. Lenzuola e coperte sono fornite, ma chu vuole può portarsi il proprio sacco a pelo.
Chi volesse farsi il viaggio in comodità può sempre prendere il volo aereo, che dura 1 h, ma va pagato a parte. Per chi viaggia in aereo c'è un supplemento di 80 euro + il costo del biglietto da quotare al momento della richiesta.

Giorno 15: Varanasi  - Sarnath - Varanasi

Arriviamo a Varanasi verso le 11 del mattino. Varanasi è la città più sacra all'Induismo. Non offre monumenti architettonici spettacolari, ma è essa stessa il monumento, un monumento unico all'essenza dell'India. Oggi andiamo a Sarnath, luogo ove Siddharta Gautama (Buddha) pronunciò il primo sermone davanti ai suoi 5 discepoli. Il Dhamek Stupa è perciò uno degli  stupa buddhisti più famosi al mondo.
In ogni caso saremo a Varanasi in tempo per la cerimonia del tramonto sul Gange. E’ qui che ogni indiano vorrebbe finire i suoi giorni: aspettare la morte sulle rive del grande fiume e, una volta arrivata, essere sicuro che le sue spoglie parteciperanno alla grande catena di montaggio delle cremazioni sui ghat, le scalinate sul Gange. Al tramonto, all'ora della Puja, il fuoco e la luce vengono offerti al fiume tra canti, conchiglie suonate, cimbali, mantra e migliaia di offerte votive luminose che fluttuano sulle acque. Notte a Varanasi.

Giorno 16: Varanasi/Delhi o Calcutta

Oggi ci sono due cose importantissime da vedere: le abluzioni mattutine e le cremazioni. Entrambe sono sul Gange. Prenderemo una barca per avere un punto di vista migliore e più discreto sulla vita, e sulla morte, presenti in questo luogo. Un milione di pellegrini visita Varanasi ogni anno. E’ una delle sette città sacre dell'Induismo e anche un importante luogo di culto per il Jainismo. Sono oltre 50mila i brahmini che vi risiedono permanentemente. Ci vuole uno stomaco forte per visitare Varanasi e orientarsi attraverso i vicoli oscuri del quartiere antico gremiti di venditori di offerte, di pellegrini e di gente che semplicemente aspetta il suo turno di morire.
Per chi fa il viaggio Rajastan e Gange fino a Varanasi di 17 giorni: la giornata prosegue con il volo Varanasi/Delhi, dove trascorreranno la notte. Volo di rientro per l'italia il giorno seguente.
Per chi invece prosegue il viaggio invece… Ci dirigiamo in aeroporto per prendere il volo che ci porterà a Kolkata o, come la conosciamo in Italia, Calcutta. Notte a Calcutta.

Giorno 17: Calcutta

Iniziamo con una bella visita della città. A partire dal tempio di Kali,che non è un luogo turistico ma un tempio attivo e frequentatissimo che può illustrarvi molto bene il panorama della ritualità induista. Qui la mattiina dalle 6 e mezza alle 9 e mezza vengono esposti i corpi dei defunti, che poi verranno spostati ai ghat per la cremazione. Qui avvengono sacrifici animali (soprattutto capre). Qui gli sposi vengono ad attaccare un filo per chiedere l’arrivo di un figlio e, una volta arrivato, lo staccano e offrono una ghirlanda di ibisco. Non è un luogo per tutti, ma bene sapere cosa ci attende. Poi andiamo a vedere il vicino Nirmal Hriday, il  lazzaretto di Madre Teresa e passiamo sul Howrah Bridge, il ponte di metallo divenuto il simbolo di Calcutta, un’unica arcata di 450 metri sul fiume Hooghly. 
E poi ci perdiamo nel Bazaar e nella caotica vita pulsante della città. Pernotto a Calcutta.

Giorno 18: Calcutta 
Giornata libera a Calcutta per gli ultimi acquisti. Poi ultima notte in India, quantomeno ultima notte di questo viaggio in India.

Giorno 19: Calcutta/Italia

Di primo mattino ci dirigiamo in aeroporto per prendere i nostri voli di ritorno in Italia. Arrivo in Italia in serata.

La quota comprende:
- voli intercontinentali di linea;
- voli interni in classe economica 
- le tasse aeroportuali;
- franchigia bagaglio 20 kg.;
- treno notturno Khajuraho-Varanasi per il viaggio medio e lungo
- autobus a disposizione per tutta la durata del viaggio, con aria condizionata, autista e assistente;
- sistemazione in camera doppia in hotel 4 stelle (qualche notte 3 stelle, qualche notte anche 5 stelle), o heritage b&b; - gli ingressi nei musei e ai monumenti
- guide locali in italiano e inglese per le visite previste nel programma
- Assicurazione Medico Sanitaria e Bagaglio

Al viaggio partecipa un vagabondo DOC - chi è? cosa fa?

La quota non comprende:
- il visto 
- i pasti,
- le mance,
- gita in cammello a Khiri facoltativa (costo cammello circa 5 euro)
- volo aereo Khajuraho-Varanasi per chi lo vuole (leggi sotto)

- assicurazione annullamento (opzionale, se la volete stipulare avvertite lo staff al momento dell'iscrizione)



Forum del Viaggio



Forum del viaggio

io sarei interessata a partecipare con mia figlia (anni 20), anche se il 15 luglio è una partenza un po' antcipata rispetto alle mie possibilità. Preferirei il 22.....

Lun, 04/03/2017 - 16:17 Collegamento permanente

In risposta a di raffy

olà

purtroppo non ci è possibile e stiamo impazzendo per trovare soluzioni praticabili tra il 20 luglio e il 10 agosto

in alternativa abbiamo guardato anche altre mete ma, non ci sono vagabondi già pronti e con visti e tutto il resto, arrivare tardi e restare appesi .....

questa era la nostra soluzione preferita. un vero peccato

Mer, 06/21/2017 - 18:43 Collegamento permanente

Un ciao a tutti gli iscritti o aspiranti tali che stanno tenendo d'occhio questo gruppo! :)

Io sono Giulia, ho 30 anni e sono di Reggio Emilia. L'idea di questo viaggio mi è venuta un po' per caso un po' per ispirazione, e allo stesso modo mi è venuta l'idea di coinvolgere mia sorella Elena (di 22 anni) e mia mamma Anna Maria (che ha 60 anni secondo gli spietati calcoli automatici, ma ci tiene a precisare che fino a novembre restano 59).

Per noi questo viaggio rappresenta un'occasione unica, sia per la meta che ci affascina molto, sia per la possibilità di fare un viaggio insieme tra sole "donne di famiglia". Tutte e tre siamo molto socievoli e curiose di confrontarci con altre realtà ed altre vite, sia dell'India... sia degli altri vagabondi come voi con cui condivideremo questa esperienza!

E' il nostro primo viaggio con Vagabondo... ma siamo decise a buttarci!

 

 

 

 

Lun, 05/22/2017 - 16:28 Collegamento permanente

E così mi tocca ritornare in India per la quarta volta! Non è un gran problema dato che l'India - ormai il paese più popoloso al mondo - presenta una quantità di aspetti da scoprire... magari in più viaggi.

Anche questo viaggio sarà molteplice: incontreremo il deserto, le grandi città e lo termineremo sulle sponde del grande fiume, la dea Ganga

Molteplicità anche di religioni. Atterremo nella capitale dell'India islamica, toccheremo alcuni luoghi sacri del jainismo, incontreremo soprattutto l'induismo.

Siete curiosi? Siete pronti a sperimentarvi?

Jaipur

A proposito di esperienze ... qui si sale in elefante, se mi ricordo bene 

Mar, 05/30/2017 - 21:09 Collegamento permanente

Rispondo qui a una domanda di Giulia.

I monsoni non dovrebbero essere un grande problema per noi. Attraverseremo una delle parti più secche dell'India, il Rajahstan, anche se a luglio-agosto a Delhi o a Varanasi possono scapparci degli scrosci rinfrescanti nel tardo pomeriggio o di sera

Monsoni

Per dare un'idea, a Milano cadono circa 900 mm all'anno

Mar, 05/30/2017 - 21:25 Collegamento permanente

Ciao Giulia, ciao Giuseppe,

io sono Francesca. Piacere di conoscervi!

Ho confermato anch'io il viaggio fino a Varanasi. Sono davvero contenta di condividere questa esperienza assieme a voi! Questo è il mio primo viaggio in India  e anche il primo viaggio con Vagabondo in realtà! 

Sto iniziando a raccogliere informazioni e a documentarmi, ma abbiamo ancora un po' di tempo prima della partenza. Per ora grazie per i tuoi commenti Giuseppe!

A risentirci presto! 

Ciumy

Mar, 05/30/2017 - 22:44 Collegamento permanente

So we have an english teacher with us!

It will be very useful when we'll bargain in the shops 

I apologize for my present and future mistakes: i'm just a philosophy teacher  :shy:

saree shop

Gio, 06/01/2017 - 07:01 Collegamento permanente

There is no need to apologise *smile* Felice di poter essere utile anch'io!

Avrei una domanda:  prevediamo anche noi una cassa comune per il nostro viaggio?

E come sappiamo quali sono gli ingressi a monumenti/musei inclusi nella quota di base?

Grazie! 

Sab, 06/03/2017 - 17:40 Collegamento permanente

@Ciumi

Cassa comune. Se ne parla nelle condizioni generali del viaggio. "Per pasti, ingressi e mance per semplicità  potrete fare una cassa comune, fate conto un 12 euro al giorno, 15 se cenate nei migliori ristoranti".

Cosa è incluso? Sono compresi gli ingressi ai musei e ai monumenti riportati nel programma riportato sopra: tantissimi!!

 

bye

Lun, 06/05/2017 - 18:24 Collegamento permanente

scusate ragazzi avrei un'altra domanda:

la mia banca non tratta rupie indiane e da quanto ho capito sembra difficile effettuare il cambio in Italia. 

voi come vi organizzate?

grazie ! 

Dom, 06/18/2017 - 21:22 Collegamento permanente

Io non cambio mai in Italia. 

Portiamo euro e li cambiamo in loco.

Ho imparato che in aeroporto sono sempre più esosi: lì si cambia il minimo per sopravvivere fino al centro città e per esplorare i tassi delle banche

Lun, 06/19/2017 - 17:28 Collegamento permanente



  • Prezzo base: 2150
  • Cassa comune: 180
  • Partenza: 15 Luglio 2017
  • Ritorno: 26 Luglio 2017
  • Durata: 12 Giorni
  • Iscritti/posti:
  • Status: Completo
  • Vagabondo DOC
FORUM




    
Trova il tuo viaggio

Effettua la ricerca in base a:

Continente
Italia
Sud America
Centro America
Africa
Sud Est Asiatico
Asia
Medioriente
Europa
Nord America
Oceania
Paese
Nord Italia
Centro Italia
Isole
Sud Italia
Argentina
Belize
Bolivia
Brasile
Cile
Colombia
Peru
Costa Rica
Cuba
Giamaica
Guatemala
Messico
Nicaragua
Etiopia
Marocco
Namibia
Seychelles
Sud Africa
Tanzania
Birmania-Myanmar
Cambogia
Filippine
Laos
Malesia
Singapore
Thailandia
Vietnam
Bhutan
Cina
Giappone
India
Indonesia
Ladakh
Mongolia
Nepal
Sri Lanka
Tibet
Uzbekistan
Georgia
Giordania
Israele
Oman
Palestina
Turchia
Albania
Austria
Belgio
Bosnia Herzegovina
Croazia
Finlandia
Francia
Germania
Gran Bretagna – UK
Grecia
Irlanda
Islanda
Malta
Norvegia
Polonia
Portogallo
Repubblica Ceca
Romania
Russia
Serbia
Spagna
Ungheria
Usa
Canada
Quebec
Arizona
California
Colorado
Florida
Mississippi
Nevada
New York
Nuova Zelanda
Mese
Gennaio
Febbraio
Marzo
Aprile
Maggio
Giugno
Luglio
Agosto
Settembre
Ottobre
Novembre
Dicembre


In maniera REALE, concreta e verificabile; qui in Italia, nel Parco della Valle del Treja!

APPROFONDISCI