Gruppo Brasile Freak Style - Partenza del 2015-07-26

Brasile Freak Style

26
Lug
Completo

Farvi vivere il Brasile come lo vivono i brasiliani è l'obiettivo di questo viaggio. Oltre a visitare le attrazioni turistiche che rendono famosi in tutto il mondo Rio, Iguaçù e Salvador, parteciperemo a messe sincretiche, feste di quartiere, vagabonderemo per mercati e quartieri popolari, dormendo una notte in una bellissima favela carioca! 

Conosci il gruppo

Partecipa, scrivi, chiedi, conosci i tuoi compagni di viaggio!

Image
Vai al forum

Dettagli del viaggio

Completo
  • Quota:
  • Cassa comune:
  • Partenza: 26  Luglio  2015
  • Ritorno: 6  Agosto  2015
  • Durata: 12 Giorni
  • Vagabondo DOC: MarcoJ
Prenota

Partecipanti

Vagabondo DOC
Vagabondo DOC
Marco nella vita fa lo scienziato, e proprio il suo lavoro l'ha portato a vivere ad Amsterdam, Glasgow, Santa Barbara e Avignone. Non si stanca mai di girare e nel tempo libero... viaggia! Ricorda un orso bergamasco per aspetto e stazza, e con gli… Continua a leggereVagabondo DOC

Marco nella vita fa lo scienziato, e proprio il suo lavoro l'ha portato a vivere ad Amsterdam, Glasgow, Santa Barbara e Avignone. Non si stanca mai di girare e nel tempo libero... viaggia! Ricorda un orso bergamasco per aspetto e stazza, e con gli orsi condivide curiosità e attitudine vagabonda. Adora mettere la sua vita in uno zaino, chiudersi la porta di casa alle spalle e partire per scoprire nuove culture, conoscere nuove persone ed ascoltare le loro storie. Marco ama ridere e scherzare e parla 6 lingue.

MarcoJ

Questa partenza

  • 26
    Lug
    Dal 26  Lug al 6  Ago
    Completo

Forum del viaggio

Per poter commentare o dialogare con i partecipanti al viaggio è necessario accedere o registrarsi al sito.

Forum del viaggio

Scossa
31/3/2015 - 14:37 Collegamento permanente

Ciaooooo a tutti!!! Devo solo farmi confermare che avrò ferie in questo periodo e sarò dei vostri ;-)

DAJE!!! *dirol*

Repondi
1/4/2015 - 11:11 Collegamento permanente

Buongiorno a tutti e saluti a Scossa - ti aspettiamo!

Oggi e nelle prossime puntate parleremo della prima tappa del nostro viaggio: la citta' di Salvador de Bahia, chiamata anche semplicemente Bahia. Appena arrivati in citta', vi sembrera' di essere in Africa: Salvador e' la capitale nera del Brasile, dove la grande quantita' di schiavi importati per lavorare nelle piantagioni ha lasciato una chiara impronta nel colore della pelle degli abitanti. E' una citta' antica, fondata nella protetta Bahia de Todos os Santos, dove i portoghesi stabilirono la prima capitale del Brasile.

Ora si e' estesa fino a diventare una moderna megalopoli, la cui parte centrale si divide in due: la citta' alta, nucleo originario dell'insidiamento, e la citta' bassa, piu' moderna, collegate da un bellissimo ascensore del 1873 e da una funicolare. Nella nostra permanenza, visiteremo sia le chiese e le piazze colorate della citta' alta, si il grande mercato della citta' bassa.

Raggiungeremo poi la chiesa di Nosso Senhor do Bonfim, meta di pellegrinaggi da tutto il Brasile

e avremo una mezza giornata libera da dedicare all'esplorazione delle altre zone della citta' o della baia, magari ammirando la skyline della citta' da una spiaggia dell'isola di Itaparica, dall'altra parte della baia.

Una visita a Salvador non puo' essere completa senza un'immersione nel suo spirito africano... ma di questo parleremo la prossima volta!

Repondi
2/4/2015 - 23:33 Collegamento permanente

Wow! Bahia deve essere uno spettacolo!!
Grazie Marco per foto e info: mi sento già là!

Tra l'altro mi sono appena comprata un libro di Jorge Amado per iniziare a calarmi nell'atmosfera... ;)

Buona Pasqua a tutti!!
Re 

Repondi
1/4/2015 - 16:58 Collegamento permanente

La voglia di paartire cresce in modo esponenziale!!!
:si:

Grande Marco! Mi butto a comprare la guida del paese così mi allineo con gli approfondimenti ...brasileri 

Repondi
1/4/2015 - 18:59 Collegamento permanente

Mamma mia mi sento già in Brasile!

Bravo Marco, ti sei immedesimato nel viaggio, interessante, aspetto le tue prossime nuove su Bahia.

Un salutone a tutti

Repondi
12/4/2015 - 20:43 Collegamento permanente

sono solo di passaggio sul forum, nonostante vi invidi moltissimo non potrò essere dei vostri in questa avventura... e mi sono intrufolata solo per augurare buon viaggio a tutti voi e per salutare Pamela e Renata con cui ho avuto il piacere di condividere l’esperienza freak style in quel del Messico lo scorso anno!

Enjoy !!!

Repondi

In risposta a di La Mari

13/4/2015 - 00:15 Collegamento permanente

Ciao Mari
Grazie mille per l'augurio. Anche a te buon viaggio, qualsiasi destinazione tu scelga per la prossima estate!! ;) 
E chissà mai che prima di partire non ci si riesca a salutare di persona col resto del Gruppo Mexico.

A presto e buona settimana,
Renata 

 

Repondi
13/4/2015 - 09:55 Collegamento permanente

Mari siamo noi che ti ringraziamo per il saluto che ci hai fatto e ti auguriamo di poter continuare a viaggiare ovunque tu voglia!

Stavamo dicendo: Salvador e' la citta' piu' africana del Brasile, e non solo nel colore della pelle dei suoi abitanti. Le centinaia di migliaia di schiavi deportati qui per lavorare nelle piantagioni di canna da zucchero hanno portato con se' anche le loro tradizioni ancestrali, la loro musica, la loro religione. La chiesa cattolica ha come al solito giocato d'astuzia: al posto di proibire i culti pagani, li ha inglobati dentro di se' e ha sovrapposto santi e martiri alle varie divinita', chiamate orixas. E cosi' Xango', il dio del tuono, diventa san Michele, Yemanja', dea del mare e' la Vergine dei Naviganti, Oxum, la dea della ricchezza e' la Vergine dei piaceri, e cosi' via. Ad ogni orixa sono associati moltissimi attributi: colori, ritmi, alcuni alimenti. Da questo sincretismo sono nate diverse manifestazioni: la messa sincretica alla chiesa di nossa senhora do rosario dos pretos, dove la popolazione partecipa attivamente su ritmi tipicamente africani (guardate questo video, e' decisamente diversa dalle nostre messe, e ci andiamo di sicuro!). A Salvador c'e' anche un bellissimo museo afro-brasileiro e la possibilita' di vedere lo spettacolo chiamato bale' folclorico.

Ma il rito in cui gli orixas scendono e "prendono possesso" degli iniziati e' il candomble'. E' lungo e complesso, dove un maestro di cerimonia (tipicamente una donna, o mae de santo), scandisce ritmi che percussionisti suonano per diverse ore, finche' qualcuno non entra in trance (diventa "figlio" dell'orixa), mentre il pubblico partecipa cantando "mantra" in lingue africane e battendo le mani. I candomble' si svolgono nei terreiros, in varie zone della citta', e accettano solo persone vestite completamente di bianco. Per chi vorra', sara' possibile partecipare ad una visita guidata, ma attenzione: i terreiros sono spesso in luoghi remoti, quindi bisognera' rimanere fino alla fine anche se si e' stanchi.

Potete ora ascoltare e capire la seconda canzone della nostra playlist, dove Gal Costa ci spiega che tutta la citta' di Salvador appartiene a Oxum.

Un'altra grande eredita' africana di Salvador e' la capoeira: l'arte marziale sviluppata dagli schiavi per difendersi dai padroni. Sicuramente nelle piazze del Pelourinho vedremo gruppi di persone raccolte in cerchio che volteggiano al suono di un berimbau (in Brasile anche quando si combatte lo si fa a tempo di musica): e’ uno spettacolo da non perdere; a volte i movimenti sono cosi' acrobatici da far pensare ad una danza piuttosto che alla vera volonta' di colpire l'avversario.

Ma Salvador ha ancora molto da raccontarci: la prossima volta parleremo della sua musica e del suo cantore per eccellenza.

Repondi
13/4/2015 - 10:21 Collegamento permanente

Ragazzi che meraviglia! Grazie Marco!

Nel dubbio, metto in valigia il kit composto da calzoni e camiciola total white e mi preparo a leggere Bahia di Amado che ho appena acquistato!

Alla prossima!

Pam

 

Ciao Mariiiiiiii! Grazie del bel saluto e alla prossima! :ciao:

Repondi