India

L'India è una delle mete preferite dei viaggiatori zaino in spalla ma piano piano anche i viaggiatori normali stanno superando le loro stupide paure e la stanno visitando. Ricordatevi però che l'India va vissuta, non solo vista!!!
L'India è un vero e proprio continente e la prima domanda che fanno tutti è: quale parte è meglio vedere?
Non c'è una risposta, perchè ogni Stato dell'Unione Indiana è bellissimo. C'è l'India del templi e palazzi che trovate a nord, nel Rajastan, c'è l'India delle foreste e delle tigri che trovate a sud. Poi c'è l'India della gente che trovate ovunque, dall'Orissa al Kerala, dal Ladhak al Tamil Nadu.
Scegliere è davvero difficile. Ma non temete: chi va una volta in India ci torna di sicuro, una, due, tre, infinite volte. Quindi il consiglio che vi diamo è di concentrare il vostro viaggio su una sola zona e rimandare le altre agli anni a venire.

  • Viaggi di Vagabondo

    India del Nord
    Durante il giorno si visita, si osserva e si entra in contatto con le cerimonie locali o le feste o semplicemente le persone, la sera invece si dorme in buoni alberghi per lavarsi via la polvere della strada: ecco l’India del Nord di Vagabondo Viaggi.
     
  • Viaggi di Vagabondo

    Ladakh, il piccolo Tibet

    Il Ladakh, chiamato anche il Piccolo Tibet,  non è uno stato, ma una regione dell'India settentrionale e fa parte dello stato di Jammu/Kashmir. 

  • Viaggi di Vagabondo

    Bhutan e Sikkim da Calcutta

    Un viaggio alla scoperta di Calcutta, dello stato indiano del Sikkim e del Darjeling nel West Bengala, dove viene prodotto il famoso tè… Ma anche un viaggio alla scoperta del Bhutan, l'unico regno buddista tibetano rimasto indipendente, un piccolo gioiello himalayano che lascia senza parole. Andiamo?

  • Viaggi di Vagabondo

    Settimana alle isole Andamane

    Un'estensione mare che potete attaccare a tutti i viaggi in India e Nepal. Da Calcutta si vola a Port Blair, nelle isole Andamane, e da lì si va nave nella paradisiaca Havelock Island, con le sue spiagge bianche e la sua barriera corallina.

  • Viaggi di Vagabondo

    Rajastan e Varanasi Freak Style

    Viaggiare per una delle zone più belle dell’India, visitare alcune delle pietre miliari di questo Paese  e poi arrivare ad Agra per vedere finalmente il Taj Mahal: tutto questo è Rajastan Freak Style, un viaggio per veri vagabondi dal grande spirito di adattamento.

  • Viaggi di Vagabondo

    Tamil Nadu e Kerala Freak Style

    Un viaggio avventuroso alla scoperta del sud dell'India, che unisce templi e monumenti di rara bellezza a paesaggi naturali mozzafiato con le piantagioni di tè di Munnar, la Periyar Tiger reserve e le Backwaters. Tutto, in un solo viaggio. Venite?

Dritte e consigli per viaggiare

India: Come si compila il modulo di richiesta visto online

 

I cittadini italiani che viaggiano in India devono richiedere il visto prima della partenza. Dall’ 1 aprile 2017 anche i cittadini italiani possono richiedere il visto elettronico per viaggi in India sul sito governativo Indian Visa Online.

Per procedere alla richiesta visto è necessario compilare questo formulario online.

Il formulario va compilato in Inglese, qui vi spieghiamo passo passo come procedere:

 

1) Dopo essere andati sulla pagina dell'Indian Visa Online Application vi comparirà questa schermata. Dovrete compilare i campi richiesti, scegliendo alla voce "Visa Service" la voce "eToutist Visa" se viaggiate per turismo.

image


2) A questo punto dovrete inserire i vostri dati completi (nome, cognome, sesso, luogo di nascita, religione, eventuali segni di riconoscimento, titolo di studi, dati del passaporto). Alla voce "Citizenship/National Id No." dovete scrivere "NA", che sta per "not aplicable". Se non avete segni particolari di riconoscimento alla voce "Visible identification marks" potete scrivere "none".


image

 

3) Al terzo passaggio dovrete inserire il vostro indirizzo completo e numero di telefono. Inoltre sono richiesti i dati di entrambi i genitori, il vostro stato familiare e i dati sul vostro impiego, inlcuso nome del datore di lavoro/azienda.

 image

image


4) Nell'ultimo passaggio dovrete inserire i luoghi visitati e il porto di uscita dal paese, i dati di un riferimento in India ed uno in Italia. Se partecipate ad un viaggio di gruppo di Vagabondo, riceverete i dati del referente indiano via mail, mentre come referente Italiano potete indicare Vagabondo Viaggi. 

image
 
 

5) Infine dovrete caricare una vostra fotografia (dimensione massima 1Mb) e successivamente la foto della pagina del vostro passaporto e successivamente potrete procedere al pagamento.

image 

IMPORTANTE: Riceverete una mail al vostro indirizzo di posta e dovrete cliccare sul link presente nella mail per confermare il vostro visto.

Lo stato della richiesta visto deve essere "GRANTED", che vuol dire che il visto vi è sato rilasciato.


Scritta da: Roberta-san
Malattie e vaccinazioni

Molti viaggiatori sono spaventati dall'India e pensano di dover fare un mucchio di vaccinazioni prima di andarci. State tranquilli, non è così!
Non ci sono vaccinazioni obbligatorie per un viaggio in India ma qualcuno si vaccina lo stesso contro l'epatite A e contro il Tifo. Queste due sono forse le uniche malattie per cui valga la pena proteggersi ma ripetiamo, non è obbligatorio. Sconsigliamo invece la profilassi antimalarica perchè in queste zone non c'è rischio malarico.
La malattia più diffusa tra i viaggiatori in India è invece... la diarrea! Qualcuno pensa che per non prenderla basti stare attenti a ciò che si mangia e lavarsi i denti con l'acqua minerale. Sbagliato! Se deve venirvi vi viene lo stesso, sia che laviate i denti con l'acqua di rubinetto sia che li laviate con la Ferrarelle portata da casa. Ma tranquilli: nella maggioranza dei casi passa da sola. E se non dovesse passare portatevi dietro una piccola farmacia da viaggio per curarla: una scatola di antibiotico intestinale Normix e pasticchette di Imodium o Dissenten. Starete bene nel giro di 24 ore.

Scritta da: Vagabondo0
Informazioni su come richiedere il visto

Informazioni su come richiedere il visto

Per andare in India serve un visto che va richiesto al:
- consolato di Roma se siete residenti in Italia del Sud, del Centro, in Toscana e nelle Marche 
- consolato di Milano se siete residenti nell'Italia del Nord o in Emilia Romagna.

Il visto turistico costa 53 euro a Roma e 68 euro a Milano. Trovate tutte le informazioni a questa pagina web http://www.indianembassy.it/

Documenti necessari: 
- passaporto firmato 
- 2 foto (devono essere OBBLIGATORIAMENTE formato 5x5, con lo fondo bianco e senza testa tagliata nella parte alta) 
- modulo di richiesta compilato ESCLUSIVAMENTE ONLINE e poi stampato e firmato 
il formulario DEVE ESSERE COMPILATO ESCLUSIVAMENTE ONLINE dal link www.indianvisaonline.gov.in/visa/ (da compilare nel periodo dei 30 gg prima della partenza, non anticipate perché decade la validità informatica) 
– FATE ATTENZIONE DI SELEZIONARE NELLA INDIAN MISSION LA GIUSTA SCELTA ITALY-MILAN oppure ITALY-ROME
- LE FIRME SU PASSAPORTO E SU MODULO DEVONO ESSERE VISIBILMENTE SIMILI 
Attenzione: se fate il visto a Milano è obbligatorio scrivere sul modulo "6 mesi ingressi multipli".

Per chi fa il visto da solo: 
Con tutta questa roba qui dovete andare: 
- A Roma, all'ambasciata di via XX Settembre 5 (timing 2 gg) 
- A Milano all'Indian Visa Outsourcing Centre. Via Marostica, 34 ( metro linea Rossa De Angeli-Frua) (timing 10gg)

Altra possibilità è farlo fare ad un'agenzia, pagando una piccola commissione. Tutti gli utenti del sito di Vagabondo possono usufruire di una convenzione che abbiamo con l'agenzia visti CAT per Roma e la K&S Service Consulting per Milano. Se fatto tramite le agenzie consigliate, la pratica ha il prezzo scontato di 
- 86 euro a Roma 
- 71 euro a Milano 
Comprensivi di costo visto, diritti di agenzia e spedizione in contrassegno. (citate il riferimento VAGABONDO, altrimenti non vi fanno lo sconto) Si paga in contrassegno.

I contatti della agenzie sono:
PER IL CENTRO-SUD: AGENZIA CAT VIA S.ANNA 10 - 00186 ROMA tel 06 687-5467 
PER IL NORD: K&S Service Consulting di Via Marostica 34 http://www.indianvisamilan.com/. Ci raccomandiamo di allegare SEMPRE una lettera con i vostri riferimenti e l'indirizzo dove vi devono rispedire il passaporto. 
Citate sempre VAGABONDO, altrimenti non vi fanno lo sconto. Vagabondo non ci guadagna da questa convenzione e dal fatto che voi facciate il visto con queste agenzie. Ve la stiamo consigliando soltanto perchè la riteniamo un'agenzia valida.

Scritta da: Vagabondo0
Telefonia in India

Attenzione - notizia 2013: sono cambiate recentamente le leggi indiane in merito alla telefonia e non è più possibile per gli stranieri prendere una scheda telefonica indiana. Dovete farvela prestare da un amico indiano.

I cellulari italiani funzionano, ma chiamare e ricevere telefonate è costosissimo.

Altro modo per telefonare sono i chioschetti telefonici - presenti ovunque - che hanno prezzi davvero bassi.

A tutti gli stranieri che viaggiano verso l'India, si segnala che è illegale utilizzare / trasportare Thuraya o altri telefoni satellitari in India. Le autorità doganali in India possono sequestrare questi telefoni e può essere intrapresa azione legale contro i passeggeri interessati.

 

Scritta da: Vagabondo0
Cosa portare

Per questi viaggi non serve nessuna attrezzatura particolare ma consigliamo alcuni oggetti utili:
- un paio di calzini sempre con voi da infilare nei templi, dove si entra senza scarpe.
- un cappello per il sole
- salviettine umidificate e fazzolettini di carta (nei bagni pubblici a volte manca la carta igienica)
- la fotocopia del vostro passaporto
- due fototessera

Scritta da: Vagabondo0
Dormire e mangiare

Per dormire c'è l'imbarazzo della scelta, si va dalla semplice guest house al palazzo del maraja, ed i prezzi sono molto buoni. Noi vi sconsigliamo solo due categorie: l'albergo 2-3 stelle che in genere è sporco, fatiscente e non ha fascino, l'albergone 5 stelle internazionale che sarà pure comodo e pulito, ma di indiano non ha nulla. Le guest house e gli antichi palazzi ristrutturati invece sono l'ideale.

Anche il cibo è buono (soprattutto a nord) ed economico. Molti viaggiatori hanno il terrore di prendere malattie e ogni volta che si siedono a tavola sembrano sull'orlo di una crisi di nervi. Non esagerate! La diarrea del viaggiatore viene più o meno a tutti la loro prima volta in India e non c'è NULLA che possa scongiurarla. Quindi mangiate tranquilli!
Ecco alcuni consigli su dove e cosa mangiare in India.

Scritta da: Vagabondo0
Mezzi pubblici

In India ci si muove benissimo con i mezzi pubblici, treni e bus. La rete ferroviaria è davvero estesa, i treni sono lenti ma raggiungono quasi tutte le località. L'unico imperativo è prenotare i posti, soprattutto le cuccette. Ci sono una decina di diverse classi sui lunghissimi treni indiani e l'ultima, che si chiama "chair" ed ha sedili di legno e sbarre di ferro ai finestrini, è un vero girone infernale. Un'esperienza da provare, certo, per capire come viaggia il popolo indiano, ma da provare per non più di un paio d'ore. Fidatevi. Se il vostro viaggio è più lungo prenotate una cuccetta!
Molti viaggiatori invece scelgono la soluzione dell'auto con autista. Valida ed economica.

Scritta da: Vagabondo0

Sui nostri viaggi in questo paese

Informazioni su come richiedere il visto

Dall’ 1 aprile 2017 anche i cittadini italiani possono richiedere il visto elettronico per viaggi in India sul sito governativo Indian Visa Online.
E’ possibile richiedere il visto da 120 giorni fino a 4 giorni prima della partenza (consigliamo però di fare la richiesta entro 10 giorni dalla partenza).

Per richiedere il Visto è necessario:
- compilare il...
Continua a laggere sui nostri viaggi in India...

Trova compagni di viaggio

Vagabondi all'estero

Vogliono andare in India

Cambia destinazione

  • Capitale: New Delhi
  • Popolazione: 1,5 miliardi circa (23 volte l'Italia)
  • Superficie: 3.287.263 Km2 (11 volte l'Italia)
  • Fuso orario: + 4,30 ore rispetto all'Italia, + 3,30 quando in Italia vige l'ora legale.
  • Lingue: Hindi e inglese sono le lingue ufficiali, mentre le lingue usate sono in totale 23
  • Religioni: Induismo, Islam, Cristianesimo, Sikhismo, Buddismo, Giainismo, Zoroastrismo ed altre.
  • Moneta: Rupia indiana
  • Prefisso per l'Italia: 0039
  • Prefisso dall'Italia: 0091

Clima: quando andare?: 

Tutto l'anno. Ma il periodo migliore va dall'autunno alla primavera (stagione secca).
Il clima è tropicale e subtropicale, con temperature estive che raggiungono i 48 C. La stagione monsonica dura da maggio a settembre.
Il Ladhak invece si visita in primavera, estate e autunno.

Documenti necessari: 

Passaporto e visto d'ingresso.