Budapest fly and drink

Vitale, signorile e imponente: i nomi e i soprannomi che girano attorno a Budapest sono tantissimi! Da “Parigi dell’Est” a “Paradiso delle Terme”, ma il nostro preferito è “Perla del Danubio”, rende di più l’idea.

image

image

 BUDAPEST FLY&DRINK

DURATA:

4 giorni - Partenze da Roma e Milano
(partenze da altri aeroporti su richiesta e previa disponibilità)

QUOTA:

€ 360 euro a persona
Supplemento Pasqua e Ponti: € 100 a persona
Supplemento Pasqua e Ponti: € 180 a persona 

CASSA COMUNE:

€ 180 a persona
da aggiungere alla quota base e versare in loco (Cos’è e come funziona la cassa comune?)

PERIODO: tutto l'anno
DIFFICOLTA': 

Facile, ma si cammina tanto.

 GRUPPO:

Minimo 4/5 partecipanti. Massimo 15 + il Vagabondo Doc

 
Possibili eccezioni: a volte potremmo confermare il gruppo anche a 3 partecipanti + il Vagabondo Doc oppure chiudere il gruppo prima del raggiungimento del numero massimo. 
Sul forum di viaggio trovate sempre gli aggiornamenti per ogni singolo gruppo.
 

  Per informazioni scrivete a staff@vagabondo.net oppure telefonate al 333 2675541

COSA SERVE SAPERE?

image
QUOTA

COSA COMPRENDE

image
TIPOLOGIA VIAGGIO

FLY&DRINK
image
INFORMAZIONI 

QUALCOSA SULLA CITTA'
image
DA SAPERE
DOVE SI DORME? COME CI SI MUOVE?  
image
PROGRAMMA VIAGGIO

GIORNO PER GIORNO 
image
DATE E PARTENZE

VEDI TUTTE LE DATE PREVISTE 

image

 

 

Da sapere Mi informo...

I viaggi Fly&Drink sono dei weekend lunghi per visitare una città in compagnia, di giorno e di sera! 
Si cammina tanto, si visita il più possibile e chi ha ancora il fisico la sera... Potrà andare a conoscere la città di notte e sperimentare il famoso "drink" di cui parliamo.
Da tenere quindi presente un concetto: davvero difficile (=impossibile) annoiarsi! 

1. Dove si dorme?
In camere doppie o triple con bagno privato. 
Possibile richiedere stanza singola. 
Il costo NON è incluso nella quota e serve scrivere a staff@vagabondo.net per avere il preventivo e per verificare se disponibile.
NB: noi vi consigliamo sempre di condividere la stanza insieme agli altri del gruppo però. E’ più economico, divertente e spesso è l’inizio di una nuova amicizia! 

2. Come ci si muove?
Principalmente a piedi o con i mezzi pubblici.
Da leggere su ogni forum se ci sono proposte diverse o idee per attività in loco.

image

Budapest Fly&Drink

Buda, Pest e Obuda erano 3 diverse città. Nel 1873 si unirono e ciascuna portò il suo carattere alla nuova capitale. La più antica, Obuda, abitata fin dall’età della pietra e divenuta sotto i romani la capitale della Pannonia, portò il fascino epico di un passato travagliato di guerre e conquiste. La bella Buda con i suoi bei palazzi, le terme e i giardini racconta la sua storia ancora oggi. Infine Pest, la città nuova sulla riva ad est del Danubio, con la sua vitalità e i musei.

image 

________________________________________________


Programma Budapest Fly&Drink giorno per giorno


GIORNO 1: ITALIA – BUDAPEST

Volo e arrivo a Budapest! Lasciamo i bagagli in Hotel e ci immergiamo subito nella visita della città. Dedichiamo il nostro primo pomeriggio a Pest, che è anche la parte bassa della città. 
Con la metro andiamo a Kossuth Lajos Tér, la piazza che ospita il maestoso Parlamentoungherese, che si trova sulle rive del Danubio ed è la copia quasi esatta di quello di Londra. Si può visitare anche all’interno ma è una cosa che va prenotata prima (dall’Italia). Se qualcuno sarà interessato ci metteremo d’accordo sul forum pre-viaggio per farlo. 
Da qui facciamo una passeggiata sulla riva del Danubio davanti ad un toccante memoriale di Gyula Pauer e Can Togaydedicato agli ebrei che qui furono uccisi e gettati nel fiume dai nazisti. Sempre oggi possiamo girare per il vecchio quartiere ebraico con le sue viuzze e i suoi negozietti fino alla Sinagoga. E’ la più grande d’Europa, un miscuglio di arte araba, bizantina e classica con minareti e cupole. Al suo interno ci sono un museo e un monumento alle vittime dell’Olocausto: un salice piangente color argento recante su ogni foglia il nome di una persona scomparsa.  
Continuando la nostra passeggiata lungo il Danubio e incontriamo alcuni begli edifici: l’Accademia Ungherese delle Scienze e il palazzo Gresham in stile art nouveau. Arriviamo al celebre Ponte delle Catene, il primo costruito sul Danubio, nel 1839, per unire Buda e Pest.
Dopo questa passeggiata, dato che la città è grande e la fame prende, ci sposteremo in qualche osteria per cenare e avere il primo assaggio delle bettole ungheresi. Si mangia e si beve ovunque in questa città, in allegria.

________________________________________________

GIORNO 2: BUDAPEST

Se qualcuno è interessato la mattina si può andare al mercatino delle pulci di Ecseri, che c'è tutti i giorni, ma di sabato è molto più consistente. E’ un po’ lontano ma c'è veramente di tutto: L'insieme evoca vecchia e nuova ricchezza e vecchia e nuova povertà, ed è molto vario e pittoresco, non si finirebbe mai di girovagare. La contrattazione è d'obbligo, come in un paese arabo, i prezzi variabili. Poi riprendiamo la visita di Pest da Vorosmarty Ter, un’immensa piazza che è il centro nevralgico di Pest.  Da qui inizia Vaci Utca, la famosa via dello shopping. Al numero civico 2 c’è il bel palazzo rococò Peterffy.
Se ci viene fame possiamo arrivare al grande mercato coperto, Vásárcsarnok, e lì mangiare un gulash. Il sabato dovrebbe essere aperto fino alle 15. E' anche un buon posto per acquistare souvenir, gastronomici e non. 
Poi proseguiamo la nostra passeggiata per visitare due capolavori dello stile neorinascimentale: la Basilica di Santo Stefano e il Teatro dell’Opera. Da qui prendiamo la veloce metropolitana che ci porta nel 
quartiere di Varosliget dove ci sono la famosa Hosok Ter (Piazza degli Eroi) con il Monumento al Millennio dalla conquista magiara del paese e il Museo di Belle Arti che se siamo interessati possiamo visitare. 
Poi facciamo una passeggiata all’interno del Parco Varosliget da dove si vede il Castello di Vajdahunyad. Nel parco ci sono anche i Bagni Szechenyi, con le piscine termali aperte tutto l’anno (da ricordare il costume quindi).

Budapest è famosa per le fonti di acqua termale, in città ce ne sono circa 130.  Questo vasto complesso costruito in stile neo-barocco è dei primi del secolo scorso, perfettamente conservato ed efficiente. E’ frequentato da gente locale, persone di tutte le età. Nella vasca a 37° seduti su appositi sedili di fronte ad acquatiche scacchiere distinti signori giocano a dama e scacchi. Nella vasca a 32° getti d'acqua sospingono grandi e bambini in una vorticosa sarabanda. Ogni tanto si attivano getti verticali da alcune zone del pavimento che massaggiano energicamente chi ci si mette sopra. Quando si vuole si va all'interno dell'edificio, a fare bagno turco o sauna o a provare le tante piscine a varie temperature. Nella vasca centrale, di dimensioni olimpioniche e con l'acqua a temperatura da piscina, nuotano avanti e indietro i più sportivi.  E’ il più grande complesso termale d’Europa.
Altra bella seratina nelle osterie cittadine, scegliendo tra i vari piatti della cucina locale innaffiati, a scelta, da vino o birra.

image

________________________________________________

GIORNO 3: BUDAPEST

Oggi visiteremo Buda, che è la parte vecchia della città. Con la funicolare saliamo a Varhregy, la collina del Castello. Il romantico castello che nei giorni scorsi abbiamo visto dal basso. Qui c’è un bellissimo quartiere in cui passeggiare tra variopinte case barocche e il panorama sul resto della città è bellissimo. Proseguiamo per il Var Palota, il Palazzo Reale, che al suo interno ospita la Galleria Nazionale Ungherese. Non entriamo (a meno di gruppi fortemente interessati all’arte ungherese dall’epoca romana ai giorni nostri, in quel caso organizzeremo sicuramente una visita), ma proseguiamo passando davanti al Mátyás Templom o Chiesa di san Mattia, che durante l’occupazione turca era stato trasformato in moschea. Arriviamo poi al pittoresco Bastione dei Pescatori infine facciamo una passeggiata per Uri Utca, la Strada dei Signori dove si possono ammirare i palazzi dell’antica aristocrazia ungherese e scendere al Budavari Labirintus, un interessante dedalo di catacombe che si snoda tra sale sotterranee decorate da… non ve lo diciamo perché come scrive Fiamma… “Budapest è più divertente se non se ne sa niente”. E’ il carattere di ambiguità tipico della città, per cui non si sa mai se quello che si vede è realtà o burla.

Nel pomeriggio decideremo tutti assieme cosa fare. Alcune idee sono:
-    Szentendre, un grazioso centro storico sul Danubio, molto turistico e con un’atmosfera tipicamente mitteleuropea. I negozi qui sono colorati e attraenti, allestiti con gusto ed eleganza, affacciati sulla strada principale e nei piccoli cortili ad essa adiacenti.
-    Una gita sull'isola di Santa Margherita. Vi si tengono in certi orari degli spettacoli di fontane (in inverno sono meno frequenti).
-    Obuda, la terza delle città che compongono l'odierna Budapest. Ci sono zone antiche molto belle e ben conservate, ma se ne trovano anche altre che pur essendo molto carine sono nuove di sana pianta. L’effetto comunque è quello di un vecchio borgo, a tratti un po’ finto, ma sicuramente bello da vedere. 
-    Un museo tra questi:
Museo Arti Decorative(Ülloi ut.33-37), definito dalle guide il più importante edificio Liberty di Budapest, in realtà non ha nulla di Liberty, ma è un imponente complesso in stile più o meno moresco. Ci sono rilevantissime collezioni di mobili, porcellane, vetri e cristalli, ricami. Ma non sempre tutte le sale sono aperte. 
Il museo delle Poste (1061 Bp. - Andrássy ut. 3), situato in una via centrale, ma bisogna scovarlo su una bottoniera di citofoni, scritto piccolo piccolo in mezzo agli altri inquilini, poi si entra in un buio androne, si prende una scala altrettanto buia e odorosa di cavolo bollito, si suona il campanello e ci si trova in un bell'appartamento ottocentesco dove è allestito il museo. 
Il museo-casa di Béla Bartók(1025 Bp. - Csalán ut. 29) si trova in un bel quartiere residenziale periferico, Pasaréti contiene anche una sala per concerti da ottanta persone dove si tiene in media un concerto al mese.
Il magyarborokhaza, il museo del vino, dove fanno fare anche delle degustazioni. E poi la nostra ultima serata budapestina in cui daremo il meglio (o il peggio, a seconda dei punti di vista) di noi.

________________________________________________

GIORNO 4: BUDAPEST - ITALIA

Oggi ce ne torniamo a casa. Il nostro volo parte presto la mattina. Ottimo per chi non avrà dormito e andrà direttamente in aeroporto.

________________________________________________

image 

 

Quota 

€ 360 euro a persona
Supplemento Pasqua e Ponti: € 100 a persona
Supplemento Pasqua e Ponti: € 180 a persona

________________________________________________

Cassa comune

Cassa comune: € 180 a persona

La cassa comune è una previsione di spesa di tutte quelle voci che non sono incluse nella voce “la quota include” e come tale va intesa.  Questa previsione di spesa è calcolata in base ai viaggi precedenti o alla nostra esperienza nel caso di prime. Si versa solo una volta arrivati in loco e il valore è calcolato in base a dei costi medi. 
Per informazioni dettagliate vi invitiamo e leggere per bene qui: CASSA COMUNE DI VAGABONDO.

LA QUOTA INCLUDE:

- volo aereo con solo bagaglio a mano (max 10 kg)
- tasse aeroportuali
- pernottamento in camera doppia (o tripla se siete dispari) con bagno privato
- assicurazione sanitaria

Al viaggio partecipa un vagabondo DOC - chi è? cosa fa?

LA QUOTA NON INCLUDE (e per questo abbiamo stimato una cassa comune di € 180 a persona): 

- pasti
- mezzi pubblici per muoversi in città
- ingressi nei siti e musei a pagamento
- city tax da pagare direttamente in hotel  


OPZIONI SU RICHIESTA: 
 
*** Stanza singola
Possibile su richiesta e con supplemento, ma soggetta a disponibilità.
Il costo NON è incluso nella quota, serve scrivere a staff@vagabondo.net per avere il preventivo e per verificare se disponibile.
*** Assicurazione annullamento opzionale 
Se la volete stipulare avvertite lo staff al momento dell'iscrizione e vi sarà inviato il preventivo con il costo previsto

*** IL BAGAGLIO DA STIVA O IL PRIORITY BOARDING PASS O ALTRI SERVIZI AGGIUNTIVI SI POSSONO RICHIEDERE SOLO AL MOMENTO DELL’ISCRIZIONE O DELLA CONFERMA VIAGGIO. 
Il pagamento va quindi effettuato insieme all’acconto del viaggio. 
Non potremo accettare richieste di servizi aerei aggiuntivi in un secondo momento, scusateci.

La quota può subire supplementi a seconda del periodo dell’anno, del numero degli iscritti o dei cambi repentini dei prezzi dei voli. A volte siamo costretti ad inserire dei supplementi a causa del costo elevatissimo dei voli, ma vi informiamo sempre e con anticipo. Inoltre i supplementi non hanno MAI valore retroattivo e quindi valgono solo per i futuri iscritti. Sul forum specifico del viaggio trovate le cifre aggiornate di volta in volta e le ragioni di eventuali variazioni. 

 

INFORMAZIONI UTILI PER VISITARE BUDAPEST

Dove andare a mangiare e a bere a Budapest

Forse i locali più caratteristici a Budapest sono le bettole, che possono essere birrerie (sorozo), o mescite (borozò), o cantine (pince o kocsma), o bisztrò, o bufé, o osterie (etkezde). 
Dall'opera di Irma Kocsis, un ungherese che ha scritto un diario di settecento pagine dedicato alle sue esplorazioni in questi locali, è stato tratto una sorta di piccola guida che si intitola "Bettolata" e che che si può trovare presso le rappresentanze diplomatiche ungheresi in Italia, noi l'abbiamo trovato all'Accademia di Ungheria. Attenzione: le porzioni sono GIGANTESCHE. Non ordinate troppa roba, che poi si butta.

TarnokPer un buon goulash a pranzo a Buda, Tarnok in tarnok ut. Una volta saliti a Buda con la funivia, percorrere questa strada verso destra (con alle spalle il Danubio) in direzione Bastione dei pescatori. Si trova sul marciapiede di sinistra, la facciata è di mattonelle giallo rosse un po’ usurate ed ha delle vetrate ad arco con scritto Tarnok Cafe & Bierprima, si trova prima di un ristorante bistrot con la facciata bianca. Vi consigliamo di prendere il beef goulash che è il piattone di carne, ma il goulash che trovate tra gli antipasti (lo riconoscerete anche dal prezzo sotto i 1000 fiorini), che è il brodo di goulash speziato.

Sir Lancelot Etterim, 1065 Budapest, Podmaniczky u. 14. 
Qui si viene per mangiare carne, eccellente, servita in tantissime varianti ma soprattutto nella versione dei piattoni per più persone: si tratta di enormi vassoi in legno con tanti tipi di carne (pollo, filetto, anatra, porchetta, manzo, agnello), verdure (patate alla brace, pezzi di pannocchie,etc) e frutta. L'ambientazione del locale è medievale e labirintica, distribuita in tante sale collegate tra loro da stretti corridoi e cunicoli nei quali si svolgono spettacoli e danze medievali

Szimpla, Kazinczy utca 14. E' un locale pieno di giovani, con una atmosfera particolarissima. Ci ci va a bere la sera, i prezzi dei cocktail sono davvero ottimi. Costruito tra le rovine di una ex fabbrica abbandonata, si trova in pieno centro. 

Csillogò (Luccicante) o Matrai Borozò. Il nome viene da una bottega di vetraio che stava lì accanto e che non c'è più, il nome però è rimasto. Un buon locale della parte di Pest, molto frequentato, con panche.
I, Convin tér 1.

Mori Borozo - E' una vera e propria cantina, a zigzag, a vari livelli, con scale e strane curve. Sopra le tavole corre una grossa rete su cui sono sparse foglie autunnali.
I. Fiath Janos utca 18.

Ketlyuku (Kecskemeti Borozò) "Due Buchi" - D'angolo, si chiama così perchè ha due entrate. Dal minuscolo ingresso si accede ad una cantina lunga, simile ad una galleria, con le pareti foderate in legno coperte di vecchie iscrizioni e manifesti. Da non perdere. II. Széna tér 5.

Szent Jupàt- Questa cantina rinnovata a forma di galleria è abbastanza economica, rinomata per gli enormi piatti (dodici cappelle di fungo su un piatto!) con un piacevole giardino. II. (Retek utca) Dékàn utca 3.

Negy Szurke (I Quattro Bianchi) - E' il locale più famoso del Margit korut (viale Margit), frequentatissimo di notte. Fino a qualce tempo fa era l'unico locale in tutta Buda dove si poteva mangiare di notte. ii. Margit korut 60.

Torok utcai Pince (Pince Csarda Borozò) - Molto grande, veramente caratteristica. La miglior trippa ed il miglior cavolo ripieno di Budapest. Nel locale posteriore si svolgono spesso accese discussioni politiche. - II. Torok utca 1.

Totò Bisztro - Platan Sorkert (Bistrò Toto - Birreria giardino dei platani) - A Uipest (la Nuova Pest). E' un complesso di cantine e birrerie dove si può mangiare e bere, Un vero e proprio labirinto. IV. Arpad ut 84.

Kalman utcai Csengodi Borozò - Di fronte c'è un piccolo antiquario che ha la maggior collezione di civette di Pest, di tutti i materiali possibili. Non e' un locale particolarmente buono, ma è molto caratteristico, i frequentatori abituali sono politicamente divisi e c'è spesso un'atmosfera molto tesa. IV. Kalman utca 15.

Kádár Étkezde, Klauzál tér 9 (VII.) Trattoria tipica ungherese-ebraica di quartiere, una di quelle con le tovaglie a quadrettoni rossi. Sopravvissuto al regime socialista, questo locale è esattamente uguale al giorno che apri nel 1957. Piatti cucinati secondo maestria e sapienza casalinga. Servizio molto, molto spartano ad opera della moglie del proprietario.

Hungarikum Bisztrò. Con le sue tovaglie bianche e rosse, è un ambiente caldo ed accogliente. Lo staff è giovane e cordiale. la proprietaria è ungherese ma parla un ottimo italiano ed è davvero ospitale. Si mangiano piatti tipici e gustosi ad un buon prezzo. (Consiglio i gnocchi della nonna anche s esono un po' cipollati).

 

Pasticcerie e caffetterie consigliate a Budapest

Ruszwurm, nota come la pasticceria di Sissy. L'imperatrice Sissy amava Budapest e si recava sovente in questa pasticceria che tutt'oggi offre le perle della pasticceria viennese e non solo. Gli strudel sono fantastici, come del resto in tutta budapest. Consigliamo soprattutto di provare quelli alle ciliege e ai semi di papavero. Non solo qui, ma anche nei chioschi che si trovano in giro.

Alexandra. Caffetteria sull'Andrassi tèr, andando verso il Danubio poco più giù del Teatro dell'Opera. E’ una grande libreria-filmoteca in un bellissimo edificio Déco (sull'ingresso c'è una scritta d'epoca: PARIS = NAGY = A'RUHAZ). A piano terra ci sono libri e vini, al piano di sopra libri da bambini e film. Da qui, salendo pochi gradini si sbuca, del tutto inaspettatamente, in un grandioso salone di epoca sette-ottocentesca, splendente di specchi, decorazioni e dorature, dove, con ampie poltrone di cuoio, tavoli di marmo e musica diffusa, è allestito un piacevolissimo caffè, in cui si può sostare a chiacchierare e sorseggiare bibite o cioccolato con panna.

 

DATE E PARTENZE PREVISTE PER QUESTO VIAGGIO:

Partenza e Ritorno Iscritti, Status, TL Note Prenotazioni Forum
Ven 14/12/2018
-
Lun 17/12/2018
9
Completo
Cinzi@

Con la vagabonda doc Cinzia / Cinzi@. Iscritti cinque vagabondi, quattro vagabonde + la vagabonda doc. Età degli iscritti da 37 a 51 anni

COMPLETO (non è più possibile iscriversi a questo gruppo)

- Prenotami!  Forum! 
Gio 3/1/2019
-
Dom 6/1/2019
4
Confermato
81laiming

GRUPPO UNDER 35

Con la vagabonda doc Aurora / 81laiming. Iscritti 2 vagabonde e 2 vagabondi. Età degli iscritta da 25 a 35 anni

- Prenotami!  Forum! 
Ven 25/1/2019
-
Lun 28/1/2019
0
Da confermare
- Prenotami!  Forum! 
Ven 8/2/2019
-
Lun 11/2/2019
0
Da confermare
- Prenotami!
Ven 22/3/2019
-
Lun 25/3/2019
0
Da confermare
- Prenotami!
Ven 5/4/2019
-
Lun 8/4/2019
0
Da confermare
- Prenotami!
Ven 24/5/2019
-
Lun 27/5/2019
0
Da confermare
- Prenotami!

Vagabondo viaggia senza inquinare

Lo sapevi?

Viaggi di Vagabondo