Bagnaia e Villa Lante

A circa 4 km da Viterbo, alle pendici dei monti Cimini troviamo Bagnaia (441 m.s.l.m.), in passato residenza estiva di alti prelati.
L'elemento di maggiore attrazione di questa località è senz'altro la Villa Lante.
Progettata a partire dal 1568 dal grande architetto Vignola, "prestato" al cardinale Gambara dalla famiglia Farnese, si caratterizza rispetto ad altre ville per la netta predominanza del giardino rispetto alla parte abitativa. Questa infatti consiste solo di due eleganti ma piccole palazzine simmetriche poste circa a metà del giardino in pendenza, mentre il giardino si sviluppa su circa 22 ettari, abbellito da statue, fontane e giochi d'acqua con grande magnificenza.

Il piccolo ma interessante centro storico è diviso in due nuclei ben distinti dalla centrale piazza XX Settembre. A nord il nucleo medievale sorto attorno al Castrum, domina la valle Pierina, sia la trama viaria che gli edifici sono ancora prettamente medievali, anche se qua e là un po' deturpati da approssimative ristrutturazioni. A sud, in salita sulla collina, l'elegante quartiere rinascimentale sviluppato su un tridente, costruito anche questo a partire dal 1567 su progetto di un architetto senese, Tommaso Ghinucci, è delimitato sulla destra dal muro di cinta della Villa Lante.

Foto di Matteo Bordini
Testi di Fiamma Dinelli