Gruppo Varanasi freak style - Partenza del 2015-12-24

Varanasi freak style



  • Prezzo base:
  • Cassa comune:
  • Partenza: 24 Dicembre 2015
  • Ritorno: 5 Gennaio 2016
  • Durata: 13 Giorni
  • Iscritti/posti:
  • Status: Confermato
  • Vagabondo DOC
PRENOTA FORUM



Partecipanti

Vagabondo DOC: LoStregatto   

Carlo Lo Stregatto, filosofo di nome e di fatto, amante del mondo del quale è affamato, ama girare e vivere il globo in ogni modo possibile... che sia una bici, un pullman, un aereo o un gatto delle nevi, l'importante è viaggiare!

Vero e proprio gira mondo, ogni tanto prende il suo zaino e parte per mesi interi... Ha girato mezzo mondo in modo freak style, dall'Asia al Sud America, inclusa l'Africa. Divertente e compagnone, Carlo è un ottimo compagno di avventura. Sempre pronto a condividere con voi le sue esperienze, e a ripartire! Per lui Il viaggio comincia ancor prima di partire, e prosegue una volta tornati, negli intrecci e nelle anime che si sono incontrate per strada. Parla inglese e spagnolo.

Iscritti/posti:

Questo è il forum del viaggio di gruppo Varanasi freak style dal 24 dicembre al 5 gennaio 2016

Con il vagabondo DOC Carlo LoStregatto

imageCarlo Lo Stregatto, filosofo di nome e di fatto, amante del mondo del quale è affamato, ama girare e vivere il globo in ogni modo possibile... che sia una bici, un pulman, un aereo o un gatto delle nevi, l'importante è viaggiare! 

Vero e proprio gira mondo, ogni tanto prende il suo zaino e parte per mesi interi... Ha girato mezzo mondo in modo freak style, compresa l'India. Divertente e compagnone, Carlo è un ottimo compagno di avventura. Sempre pronto a condividere con voi le sue esperienze, e a ripartire! Per lui Il viaggio comincia ancor prima di partire, e prosegue una volta tornati, negli intrecci e nelle anime che si sono incontrate per strada. Parla inglese e spagnolo.

Chi è il vagabondo Doc

Iscritti

Lidoska Lidoska - da Milano - cerca compagna di stanza Giulio Giulio T- da Milano - cerca compagno di stanza Miriam SiciMiriam - da Milano - cerca compagna di stanza Federico - da Milano - cerca compagno di stanza   Il Vagabondo DOC Carlo - da Milano - cerca compagno di stanza  

Quota

1350 euro a persona voli inclusi per gruppi da 8 a 14 partecipanti
1450 euro 
a persona voli inclusi per gruppi da 5 a 7 partecipanti

supplemento alta stagione incluso

Cassa comune prevista : 
- 350 euro se viaggiate davvero freak style

Difficoltà

Viaggio zaino in spalla, ci vuole ALTISSIMO spirito di adattamento.

E' UNO DEI VIAGGI PIU' AVVENTUROSI DI VAGABONDO. Iscrivetevi solo se siete davvero motivati, altrimenti fate l'India in pulmino che è bello e comodo.

E' OBBLIGATORIO LEGGERE TUTTE LE RACCOMANDAZIONI QUI SOTTO. Almeno due volte e a voce alta Felice

Fauna indesiderata: animalacci di tutti i tipi - siamo in India con lo zaino! 
(Per favore, cercate di non essere voi la fauna indesiderata autoselezionandovi bene per questo viaggio).

Piano voli Air India da Milano -Voli DIRETTI 

ANDATA - giovedì 24 dicembre 2015 Air India AI138    
20:00     MXP Milano Malpensa     Andata     7h 15min
07:45 (+1)     DEL Nuova Delhi     Destinazione
Arrivo: venerdì 25 dicembre 2015 Durata del viaggio: 7h 15min

RITORNO - martedì 5 gennaio 2016
Air India AI137
14:20     DEL Nuova Delhi     Andata     8h 40min
18:30     MXP Milano Malpensa     Destinazione
Arrivo: martedì 5 gennaio 2016 Durata del viaggio: 8h 40min   Per chi non è di Milano e dintorni... L'orario di arrivo del volo di ritorno a Malpensa non permette di prendere la sera stessa collegamenti Alitalia per altre città (tutti i voli Alitalia partono alle 19.15). Per chi vuole possiamo organizzare però il pernottamento vicino l'aeroporto di Malpensa in un hotel con cui siamo convenzionati.

Questo servizio lo offiramo a nostro prezzo di costo ed include: pick up in aeroporto al vostro arrivo, trasporto gratuito per cena nei ristoranti limitrofi, pernottamento, colazione, drop off in aeroporto la mattina successiva. Le tariffe sono di 40 euro camera uso singola, 45 euro camera doppia. Possibili anche triple e quadruple. 

Itinerario di viaggio

Giorno 1: Italia - India 24 dicembre
Eccoci pronti con il nostro zaino in spalla a iniziare il viaggio. Si parte dall'aeroporto di Roma Fiumicino o da Milano Malpensa.
Notte in volo e arrivo previsto a New Delhi la mattina successiva (ora locale).

Giorno 2: New Delhi (arrivo)  25 dicembre
Benvenuti in India, il secondo stato più popoloso al mondo e sicuramente quello in cui sono presenti più religioni e filosofie, tutte con usanze e riti specifici, musiche, danze e costumi variopinti.
Anche l'aeroporto di Delhi è un tripudio di colori: dal nero delle donne islamiche ai variopinti sari delle giovani induiste. Arriviamo in mattinata e prendiamo dei taxi per andare in città, dove c’è un albergo prenotato. Non vi piace questo esordio così borghese? Non vi preoccupate, lo facciamo solo perché dopo il viaggio sarete stanchi. Da adesso in poi zainetti in spalla e inizia il vostro freak style.

Con dei rickshaw andrete a visitare questa grande e smoggosa città. Si, Nuova Delhi è una metropoli che può sembrare infernale, ma ha anche dei monumenti molto belli come la tomba di Humayun, di ispirazione per la costruzione del Taj Mahal, che si trova in un parco pieno di altri cenotafi e di alberi secolari, scoiattoli e pappagalini verdi. Si può anche fare un giro per Chandi Chowk, con il suo coloratissimo mercato sempre animato (tranne di lunedì che è chiuso), e/o andare a guardare da fuori (perchè è spesso chiusa ai turisti) la bellissima Jama Masjid, la moschea più grande del paese. Ricordatevi che in India ci sono più di 150 milioni di islamici. Non andiamo invece a visitare il Forte Rosso perchè vedremo quello di Agra che è... 1000 volte più bello!

E se volete fare un city tour guidato nella Old Delhi possiamo rivolgerci ad un bel progetto che si chiama Salaam Balaak Trust. E' una NGO fondata da Mira Nair, la famosa regista indiana. La sua missione è dare un'istruzione e un riparo ai bambini di strada. Alcuni di loro adesso, dopo aver studiato hanno preso l'abilitazione per fare le guide e fanno dei tour molto interessanti. Sul forum prepartenza valuterete se vi interessa.

Nuova Delhi è un caos visivo, uditivo e olfattivo che lascia basito anche il più esperto dei viaggiatori. All'inizio si rimane straniati, quasi in preda al mal di mare, poi ci si abitua e si diventa parte del tutto, del miliardo e passa di persone che popolano questo subcontinente.

Notte a Nuova Delhi.

Giorno 3: Delhi – Agra 26 dicembre Oggi ci sarà per voi il battesimo del treno. Sarà un percorso breve perché solo 200 km dividono Agra da Delhi.image

E siamo ad Agra, la grande capitale moghul e di Akbar (1561-1605), il Gran Moghul, il forte sultano guerriero che la scelse per il suo regno facendovi costruire il Forte Rosso.
Agra si può dire che sia la destinazione più “turistica” dell’India. Abbiamo messo le virgolette perché ad affollare le sue strade e l’ingresso al celeberrimo Taj Mahal i turisti stranieri sono solo la minoranza. Gli indiani di fede musulmana (ma anche gli altri) adorano il Taj Mahal!

A seconda del periodo dell'anno e del giorno della settimana (il venerdì il Taj Mahal è chiuso) decideremo se visitare il Taj Mahal oggi al tramonto oppure domani.

Il Taj Mahal è uno dei monumenti più famosi al mondo:. E' indiscutibilmente il simbolo dell'India anche se, e questo è curioso, non è un monumento induista ma musulmano. Fu fatto costruire dall'imperatore moghul Shah Jahan nel 1631 in memoria della moglie Mumtaz Mahal, morta durante il parto del quattordicesimo figlio. Tutto l'amore dell'imperatore è espresso in questo colossale mausoleo di stile islamico Mughal. All'alba e al tramonto il marmo bianco si illumina di colori magici.

Notte a Agra.

Giorno 4: Agra  27 dicembre        Oggi visitiamo il Forte Rosso e gli altri monumenti di Agra. Ci muoviamo in tuk tuk, che è un mezzo di trasporto veloce e divertente.
Se il Taj Mahal esalta l’amore, il Forte Rosso celebra la potenza di tutto l’impero Moghul, che arrivò a conquistare quasi tutta l’India. Le pareti di questo forte è come se avessero assorbito le storie dei grandi uomini che vi hanno soggiornato. Sono storie avventurose, tragiche e leggendarie. Ve ne raccontiamo una tra tutte, scegliendo ancora  l'imperatore moghul Shah Jahan come protagonista. Nel 1658 uno dei suoi figli gli rubò il trono e il regno. L’usurpatore lo fece rinchiudere per sempre nel Forte Rosso. Da qui Shah Jahan fino alla sua morte guardò fuori dalla finestra. 8 lunghi anni in cui la sua amata moglie morta Mahal in qualche modo rimase accanto a lui. Se spiate dalla finestra potrete vederla anche voi: da qui c’è una vista spettacolare sul Taj Mahal.

Se non è lunedì (giorno di chiusura) andiamo a fare un giro per il Kinari Bazar, un mercato vero e brulicante di vita locale.

Notte ad Agra.

5 giorno : Agra – Gwalior 28 dicembre
Oggi lasciamo Agra e in 2 ore di treno siamo a Gwalior.image
Gwalior è una città spesso ignorata dal turismo. A torto secondo noi, perché invece è ricca di splendidi templi e di colossali statue-sculture jainiste del V secolo scolpite nella roccia.
La città fu la culla di grandiose dinastie rajput e nel 1526 passò ai Moghul. Dopo vi arrivarono i Marathes e gli inglesi.  Oggi ci appare come una caotica cittadina circondata da un altipiano e dominata da un grande forte che si estende per 3 chilometri in lunghezza e 1 in larghezza.
Lasciamo i bagagli nella guest house e con dei tuk tuk saliamo a visitare la Cittadella. Già sulla rampa di accesso ci appaiono le prime statue janiste scolpite nella roccia. Centinaia (per la precisione 127) di giganti di pietra.
La Cittadella è davvero grande e comprende:
- il Man Mandir Palace. Costruito dal raja Man Singh tra il 1486 e il 1517 per farne la sua residenza. Una residenza a prova di attacco! E’ un vero e proprio nido d’aquila: la facciata si apre sul vuoto e sembra un prolungamento della montagna. Purtroppo però nei secoli qualche ladro ci è entrato, una volta incastonati nelle pareti c’erano diamanti e pietre preziose. Oggi… no. Osservate comunque l’ingegnoso sistema di “aria condizionata” delle sale estive.
- Teli-ka Mandir, un enorme (32 metri di altezza) monumento in pietra che divide gli archeologi sulla sua origine. Alcuni pensano che sia un santuario janista, altri che sia dedicato a Vishnu. Ma c’è una leggenda popolare che propone una terza ipotesi: questo sarebbe… un palazzo erotico. Fatto costruire da un imperatore in occasione delle sue nozze, doveva servire a ospitare gli sposi durante i primi 3 giorni di matrimonio. La tradizione allora prevedeva 3 giorni di segregazione per fare sesso con tanto di… personal trainer. Eh si, un istruttore si chiudeva con loro con un intenso programma: primo giorno: posizioni, secondo giorno: il marito doveva apprendere le tecniche per soddisfare la moglie, terzo giorno: la moglie doveva apprendere le tecniche per soddisfare il marito.
- Sasbahu, due templi dell’XI secolo dedicati a Vishnu. Lo stile ricorda molto quello janista di Ranakpur in Rajasthan.
- Madya Pradesh Archeological Museum, ricavato dal palazzo della favoriva di Man Singh
… e molte altre cose.

Notte a Gwalior.

6° Giorno: Gwalior - Jhansi - Orchha 29 dicembre Oggi prendiamo in mattinata un treno che in poco più di un’ora ci porta nella stazione di Jhansi. Da lì raggiungere la nostra meta di oggi, Orchha, sarà molto facile.image

Orcha è una cittadina tranquilla immersa nel verde, dove riposarsi le orecchie dai clacson. Il suo nome significa “nascosta”. Sembra quasi un paesotto e chi non lo sa si stupisce che un tempo sia stata la capitale della dinastia rajput dei Bundela.
Ma lo era! Fu fondata dal raja Rudra Pratap al principio del XVI secolo e i Bundela vi si trasferirono qualche anno dopo. Peccato solo che l’impero Moghul con in testa Shah Jahan (che ormai sta diventando protagonista di tutte le nostre storie) dopo averli appoggiati per una manciata di anni decise di spodestare i Bundela e saccheggiare Orchha, che cadde in disgrazia e fu ricoperta dalla foresta.

Fuori dalle mura della città, vicino al bazar, c’è da visitare il Ram Raja Temple, cuore di Orchha e meta di pellegrinaggi. Orchha è in India uno dei luoghi  cari  alla tradizione di Rama. Se ci riusciamo cerchiamo di assistere ad uno dei due riti che si celebrano qui ogni giorno. Lì vicino c’è il Chaturbuj Temple, con la sua alta torre.

Possiamo poi fare una passeggiata fino al Lakshmi Narayan Temple

7 giorno : Orchha - Jhansi - Khajurao 30 dicembre Oggi chi si sveglia presto può fare una passeggiata all'alba sul fiume Betwa con il panorama dei decadenti, ma affascinanti, palazzi Bundela.
Più tardi visitiamo il Raj Mahal, il palazzo costruito da Maduhukar Shah, un chiaro esempio di architettura bundela: due semplici corti rettangolari attorno alle quali sorgono gli edifici a tre piani. Un tempo questo palazzo era pieno di arazzi e decori. Oggi si intravedono i resti delle piastrelle turchesi e degli affreschi nelle stanze reali. Nei sotterranei invece c’era una sorta di “sala del piacere” usata dal figlio di uno dei marajà per intrattenersi con olgettine dell’epoca. Ehm, è un ambiente architettonico che per noi italiani non rappresenta una sorpresa. Dalla cima del palazzo c’è un bel panorama sugli edifici circostanti e sulla campagna. Al tramonto è splendido.

Se ci va possiamo visitare anche le rovine del Rai Praveen Mahal, palazzo dove visse la poetessa Raj Praveen, che fu la favorita del raja Indramani. A quanto raccontano le leggende l'imperatore Akbar si invaghì di lei e la costrinse a raggiungerlo a Delhi. Ma la poetessa compose un testo che, parafrasato, diceva “solo cani e spazzini si accontentano di carne avvizzita” e Akbar capì che lei era fedele a Indramani e commosso la rimandò a Orchha. La struttura del palazzo, considerato una pietra miliare nella storia dell'architettura indiana, sintetizza meravigliosamente lo stile indo-islamico.

Verso l'ora di pranzo andiamo a Jhansi, da cui prendiamo il treno per Khajurao, dove arriviamo per cena.

Pernottamento a Khajurao.

8° Giorno : Khajuraho  31 dicembre Quello di Khajuraho è uno dei complessi più famosi dell'architettura indo-ariana di stile Nagara. Degli 85 templi edificati tra il 950 e il 1050 d.C. oggi ne restano una ventina. Scoperti nella giungla dagli Inglesi nel 1840, i templi cominciarono ad essere restaurati solo agli inizi del '900. La loro costruzione si deve ai sovrani rajput Chandela. La dinastia raggiunse il massimo splendore con il re Dhanga ( 950 - 1008 ) e sopravvisse prospera fino al 1202, quando le prime incursioni musulmane ne minarono la potenza. Il prestigio della dinastia Chandela  andò poi via via scemando fino all'annessione dei territori al Sultanato di Delhi nel 1310. 
I templi di Khajuraho, per la maggior parte in arenaria, sono disseminati in uno spazio aperto e su ampie piattaforme, spesso con quattro tempietti angolari. Sono caratterizzati tutti da un alto basamento a elaborate modanature che ne sottolineano lo slancio verticale. 
Seguendo la collocazione geografica il complesso di Khajuraho si divide in due settori, il più importante dei quali è quello occidentale che include i templi di:
- Varaha, ovvero il terzo avatar di Vishnu, lo riconoscerete perché ha le sembianze di un cinghiale
- Lakshmana, il tempio più famoso, con il fregio che gira tutto intorno al tempio rappresentando una serie di spassosissime scenette erotiche che hanno come protagonisti uomini, dei e animali. Ammiratele in tutte la loro sconcezza ma non dimenticate che l’erotismo presso le popolazioni indù è una cosa molto seria!
- Kandariya, dedicato a shiva, ha una shikhara (= torre) alta più di 30 metri e alcune sculture erotiche diventate famose, per esempio quella in cui un uomo soddisfa tre donne (forse nei suoi sogni?).
E poi ancora i templi di Jagadamba, Chitragupta, Pratapeshvara, Vishvanatha… Dopo una giornata così saremo più esperti di arte (e di Kamasutra?). Qui ci vuole una bella cena!
Notte a Khajuraho.
9° Giorno : Khajuraho - Varanasi (notte in treno) 1 gennaio Un’altra giornata per goderci le bellezze di Khajuraho e la sua atmosfera rilassata.

Per chi è stufo di animali scolpiti e vorrebbe vedere quelli in carne e ossa si può anche organizzare una gita al vicino Panna National Park. Il parco è immerso, ha una vegetazione bellissima ed è poco turistico. Un luogo perfetto per una passeggiata Vagabondo style, ma solo se siete nella stagione secca. Si vedono tantissime scimmie e branchi di cervi e di antilopi. In realtà nel parco ci sono anche animali più interessanti: leopardi, coccodrilli, orsi e… tigri! Ma non è per niente facile vederli. Qui è stato avviato un  progetto di ripopolamento della tigre, partito da una popolazione di soli 30 esemplari. Comprate la maglietta per sostenerlo e far si che in futuro diventino di più!

La sera proveremo un’altra avventura: il treno notturno. Verso le 23 e 30 parte, saliremo a Khajuraho e occuperemo le nostre  cuccette. Faremo di notte il lungo viaggio fino a Varanasi.

Giorno 10 :  Varanasi 2 gennaio Arriviamo a Varanasi verso le 11 del mattino.
Varanasi è la città più sacra all'Induismo. Non offre monumenti architettonici spettacolari, ma è essa stessa IL monumento, un monumento unico all'essenza dell'India.
Il suo nome era originariamente, al tempo dei Veda, Kashi. Divenne poi Varanasi, nome sanscrito. L’etimologia è incerta ma si pensa derivi dal fiume Varuna che scorre a nord e dall'Assi che scorre a sud.  Nel sec. XVIII si chiamò invece Muḥammadābād. E Benares cos’è? Niente, a quanto pare solo una deformazione creata dagli colonizzatori inglesi che non sapevano pronunciare il nome Varanasi.

Se ci va possiamo andare nella vicina Sarnath, luogo ove Siddharta Gautama (Buddha) pronunciò il primo sermone davanti ai suoi 5 discepoli. Il Dhamek Stupa è perciò uno degli  stupa buddhisti più famosi al mondo.

In ogni caso saremo a Varanasi in tempo per la cerimonia del tramonto sul Gange.
Dopo molta strada e tante persone conosciute siamo arrivati all’epilogo del nostro vagare per l’India del nord. Sotto una fitta nebbia ci appaiono il Gange e gli antichi palazzi che vi si affacciano.
Epilogo è una parola azzeccata per questo posto. E’ qui che ogni indiano vorrebbe finire i suoi giorni: aspettare la morte sulle rive del grande fiume e, una volta arrivata, essere sicuro che le sue spoglie parteciperanno alla grande catena di montaggio delle cremazioni sui ghat.
Al tramonto, all'ora della Puja, il fuoco e la luce vengono offerti al fiume tra canti, conchiglie suonate, cimbali, mantra e migliaia di offerte votive luminose che fluttuano sulle acque.

Notte a Varanasi.

image

Giorno 11: Varanasi – Delhi (volo nel pomeriggio) 3 gennaio Oggi ci sono due cose importantissime da vedere: le abluzioni mattutine e le cremazioni. Entrambe sono sul Gange. Prenderemo una barca per avere un punto di vista migliore e più discreto sulla vita, e sulla morte, presenti in questo luogo.

Un milione di pellegrini visita Varanasi ogni anno. E’ una delle sette città sacre dell'Induismo e anche un importante luogo di culto per il Jainismo. Sono oltre 50mila i brahmini che vi risiedono permanentemente. Ci vuole uno stomaco forte per visitare Varanasi e orientarsi attraverso i vicoli oscuri del quartiere antico gremiti di venditori di offerte, di pellegrini e di gente che semplicemente aspetta il suo turno di morire.

Perché la morte?
Innanzitutto DIMENTICATE il vostro concetto di morte! Per gli induisti la morte non è una fine, è un inizio, perchè ci si reincarna.
Ma forse reincarnarsi troppe volte è male... Si crede che chiunque muoia nel territorio compreso oggi dalla Panch Koshi Road, una strada a Nord del fiume Varuna, passi direttamente al regno dei cieli liberandosi dal ciclo delle rinascite. Il pellegrinaggio ortodosso prevede un lungo cammino che percorre prima la riva del Gange partendo dal Manikarnika Ghats - tra i più importanti per le cremazioni - fino al Assi Ghats, per poi compiere un ampio semicerchio intorno alla città, in totale 58 Km, e ritornare al Gange. Generalmente si impiegano sei giorni per compiere il percorso che è intervallato da santuari, ricoveri e villaggi attrezzati per l'ospitalità.

Tutto quello che abbiamo osservato in India, il marasma di contraddizioni, suoni, odori, lotte, frenesie, differenze… tutto finisce qui. E quel fiume umano formato da un miliardo di corpi e ignorato dal resto del mondo, sembra scorrere compatto verso una meta comune: la morte a Varanasi.

Si arriva qui e si attende la morte, e la reincarnazione; nella speranza di una vita futura migliore di questa. Migliore di questa.

image

E aspettando ci si bagna nel fiume sacro, il Ganga, secondo la leggenda purissimo e secondo i rilievi dei chimici uno dei fiumi più inquinati della terra. Fogne, residui industriali, cadaveri mal cremati o non cremati affatto, tutto finisce in quest’acqua. Il livello dei batteri fecali è fino a 300 volte più alto del limite consentito.

Però qui si fanno le abluzioni ogni mattina e la vita scorre lenta sui gath, le scalinate che affacciano sul fiume. All'alba si fanno riti al sole nascente e al tramonto il fuoco e la luce vengono offerti al fiume. Questi ghat un tempo erano sovrastati da sontuosi palazzi. 

Lungo i principali ghat, i pellegrini recitano un mantra sacro, si immergono per tre volte consecutive e poi bevono una sorsata d’acqua del Gange, tutte le mattine.

La gerarchia delle caste è particolarmente evidente. Gli ombrelloni servono anche per ripararsi dal sole ma la loro funzione primaria è quella di indicare la postazione delle famiglie di bramini, la casta superiore. Sotto grandi parasole bianchi i sacerdoti, gli astrologhi e gli indovini prestano servizio per i credenti, impartendo mantra e responsi, officiando riti e intercedendo con le divinità, mentre centinaia di Sadhu meditano praticando yoga o semplicemente trascorrono lungo il fiume la loro vita ascetica.

I paria, gli intoccabili, lavorano senza sosta lavando vestiti nel fiume. Per tradizione gli toccano i compiti più impuri, come la rimozione di rifiuti e animali morti. Ma qualcosa sta lentamente migliorando anche per loro. Si dice che l’uomo più ricco di Varanasi sia un intoccabile, quello che vende la legna per le cremazioni.

C’è anche un ghat riservato alle signore. Le donne sono escluse da buona parte della vita sociale, per esempio non possono partecipare ai funerali; si metterebbero a piangere e attorno al morto non deve esserci dolore ma la gioia per la sua futura reincarnazione. Neanche le macchine fotografiche sono ammesse davanti ai roghi, e noi le spegniamo. Non vi raccontiamo qui come avviene il rito della cremazione, con la parola scritta è impossibile da descrivere.

Nel pomeriggio andiamo all’aeroporto per il volo che ci riporterà a Delhi.

Notte a Delhi.

Giorno 12: Delhi Oggi abbiamo tutto il giorno a disposizione per visitare questa metropoli che può sembrare infernale, ma ha anche dei monumenti molto belli come la tomba di Humayun, di ispirazione per la costruzione del Taj Mahal, che si trova in un parco pieno di altri cenotafi e di alberi secolari, scoiattoli e pappagalini verdi. Si può anche fare un giro per Chandi Chowk, con il suo coloratissimo mercato sempre animato (tranne di lunedì che è chiuso), e/o andare a guardare da fuori (perchè è spesso chiusa ai turisti) la bellissima Jama Masjid, la moschea più grande del paese. Ricordatevi che in India ci sono più di 150 milioni di islamici. Non andiamo invece a visitare il Forte Rosso perchè vedremo quello di Agra che è... 1000 volte più bello!

E se volete fare un city tour guidato nella Old Delhi possiamo rivolgerci ad un bel progetto che si chiama Salaam Balaak Trust. E' una NGO fondata da Mira Nair, la famosa regista indiana. La sua missione è dare un'istruzione e un riparo ai bambini di strada. Alcuni di loro adesso, dopo aver studiato hanno preso l'abilitazione per fare le guide e fanno dei tour molto interessanti. Sul forum prepartenza valuterete se vi interessa.

Nuova Delhi è un caos visivo, uditivo e olfattivo che lascia basito anche il più esperto dei viaggiatori. All'inizio si rimane straniati, quasi in preda al mal di mare, poi ci si abitua e si diventa parte del tutto, del miliardo e passa di persone che popolano questo subcontinente.

  Giorno 13:  volo per l'Italia 5 gennaio Oggi torniamo in aeroporto e ci imbarchiamo sul volo di ritorno, con l’odore e il fascino dell’India ancora addosso.   La quota comprende: - voli intercontinentali di linea comprese tasse aeroportuali e franchigia bagaglio 20 kg.
- volo interno Varanasi - Delhi comprese tasse aeroportuali e franchigia bagaglio 20 kg.
- alcuni treni che prenota Vagabondo prima della partenza. Usiamo la seconda classe, posti o cuccetta (a seconda se si viaggia di giorno o di notte) ma se non vi iscrivete almeno un mese prima della partenza non possiamo garantirvi la seconda classe perchè i posti finiscono. In caso di posti esauriti vi prenderemo il biglietto di terza classe, sleeper class e così via.     - Delhi - Agra (diurno, part 9:15)
    - Agra - Gwalior (diurno, part 9:55)
    - Gwalior - Jhansi (diurno, part 8:50)
    - Orchha - Kajurhao  (diurno, 7:23)
    - Kajurhao - Varanasi (notturno, 23:40)
- la prima notte a Delhi in albergo 3 stelle (camera doppia con bagno privato)
- assistenza di un nostro contatto locale se vi serviranno altri trasporti o servizi (da pagare con cassa comune)
- Assicurazione Medico Sanitaria e Bagaglio  Al viaggio partecipa sempre anche un nostro Vagabondo DOC - chi è? cosa fa?


Cassa comune prevista (
Ci pagheremo ciò che la quota non comprende)
- 350 euro se viaggiate davvero freak style
- ZERO EURO se non volete viaggiare freak style. Perchè allora questo non è un viaggio adatto a voi e non possiamo accettare la vostra iscrizione.
Questi soldi serviranno a pagare le seguenti cose non incluse nella quota:
  • i pasti,
  • i pernottamenti in guest house e alberghetti (in genere in camere doppie o triple con bagno privato) - eccetto a prima notte che è inclusa nella quota
  • gli ingressi nei musei e ai monumenti
  • i trasporti (eccetto i treni che sono già inclusi nella quota - vedi sopra)
  • le escursioni
  • eventuali guide locali
  • il visto (a propria cura € 53, al consolato di Roma, 68 a Milano oppure fatto con un'agenzia);


 Supplementi:

- camera singola NON PREVISTA - polizza annullamento (opzionale, da richiedere al momento dell'iscrizione)

Forum del Viaggio



Forum del viaggio

Eccomi qui sono Terry e finalmente potró rimettere piede nel mio "posto nel mondo"... l´INDIA!!!!

Ho il piacere e l´onore di accompagnare questo nuovissimo viaggio frikktone..

L´itinerario è nuovissimo, ricco e avventuroso. Insomma avremo modo davvero di assaporare questa terra con tutti e 5 i sensi...

Io sono giá pronta a partire!!!

Namestè

 

Mar, 10/06/2015 - 10:08 Collegamento permanente

A viaggiare con la fantasia attraverso l´itineriario di questo viaggio..

Partiremo dall´italia e con un volo diretto arriviamo a Nuova Delhi...

L´impatto sarámolto forte... fiumi di macchine,taxi,motorini e vacche.... Forse vi sentirete un pó in preda al mal di mare, ma presto credetemi vi abituerete..

Cosa possiamo visitare a Delhi?

Immancabile è il Forte Rosso chiamato anche Lal Qila....situato nella vecchia Delhi

Costruito dall´imperatore mughul Shah Jahan esso la concepì proprio per essere una cittá nella cittá dove la vita della dinastia poteva scorrere sernamente.

Oggi il forte é la testmonianza della potenza e dello splendore dei Mughul, ma soprattutto é un luogo altamente simbolico er tutti gli indiani, perché nella notte tra il 14 e il 15 Agosto del 1947 il Pandit Nehru (allora il primo ministro della repubblica indiana), dalle mura del forte annunció alla folla l´indipendenza dell´India. *yahoo*

Un altro monumento imperdibile sicuramente è il Jama Masjidè la moschea più grande dell´india infatti si dice possa contenere fino a 25.000 fedeli, questa fú l´ultima di una serie di costruzioni fatte sempre da Shah Jahan.

Ssicuramente una visita per apprezzare l´architettura e la religiositá del luogo non puó mancare...

E poi pronti a perderci nella chiassosissima Chawri Bazar Road... Pronti a fare i primi acquisti?

Pronti a fare i primi acquisti?

 

 

Gio, 10/08/2015 - 10:38 Collegamento permanente

Ciao!

Mi attira perchè amo Varanasi. A Goudalia stavo bene.

India 2 mesi nel 92, da sola, esattamente come proponi tu. Haveli, guest house e treni e bus e lonely planet. il mio piccolo zaino valigia invicta verde ( va bene anche come bagaglio a mano). Non conosco altro modo di viaggiare in India quindi mi attira. Un Natale lì ( io ci sono andata da maggio aluglio..puoi immaginare il caldo!).

per il visto , entro quanto dovrei decidere? per biglietto e tutto ci penseresti tu no? ci penso un pò. il periodo e brevissimo e ottimo e poi un capodanno a Varanasi:-))). ti riscrivo tra un pò. ciao!!!!

Dom, 10/11/2015 - 23:55 Collegamento permanente

Sono felice che tu sia d´accordo con questo modo di viaggiare!!!

Innanzi tutto ti spiego questo è una gruppo organizzato da Vagabondo ( Non un idea solo mia) e quindi se ti iscriverai al viaggio la quota di iscrizione comprenderá i biglietti aerei ,qualche treno prenotato, assistenza di un nostro contatto locale, l´assicurazione Medico Sanitaria e Bagaglio.

In piú al viaggio parteciperó anche io che sono il VAGADOC se vuoi scoprire chi siamo e cosa facciamo puoi leggere questo articolo https://www.vagabondo.net/it/vagabondo-help/il-vagabondo-doc-chi-e-e-cosa-fa

Mentre per quanto riguarda il visto ci devi pensare tu da sola.. e dovremmo farlo circa un mesetto prima della partenza...

Anche per questo Vagabondo ci aiuta tanto:

Informazioni su come richiedere il visto

Per andare in India serve un visto che va richiesto al:
- consolato di Roma se siete residenti in Italia del Sud, del Centro, in Toscana e nelle Marche
- consolato di Milano se siete residenti nell'Italia del Nord o in Emilia Romagna.

Il visto turistico costa 53 euro a Roma e 68 euro a Milano.

Trovate tutte le informazioni a questa pagina web
http://www.indianembassy.it/

Documenti necessari:
- passaporto firmato ---- deve avere 2 pagine libere affiancate se lo fate a Roma e 3 pagine libere di cui due affiancate se lo fate a Milano
- 2  foto  (devono essere OBBLIGATORIAMENTE formato 5x5 e con lo sfondo bianco, senza testa tagliata nella parte alta)
- modulo di richiesta compilato ESCLUSIVAMENTE ONLINE e poi stampato e firmato

Il formulario DEVE ESSERE COMPILATO ESCLUSIVAMENTE ONLINE dal link  www.indianvisaonline.gov.in/visa/ 
(Una volta compilato dovete presentarlo al consolato entro 30 giorni, altrimenti decade la validità) –

FATE ATTENZIONE DI SELEZIONARE NELLA INDIAN MISSION LA GIUSTA SCELTA ITALY-MILAN oppure ITALY-ROME -

INOLTRE DURANTE LA COMPILAZIONE DEL MODULO ONLINE E' OBBLIGATORIO COMPILARE ANCHE LA VOCE DESIGNATION (specifica del lavoro) PRESENTE NEL CAMPO RELATIVO AL PROPRIO LAVOROSIA PER CHI RICHIEDE IL VISTO PER TURISMO CHE PER AFFARI.

LE FIRME SU PASSAPORTO E SU MODULO DEVONO ESSERE VISIBILMENTE SIMILI

Attenzione: se fate il visto a Milano è obbligatorio scrivere sul modulo "6 mesi ingressi multipli".

Per chi fa il visto da solo:
Con tutta questa roba qui dovete andare:
- A Roma, all'ambasciata di via XX Settembre 5 (timing 3 gg lavorativi)
- A Milano al Consulate General of India, Piazza Paolo Ferrari 8, 20121 Milan, Italy (timing 15 gg lavorativi)

Occhio che i giorni festivi indiani sono diversi da quelli italiani!

Altra possibilità è farlo fare ad un'agenzia, pagando una piccola commissione.

 

ATTENZIONE: A PARTIRE DAL 6 SETTEMBRE 2014 IL CONSOLATO INDIANO DI ROMA, NON ACCETTA PIÙ LE DOMANDE DI VISTI PER STRANIERI E ITALO-STRANIERI RESIDENTI IN ITALIA DA MENO DI 2 ANNI TRAMITE AGENZIA. STRANIERI E ITALO-STRANIERI DEVONO RECARSI DI PERSONA IN CONSOLATO (DAL LUN AL VEN DALLE 14.00 ALLE 15.30).

ATTENZIONE: il consolato dell'India di Milano ha allungato la tempistica del rilascio dei visti ad almeno 15 gg lavorativi sopprimendo qualsiasi forma di urgenza.

Tutti gli utenti del sito di Vagabondo possono usufruire di una convenzione che abbiamo con l'agenzia visti CAT. Se fatto tramite la CAT la pratica ha il prezzo scontato di
- 86 euro a Roma
- 101 euro a Milano.
Comprensivi di costo visto, diritti di agenzia e spedizione in contrassegno.
(citate il riferimento VAGABONDO, altrimenti non vi fanno lo sconto)
Si paga in contrassegno.

I contatti della CAT sono

PER IL CENTRO-SUD:
AGENZIA CAT
VIA S.ANNA 10 - 00186 ROMA
tel 06 687-5467

PER IL NORD:
Agenzia CAT - c\o Ital International srl
Corso  Lodi  74 - 20139  MILANO
Tel 02 55211832

Ci raccomandiamo di allegare SEMPRE una lettera con i vostri riferimenti e l'indirizzo dove vi devono rispedire il passaporto. Citate sempre VAGABONDO, altrimenti non vi fanno lo sconto.
Vagabondo non ci guadagna un euro da questa convenzione e dal fatto che voi facciate il visto alla CAT. Ve la stiamo consigliando soltanto perché la riteniamo un'agenzia valida.

Ecco qui spero di averti potuto rispondere a tutto comunque del visto parleremo ancora sicuramente!!

A presto

Mar, 10/13/2015 - 09:11 Collegamento permanente

andiamo avanti con il nostro viaggio immaginario (per ora)

Il primo viaggio in treno sará verso Agra nello stato del Uttar Pradesh..

Qui visiteremo il Forte Rosso considerata la fortezza piú imponente e rappresentativa dell´India

Ovviamente non mancherá una visita al famossissimo Taj Mahal simbolo internazionale di questa terra.. E anche un luogo visitatissimo da milioni di turisti anche e sopratutto indiani...

Insomma dimenticate le foto romantiche senza nesuun indiano a fare capolino dal un lato...

Forza ragazzi che mancano piu o meno soli due mesetti alla partenza...

 

 

 

Lun, 10/19/2015 - 10:33 Collegamento permanente

Il grande scrittore Tiziano Terzani dice che: " L´India assale, prende alla gola, allo stomaco. L´unica cosa che non permette e di restarle indifferente"

Ecco che mi é venuto in mente di elencarvi alcune cose che non possono lasciarvi indifferenti.

1) "HORN PLEASE"

Citano cosí i numerosi camionicini super colorati indiani, sí perchè in India suonare il Clacson é un vero e proprio divertimento (si chiamiamolo cosi) di massa.. Bippppp di qua Boooop di la ma ci sono anche i piú originali! Le strade sono invase da un suono delle volte anche assordante di centinaia e centinaia di clacson strombazzanti. Tranquilli dopo qualche ora ci si abitua ma tornati in Italia anche voi suonerete anche se vi passa un moscerino davanti al cruscotto dell´auto!!! GARANTITO!

2) "PEL DI CAROTA"

Questa non ve la aspettavate ma gli moltissimi uomini indiani sono "rossi" di capelli. No non sono mutamenti genetici, ma semplicemente henne con cui si tingono i capelli o la barba bianchi assumendo colorazioni dal giallo paglierino al rosso fluorescente. Gli indiani sono vanitosissimi e credono che tingersi di rosso porti ancora piú bellezza ai capelli bianchi. Contenti loro!

3) "SPUTACCHIO LIBERO" (no la foto non la metto)

Cosa che vi sorprenderá e vedere uomini sopratutto che mentre ti sorridono hanno la lingua e i denti completamente rossi o arancioni, no non é un sintomo di una scarsa igiene orale, ma del BETEL una famosa pianta dalle proprietá eccitanti che con una fogliolina, del tabacco e qualche spezzia, gli indiani amano masticare tutto il tempo! Risultato una bella dentatura alla dracula e per liberarsi dall´aroma la generazione di sputacchi a catena (dello stesso colore). Non vi offendete se lo faranno anche quasi ai vostri piedi per loro é tutta salute.!

4) "PHOTO PLEASE"

SI SARETE DELLE STAR!!!!! Problemi di autostima?? Vi passeranno!!! Ad ogni angolo, in ogni momento e per qualsiasi ragione ci sará qualcuno che vi chiederá di farvi una foto assieme. Alcuni lo fanno per sfizio altri perche magari vengono da villaggi lontanti e non hanno mai visto turisti. Ma l´idea é quella di fare una foto da mostrare ai parenti come orgoglio di aver visto uno straniero. Certo alcune volte é un pó sfiancante, ma voi sorridete e godetevi la popolaritá perché poi girare per le normali vie italiane senza alcun paparazzo sará molto triste!

5) "ZOO SENZA RECINZIONI"

Le strade, i vicoli, le piazze, il traffico sono le "gabbie" di un infinitá varietá di animali. Cammelli, elefanti, scoiattoli, topini, piccioni, cinghialotti, scimmie, uccelli, pecore, caprette, tantissimi cani ma mai gatti (che restano in casa delle famiglie benestanti). Insomma un vero zoo all´aria aperta dove le regine indiscusse sono le VACCHE SACRE (altro che leoni). Vagano indisturbate quasi ovunque, mangiado di tutto. Considerta "la madre che nutre" , MAI per la sua carne, ma per il suo nettare  il LATTE!

Ed ecco qualche curiositá é stata svelata e chissá quante ne possiamo vedere prestissimo direttamente con i nostri occhi!

Pronti a scoprirle?

 

Lun, 11/02/2015 - 11:07 Collegamento permanente

Vi state chiedendo dove dormiremo... la prima notte sará in un bellissimo hotel a tre stelle in quanto credimo fortemente che bisogna recuperare al massimo le forze dopo il lungo volo..

da li in poi possimo scegliere modeste guest house dove alloggiare( confortevoli ed economiche).

Alcune le potremmo scegliere direttamente sul luogo in india é molto semplice trovare una sistemazione agiata in poco tempo..

Di solito le Guest House sono molto pulite ma certo non é l´Hilton ecco perché raccomandiamo sempre un sacco a pelo o a lenzuolo!

Ecco alcuni esempi di costi

AGRA Un bel alberghetto con anche la vista sul Taj Mahal puó costare dai 18 ai 25 euro in camera doppia con colazione.

GWALIOR In questa cittadina tranquilla si possono trovare strutture vicine ai punti di maggior interesse leggermente di categoria superiore la qualitá delle guest house sarebbe da valutare in loco... ma che comunque si agirano dai 11 ai 28 euro a notte in camera doppia

ORCHHA nei giorni che passeremo in questa piccola cittadina possiamo rinunciare a qualche comoditá e stare in una vera e propria casa rurale indiana. Per la cifra di 30 euro in camera doppia per due notti possiamo vivere l´esperienza di stare insieme ad una famiglia locale.... che ne pensate?

KHAJURAHO Un bel alberghetto con vista sui principali templi coronato da un bel terrazzo dove festeggiare la fine del 2015 con gli altri ospiti provienienti da tutto il mondo e le meravigliose lanterne... cifra?? 18 euro per due notti... sempre piú voglia di impacchettare il bagaglio e partire.

VARANASI finalmente nella cittá sacra!!! Per quanto riguarda la sistemazion non vi preoccupate non sará molto difficle trovarne una e pieno zeppo di sistemazioni a modiche cifre vicinissime ai Ghat.. Magri ne possiamo trovare una un pó piú confortevole perché l´impatto di Varanasi srá molto forte allora meglio dormire sonni tranquilli!!

Forza ragazzi allora come vedete molte cose sono ancora da scegliere! Voi cosa ne pensate?

 

 


 

 

 

Gio, 11/05/2015 - 11:43 Collegamento permanente

*clapping* evviva !!!!!! Benvenuta Lidoska!!!! 

certo he partiamo! Dobbiamo partire!! ;-) e dalla foto vedo che sei già prontissima!!!! Adesso dobbiamo reclutare qualche altro componente e il viaggio si confermerà!

se hai domande io sono a disposizione! Prestissimo arriva un post sulle cosette che possiamo degustare con il palato in India !!!

Mar, 11/10/2015 - 13:47 Collegamento permanente

Adoro il cibo indiano!!*biggrin*

Sono prontissima...speriamo sia confermato così procedo con visto e tutto il resto.. *corre*

sai se ci sono vaccinazioni o cose simili da fare?

A presto!!

Lido

Mar, 11/10/2015 - 14:23 Collegamento permanente

Per quanto riguarda la vaccinazioni non ce ne sono di obbligatorie per i viaggiatori italiani in india.

Ti consiglio comunque di andare all´ASL del tuo paese o dal tuo medico e chiedere informazioni, un richiamo antitetanico e magari anti epatico sicuramente ti verrá prescritto.

Ma sono due punturine di precauzione, l´unica cosa fortemente consigliata è consumare solo cibi ben cotti ed alimenti confezionati, evitando verdure crude e frutta che non si possa sbucciare.
Bere esclusivamente acqua e bevande in bottiglia, senza aggiunta di ghiaccio ed infusi solo se preparati con acqua bollita a lungo.

Ma anche per questo ci saró io a ricordarvi tutte le cosine per evitare un gran mal di pancia.

A prestissimo

 

Mer, 11/11/2015 - 09:55 Collegamento permanente
raffy
Staff  Staff

i voli sono esclusivamente da Milano.

Ti ricordo comunque che, come sta anche scritto all'inizio del forum, che per chi non è di Milano e dintorni...
L'orario di arrivo del volo di ritorno a Malpensa non permette di prendere la sera stessa collegamenti Alitalia per altre città (tutti i voli Alitalia partono alle 19.15). Per chi vuole possiamo organizzare però il pernottamento vicino l'aeroporto di Malpensa in un hotel con cui siamo convenzionati.

Questo servizio lo offiramo a nostro prezzo di costo ed include: pick up in aeroporto al vostro arrivo, trasporto gratuito per cena nei ristoranti limitrofi, pernottamento, colazione, drop off in aeroporto la mattina successiva. Le tariffe sono di 40 euro camera uso singola, 45 euro camera doppia. Possibili anche triple e quadruple.

Ciaoooo ;-)

Staff Vagabondo

Mar, 11/17/2015 - 11:50 Collegamento permanente

In risposta a di raffy

Grazie Raffy :)

Ah peccato.. il fatto è che oltre al costo della camera (prenottamento andate e anche ritorno) bisogna aggiungere anche quello del volo per roma ma non solo.. due giorni in piu di ferie..

Perchè stavo valutando le date e forse ce la potrei fare..però va beh.. intando tengo d'occhio :) ho il visto che mi scade i primi ci dicembre quindi potrei chiederlo solo dopo che mi è scaduto e non sò se farei in tempo.. 

Ho letto l'itinerario..a Varanasi la permanenza è di un giorno (scarso visto che si arriva la mattina alle 11) e onestamente vorrei godermela un pò di più..almeno due giorni buoni secondo me se li merita..

^_^ cmq tengo d'occhio..

Mar, 11/17/2015 - 11:58 Collegamento permanente
Roberta-san
Staff  Staff

In risposta a di la kida

Ciao Kida,

all'andata non devi pernottare a Milano, perchè il volo è serale e puoi tranquillamente arrivare in giornata, la questione si pone solo per il ritorno perchè non ci sono collegamenti Alitalia da poter prendere la sera stessa (c'è un volo Easyjet in tarda serata ma potebbe essere comunque rischioso in caso di ritardi del volo dall'India). Magari hai anche qualche amico milanese che ti può ospitare la sera e la mattina dopo prendi un treno o volo per Roma :)

Mar, 11/17/2015 - 13:06 Collegamento permanente

Scusate la brutalità..ma entro quando sarà confermato o annullato il viaggio?

Vorrei sapere per il visto, che se non sbaglio andrebbe richiesto la prossima settimana, e per eventualmente decidere se fare qualche cosa in alternativa.

 

Grazie,

Lidoska

Mar, 11/17/2015 - 13:12 Collegamento permanente

Scusate la mia assenza sto avendo un periodo mica da ridere!!

Eccomi qui... Kida mi fa piacere che tu sia interessata... a Varanasi avremo tutto il pomeriggio e la sera per godere di svariate cerimonie, e anch eil mattino dopo per fare una navigata sul Gange... il tempo ci basterá te lo garantisco senza affannarci...

Anche perché sarebbe davvero un peccato... Per quanto riguarda gli spostamenti pultroppo anche io arrivo da Bolzano e bisogna un pó organizzarsi..Sono sicura che come ti ha consigliato Roberta qualche aggancio Milanaese ti possa ospitare, mal che vada possiamo dividere i costi per l´appopggio a milano.. e ormai Roma-Milano in treno é davvero una tratta usatissima.

 

Lidoska aspettiamo qualche novitá dallo staff organizzativo intanto... io so che abbiamo delle buone speranze e che un pochino di tempo c´è ancora...

*dirol*

 

Mer, 11/18/2015 - 15:06 Collegamento permanente

eccoci qua... mancano pochissimi giorni per potersi iscrivere a questo fantastico viaggio... quindi a tutti gli indecisi non é piú tempo di indugiare forza......!!!!!!!

Devo chiedere aiuto ai santoni indiani???

Mar, 11/24/2015 - 11:09 Collegamento permanente



  • Prezzo base:
  • Cassa comune:
  • Partenza: 24 Dicembre 2015
  • Ritorno: 5 Gennaio 2016
  • Durata: 13 Giorni
  • Iscritti/posti:
  • Status: Confermato
  • Vagabondo DOC
PRENOTA FORUM




    
Trova il tuo viaggio

Effettua la ricerca in base a:

Continente
Italia
Sud America
Centro America
Africa
Sud Est Asiatico
Asia
Medioriente
Europa
Nord America
Oceania
Paese
Nord Italia
Centro Italia
Isole
Sud Italia
Argentina
Belize
Bolivia
Brasile
Cile
Colombia
Peru
Costa Rica
Cuba
Giamaica
Guatemala
Messico
Nicaragua
Etiopia
Marocco
Namibia
Seychelles
Sud Africa
Tanzania
Birmania-Myanmar
Cambogia
Filippine
Laos
Malesia
Singapore
Thailandia
Vietnam
Bhutan
Cina
Giappone
India
Indonesia
Ladakh
Mongolia
Nepal
Sri Lanka
Tibet
Uzbekistan
Georgia
Giordania
Israele
Oman
Palestina
Turchia
Albania
Austria
Belgio
Bosnia Herzegovina
Croazia
Finlandia
Francia
Germania
Gran Bretagna – UK
Grecia
Irlanda
Islanda
Malta
Norvegia
Polonia
Portogallo
Repubblica Ceca
Romania
Russia
Serbia
Spagna
Ungheria
Usa
Canada
Quebec
Arizona
California
Colorado
Florida
Mississippi
Nevada
New York
Nuova Zelanda
Mese
Gennaio
Febbraio
Marzo
Aprile
Maggio
Giugno
Luglio
Agosto
Settembre
Ottobre
Novembre
Dicembre


In maniera REALE, concreta e verificabile; qui in Italia, nel Parco della Valle del Treja!

APPROFONDISCI