Gruppo Filippine Freak Style - Partenza del 2020-01-04

Filippine Freak Style



  • Prezzo base: 1550
  • Cassa comune: 600
  • Partenza: 4 Gennaio 2020
  • Ritorno: 18 Gennaio 2020
  • Durata: 15 Giorni
  • Iscritti/posti:
  • Status: Annullato
  • Vagabondo DOC
PRENOTA FORUM



Partecipanti

Vagabondo DOC: Modet75   

Rossana è toscana, laureata in Scienze Naturali e dottore di ricerca in Scienze della Terra: vulcanologa di nome e di fatto in sintesi.
Il suo amore per i vulcani è viscerale come il fuoco che li genera. Canarie ed Islanda non hanno segreti per lei. Poi ha capito cosa avrebbe fatto da grande: la divulgatrice geo-naturalistica. Successivamente ha conseguito un Master in Comunicazione Ambientale dedicandosi al turismo “responsabile”, grazie anche alla collaborazione con vari enti, associazioni, e gruppi come guida, tour leader, accompagnatrice. Grande passione per i trekking e per i viaggi fuori dalle rotte convenzionali. Rossana ha anche un’altra grande passione: il Rock’n’ Roll. Suona da 25 anni la chitarra elettrica in una girls garage - r’n’r band e da anni si cimenta anche alla batteria, yeah!

Iscritti/posti:

→ Iscrizioni per conferma viaggio entro il 15 dicembre (se non si raggiunge il numero minimo per la conferma, questo gruppo verrà cancellato)

Con la vagabonda doc Rossana / Modet75

image

Rossana è toscana, laureata in Scienze Naturali e dottore di ricerca in Scienze della Terra: vulcanologa di nome e di fatto in sintesi. 
Il suo amore per i vulcani è viscerale come il fuoco che li genera. Canarie ed Islanda non hanno segreti per lei. Poi ha capito cosa avrebbe fatto da grande: la divulgatrice geo-naturalistica. Successivamente ha conseguito un Master in Comunicazione Ambientale dedicandosi al turismo “responsabile”, grazie anche alla collaborazione con vari enti, associazioni, e gruppi come guida, tour leader, accompagnatrice. Grande passione per i trekking e per i viaggi fuori dalle rotte convenzionali. Rossana ha anche un’altra grande passione: il Rock’n’ Roll. Suona da 25 anni la chitarra elettrica in una girls garage - r’n’r band e da anni si cimenta anche alla batteria, yeah!

 

image

Quota

€ 1750 a persona (include già il supplemento previsto per il forte aumento dei voli)

NB: chi si è iscritto prima del 3 dicembre non ha pagato il supplemento dovuto al forte aumento dei voli

+ Cassa comune da aggiungere alla quota base e versare in loco: 600 euro a persona (Cos’è e come funziona la cassa comune?)

La quota include: - Volo aereo dall’Italia incluse tasse aeroportuali e bagaglio da stiva da 20kg
- Volo interno a/r Manila - Puerto Princesa incluse tasse e bagaglio da stiva da 20kg
- Tutti i pernottamenti a Manila
- Polizza medico bagaglio

Al viaggio partecipa sempre anche un nostro Vagabondo DOC


La quota non include (per queste spese verrà fatta una cassa comune di 600 euro a persona): - i pernottamenti (eccetto quelli a Manila che sono inclusi) - gli spostamenti con mezzi locali (bus, barche, tuk tuk, taxi, treni) - le escursioni  - gli ingressi ai siti e parchi - i pasti - le mance - Polizza annullamento (opzionale, da richiedere al momento della conferma del viaggio allo Staff).

A volte siamo costretti ad inserire dei supplementi a causa del costo elevatissimo dei voli, ma vi informiamo sempre e con anticipo proprio su questo forum.
Vi consigliamo però di iscrivervi con anticipo se non volete correre il rischio di supplementi da pagare.

image

 

Programma di viaggio Filippine Freak Style

potete trovare il programma Filippine Freak Style dettagliato qui

image

Al momento della conferma del viaggio il programma potrà subire delle piccole variazioni in base ai voli utilizzati. Sempre al momento della conferma del viaggio, vi verrà inviato il programma definitivo via mail insieme a tutte le altre informazioni di viaggio.

Gruppo

Da confermare.

Il numero minimo di partecipanti per la conferma di questo gruppo è di 4 o 5 persone + il Vagabondo Doc.

Informazioni utili

image

Forum del Viaggio



Forum del viaggio

Buongiorno amici Vagabondi, qui è la vostra Doc che vi accompagnerà in questo viaggio incredibile.

Lascio commentare le foto...

 

E' il paradiso....

 

Dopo le vacanze natalizie (stressanti, appesantiti...), non volete rilassarvi un pò in queste fantastiche acque cristalline?!? Dai dai...

Mer, 10/23/2019 - 10:08 Collegamento permanente

Ciao ragazzi,

lo accoglete un giovane figlio della laguna? Ho appena fatto la richiesta di iscrizione. Non vedo l'ora di conoscervi (e di uscire da questo inverno devastante).

Forza Rossana, fai partire questo gruppo

Gio, 11/28/2019 - 09:49 Collegamento permanente

Da buoni italiani, non può mancare l'informazione sul cibo che troveremo. Le filippine non sono solo uno dei paradisi in terra per le stupende spiagge, alcune considerate tra le più belle e incontaminate del mondo, ma rappresentano anche un miscuglio di culture molto eterogenee. Le influenze malesi, indonesiane e cinesi tipiche dell'area, ma anche il passato coloniale di tre secoli sotto la Spagna, e uno sotto gli Stati Uniti, hanno influito straordinariamente nella cultura sociale, e culinaria. Si trovano infatti piatti spagnoli come la paella e i bolliti di manzo, ma anche i fast food americani insieme a sapori tipici cinesi, indonesiani e malesi. Molte volte il cibo è speziato o arricchito con la straordinaria frutta locale, con sapori e colori forti e contrastanti (dolce e salato insieme per esempio), contrasti che sono tipici della cultura, della politica e della natura delle più di 7.000 isolette che compongono il paese. Naturalmente non potremo farci mancare una grandissima varietà di street food, largamente diffuso in ogni isola, e soprattutto a Manila, la Capitale, che fa 12 milioni di abitanti. Per i più audaci ci sono anche il tipico Balut, un uovo fecondato e bollito poco prima della schiusa con il pulcino dentro, dei vermi lunghi e bianchicci (che non mi ricordo come si chiamino), le larve delle formiche bianche, e altre simpatiche amenità.

Gli ingredienti e le materie prime della cucina filippina

Come i loro vicini del Sud-Est asiatico, le Filippine hanno molto riso, frutta e verdura. Inoltre, le 7107 isole filippine sono ovviamente circondate dal mare e conseguentemente da più di 2000 specie di pesci. Pesce e frutti di mare sono sicuramente un’altra componente fondamentale della cucina locale. La carne (maiale, manzo e pollo) è tuttavia usata in modo predominante e abituale nelle aree urbane e fra le persone con un reddito sopra le media. Allo stesso tempo, in buona parte del paese la carne è ancora riservata ad occasioni speciali come celebrazioni e ricorrenze, essendo più costosa. Il riso cresce nelle Filippine da migliaia di anni ed è mangiato giornalmente durante tutti i pasti o quasi. Il riso è solitamente cucinato bollito o a vapore. Viene servito in bianco e senza condimenti, dal momento che la sua funzione è quella di accompagnamento a piatti saporiti. Uno dei suoi scopi è “neutralizzare” i sapori intesi e usarne in abbondanza è metafora di apprezzamento per il piatto servito (un filippino direbbe “il cibo era così buono che ho mangiato un sacco di riso”).

 

Cucina regionale delle Filippine

Le Filippine si dividono in migliaia di isole e svariate province, così di conseguenza è bene aspettarsi diverse specialità per ciascuna area. Spesso le variazioni dipendono dalla diversa disponibilità di ingredienti nelle diverse aree del paese. Un’isola può avere una sua differente versione del pollo grigliato rispetto all’isola vicina, utilizzando diversi ingredienti per marinare la carne o magari avendo diverse tecniche di cottura. E come ovunque, una zia sosterrà di fare i migliori gamberi stufati di tutto il resto della comunità locale. La cucina per i filippini è sicuramente qualcosa di personale e che stimola l’orgoglio nazionale. Inoltre, come in molti altri paesi, cucine e sapori variano da nord a sud.

 

Beh, non ci resta che partire

Dom, 12/01/2019 - 18:37 Collegamento permanente

Oltre alle spiagge, considerate tra le più belle al mondo, le Filippine annoverano un'ampia vastità di specie animali e bellezze naturali uniche. Una delle escursioni che non dovremo farci mancare, e quella all'underground river a Port Princesa. Il fiume sotterraneo più lungo al mondo ha scavato il suo corso di 8 Km (navigabile solo per metà) tra rocce calcaree e grotte di stallatiti e stalagmiti, dando forma a uno scenario naturale unico tutelato dall’Unesco dal 1999 e annoverato tra le 7 meraviglie naturali del nuovo mondo. Nelle grotte attraversate dal fiume, la vita esiste da tempo immemore, come ha svelato un fossile di lamantino datato 20 milioni di anni fa scoperto da ricercatori italiani nel 2010. Oggi qui convivono pipistrelli e salangane, una specie di rondine che vive nell’oscurità, evento unico tra i volatili. Il fiume è inserito in un contesto tutelato, il Puerto Princesa Subterranean River National Park (un tempo noto come St. Paul Subterranean National Park) che comprende foreste pluviali tra le più immacolate dell’Asia Pacifica e rispecchia il ricco ecosistema isolano, marino e montuoso al tempo stesso. Il parco si raggiunge comodamente dalla capitale dell’isola, Puerto Princesa. 

Purtroppo sono troppo pigro per caricare delle immagini (e Vagabondo si ostina ad avere un sito e un forum fermo ai primi anno 2000), ma andatele a cercare

Non volete perderlo? Beh, prenotate e fate partire il viaggio

Gio, 12/05/2019 - 13:48 Collegamento permanente

Rossana quí dobbiamo ingegnarci per trovare un altro iscritto.

 Se riusciamo a far partire il viaggio, offro un drink a tutti. A proposito di drink, che cosa berremo laggiù?Anche se la vastità territoriale delle Filippine è piuttosto ridotta, sono una delle 10 nazioni più rilevanti al mondo nel campo della canna da zucchero. Va da sé, che si produca e consumi una discreta quantità di rum da secoli, purtroppo quasi tutte produzioni locali e di infima qualità. C’è un'isola in particolare, l’isola di Negros, che è possibilmente il posto nel mondo con la maggiore concentrazione di piantagione di canna da zucchero. Delle migliaia di isole che compongono le Filippine Negros è quella che più di tutte produce zucchero, così tanto da essere chiamata Sugarland. E, di nuovo, non esisteva un marchio mondiale di rum. Tuttavia solo dal 2012 l’isola di Negros si è aperta ad una produzione più strutturata, pensata con ambizioni mondiali e con un gusto più ampio, il tutto nonostante le condizioni metereologiche uniche. A Negros infatti gli spiriti maturano più in fretta grazie al clima. Ad avvantaggiarsi di tutto ciò è stato Steven Carrell, quando ha deciso di iniziare a produrre lì un marchio nuovo, un brand di qualità, che ha già vinto numerosi premi a cui ha dato il nome di uno dei più importanti rivoluzionari di quell’isola, Dionisimo Magbuelas (per gli amici Papa Isio), ex lavoratore di piantagioni, a cavallo del novecento leader della lotta per l’indipendenza dagli spagnoli, e occasionalmente sciamano mistico  presso alle pendici del monte Kanlaon. Bevitore da competizione quando non era in guerra. È la storia recente del pregiato rum Don Papa, che riporta nell'etichetta il volto di Papa Isio.Per i più forti di stomaco, ci sarebbe anche il tradizionale snake wine, un vino ottenuto da riso fermentato o alcol etilico in cui vengono immersi serpenti interi vivi, bevanda antichissima, il suo consumo è registrato sin dalla Cina della dinastia Zhou (circa XI secolo avanti Cristo).

Lun, 12/09/2019 - 21:51 Collegamento permanente



  • Prezzo base: 1550
  • Cassa comune: 600
  • Partenza: 4 Gennaio 2020
  • Ritorno: 18 Gennaio 2020
  • Durata: 15 Giorni
  • Iscritti/posti:
  • Status: Annullato
  • Vagabondo DOC
PRENOTA FORUM




    
Trova il tuo viaggio

Effettua la ricerca in base a:

Continente
Italia
Sud America
Centro America
Africa
Sud Est Asiatico
Asia
Medioriente
Europa
Nord America
Oceania
Paese
Nord Italia
Centro Italia
Isole
Sud Italia
Argentina
Belize
Bolivia
Brasile
Cile
Colombia
Peru
Costa Rica
Cuba
Giamaica
Guatemala
Messico
Nicaragua
Etiopia
Marocco
Namibia
Seychelles
Sud Africa
Tanzania
Birmania-Myanmar
Cambogia
Filippine
Laos
Malesia
Singapore
Thailandia
Vietnam
Bhutan
Cina
Giappone
India
Indonesia
Ladakh
Mongolia
Nepal
Sri Lanka
Tibet
Uzbekistan
Georgia
Giordania
Israele
Oman
Palestina
Turchia
Albania
Austria
Belgio
Bosnia Herzegovina
Croazia
Finlandia
Francia
Germania
Gran Bretagna – UK
Grecia
Irlanda
Islanda
Malta
Norvegia
Polonia
Portogallo
Repubblica Ceca
Romania
Russia
Serbia
Spagna
Ungheria
Usa
Canada
Quebec
Arizona
California
Colorado
Florida
Mississippi
Nevada
New York
Nuova Zelanda
Mese
Gennaio
Febbraio
Marzo
Aprile
Maggio
Giugno
Luglio
Agosto
Settembre
Ottobre
Novembre
Dicembre


In maniera REALE, concreta e verificabile; qui in Italia, nel Parco della Valle del Treja!

APPROFONDISCI