Gruppo Porto Fly and Drink - Partenza del 2018-10-19

Porto Fly and Drink

19
Ott
Annullato

Alla scoperta di Porto - o meglio Oporto - in gruppo: un vagabondaggio di 4 giorni tra palazzi variopinti, azulejos, chiese barocche, punti panoramici, buon cibo e... ottimo vino Porto!

Conosci il gruppo

Partecipa, scrivi, chiedi, conosci i tuoi compagni di viaggio!

Image
Vai al forum

Dettagli del viaggio

Annullato
  • Quota: 280 €
  • Cassa comune: 150 €
  • Partenza: 19  Ottobre  2018
  • Ritorno: 22  Ottobre  2018
  • Durata: 4 Giorni
  • Vagabondo DOC: Nat_Net
Prenota

Partecipanti

Vagabondo DOC
Vagabondo DOC
Natascia, o meglio Nat, è una Vagabonda DOC curiosa e schietta. Vive a Roma e si occupa di marketing e comunicazione per un operatore telefonico. Organizzata e instancabile, tiene molto a sfruttare al massimo il tempo a disposizione per conoscere… Continua a leggereVagabondo DOC

Natascia, o meglio Nat, è una Vagabonda DOC curiosa e schietta. Vive a Roma e si occupa di marketing e comunicazione per un operatore telefonico. Organizzata e instancabile, tiene molto a sfruttare al massimo il tempo a disposizione per conoscere tutto il possibile dei Paesi in cui si trova. Ama l'Asia, il Medioriente, l'India, il cibo di strada, i mercati, le tradizioni, l'arte, l'architettura, la fotografia, i paesaggi che tolgono il fiato e la cioccolata... l'unica passione viscerale che può competere con quella del vagabondaggio. 
Ha al suo attivo tanti viaggi di gruppo ed è convinta che conoscere persone nuove, e vivere insieme a loro le emozioni o anche le difficoltà del viaggio, sia una parte fondamentale e irrinunciabile del viaggio stesso. 
Il suo grande sogno? Vedere tutto il mondo, ovvio! Parla un buon inglese e se la cava col francese. 

Nat_Net

Questa partenza

  • 19
    Ott
    Dal 19  Ott al 22  Ott
    Annullato

Forum del viaggio

Per poter commentare o dialogare con i partecipanti al viaggio è necessario accedere o registrarsi al sito.

Forum del viaggio

23/7/2018 - 17:46 Collegamento permanente

Ciao a tutti,

in particolare alla Vagabonda già iscritta al viaggio :)

Sono Nat, la Vaga DOC di questo weekend lungo molto molto carino! 

Inizierò presto a raccontarvi di Porto e delle cose che vedremo. Seguitemi! 

Baci *bacio*

Repondi
27/7/2018 - 16:37 Collegamento permanente

Cosa c'entra Porto con Harry Potter? :glasses:

C'entra c'entra... guardate qua! 

 

 

E' la libreria Lello e Irmão meta di molti turisti perché legata alla saga di Harry Potter. Si ritiene che sia le scale della famosa scuola di magia di Hogwarts che la libreria in Diagon Alley, siano stati ispirati da questo luogo: JK Rowling, infatti, era solita frequentare la libreria quando viveva e insegnava inglese nella cittadina portoghese, negli anni ’90.

Forte no? Ci andremo!

Baci! 

Repondi
30/7/2018 - 11:53 Collegamento permanente

 Risultati immagini per Torre dos Clérigos

Ciao a tutti,

oggi vi parlo della più famosa torre di Porto.

La Torre dos Clérigos è un’autentica opera barocca della metà del XVIII secolo, concepita da Nicola Nasoni, architetto di origine italiana che ha lasciato la sua firma in numerosi monumenti di Porto e della regione del nord del Portogallo. Nasoni è sepolto, su sua richiesta, in una piccola cappella.

La parte frontale del tempio mostra una decorazione barocca molto interessante che vale la pena apprezzare nel dettaglio. L’interno in granito e marmo, rivestito di rilievi barocchi, rivela anch’esso la maestria del suo architetto. Nella cappella maggiore, si staglia una pala d’altare policroma di Manuel Porto.

Ma l’elemento che caratterizza maggiormente il complesso è la Torre in pietra di granito che si erge dall’estremità occidentale del corpo della chiesa. Inconfondibile simbolo della città, estremamente slanciata con i suoi 75 metri di altezza, la Torre si sviluppa in aree ritmate che si chiudono in una corona di decorazioni barocche.

Una scala interna (240 gradini) consente di accedere in cima all’edificio, da dove si può ammirare uno dei più bei panorami di Porto. Anche i più imbranati riusciranno a fare foto bellissime della città.

CURIOSITA': nel 1917, la Torre dos Clérigos fu scalata con successo da due acrobati spagnoli, i Puertullanos, padre e figlio, sotto gli occhi di una folla enorme!

Ciao :ciao:

Repondi
2/8/2018 - 11:24 Collegamento permanente

Ciao a tutti,

non so voi ma io adoro i mercati! Sono i posti più autentici e vicini al quotidiano che esistano. E poi... tutti quei colori e quegli odori ... 

Il mercato di Bolhão è uno degli edifici simbolo del centro di Porto ed è il mercato più importante della città.

Il progetto dell'architetto António Correia da Silva risale al 1850 e la sua inaugurazione al 1914. In stile neoclassico, possiede una struttura unica, su due piani, una piazza centrale a cielo aperto e un gran numero di rivendite sia all’interno che all'esterno, verso le quattro strade che lo delimitano (Fernandes Tomás a Nord, Alexandre Braga ad Est, Formosa a Sud e Sá da Bandeira ad ovest).

É classificato come edificio di interesse pubblico dal 2006 e, anche se attualmente si trova in condizioni di degrado, è una delle principali sfide di ristrutturazione urbana a Porto. Ancora oggi rifornisce gli abitanti di Oporto di pesce, carne, verdure e fiori; è un luogo visitato da politici e personaggi pubblici in varie occasioni e da innumerevoli turisti.

Sicuramente una sosta "cibo" la faremo qui! 

 

 

Repondi
7/8/2018 - 14:42 Collegamento permanente

In Portogallo si sa, gli azulejos sono una delle più peculiari forme artistiche e la stazione di São Bento a Porto ne è davvero ricoperta! 

Guardate qua...

Il nome della stazione deriva da un monastero benedettino costruito qui nel XVI secolo: bruciato nel 1783 ed in seguito ricostruito, alla fine del XIX secolo era in un grave stato di abbandono e fu raso al suolo quando si decise di ampliare la linea ferroviaria.

Dopo una prima stazione, provvisoria e composta da tre tettoie in legno, i lavori per quella attuale iniziarono nel 1900, quando il re Carlos I pose la prima pietra. Il progetto è dell’architetto José Marques da Silva, che volle seguire lo stile in voga allora: ferro e vetro per la zona di traffico e facciate in stile francese dell'epoca (l'architetto aveva studiato a Parigi e ne sentiva molto l'influenza). Però per mitigare l’impressione di severa nobiltà del granito utilizzato nella facciata, e anche per dare un tocco nazionale all’edificio, si decise di decorare la sala d’ingresso, grande salone di 14 metri di larghezza per 42, con gli azulejos. Ci sono oltre ventimila azulejos che coprono una superficie superiore a 550 metri quadrati che raccontano la storia dei mezzi di trasporto e rappresentano scene di vita popolare e momenti della storia del Portogallo. 

Non siete curiosi di vederla? 

Unitevi a noi! *clapping*

Repondi
7/8/2018 - 14:43 Collegamento permanente

In Portogallo si sa, gli azulejos sono una delle più peculiari forme artistiche e la stazione di São Bento a Porto ne è davvero ricoperta! 

Guardate qua...

Il nome della stazione deriva da un monastero benedettino costruito qui nel XVI secolo: bruciato nel 1783 ed in seguito ricostruito, alla fine del XIX secolo era in un grave stato di abbandono e fu raso al suolo quando si decise di ampliare la linea ferroviaria.

Dopo una prima stazione, provvisoria e composta da tre tettoie in legno, i lavori per quella attuale iniziarono nel 1900, quando il re Carlos I pose la prima pietra. Il progetto è dell’architetto José Marques da Silva, che volle seguire lo stile in voga allora: ferro e vetro per la zona di traffico e facciate in stile francese dell'epoca (l'architetto aveva studiato a Parigi e ne sentiva molto l'influenza). Però per mitigare l’impressione di severa nobiltà del granito utilizzato nella facciata, e anche per dare un tocco nazionale all’edificio, si decise di decorare la sala d’ingresso, grande salone di 14 metri di larghezza per 42, con gli azulejos. Ci sono oltre ventimila azulejos che coprono una superficie superiore a 550 metri quadrati che raccontano la storia dei mezzi di trasporto e rappresentano scene di vita popolare e momenti della storia del Portogallo. 

Non siete curiosi di vederla? 

Unitevi a noi! *clapping*

Repondi
6/9/2018 - 09:53 Collegamento permanente

Ciao a tutti,

sta per finire l'estate, per sopportare questo chock è assolutamente necessario pensare ad un nuovo viaggio, tipo il ns Porto! :)

Mi risulta un nuovo iscritto o una nuova iscritta... chi sei? BATTI UN COLPO! 

Buona giornata

Nat 

Repondi
13/9/2018 - 11:41 Collegamento permanente

Ciao a tutti,

come siete messi col vino? :) 

Ho scoperto che a Porto non si beve solo il Porto :) famosissimo vino liquoroso. 

C'è anche il Vino Verde che in realtà non è un vino di colore verde ma bianco, rosso e rosato. 

E allora... perchè si chiama Vinho Verde? Questo nome deriva dal fatto che l'uva viene raccolta ancora verde, prima della sua completa maturazione. Il Vinho Verde (bianco) è l'emblema del vino da tavola portoghese. È un vino giovane, secco e leggermente frizzante, che va bevuto entro un anno dalla vendemmia.

Per me che non bevo vino rosso è proprio l'ideale! Prevedo momenti allegri!! :D 

Repondi
17/9/2018 - 18:00 Collegamento permanente

... e poi metti una cena nel quartiere di Vila Nova de Gaia, attraversando il ponte Luis I, dove si trovano bar e ristoranti di tutti i tipi, con viste panoramiche sulla città. 

Ci andrei ora, di corsa!!! E voi no?? :D 

 

Repondi
17/9/2018 - 18:00 Collegamento permanente

... e poi metti una cena nel quartiere di Vila Nova de Gaia, attraversando il ponte Luis I, dove si trovano bar e ristoranti di tutti i tipi, con viste panoramiche sulla città. 

Ci andrei ora, di corsa!!! E voi no?? :D 

 

Repondi