MESSICO: Vaccini e altre Paure

Scritto il 3 Set 2015 da:
Card image cap

La Bruja Ermitana  

Ultimo accesso:


Dati essenziali



Ciao a tutti!

Grazie preventivamente a chi mi risponderà.

Il punto è questo, io fra 10 giorni partirò per il Messico per quasi 4 mesi ed il mio medico di famiglia mi ha sconsigliato abbastanza categoricamente di fare alcun tipo di vaccino, però leggo anche nella guida Lonely Planet che in verità alcuni vaccini sarebbero ipoteticamente consigliati. Qualcuno sa consigliarmi? sa dirmi cosa posso fare? Le zone dove starò saranno:

- Città del Messico

- Puebla

- Tlaxcala Regione per circa 3 mesi

- Oaxaca città

- Yucatan (Tulum, Palenque, Riviera Maya, Merida)

- Chiapas (forse)

 

Un'altra paura che ho riguarda i borseggiamenti e le rapine, purtroppo sono sola e vorrei evitare di avere spiacevoli inconvenienti appena arrivo all'aereoporto. Avrò un bagalio grande e uno a mano e devo arrivare all'albergo, poi qualche giorno dopo devo prendere gli autobus per raggiungere una cittadina piccola nel Tlaxcala, qualcuno sa darmi indicazioni per evitare di essere derubata praticamente appena arrivo? Grazie mille a tutti!!

Risposte

ciao LaBruja!!!
... Paura decisamente notevoli e con un viaggione così lungo le capisco, ma tira un bel sospirone e rilassati. Il Messico è meraviglioso, e più sereno di quanto credi. Seppur serve cautela, ma non paura.

- Vaccinazioni
Se non ti fidi del tuo medico, scrivi o contatta la asl che si occupa di vaccinazioni internazionali. Non so di dove sei, ma ogni città ha questa sezione che io sappia. Loro sono molto precisi.
Anch'io ai tempi mi ero allertata e siccome passavo anche dal Guatemala avevo fatto una vaccinazione blanda, ma tornassi indietro non la rifarei più. Soprattutto per il Messico.
Ma chiedi ai medici che ne sanno, non ti affidare a una guida. 

- Furti
Le regole sono sempre le stesse: discrezione. 
Basta non dare nell'occhio intendo non mettere gioielli o esibire chissà quali ricchezze. Abiti semplici e abbigliamento da viaggio. 
Se hai solo i bagagli ci starai attenta, evita semplicemente di avere uno zainetto con cerniera o borsa mezza aperta perchè quasi sicuro possono cercare di aprirtelo ma cme avviene anche sui mezzi a Roma per dire! Usa una fascia che metti sotto i pantaloni, sul ventre per le cose che contano: soldi, carta e passaporto. 
Sui bus non ho mai avuto problemi in realtà pur viaggiando oltre un mese, ma ovvio... Serve come sempre anche fortuna (ma questo anche in Italia no?) 

Guarda alla fine di regole uguali per tutti forse non ce ne sono, ma ho girato in lungo e in largo il Messico con estrema curiosità e nonostante fosse il mio primo vero viaggio e quindi fossi piuttosto inesperta, me lo sono goduta alla grande. Certo, confermo, serve stare attenti soprattutto a Città Del Messico, le altre città che citi no, sono molto più piccole e serene... (non conosco Txala però)... Ma a parte delle giuste accortezze, non pensare di andare nel bronx e non farti spaventare da chi fa allarmismo!

Cautela sempre, paura no! ;)

Buon viaggioooooooo

 

Gio, 09/03/2015 - 09:34 Collegamento permanente

Sei già stata consigliata bene, dato però che ti rechi in un paese dove alcune malattie possono essere ancora presenti e dato che ti fermerai per un certo periodo, mi rivolgerei al centro di riferimento della tua provincia (chiama la ASL) che si occupa di vaccinazioni, loro hanno delle schede per ogni paese e per ogni zona

Quasi nessun vaccino è obbligatorio, salvo per quei paesi che hanno paura che tu possa portare un'infezione a loro, in certe zone può esserci la malaria, la dengue, la febbre gialla, delle quali le zanzare sono i vettori oppure epatite A, B, tifo ecc.. in messico credo che le malattie portate da zanzare siano state quasi del tutto debellate ma qualche zona ancora non bonificata ci sarà (di solito le zone con molta acqua, fiumi e paludi)

Se si rispettano le regole fondamentali dell'alimentazione e della giusta protezione è difficile prendersi qualcosa, quello che potrai mettere in conto è il possibile Monctezuma da infezione gastrica, (diarrea) ma è cosa di poco conto (Imodium e antibiotici tipo Normix)

a volte però rispettare le regole significa limitarsi nel cibo e nell'esporsi, fattori che possono determinare una minore socialità verso la gente del posto e la scoperta delle realtà locali più autentiche, purtroppo non c'è una regola precisa, attenzione all'acqua ai cibi crudi ai gelati alle bevande venduti in strada, i cibi cotti al momento, in messico usano molto cuocere tortillas, carne e verdure alla piastra anche in strada, se cotti al momento davanti ai tuoi occhi stai certa che non ti prederai nulla, quindi cibi cotti al volo sono la soluzione migliore

se ti fermi tre mesi nello stesso posto informati se quella zona è a rischio malarico o altre possibili patologie, fatti consigliare e poi decidi comunque tu

lo scorso anno sono andato in mauritania e il protocollo prevedeva I vaccini per febbre gialla, epatiti e malaria, non ho fatto nulla anche perchè sapevo che non andavo incontro alla stagione delle pioggie e sopratutto che non sarei andato ai confini con il senegal (dove a causa del fiume Senegal ci sono le zanzare) ma nel desertodove le zanzare non ci sono perchè non c'è acqua, salvo sporadicamente nel periodo della pioggia

 

p.s. un conto è un soggiorno di tre mesi nella città di Tlaxcala e un conto è lo stesso periodo trascorso in qualche zona remota dello stato, a contatto con gli animali, vicino a zone paludose ecc..

per gli altri posti che hai citato nessun problema

 

 

 

 

 

Ven, 09/04/2015 - 17:50 Collegamento permanente
bosforo65

È anche vero che i medici, come tutti quelli il cui parere può avere implicazioni legali, tendono a essere non dico allarmisti ma, nel dubbio, a "stare dalla parte dei bottoni", cioè a spingere per comportamenti prudenti. Un po' come i ginecologi che, nel dubbio, a volte danno la maternità anticipata a lavoratrici madri che non hanno particolari problemi nel timore che, metti mai che vada male qualcosa, non ci vadano di mezzo loro. In un mondo in cui le aziende farmaceutiche sono abbastanza potenti al punto da fare ipotizzare vaccini obbligatori anche a quellli che si rifiutano per scelta personale, se alcuni di questi o delle profilassi non sono obbligatorie, probabilmente è perché non sono necessarie o perché non coprono comunque da tutti i rischi. Per me è più importante e utile usare dei comportamenti prudenti (tipo quelli suggeriti da Guidos ma, se uno si sbatte un po', li trova in tanti siti su internet), più che immettere nel proprio corpo delle sostanze tutt'altro che innocue.

Sab, 01/02/2016 - 19:13 Collegamento permanente

Ciao... io sono stata circa 1 mese in messico senza esser stata preventivamente vaccinata e non ho avuto problemi... l'unica cosa evita magari di bere dal rubinetto e mangiare troppe zuppe !☺ e questione Borseggi. ..devi aver solo un po d'attenzione. .. come in qualsiasi altro posto! Non lasciare mai incustoditi i tuoi bagagli... soprattutto lo zaino dove avrai documenti etc!!!!e.... per il resto il Messico è un posto stupendo!!!!io non ho avuto nessun problema. 

Ven, 08/25/2017 - 20:39 Collegamento permanente

Ciao!

Fino a due anni fa lavoravo alle vaccinazioni della mia Ulss. Come già ti hanno scritto gli altri gli ambulatori per i viaggiatori internazionali raccomandano le vaccinazioni non solo in base alla destinazione, ma anche al tipo di viaggio che farai (es. dove dormirai, che contatti avrai con la popolazione, se andrai a fare volontariato in qualche comunità, se ti occuperai di animali...).

In linea di massima ti consiglio di guardare questo link. E' un sito che viene consultato anche dagli ambulatori vaccinali per viaggiatori internazionali.

http://www.fitfortravel.nhs.uk/destinations/north-america/mexico.aspx

Ci sono scritte tutte le vaccinazioni raccomandate e alcuni comportamenti da adottare.

Se hai altri dubbi... sono qui... ma non essendo più aggiornata da due anni, pure io ti consiglio di sentire l'azienda sanitaria di riferimento e di chiedere una consulenza per viaggiatori... magari qualcosa è cambiato in questo periodo (es. il virus Zika ha più importanza oggi rispetto a quando io mi interessavo del tema).

Dom, 01/14/2018 - 18:47 Collegamento permanente