jambo thomas

Scritto il 16 Ott 2007 da:
Card image cap

paolo_fra  

Ultimo accesso:


Dati essenziali



Siamo da poco tornati dal Kenya, ed ancora l'entusiasmo di questa vacanza non ci lascia, e
crediamo non ci lascerà mai. :-*
L'avventura comincia con partenza il 07/09/2007 da Roma Fiumicino e dopo 9 ore di volo atteraggio
a Mombasa.
Usciti dall'aeroporto accompagnati da una giornata molto umida, ci lanciamo a bordo di un pulmino
verso il nostro albergo, l'Aquarius resort di Watamu. Inutile dilungarsi sulla "comodità" del
viaggio....siamo in Africa!!!!
L'albergo in pieno stile swahili è molto carino, il ristorante è ottimo (almeno per noi), siamo
subito colpiti dalla cordialità e dalla disponibilità del personale, poi scopriremo con gioia e
invidia che la stragrande maggioranza della popolazione ha questa caratteristica, associata ad un sorriso sempre presente.
Su una splendida spiaggia bianca come il borotalco, si possono ammirare panorami mozzafiato,
dettati dal susseguirsi delle maree, che lasciano scoperti tesori marini di ogni tipo...i colori sono incantevoli e qualche alga che si trova non rovina davvero il paesaggio, anzi crea zone di colore più intenso.
L'albergo propone subito escursioni a prezzi molto elevati, sconsigliando l'appoggio ai mitici
beach boys, non fatevi ingannare, ma se potete correte in spiaggia e cominciate a conoscere questi ragazzi, vi daranno soddisfazioni.....Noi ci siamo affidati al grandissimo Thomas, il
nostro faro illuminante.
E' un ragazzo di 30 anni con un carattere allegro e gentile nonostante la vita gli abbia serbato cose terribili, ha perso la sorella di 32 anni e ora si trova, insieme alla mamma ad occuparsi dei suoi 3 nipotini. Sarà felice di farvi conoscere la sua famiglia e di portarvi in giro ad apprezzare tutte le sfaccettature della sua Africa, degli odori forti, della povertà che si respira continuamente, dei sorrisi rubati per strada e dei bambini che vi accompagneranno per
tutto il paese con i loro occhioni e le mani tese a chiedere qualche caramella...
Thomas ci ha fatto da guida nel nostro safari di 3 giorni (tsavo est e amboseli), conducendoci
tra distese infinite di terra e cielo dai colori indescrivibili, facendoci scovare ogni animale
con estrema naturalezza.
Sempre con Thomas abbiamo organizzato il safari blu, una giornata nel mezzo dell'oceano indiano, a respirare una tranquillità incredibile mangiando aragoste appena pescate....Indimenticabile.
Sarebbe impossibile continuare a raccontare senza farsi prendere dalla voglia di ripartire,
quindi l'ideale è dirvi di andare la e vivere questa esperienza con i vostri occhi.
Affidatevi alle persone del posto senza paure o falsi pregiudizi, come abbiamo fatto noi e
godetevi questa full immersion nella natura.
Se volete altre informazioni sia sul Kenya che su Thomas thomasmby@yahoo.co.uk, non esitate a chiederle, contattateci: esposto.paolo@libero.it

Paolo e Fra ;)

Risposte



Risposte

Aroundtheworld

Grazie Paolo e Fra, come ho letto su un altro thread.... viva i Beach boys!!!!
Ragazzi, evitate i costosi safari di gruppo organizzati dai grossi tour operator europei e fate lavorare questi ragazzi!

Gio, 10/04/2007 - 20:25 Collegamento permanente

Cara Sarita, sono d'accordo con te, ma farei dei distinguo.
Sono stato a Malindi e ti potrei raccontare delle "dissaventure" di coppie che hanno scelto i safari con i Beach Boys.
Di una coppia che è stata sveglia tutta la notte a controlare gli insettio sotto il letto, di un'altra coppia, la cui jeep si è guastata, che hanno dovuto spingerla in quanto non ripartiva, che la radio non funzionava, che lui si è ferito ad un piede spingendo la Jeep e che era molto preoccupato e che in caso di danni seri a chi si doveva rivolgere?
Due episodi non sono significativi, ma mi raccomando di verificare bene i tour operetor a cui fanno riferimento Thomas e gli altri ragazzi, a diffidare sempre e comunque i quanto noi siamo per loro la fonte di guadagno...
Io poi con loro ci sono stato, ma con attenzione e la giusta diffidenza dettata dal fatto che se possono ti fregano, esattamente come i nostri amici veneziani nei confronti dei turisti...
Lucio

Sab, 10/06/2007 - 20:09 Collegamento permanente
Aroundtheworld

Chiaro, ed è per questo che vogliamo i nomi dei beach boys affidabili e anche di quelli non affidabili. Così da far lavorare quelli bravi che se lo meritano.
Il sentito dire non ci basta.

Lun, 10/08/2007 - 17:13 Collegamento permanente

Ciao Sarita io sono appena tornata dal Kenya e ho fatto tutte le escursioni con Thomas, te :) lo consiglio caldamente e comunque fidatevi dei bb sono in gamba e non solo Thomas ne ho consciuti altri altrettanto bravi se volete avere informazioni fatemelo sapere, sarò felice di aiutarvi. :)

Lun, 10/08/2007 - 18:42 Collegamento permanente

jambo a tutti,
anch'io ho fatto il safari con T. e posso assicurarvi che è serio, fa parte di un'agenzia ed si fa in 4 per accontentare noi turisti.
Come lui lo sono anche tanti altri...è vero non tutti, ma come diceva giustamente Lucio bisogna verificare che facciano parte di un'agenzia e poi sacrosanta verità: le fregature le prendiamo anche dai nostri cari connazionali, quindi più che diffidenza, prudenza.
Sono tornata da poco e mi ha sorpreso come fra i beach boys ci sia la consapevolezza che noi italiani con il passaparola siamo in grado di influire sul loro destino, questo è un incentivo per loro per comportarsi al meglio e una sicurezza in più per noi per non capitare nelle mani sbagliate.
Comunque la bellezza del Kenya risiede in parte nei suoi abitanti, quindi lasciamoci coinvolgere e affidiamoci a loro, perchè ne hanno bisogno e perchè ci da una visione più reale di quello che è questo paese.
Jambo
Cippy

Mar, 10/16/2007 - 17:24 Collegamento permanente