Dublino Fly and Drink

Dublino Fly and Drink

"Un bel rompicapo attraversare Dublino senza passare davanti ad un pub" disse Leopold Bloom, il protagonista dell'Ulisse di Joyce. Questa è la madre superiora di tutti i fly and drink esistenti.

Informazioni Essenziali

  • DURATA Giorni
  • A PARTIRE DA
  • CASSA COMUNE
VEDI LE DATE

Questo viaggio è adatto a me?

  • I Fly&Drink si rivolgono a chi ha voglia di passare dei giorni in compagnia in una splendida città, fare nuova amicizie e esplorare gli ambienti urbani, ma non crediate che non ci sia da camminare e stancarsi, di cose da vedere ce ne sono sempre tante.
SCEGLI LA TUA DATA
Dublino Fly and Drink
Durata:

4 giorni

Partenza da Roma o Milano.

Costi:

480 euro a persona 

Supplemento Pasqua, ponti, capodanno: 80 euro

Cassa comune da aggiungere alla quota base: 200 euro a persona

 

Note:

Gruppo minimo 5 partecipanti + il Vagabondo DOC.

Cassa comune per pasti e trasporti 200 euro.

Questo viaggio aderisce alla Formula FLY & DRINK.

Difficoltà:  Facile.
Per informazioni scrivere a staff@vagabondo.net o telefonare al 333 2675541

Questo viaggio aderisce alla Forumula FLY & DRINK.

 

"Un bel rompicapo attraversare Dublino senza passare davanti ad un pub."
(Leopold Bloom - protagonista dell'Ulisse di Joyce)

Programma di viaggio 

Giorno 1: Italia - Dublino
Si parte da Roma o MIlano. Arrivati all'aeroporto di Dublino, raggiungiamo l'albergo, e se l'orario dei voli ce lo permette ci lasciamo i bagagli e subito via a visitare questa simpatica città.
Prima serata alla scoperta delle sue mitiche birrerie.

Giorno 2: Dublino
Il mattino sarà dedicato alla città (per la lista dei posti che visiteremo leggete sotto).
Confluiremo poi verso qualche autentico pub per cenare e far festa. Poi tutti a nanna.

Giorno 3: Dublino
Altre visite in città (per la lista dei posti che visiteremo leggete sotto).

Giorno 4:  Dublino - Italia

In base all'orario dei voli ci spostiamo in aeroporto per il nostro volo di ritorno in Italia se al mattino, o sfruttiamo un'ultima giornata dedicata a Dublino, con spazio allo shopping, alle degustazioni o ad altre visite se nel pomeriggio.  

 

La quota comprende

- volo a/r solo bagaglio a mano (10 kg, un solo collo)
- tasse aeroportuali 

- pernottamento in hotel in camera doppia o tripla
- assicurazione sanitaria e bagaglio

 

Al viaggio partecipa sempre anche un nostro Vagabondo DOC.

 

La quota non comprende

- i pasti. Fatevi guidare dal nostro Vagabondo DOC per i pub e le birrerie.

- trasporti locali
- entrate nei musei
- bagaglio in stiva sull'aereo (per chi lo vuole supplemento di 40 euro).

 

Per queste spese è prevista una Cassa Comune di 200 euro.

Per musei/attrazioni esiste un Dublin Pass http://www.dublinpass.ie/ per 1-2-3-6 giorni per 32 attrazioni. Prezzi 1 giorno 35€, 2 giorni 55€, 3 giorni 65€ a persona. Prezzi ridotti per bimbi. Il gruppo deciderà quanto ama i musei e se gli conviene farlo.

OPZIONI SU RICHIESTA: 

 

*** Stanza singola 
Possibile su richiesta e con supplemento, ma soggetta a disponibilità. 
Il costo NON è incluso nella quota, serve scrivere a staff@vagabondo.net per avere il preventivo e per verificare se disponibile.

*** Assicurazione annullamento opzionale 
Se la volete stipulare avvertite lo staff al momento dell'iscrizione e vi sarà inviato il preventivo con il costo previsto

*** IL BAGAGLIO DA STIVA O IL PRIORITY BOARDING PASS O ALTRI SERVIZI AGGIUNTIVI SI POSSONO RICHIEDERE SOLO AL MOMENTO DELL’ISCRIZIONE O DELLA CONFERMA VIAGGIO. 
Il pagamento va quindi effettuato insieme all’acconto del viaggio. 
Non potremo accettare richieste di servizi aerei aggiuntivi in un secondo momento, scusateci.

 

Cosa vedremo e faremo in questi giorni?

A seconda degli interessi del gruppo (che emergeranno sul forum prepartenza) il Vagabondo DOC stilerà un programma.
A Dublino sono tante le cose da fare e da vedere. Ci sono monumenti, musei e… birrerie! Il nostro Vagabondo DOC Angelo (af), che ha vissuto in questa città, sostiene che i veri musei di Dublino sono proprio gli oltre 700 pub presenti nelle zone centrali della città . Ce n'è sono alcuni come il Gran Central dove il sabato ci fanno, all' interno, un mercatino delle pulci!
In ogni caso abbiamo diviso le attrazioni di Dublino in IMPERDIBILI (che visiterete) e OPZIONALI (che potrete scegliere se visitare o no a seconda dei vostri interessi).
 

Luoghi  imperdibili

Christ Church Cathedral
La più imponente Chiesa di Dublino, si trova nel cuore medievale della città vecchia. E’ stata costruita sul sito di una chiesa vichinga in legno molto antica, edificata per volontà del primo re vichingo Sigtrygg Barba di Seta, nel 1038, dopo la sua conversione al cristianesimo. Distrutta da un incendio, la chiesa fu ricostruita in pietra dai normanni durante il loro dominio, fra gli anni 1173 e 1240.

St Patrick's Cathedral
La Cattedrale di San Patrizio è considerata la cattedrale nazionale dell’Irlanda protestante.  Anche questa si trova all’interno della città medioevale. Si narra che San Patrizio nel 450 d.c abbia qui battezzato e convertito i fedeli in un pozzo. Al suo interno c’è la tomba di Jonathan Swift, autore dei Viaggi di Gulliver, che pur essendo nato in Inghilterra era un forte difensore dei diritti degli irlandesi. E’ buffo che in questa chiesa ci sia la statua di… Benjamin Guinness! E’ perché ha fatto e speso tanto per la conservazione della cattedrale.

Trinity College
È una delle più prestigiose università a livello mondiale e, senz’altro, la più blasonata e antica d’Irlanda, fondata nel 1592 da Elisabetta I. Fra i suoi allievi più famosi vanta Jonathan Swift, Oscar Wilde, Bram Stoker e Samuel Beckett. Oggi è un tranquillo rifugio dal frastuono della città.
Al suo interno è custodito  il Book of Kells, un codice miniato medioevale contenente i Quattro Vangeli in latino. E’ considerato un capolavoro, la vera gloria dell’arte celtica.
Il campanile, alto 30 metri è considerato il simbolo del campus. Come in tutte le università anche qui c’è una superstizione: gli studenti che gli passano accanto mentre suonano le campane… non supereranno gli esami. Visitate anche la Douglas Hyde Gallery perché è la più grande galleria d’arte d’Irlanda e vi si organizzano anche mostre temporanee. E infine non dimenticate che siete in un campus: confondetevi con gli studenti, passeggiate nel parco e guardatevi una partita di cricket!

Dublin Castle
Questa fortezza normanna voluta da Giovanni Senza Terra è stata per molto tempo il centro del potere britannico in Irlanda e quindi il simbolo dell’oppressione inglese. In realtà assomiglia più a un palazzo che a un castello. All’interno si possono visitare una quindicina di sale e saloni particolarmente pomposi, tra cui l’antica sala da ballo, la Saint Patrick’s Hall, dal meraviglioso soffitto decorato.

Guinness Storehouse 
The Liberties
E’ la Disneyland degli amanti della birra., Questo stabilimento nato nel lontano 1759 occupa oggi 26 ettari di terreno e alcune parti sono state trasformate in un museo hi-tech avveniristico. La struttura è stata trasformata in un edificio che sale per 7 piani assumendo la forma di… una pinta di Guinness!
Durante la visita tutti i componenti della birra vengono illustrati e mostrati in immensi barili. Poi si assiste a tutto il procedimento fra bollitura, fermentazione, maturazione e miscelatura.Viene illustrata la sottile arte della costruzione delle botti, spiegato come avveniva (vecchie carrozze) e avviene (moderni sistemi) il trasporto. Si possono vedere i manifesti di vecchie, ormai antiche di può dire, pubblicità, vi racconteranno la storia di Arthur Guinness e, alla fine, ci sarà la degustazione nello splendido Gravity Bar, un magnifico punto panoramico con vista sulla città.

Penny bridge
uno dei luoghi più fotografati della città. Il celebre ponte pedonale ad arco risale al 1816, costruito per unire le due sponde del Liffey.

Temple bar
È il reticolo di viuzze, caffè, bar, teatri e soprattutto pub! È il ritrovo dei giovani dublinesi, il centro nevralgico del divertimento irlandese, affollato da artisti di strada, musicisti e tantissimi pedoni, punteggiato da ristoranti di tendenza, gallerie alla moda, spazi espositivi e centri culturali, come la Gallery of Photography, il National Photography Archive e l’Irish Film Institute. Ci trascorreremo almeno una serata.

Altri luoghi (che sceglieremo a seconda delle preferenze del gruppo)

Old Jameson distillery
Imponente museo dedicato alla produzione del whiskey che si trova all’interno della vecchia distilleria che risale al 1780. La visita è divertente per i neofiti dell’argomento, fra storia e cultura della sua produzione: i magazzini del grano, la «malt house» dove si lasciava seccare l’orzo in forni, la ruota a pala che tirava le mole che sbriciolavano il grano prima i grandi alambicchi di rame, la maturazione in barili di Porto o di Bourbon. Alla fine del giro si approda al Jameson Bar per un bicchierino di assaggio. Chi vuole può partecipare al giro di degustazione con distillati che arrivano da tutto il mondo mentre il negozio vanta 100 marchi di whiskey irlandese difficilmente reperibili altrove.

James Joyce Museum
Sandycove
Ospitato nella Torre Martello, un antico edificio del 1784 che guarda la Dublin Bay, il museo raccoglie cimeli della vita del celebre scrittore (ritratti di famiglia, foto dei luoghi frequentati, biografie ed edizioni originali delle sue opere). Raccomandato agli appassionati del grande autore. I fan dell’Ulisse non si perdano l’esposizione dei dettagli biografici di 50 dei 300 personaggi dell’opera basata su cittadini dublinesi realmente esistiti. Ma se vi sentite in colpa per non aver letto niente di Joyce non temete: non lesse nulla nemmeno Nora Barnacle, la sua compagna di vita, che addirittura cercò di convincerlo a smettere di scrivere.

General Post Office
Per gli amanti della storia irlandese (speriamo saranno tanti). E’ situato nella parte nord lungo O Connel Street (facilissimo da raggiungere). E’ qui che iniziò e finì la rivolta di Pasqua del 1916 (in inglese Easter Rising, in gaelico Éirí Amach na Cásca) ed è un luogo dal profondo significato simbolico per l'Irlanda repubblicana. Durò dal 24 al 30 aprile 1916. I membri dei Volontari irlandesi, guidati dal poeta Pádraig Pearse, si unirono alla più piccola Irish Citizen Army di James Connolly e occuparono punti chiave della città.  Dal General Post Office proclamarono la Repubblica irlandese e l’indipendenza dalla Gran Bretagna. Ma non ebbero successo: l’insurrezione fu repressa dal governo inglese in soli sei giorni ed i suoi leader furono giustiziati. Eppure, nonostante il suo insuccesso, questa rivolta è oggi considerata una delle tappe più importanti verso l’indipendenza che ci fu qualche anno dopo.

Chester Beatty Library
Southside
La grande collezione del magnate di New York Sir Alfred Chester che era un grande viaggiatore. Ve la proponiamo proprio per questo motivo. Beatty raccolse più di 20.000 manoscritti, libri rari, miniature, abiti e altri oggetti d'arte provenienti da tutto il mondo. Ci manufatti della cultura occidentale, islamica e asiatica, compresa quella che è forse la miglior raccolta di libri cinesi in giada del mondo. E’ anche un ottimo posto per sedersi a riposare o bere qualcosa perché questo museo si trova all’interno della Torre dell'orologio del Dublin Castle ed ha un bel giardino e un terraxxo panoramico.

Dublin Writers Museum
il Museo Degli Scrittori Dublinesi si trova a Parnell Square vicino a uno dei tanti domicili di Joyce (che non pagando l'affitto veniva regolarmente sfrattato). Raccoglie la storia della letteratura irlandese con ritratti, manoscritti, lettere e oggetti personali dei letterati che hanno fatto di Dublino il centro della loro produzione culturale. Vi troverete:
- La prima edizione di Dracula, di Bram Stoker, pubblicato nel 1897.
- Il piano di James Joyce, che aveva a Trieste tra il 1905 e il 1915
- Il vecchio telefono nero, in bachelite, di Samuel Beckett della sua permanenza a Parigi
- Due esemplari di Ulysse pubblicati a Parigi nel 1930
- Una rara firma di Shaw
- La sedia di Haendel, che utilizzò quando suonò il Messiah
- La macchina da scrivere di Brendan Behan (che tirò attraverso la vetrina di un pub in un giorno di sconforto) fino alla sua tessera sindacale (quando era decoratore-imbianchino)
- Il manoscritto On the Strand Howth di Patrick Pearse
- La macchina da scrivere Remington di Patrick Kavanagh oltre alla sua maschera mortuaria
- Gli occhiali, il vestito nero e il cravattino di Mairtin O’Cadhain

Passeggiata su Gran canal
per ammirare le bellissime e colorate case georgiane  dopo i bagordi e la confusione del centro.

Number Twenty Nine
visita ad una autentica casa georgiana che vi darà l’idea di tutti i fasti della vita dublinese alla fine del XVIII secolo.

Oscar Wilde House
Qui il celebre scrittore ha vissuto con la famiglia fino al compimento degli studi al Trinity College.

Il Museo delle arti Figurative Irlandesi (è vicino alla prigione di Kilmainham)e mi ricordo ci si arriva benissimo con la Luas (linea rossa)bellissima l'ambientazione in un edificio storico circondato da un grande e curatissimo giardino all'inglese.

Kilmainham Gaol, una prigione storica della fine del XVIII secolo, 3,5 km fuori dal centro ben raggiungibile con i mezzi pubblici. 

Una visita gratuita alla Hugh Lane gallery in cui è conservato lo studio originale di Francis Bacon.

National Gallery of Ireland
Southside
inaugurata nel 1864, raccoglie arte irlandese, britannica ed europea.

National Museum of Ireland - Archaeology & History
Southside
ospita raccolte dell'Età del bronzo, manufatti celtici dell'Età del ferro, oggetti di epoca vichinga e tesori egizi.

 

Pasti

I pasti saranno in autentiche birrerie, consigliate da esperti conoscitori della città

Cosa si mangia:  una serie di pietanze da pub che hanno quasi sempre la birra come ingradiente base. Ma anche moltra altra roba!
Cosa si beve: birra, birra, birra.

 

Elenco dei pub che piacciono a Vagabondo

Un bel rompicapo attraversare Dublino senza passare davanti ad un pub.
(Leopold Bloom-protagonista dell'Ulisse di Joyce)

BRAZEN HEAD - 20 Bridge Street lower - Il più antico pub della città ha compiuto 815 anni. Nei secoli qui si sono incontrati poeti, dissidenti, cospiratori, artisti e ..boia! Chiedete ancora se potete essere serviti con l'Hangman's Glass! Il locale è vittima della sua stessa fama quindi è molto turistico ed è difficile trovare posto in orari serali.

MULLIGAN'S - 8 Poolbeg Street - Probabilmente è rimasto uguale dai tempi di Joyce (che lo menziona nei Dubliners): moquettes consunte e macchiate, muri anneriti dal tempo. Qui si serve solo birra ma dicono che è la Guinnes migliore della città! Oltre a Joyce anche John Fitzgerald Kennedy era un cliente abituale negli anni 40, quando lavorava come giornalista qui.

O'NEILL'S - 2 Suffolk Street - è stato IL PUB per generazioni e generazioni di studenti e di insegnanti del Trinity College. Ha una pianta irregolare particolare, ricco di separè e di  atmosfera. E' famoso in tutta la città per il suo ottimo e abbondante "Pub Grub", il piatto del giorno. Un altro dei preferiti di Joyce.

THE PORTOBELLO - 33 Richmon Street South - Aperto dal 1803 fu occupato dagli insorti della sollevazione di Pasqua nel 1916 fungendo da teatro per numerose sparatorie con i soldati della vicina caserma inglese. Se ne vedono ancora i segni!

JOHN KAVANAGH'S "THE GRAVEDIGGERS" - vicino allo storico cimitero di Glasnevin - è dal 1833 lo storico pub dei becchini del più grande cimitero della capitale ed è rimasto  come allora ... tra le sue mura annerite e i suoi pavimenti macchiati tornerete indietro di quasi duecento anni.

THE LONG HALL - 51 South Great George's Street - questo pub, aperto dal 1860,  era frequentato per la maggioranza dai dissidenti feniani, ma quando furono tutti arrestati il locale chiuse i battenti !! Riaprì più bello di prima. Da  vedere per l'arredamento particolare, le sue vetrate policrome e i lampadari di cristallo.

O' DONOGHUE'S
Bono degli U2 lo si vede spesso qui dopo la chiusura del Docker's Pub. Questo è il pub più famoso di Dublino per ascoltare musica tradizionale irlandese. Non è neanche troppo turistico ed è frequentato per la maggioranza da dublinesi.

Tutti i pub di Joyce

un elenco di tutti i pub che frequentava Joyce e/o  che sono menzionati nelle sue opere ancora esistenti.

DAVY BYRNES - 21 Duke Street -Dublin2(parte sud del centro georgiana)menzionato nell'ULISSE  (episodio "Lestrygonians")

BRIAN BORU - 9 Prospect Road (vicino al cimitero di Glasnevin) menzionato nell'ULISSE (episodio "Hades")

BLEEDING HORSE - 24 Camden Street Upper Dublin 2 (parte sud del centro georgiana)menzionato nell'Ulisse (episodio "Eumaneus")

FITZGERALD'S - 22 Aston Quay. Temple Bar. Dublin 2- menzionato nell'ULISSE (episodio"Wandering rocks") e nei DUBLINERS (episodio"Counterparts")

KENNEDY'S - 31-32 Westland Row-dublin 2

MULLIGAN'S - 8 Poolbeg Street. Dub 2 (patre sud del centro georgiana) - menzionato nei DUBLINERS (episodio"Counterparts")

OVAL BAR - 78 Middle Abbey Street - menzionato nell'Ulisse (episodio"Wandering Rocks")

O'NEILL'S - 2 Suffolk Street-Dublin 2-menzionato nei DUBLINERS (episodio"Counterparts")

THE BAILEY - 1-4 Duke Street (parte sud del centro georgiana)

Dove ascoltare concerti e musica dal vivo

Altre tre belle mete dove ascoltare e vedere concerti e dove si respira un'autentica e genuina atmosfera irish. Sono frequentati al 99 % da dublinesi.

per il traditional irish folk:

THE COBBLESTONE 77King Street North. SMiTHField (parte nord del centro)

THE CELT 81 Talboot Street (sempre nella parte nord)

O SHEA MERCHANT1, 2 Bridge Street Lower (non lontano da temple bar)

per darsi alle danze tradizionali:

PEDAR KEARNEY'S, 64 Dame Street (centro)

THE QUAYS BAR (dietro Temple Bar)

 

E poi tutti a cantare...

Vecchia sporca Dublino per un figlio che ritorna
sei una madre che attende al tramonto
con la puzza di alcool, coi baci e le canzoni
per chi è stato un prigioniero lontano
c'è una bomba e una pistola, un inglese da accoppare
e una divisa dell'esercito in verde
ma è sempre soltanto la stessa vecchia storia e nessuna lo capirà

Ma lasciatemi qui nel mio pezzo di cielo ad affogare i cattivi ricordi
nelle vie di Dublino il poeta è da solo e nessuno lo salverà

(Modena city Ramblers)

 

Eventi importanti a Dublino

28 ottobre 2013: Dublin Marathon si corre attraverso il centro georgiano della città www.http://dublinmarathon.ie/

14-17 marzo 2014 (in genere primi giorni di marzo): Festa di St. Patrick con People's Parade http://www.stpatricksfestival.ie

16 giugno: Bloomsday
si rievoca il romanzo di Joyce e del suo eroe Ulisse (Leopold Bloom) in giro per la città, con la rivisitazione del pranzo di Ulisse a base di sandwich, gorgonzola, mostarda e bicchiere di Borgogna al Davy Byrne's Pib di Duke Street http://jamesjoyce.ie/bloomsday/what-is-bloomsday/

 

10 cose che (forse) non sapete di Dublino

1. Quando Sigmund Freud, che nei labirinti della psiche umana si muoveva come un pesce nell'acqua, ebbe modo di visitare Dublino scrisse: “Gli irlandesi sono l'unico popolo che non può essere psicanalizzato. Sono troppo inclini alla fantasia.”

2. Dublino vanta “il pub più piccolo del mondo”, o almeno così recita l’insegna del locale in Dawson street, il Dawson Lounge. Pare sia veramente adatto per i puffi…

3. Il famoso “Messiah” di George Fredric Handel, è stato eseguito per la prima volta a Dublino nel 1742.

4. Il Phoenix park che si trova molto vicino al centro città, è da molti considerato il “Parco cittadino più grande d’Europa”. E’ un’area verde veramente enorme. E ospita inoltre un gran numero di esemplari di cervi.

5. L’O’Connell Bridge è l’unico ponte in Europa la cui lunghezza è tale e quale la larghezza.

6. La celebre statuetta degli Oscar del cinema è stata disegnata e ideata dal dublinese Cedric Gibbons, nato nel 1828.

7. Pare che la parola “Dracula”, titolo del famoso libro di Bram Stoker, nato a Clontarf, Nord Dublino, derivi dal gaelico “Droch ola”, che significa “sangue cattivo”, “malato”.

8. I marchi delle tre più famose birre stout irlandesi, la Guinness, la Murphy e la Beamish sono attualmente di proprietà di aziende di altri paesi: la Guinness è stata acquistata dalla Britannica Diageo, mentre la Murphy e la Beamish dalla Heineken international.

9. Uno dei simboli di Dublino è il trifoglio: la parola inglese shamrock deriva dall'Irlandese "seamróg" e nelle lingua originaria significa letteralmente "pianta che cresce in estate". Il trifoglio era una delle piante sacre agli antichi Celti e solo secoli più tardi venne associato a Saint Patrick, patrono e protettore dell'isola. Secondo la leggenda, infatti, San Patrizio utilizzò proprio un trifoglio per spiegare alle popolazioni pagane dell'isola il significato della Trinità Cristiana, ben sapendo che questa pianta era da loro considerata sacra.
Al giorno d'oggi, ogni anno il 17 marzo il trifoglio viene indossato da milioni di persone in Irlanda e nel mondo per celebrare questa festa tipicamente Irlandese.

10. Dublino ha qualcosa in comune con Boston: non solo, entrambe, sono le più grandi “città irlandesi” nel mondo (nel caso di Boston, ovviamente di parla di irlandese nel senso dell’origine degli abitanti): un’altra cosa curiosa è la forma della città e la loro simile posizione sul mare. Al di là di questa somiglianza dall’alto, Boston e Dublino sono due città estremamente diverse sia per il numero di persone, che come tipo di città.

 



Forum dei viaggi passati

    Partenza e Viaggio VagaDOC
-
Dublino Fly and Drink
Ci sono 42 risposte.
L'ultima è del 2017-04-12.
Rossyy
Rossyy
-
Dublino Fly and Drink
Ci sono 97 risposte.
L'ultima è del 2014-11-05.
raffy
raffy


Informazioni Essenziali

    
Trova il tuo viaggio

Effettua la ricerca in base a:

Continente
Italia
Sud America
Centro America
Africa
Sud Est Asiatico
Asia
Medioriente
Europa
Nord America
Oceania
Paese
Nord Italia
Centro Italia
Isole
Sud Italia
Argentina
Belize
Bolivia
Brasile
Cile
Colombia
Peru
Costa Rica
Cuba
Giamaica
Guatemala
Messico
Nicaragua
Etiopia
Marocco
Namibia
Seychelles
Sud Africa
Tanzania
Birmania-Myanmar
Cambogia
Filippine
Laos
Malesia
Singapore
Thailandia
Vietnam
Bhutan
Cina
Giappone
India
Indonesia
Ladakh
Mongolia
Nepal
Sri Lanka
Tibet
Uzbekistan
Georgia
Giordania
Israele
Oman
Palestina
Turchia
Albania
Austria
Belgio
Bosnia Herzegovina
Croazia
Finlandia
Francia
Germania
Gran Bretagna – UK
Grecia
Irlanda
Islanda
Malta
Norvegia
Polonia
Portogallo
Repubblica Ceca
Romania
Russia
Serbia
Spagna
Ungheria
Usa
Canada
Quebec
Arizona
California
Colorado
Florida
Mississippi
Nevada
New York
Nuova Zelanda
Mese
Gennaio
Febbraio
Marzo
Aprile
Maggio
Giugno
Luglio
Agosto
Settembre
Ottobre
Novembre
Dicembre