Gruppo Budapest Fly and Drink - Partenza del 2017-12-29

Budapest Fly and Drink

29
Dic
Completo

Vitale, signorile e imponente: i nomi e i soprannomi che girano attorno a Budapest sono tantissimi! Da “Parigi dell’Est” a “Paradiso delle Terme”, ma il nostro preferito è “Perla del Danubio”, rende di più l’idea.

Conosci il gruppo

Partecipa, scrivi, chiedi, conosci i tuoi compagni di viaggio!

Image
Vai al forum

Dettagli del viaggio

Completo
  • Quota: 270 €
  • Cassa comune: 180 €
  • Partenza: 29  Dicembre  2017
  • Ritorno: 1  Gennaio  2018
  • Durata: 4 Giorni
  • Vagabondo DOC: Nichelina
Prenota

Partecipanti

Vagabondo DOC
Vagabondo DOC
Fin da quando era piccola, Deborah è cresciuta con l'idea di andare oltre il proprio naso e curiosare in giro per il mondo. Tanto è vero che per anni, l'evento di famiglia non era il pranzo di Natale, ma andare alla Bit, tornare a casa sommersi di… Continua a leggereVagabondo DOC

Fin da quando era piccola, Deborah è cresciuta con l'idea di andare oltre il proprio naso e curiosare in giro per il mondo. Tanto è vero che per anni, l'evento di famiglia non era il pranzo di Natale, ma andare alla Bit, tornare a casa sommersi di cataloghi e sfogliarli in famiglia. Ora di strada ne ha fatta e dalla provincia di Como in cui vive, molti di quei paesaggi sulle riviste è andata a vederli di persona per capire se erano proprio come in foto. Parla molto bene inglese e spagnolo, mastica francese, capisce il tedesco e ha ancora qualche reminescenza di cinese grazie ad un soggiorno studio a Shanghai.

Ama la fotografia e la storia, soprattutto quella moderna. Vagabonda curiosa, attenta, testarda, ma disponibile per tutti, non chiedetele però di cercare un ristorante italiano o un caffè come quello che bevete a casa. Siete avvisati.

Nichelina

Questa partenza

  • 29
    Dic
    Dal 29  Dic al 1  Gen
    Completo

Forum del viaggio

Per poter commentare o dialogare con i partecipanti al viaggio è necessario accedere o registrarsi al sito.

Forum del viaggio

26/2/2020 - 22:29 Collegamento permanente

Ecco a voi una delle nostre tappe di Budapest: il castello, o Palazzo Reale che domina la città dall'alto del quartiere di Buda.

 

Nasce come fortezza nel Medioevo, nel Rinascimento diventa uno splendido palazzo sotto il regno di Mattia Corvino e dopo aver ospitato la famiglia reale ungherese per oltre 700 anni, ora è sede di musei e istituzioni culturali ed è anche tra i siti UNESCO. 

Potremmo ammirare la vista sulla città dal Bastione dei Pescatori, composto da 7 torri di avvistamento che rappresentano le 7 tribù ungheresi che hanno dato vita all'Ungheria. 

Repondi
26/2/2020 - 22:30 Collegamento permanente

Forse non sapete che i sotterranei di Budapest nascondono infinite sorprese come ad esempio un ospedale nella roccia e un bunker nucleare proprio sotto al castello. 

 

L'ospedale è stato operativo per tutto il XX secolo e ha attraversato alcuni dei periodi più bui della città: dalla Seconda Guerra Mondiale, alla rivoluzione del '56, alla Guerra Fredda. Ma soprattutto l'edificio è stato tenuto "TOP SECRET" fino al 2002. 

Oggi è un museo in cui ammirare strumenti per le medicazioni, strumenti chirurgici, camere, cucine, bagni, sale operatorie. Sono state addirittura inserite statue di cera e garze sporche di sangue per renderlo più credibile! 

 

Il bunker avrebbe dovuto ospitare 200 tra infermieri e medici per 3 settimane in caso di attacco nucleare. Sono ancora visibili le camere di decontaminazione, le maschere antigas e i kit anti-radiazioni. 

 

Per me appassionata di storia e di "misteri" sarà un piacere proporvi questa tappa! Che ne dite? 

Repondi
27/9/2017 - 00:35 Collegamento permanente

Mi sono appena iscritta ed é davvero bellissimo ció che sto scoprendo. Questo é il viaggio di cui ho bisogno per iniziare l'anno nuovo.

Seguo interessata e appena posso mi iscrivo!

Repondi
26/2/2020 - 22:30 Collegamento permanente

Abbiamo la bellezza di 7 interessati... Chi sarà il primo ad aprire le danze???

Vi lancio una proposta: ai primi iscritti che faranno confermare la nostra Budapest, offrirò da bere. 

Repondi
26/2/2020 - 22:31 Collegamento permanente

Un altro simbolo di Budapest di cui non vi ho ancora parlato è il suo stupendo Parlamento. 

 

L'architetto che lo progettò si ispirò al Duomo di Colonia, ma soprattutto al Parlamento inglese. 

Giusto per darvi qualche numero, è uno dei parlamenti più grandi al mondo e al suo interno ci sono ben 691 stanze!

Repondi
26/2/2020 - 22:32 Collegamento permanente

Tra i tanti momenti di svago che avremo durante il viaggio, non mancherà un momento per passare lungo la riva del Danubio con il famoso monumento dello scultora Gyula Pauer. 

 

L'Ungheria è stato uno dei Paesi più colpiti dal Nazismo, e questo monumento vuole appunto ricordare i cittadini ebrei uccisi e gettati nel fiume dalle Croci Frecciate. 

Un altro monumento molto famoso di Budapest, sempre a memoria delle vittime innocenti, è l'Albero della vita, un salice piangente composto da più di 5.000 foglie su cui sono stati incisi i nomi di ogni vittima ebrea uccisa appunto dalle Croci Frecciate. 

 

 

L'Albero della vita si trova presso la Sinagoga Dohany, la più grande d'Europa e terza nel mondo dopo quella di New York e Gerusalemme. 

 

Nonostante sia stata più volte bombardata, è scampata a ben due Guerre Mondiali e alla Battaglia di Budapest del '44

Repondi
7/10/2017 - 11:01 Collegamento permanente

Concedetemi questo ultimo post a tema "sterminio", dopo questo tornerò a parlarvi di aspetti più piacevoli di Budapest. 

Vi consiglio di leggere il libro "La banalità del bene" di Enrico Deaglio. Racconta la storia di Giorgio Perlasca che, fingendosi console spagnolo, salvò la vita a oltre 8.000 ebrei a Budapest, rilasciando finti salvacondotti che conferivano la cittadinanza spagnola.  

Il suo operato divenne pubblico solo nell'87, quarant'anni dopo, quando alcune donne da lui salvate lo rintracciarono e raccontarono la sua storia. 

E' un libro breve, leggibile in un pomeriggio, ma descrive davvero bene Budapest e uno dei suoi periodi più cupi.

Repondi
7/10/2017 - 19:55 Collegamento permanente

Seguo con molto interesse questo viaggio, perché da tempo vorrei visitare questa città.

Resto solo un pò indecisa in quanto non amo festeggiare il capodanno in nessun luogo, cioè né a casa né in giro, in poche parole é una festa che non sopporto dove si deve bere e basta.

Magari riuscite a farmi cambiare idea? Certo che lo scenario di Budapest sarà spettacolare, ma il freddo che si patirà nelle piazze magari no..;)

Sarei anche io d'accordo a cenare in qualche locale caratteristico tutti insieme oppure un pò di relax alle terme :)

Grazie!

Fede

Repondi