Nepal Trekking - Campo Base Everest

Paesi visitati Tipo di Viaggio
Nepal (e Mustang) Viaggi di Gruppo, Vagabondo a oltranza

Salire fino al primo Campo Base dell'Everest è per molti una delle cose da fare nella vita e per altri un sogno impossibile da realizzare. Con 12 giorni di trekking vi ci portiamo.

Everest Campo Base

Durata: 11 giorni da Lukla
12 giorni se volete anche il volo per/da Kathmandu
Costi:

1330 USD (dollari, non euro!) a persona - Gruppo minimo 4 persone

volo Kathmandu/Lukla andata e ritorno 410 USD

Difficoltà
Un'ascesa che tutti, una volta nella vita, dovrebbero fare.
Programma:

Day 01   Kathmandu / Lukla / Phakding 2652m
Day 02   Phakding / Namche Bazaar 3440m
Day 03   Rest day at Namche Bazaar
Day 04   Namche / Thyangboche 3860m
Day 05   Thyangboche / Pheriche 4243m
Day 06   Pheriche / Lobuje 4930m
Day 07   Lobuje / Gorekshep 5140m
Day 08   Gorekshep / Everest Base Camp / Gorekshep
Day 09   Gorekshep / Pheriche / Pangboche
Day 10   Pangboche / Namche
Day 11   Namche / Lukla
Day 12   Lukla / Kathmandu

LEGGI IL PROGRAMMA DETTAGLIATO

Alloggio:
Si dorme in rifugio, camere doppie, triple e quadruple, bagno in comune.

Partenza e ritorno a Lukla o a Kathmandù.
 
Partenza e Ritorno Iscritti, Status, TL Note Prenotazioni Forum
Dom 13/10/2019
-
Gio 24/10/2019
0
Da confermare
- Prenotami!  Forum! 
Dom 27/10/2019
-
Gio 7/11/2019
0
Da confermare
- Prenotami!  Forum! 
Dom 10/11/2019
-
Gio 21/11/2019
0
Da confermare
- Prenotami!  Forum! 
Dom 24/11/2019
-
Gio 5/12/2019
0
Da confermare
- Prenotami!  Forum! 
Dom 1/12/2019
-
Gio 12/12/2019
0
Da confermare
- Prenotami!  Forum! 
Dom 15/12/2019
-
Gio 26/12/2019
0
Da confermare
- Prenotami!  Forum! 

Vagabondo viaggia senza inquinare

Guarda anche
Info generali sul Nepal
Viaggi di gruppo in Nepal
Viaggi di gruppo in Nepal e Tibet
 

Attenzione: nei prezzi di questi trekking non sono ovviamente inclusi i voli dall'Italia, salvo quando specificato. 

Sappiamo che organizzare un trekking da soli è difficile e soprattutto molto costoso, quindi abbiamo chiesto al nostro Pankaj un calendario di partenze che risolva questi problemi.

Tutte le date di partenza pubblicate qui sono garantite e non c'è numero minimo. Ovvero sono trekking che facciamo anche per un solo vagabondo.
I gruppi sono internazionali e partecipano trekkers di tutto il Mondo.
Le quote includono sempre la guida sherpa (parlante inglese), il cibo, l'alloggio in rifugio e i portatori.

Se siate già in gruppetto e volete partire in altre date è possibile, scrivete a staff@vagabondo.net per informazioni. In questo caso i trekking costeranno il 10% in più.

 

Everest Campo Base

11 giorni da Lukla
12 giorni se volete anche il volo per/da Kathmandù

Giorno 1   Kathmandu / Lukla / Phakding (2652 m). 3-4 ore di cammino.
Per chi vuole volo da Kathmandù (1357 metri) a Lukla (2860 metri). Dura approssimativamente 40 minuti e prima dell'atterraggio avrete una visuale spettacolare sulla montagna più alta del Mondo, l'Everest, un gigante di 8850 metri.
Lukla è situata su una collina sopra il Dudh Koshi River. Da lì iniziamo il nostro trekking, seguendo un sentiero che scende gradualmente attraversando campi, foreste e piccoli villaggi. Attraversiamo anche il grande villaggio di Chauri Kharka, a 2680 metri, e poi arriviamo a Phakding, dove si cena e si dorme.
Phakding è ad un'altitudine di 2652 meters, perfetta per non soffrire di mal di montagna e per acclimatarci sull'Everest!

Giorno 2   Phakding / Namche Bazaar (3440 m). 6-7 ore di cammino.

Da Phakding il sentiero affianca la sponda ovest del fiume Dudh Koshi attraversando il bosco dei Blue Pine fino al villaggio di Benkar. Oltre Benkar si passa sulla riva opposta del fiume. Sopra di noi alte rocce e una vegetazione rigogliosa. Si sale dolcemente fino al villaggio di Chumao. Tra qui e il vicino villaggio di Monjo (2800m), il sentiero scende ripido ad attraversare Monjo Khola, che sotto le montagne di Thamserku, Kangtega e Kusum Kanguru. Da Monjo il sentiero attraversa uno stretto passaggio tra le rocce e poi scende bruscamente fino a riattraversare il Dudh Koshi a Jorsale (2804m). Sulla rupe sopra il fiume è possibile vedere il cervo muschiato dell'Himalaya. Al di là di Jorsale il sentiero segue la sponda occidentale fino alla confluenza con Bhote Koshi e si entra nella regione del Khumbu. Si passa su un ponte  e poi il sentiero zizgagheggia lungo il ripido sperone tra i due fiumi, attraverso boschi radi, fino a un punto panoramico che viene raggiunto dopo 300 metri di salita. Da qui Sagarmatha (Monte Everest) vi appare come in sogno. Poi il sentiero si inerpica ancora, ripido, fino a Namche Bazaar (3440m). Lì ceniamo e dormiamo.

Giorno 03:   acclimatamento a Namche Bazaar
Oggi rimaniamo a Namche Bazaar. C'è bisogno di un giorno per acclimatarci. Ne approfittiamo per andarcene un po' in giro per questo villaggio, che è  un importante
centro di scambi con le vicine popolazioni tibetane.
Per chi se la sente, dalla cima di un colle sopra Namche Bazaar, c'è una bella vista verso l' Everest, il Lhotse e l' Ama Dablam.
Seconda notte a Namche Bazaar.

Giorno 4   Namche / Thyangboche (3860 m). 6-7 ore di cammino.
Dopo colazione riprendiamo la nostra ascesa arrivando al bellissimo Monastero di Thyangboche, 3860 metri. E' stato fondato circa 80 anni fa e ogni anno, in novembre e dicembre, durante la luna piena vi si celebra il Mani Rimdu festival. image Base dell'Everest" title="Mappa del
trekking al Campo Base dell'Everest" width="419" height="600" style="float: right;" />
Procediamo attraversando Sarnasa. Quest'area è ricca di uccelli. Poi riscendiamo gradualmente verso Teshinga a arriviamo a Phungi Tenga. Da qui il sentiero sale. Se alziamo la testa ci appaiono maestosi l'Ama Dablam, il Lhotse e... l'Everest!
Ceniamo a Thyangboche, dove c'è un altro interessante e bellissimo monastero.

Giorno 05   Thyangboche / Pheriche (4243 m). 5-6 ore di cammino.
Il trekking riprende. Il sentiero scende attraversando il torrente Imja Khola, poi risale fino a Pangboche (3985m). Da lì, attraversando altri villaggi, si sale, gradualmente, fino al villaggio di Pheriche, 4243 m. Da qui la vista su Amadablam, Kantega, Tawache, Cho Oyu e Lobuje Peak è eccezionale.

Giorno 06   Pheriche / Lobuje (4930 m). 6 ore di cammino.
Da Pheriche una facile camminata di un'ora ci porta a Tshambur e Thugla (4620m). In 2 ore di salita raggiungiamo il Thugla Top e procediamo lungo la valle del ghiacciaio del Khumbu fino a Lobuje (4930m).

Giorno 07   Lobuje / Gorekshep (5140m)
Seguiamo il sentiero a arriviamo a Gorekshep. Siamo quasi alla nostra meta, mancano solo 3 ore. Dormiamo in rifugio pregustandoci la giornata di domani. Inutile dire che da qui si vede tutto: LhoLa, Pumori, Everest, Nuptse, Khumbu Icefall...

Giorno 08   Gorekshep / Everest Base Camp / Gorekshep. 5 ore di cammino.

In mattinata la nostra grande conquista: Everest Base Camp!!! Siamo a ben 5800 metri. Per molti scalatori il primo campo base dell'Everest è un punto di partenza, per noi è un punto di arrivo... Ma che arrivo! Siamo saliti sull'Everest con i nostri piedi!!!
Ci gustiamo il panorama... e un pranzo pic nic sul tetto del mondo.
Poi torniamo giù a Gorekshep, dove dormiamo una seconda notte.
 
Giorno 09   Gorekshep / Pheriche / Pangboche (3985m). 6 ore di cammino.
Inizia la discesa, lungo lo stesso sentiero dell'andata. Dormiamo a Pangboche.

Giorno 10   Pangboche / Namche Bazaar (3440 m). 6-7 ore di cammino.
Scendiamo ancora, tornando a Namche Bazaar.

Giorno 11   Namche / Lukla (2860 metri). 8 ore di cammino.

Ultimo giorno di trekking, Si scende a Lukla, dove si fa una cena di fine viaggio e l'ultima notte tutti insieme.

Giorno 12   Lukla / Kathmandu
Chi vuole va in aeroporto e prende il volo per Kathmandù.

 

La quota comprende :
-  Guida sherpa parlante inglese
-  Sistemazione 11 notti in rifugi, simili ai nostri ostelli, in camere doppie, triple o quadruple con bagno in comune
-  Pensione completa
-  portatori sherpa (importante, leggete la voce "I portatori sherpa") e cuoco.
-  trekking permit.

Non comprende:  
-  Assicurazione Medica e Trasporto a valle in elicottero in caso di emergenza (consigliamo di stipularne una).
-  Bevande (non serve portarsi una scorta d'acqua ma una sola bottiglia, perchè in ogni villaggio vengono acqua minerale).
-  Eventuale Mancia ai portatori (se la meritano!)
-  Volo Kathmandù/Lukla e ritorno - che può anche essere preso tramite noi

 

NOTA IMPORTANTE: il volo da e per Lukla può subire dei ritardi o cancellazioni a causa del maltempo e della nebbia. Consigliamo quindi di tenere conto di eventuali contrattempi nel programmare il vostro volo di andata e di ritorno dal Nepal.

 ------------------------------------------------------------------

Cosa portare

Per questi trekking non è necessaria un'attrezzatura altamente professionale, ma è fondamentale portare le seguenti cose:
- scarponcini da trekking - dato che ci sono alcuni giorni di discesa l'ideale sono quelli alti alla caviglia. Ci raccomandiamo di non partire con delle scarpe nuove ma di provarle prima con qualche trekking o camminata in Italia!
- sacco a pelo
- una torcia elettrica
- crema solare
- cappello
- medicinali

-----------------------------------------------------------------

Vi presentiamo gli Sherpa

 

Ne avete sentito parlare? Solitamente non appena si parla di Nepal, gli Sherpa vengono subito nominati. Ma per chi volesse schiarirsi le idee... 
Si tratta di un gruppo etnico che ha lontane origini in Nepal, per la precisione vivono da sempre sulle montagne del Nepal nella parte est. Ad oggi però il nome Sherpa indica principalmente i portatori di alta quota, che appartengono per l’appunto a questa etnia. 

Appena arriverete sulla catena muontuosa dell’Himalaya resterete colpiti. 
Vi capiterà di vedervi sfrecciare davanti un bambino di 3/4 anni con un carico già notevole sulla schiena, per non parlare di quando gli sherpa supereranno tutto il gruppo con le loro espadrillas e 40 chili di media sulle spalle. O ancora, potreste avere problemi a seguirli anche in discesa, figuriamoci in salita! Sono sorprendenti. Vero... 
Ma cerchiamo comunque sempre di ricordare che sono persone umane e per questo, per loro soprattutto ma anche per noi, lasciamo a casa il superfluo. 
Cerchiamo di portare solo lo stretto necessario. 
Magari condividendo le cose con il gruppo, oppure, portandovi voi stessi sulle spalle le cose superflue? 
Questa popolazione vi stupirà e vi resterà nel cuore. Cercate di ringraziarli concretamente per il loro essenziale supporto. 

Lo sapevi?

Viaggi di Vagabondo