Costa Rica e Nicaragua Freak Style

Paesi visitati Tipo di Viaggio
Costa Rica, Nicaragua Viaggi di Gruppo, Viaggi Freak Style

Dal Costa Rica al Nicaragua: faremo un viaggio zaino in spalla tra giungle, città coloniali e bellissime spiaggie... Alla ricerca della pura vida che caratterizza queste zone. Pronti a scoprire di cosa si tratta?

 

image

COSTA RICA E NICARAGUA FREAK STYLE

DURATA:

22 giorni
Partenze da Roma o Milano.
A richiesta voli da altri aeroporti (potrebbero richiedere supplementi)

QUOTA:

2280 euro 
Supplemento agosto, Natale e Capodanno 200 euro

CASSA COMUNE: + 650 USD di cassa comune 
da aggiungere alla quota base e versare in loco (Cos’è e come funziona la cassa comune?)

 

PERIODO: tutto l'anno
DIFFICOLTA': 

Viaggio avventuroso. Richiesto alto spirito di adattamento. Si dorme in posadas, non in alberghi, qualche notte senza bagno in camera. In Nicaragua l'acqua calda non esiste proprio.

 GRUPPO:

Minimo 4/5 partecipanti. Massimo 15 + il Vagabondo Doc

 
Possibili eccezioni: a volte potremmo confermare il gruppo anche a 3 partecipanti + il Vagabondo Doc oppure chiudere il gruppo prima del raggiungimento del numero massimo. 
Sul forum di viaggio trovate sempre gli aggiornamenti per ogni singolo gruppo.
 

  Per informazioni scrivete a staff@vagabondo.net oppure telefonate al 333 2675541

COSA SERVE SAPERE?

image
QUOTA

COSA COMPRENDE

image
TIPOLOGIA VIAGGIO

FREAK STYLE
image
VISTI E DOCUMENTI

 INFORMAZIONI UTILI
image
DA SAPERE
DOVE SI DORME? COME CI SI MUOVE?  
image
ITINERARIO VIAGGIO

TAPPA GIORNO PER GIORNO 
image
DATE E PARTENZE

VEDI TUTTE LE DATE PREVISTE 

image

 

 

Da sapere Mi informo...

Questo viaggio in Nicaragua e Costa Rica sarà una bella immersione nella cultura locale e cercheremo di addentrarci il più possibile per capirla a fondo, ovvero: richiesto un alto spirito di adattamento per farlo. 

1. Dove si dorme?

Sempre in alberghetti locali, gestiti da famiglie del posto. Si chiamano hospedaje o posadas. Non sono posti lussuosi, ma sono carini e puliti. Le camere hanno bagno privato (solo in rari casi che segnaliamo bagno in comune) e spesso bar, ristorante, amache per rilassarsi all'esterno.
NB: Non hanno l'acqua calda (tranne qualche alberghetto che usa pannelli solari). Questo perchè in Nicaragua fa molto caldo e non si usa la doccia calda. I nicaraguensi considerano l'acqua calda un vezzo da gente ricca e da hotel 5 stelle internazionale. 
 

2. Come ci si muove?

Useremo lungo questo viaggio i mezzi pubblici in piena modalità Freak Style. Si tratta di una soluzione capillare, economica ed efficiente per quanto riguarda gli autobus. Mentre quando ci servirà la barca ne prenderemo una privata dal momento che le risposte sono tante e le barche pubbliche nella zona della Ruta del Agua sono discontinue e decisamente più care. Per questo motivo useremo una barca tutta nostra e il costo è incluso nella quota del viaggio.

 
3. Il volo

Per arrivare in Nicaragua è possibile volare sia su Managua che su San Josè o Liberia, che sono in Costa Rica. A volte, soprattutto per chi vuole visitare il Nicaragua del sud e la zona del Rio San Juan, è più comodo e veloce arrivarci da San Josè di Costa Rica.

image

 

 

Itinerario Nicaragua e Costa Rica da San Josè


GIORNO 1: VOLO DALL'ITALIA - ARRIVO A SAN JOSÈ DI COSTA RICA 
GIORNO 2: SAN JOSÈ – LOS CHILES – SAN CARLOS - EL CASTILLO  
GIORNO 3: EL CASTILLO (ESCURSIONE ALLA RESERVA INDIO DE MAIS)  
GIORNO 4: EL CASTILLO - SOLENTINAME
GIORNO 5: SOLENTINAME (VISITA DELL’ISOLA DI MANCARRON)
GIORNO 6: SOLENTINAME (GITA ALLA RESERVA DE LOS GUATUZOS)
GIORNO 7: SOLENTINAME – COLÓN – SAN JORGE - ALTAGRACIA (OMETEPE)
GIORNO 8: OMETEPE
GIORNO 9: ALTAGRACIA – RIVAS – GRANADA
GIORNO 10: GRANADA
GIORNO 11: GRANADA – PUEBLOS BLANCOS E VOLCÁN MASAYA - GRANADA
GIORNO 12: GRANADA – PENA BLANCA (COSTA RICA) – PUNTARENAS
GIORNO 13: PUNTARENAS – MANUEL ANTONIO
GIORNO 14: MANUEL ANTONIO  (CHIUSO IL LUNEDÌ)
GIORNO 15: MANUEL ANTONIO - SAN JOSÈ
GIORNO 16: SAN JOSÈ – CARIARI – TORTUGUERO
GIORNO 17: TORTUGUERO
GIORNO 18: TORTUGUERO - CAHUITA
GIORNO 19: CAHUITA
GIORNO 20: CAHUITA - SAN JOSÈ
GIORNO 21: SAN JOSÈ - VOLO PER L'ITALIA
GIORNO 22: ARRIVO IN ITALIA

________________________________________________
 

GIORNO 1: ITALIA -  SAN JOSÈ DI COSTA RICA

La mattina si parte dall’Italia e si attraversa l’Oceano alla volta di San Josè di Costa Rica. Arrivo e pernottamento a Alajuela o San Josè.
________________________________________________
 
GIORNO 2: SAN JOSÈ – LOS CHILES – SAN CARLOS - EL CASTILLO
Oggi inizia il viaggio vero e proprio. Tutti pronti per il bus pubblico che in 5 ore ci porterà alla frontiera con il Nicaragua. Los Chiles è una frontiera davvero curiosa, sul fiume, in mezzo alla giungla tropicale. Molta gente passa di qui, più che altro sono nicaraguensi che lavorano in Costa Rica e tornano a casa a trovare le loro famiglie. 
Passata la frontiera, raggiungiamo in poco tempo la città di San Carlos, dove troveremo il nostro fidato Josè con la barca che sarà con noi per i prossimi giorni. Josè sarà la nostra guida sulla “Ruta de el Agua”, ovvero la parte del paese che va dalle isole Solentiname al rio san Juan. Importantissima sia dal punto di vista naturalistico che da quello storico-culturale.
Da San Carlos imbocchiamo dunque il Rio San Juan e navighiamo fino a El Castillo, un paesino cresciuto intorno ad un’antica fortezza costruita dagli spagnoli nel 1675 per vigilare la rotta per il lago Nicaragua e proteggere Granada e le altre città che si affacciavano sul lago. Notte a El Castillo.
________________________________________________
 
GIORNO 3: EL CASTILLO (ESCURSIONE ALLA RESERVA INDIO DE MAIS)  
Oggi un’escursione naturalistica di tutta la giornata nella Reserva Indio de Mais, uno dei parchi più grandi del paese, una lussureggiante foresta pluviale dove potrete osservare una grande varietà di animali. Sono centinaia le specie di uccelli qui presenti, per citarne solo alcune: tucani, colibrì, are, pappagalli. La riserva è abitata anche da mammiferi come cervi bradipi, cinghiali, puma, giaguari, pacas, volpi. Nel fiume vivono addirittura dei lamantini. Senza dimenticare tutte e tre le specie di scimmie che vivono in Nicaragua (Howler, Bianco-Face, e Spider Monkey) e poi rettili come rane freccia avvelenata, serpenti, coccodrilli, tartarughe e iguane. La sera una bella cena sul fiume e poi a nanna.
Notte a El Castillo.
________________________________________________

GIORNO 4: EL CASTILLO - SOLENTINAME
In barca torniamo a San Carlos dove ci appare in tutta la sua maestosità il grandissimo lago Nicaragua, detto anche Cocibolca. Qui le sue acque sono calme e confluiscono lentamente nel rio San Juan.
In un’oretta di facile navigazione sul lago arriviamo nello splendido arcipelago delle isole Solentiname, casa di Josè. E' un posto ricco di natura ma anche di storia e cultura: gli abitanti di questo arcipelago sono stati in prima linea nella rivoluzione, capeggiati da Ernesto Cardenal. 
La nostra base sarà l’isola di san Fernando, dove ceneremo e dormiremo in posada. Tutto intorno una vegetazione lussureggiante e tramonti pazzeschi sul lago. Trascorreremo qui due giorni, andandocene in barca a visitare le isole e i suoi abitanti.
________________________________________________
 
GIORNO 5: SOLENTINAME (VISITA DELL’ISOLA DI MANCARRON)
Questo primo giorno lo dedicheremo alla storia recente del Nicaragua, partendo dalla visita dell’isola di Mancarron. Qui si viene accolti da una bandiera sandinista e da un monumento ai caduti della rivoluzione, tra cui c’è anche il cognato di Josè. Nei racconti della gente che vive sulle isole si sente, vivissimo, il rispetto e l’amore per questi ragazzi che tanto hanno fatto per la democrazia e i diritti umani. E si sente fortissimo il senso di comunità. La simpatica chiesetta – sconsacrata dal Vaticano – è un altro punto chiave per capire cosa sia successo qui. 
Ernesto Cardenal, il famoso poeta, sacerdote e teologo nicaraguense, iniziò qui a predicare la non-violenza e qui fondò anche una colonia di artisti primitivismi attiva tutt’ora. Scoperta la sua appartenenza al Fronte Sandinista di Liberazione Nazionale (FSLN), fu costretto a rifugiarsi a Cuba, per poi ritornare dopo la cacciata di Somoza. Diventò ministro della Cultura del nuovo governo sandinista. Nel 1983, durante la sua visita in Nicaragua, papa Giovanni Paolo II lo invitò pubblicamente a dimettersi: essendosi rifiutato, ottenne una bella scomunica dal Vaticano. Per lui e per la sua chiesa.
Adesso Cardenal vive tra Managua e la Solentiname. E’ molto anziano ma non ha perso le sue idee.
Dopo la visita di Mancarron torniamo in barca a san Fernando. Cena e seconda notte a San Fernando.
________________________________________________
 
GIORNO 6: SOLENTINAME (GITA ALLA RESERVA DE LOS GUATUZOS)
La giornata di oggi sarà dedicata alla natura. In barca vedremo uccelli e scimmie. Chi vuole potrà fare un trekking sulle colline di questa meravigliosa isola. Oppure prendere un kayak e girare per il lago.
La sera faremo un’escursione notturna in barca, Se saremo fortunati le nostre torce riusciranno ad illuminare dei supercoccodrilli di 4 metri!
Notte a San Fernando.
image
________________________________________________

GIORNO 7: SOLENTINAME – COLÓN – SAN JORGE - ALTAGRACIA (OMETEPE)
Oggi salutiamo le Solentiname ed andiamo a Colón e qui salutiamo il nostro Josè. Raggiungiamo in bus San Jorge e da lì ci imbarchiamo su un traghetto che attraversa il lago. Ad un certo punto appaiono due cime vulcaniche, come in sogno: è l’isola di Ometepe! Al porto di Altagracia scendiamo dal traghetto e raggiungiamo il centro del paese, dove dormiamo.
________________________________________________

GIORNO 8: OMETEPE
La giornata di oggi sarà dedicata alla visita di Ometepe. E’ una delle isole più strane e affascinanti del mondo. E’ fatta ad 8, con un istmo di terra che collega i due vulcani (Concepcion 1610 metri e Maderas 1394 metri) che sembrano uscire direttamente dalle acque.
In pulmino facciamo alcune belle e rilassanti escursioni. Prima di tutto un bel bagno nelle piscine termali de La Presa Ojo de Agua. Gli abitanti del posto sostengono che quest’acqua faccia ringiovanire chi ci si bagna. Poi una bella passeggiata nella laguna del Chaco Verde seguita da un altro bel bagno a playa Venecia, da dove si vede un tramonto straordinario.
Si torna a dormire ad Altagracia.
________________________________________________

GIORNO 9: ALTAGRACIA – RIVAS – GRANADA
La mattina qualche altro giretto sull’isola. Poi si parte in direzione nord. Si prende il traghetto pubblico fino a San Jorge, sulla terraferma, e da lì con un bus pubblico si arriva in 2 ore nella splendida Granada, dove si dorme.
________________________________________________
 
GIORNO 10: GRANADA
Granada è la città spagnola più antica di tutta l’America Latina, la prima che i conquistadores costruirono, nel 1524. E’ bellissima e pulita, si gira facilmente a piedi perché non è molto grande. Coloniale, sulle rive del lago Nicaragua, ha una vita culturale davvero interessante. Nel pomeriggio chi non ne ha abbastanza delle barche può fare una gita alle Isletas. E’ un arcipelago di quasi 400 isolette, alcune minuscole, formatesi diecimila anni fa dall’eruzione del vicino vulcano Mombacho. In un’ora e mezza navighiamo tra queste curiosissime isolette, ognuna della quali è più o meno larga una cinquantina di metri. Purtroppo sono tutte state vendute, o meglio svendute, negli anni passati. Su molte tra le piante tropicali e gli alti alberi spuntano belle ville. Chi sono i proprietari? Tutta gente ricca, nicaraguensi (una è dei Pellas, proprietari del Flor de Cana, una dei Chamorro…) o anche stranieri. Un vero peccato. Ma la gita è bella: si possono avvistare molti uccelli e c’è un’isleta dove vivono delle scimmie (un veterinario le ha liberate e portate qui). Tante anche le ninfee e altre piante acquatiche.
Dopo cena relax per tutti ai bar di calle la Calzada, la bellissima calle central recentemente ristrutturata. Molti gli artisti di strada, si può anche incontrare chi fa il ballo della Gigantona e del Nano Cabezon, due figure del Gueguense, celeberrima antica opera letteraria nicaraguense che unisce musica, danza e teatro.
________________________________________________

GIORNO 11: GRANADA – PUEBLOS BLANCOS E VOLCÁN MASAYA - GRANADA
Oggi una gita "fuori porta" ci condurrà ai paesini chiamati "Pueblos Blancos" (villaggi bianchi), al mercato di Masaya (dove comprare le amache più belle del Paese), alla laguna de Apoyo e al cratere del vulcano Masaya, spento, da dove si gode un bellissimo panorama.
Poi si torna a dormire a Granada.
________________________________________________

GIORNO 12: GRANADA – PENA BLANCA (COSTA RICA) – PUNTARENAS
Oggi salutiamo il Nicaragua e prendiamo un bus verso sud, verso la frontiera con la Costa Rica. Un lunghissimo viaggio, ma dal bellissimo paesaggio, naturale e umano. Scendiamo lungo l'interamericana (che poi è un tratto della celebre Panamericana che idealmente collega la Patagonia con l'Alaska) fino a Puntarenas, cittadina costiera sull'Oceano Pacifico. 
Notte a Puntarenas.
________________________________________________
 
GIORNO 13: PUNTARENAS – MANUEL ANTONIO
Sempre seguendo la Panamericana ci spostiamo al Parque Manuel Antonio. E' un parco famoso in tutto il mondo, e quindi abbastanza turistico, ma è talmente pieno di animali e le sue spiagge sono così magnifiche che non si può perdere! 
Notte a Manuel Antonio.
________________________________________________

GIORNO 14: MANUEL ANTONIO  (CHIUSO IL LUNEDÌ)
Un'intera giornata per scoprire questo bellissimo parco, con le sue spiagge bianche, la sua acqua cristallina, i bradipi che dormono placidi sugli alberi e... i procioni che vi rubano la merenda!
Seconda notte a Manuel Antonio.
 
Attenzione: il parco è chiuso di lunedì.

image
________________________________________________

GIORNO 15: MANUEL ANTONIO - SAN JOSÈ
Oggi si torna a San Josè. Nel pomeriggio visitiamo questa piccola capitale: il teatro, il mercato. Non c'è moltissimo da vedere ma ci facciamo una bella cenetta e ci prepariamo per l'avventura di domani.
________________________________________________

GIORNO 16: SAN JOSÈ – CARIARI – TORTUGUERO
Oggi un bus ci porta a Cariari, da dove partono lance che solcano scuri canali immersi in una vegetazione rigogliosissima. Frequenti gli avvistamenti di bradipi, pappagalli, tucani, iguane e... caimani. Siamo nel parco del Tortuguero, una piccola Amazzonia centramericana. In un'ora di splendida navigazione arriviamo sull'isoletta di Tortuguero, una lingua di sabbia stretta tra i canali e il mar dei Caraibi. La sera ci divertiremo nei semplici ma simpatici localini del villaggio di Tortuguero. Qui dormiamo immersi in una natura incontaminata.
________________________________________________
 
GIORNO 17: TORTUGUERO
Oggi esploreremo il parco prendendo delle barchette a remi e inoltrandoci nei canali più fitti, dove potremo vedere un bel po' di animali.
Una passeggiata in spiaggia (niente bagno, qui ci sono gli squali!), cenetta e poi tutti pronti per un'esperienza che vi rimarrà stampata nel cervello per tutta la vita. Accompagnati da una guida si cammina in fila indiana e in silenzio sulla spiaggia. Tutti al buio (le torce sono vietate), con la sola luna che illumina il nostro cammino. I nostri occhi si abitueranno pian piano alla penombra e ci accorgeremo che sulla spiaggia stanno arrivando dal mare centinaia di enormi testuggini. Si trascinano sul bagnasciuga salendo fin dove il mare non può arrivare. La guida ci farà assistere senza far rumore alla deposizione delle uova, che dura fino a 40 minuti. L'enorme tartaruga chiude la buca di sabbia con le zampe e faticosamente torna verso il mare, un passo dopo l'altro, con una lentezza millenaria. Arrivata al mare nuota e la vedremo sparire a largo. Gli vorremmo gridare "Adios, in bocca al lupo, ritorna l'anno prossimo" ma sappiamo che non possiamo disturbare l'evoluzione di questa grande eppur fragile specie. Così la saluteremo solo con la mano. Ciao, Tartaruga.
 
Attenzione: il periodo di avvistamento delle tartarughe va da giugno ad ottobre. Per chi viaggia in altri periodi l'avvistamento delle tartarughe non sarà previsto.
________________________________________________
 
GIORNO 18: TORTUGUERO - CAHUITA
Oggi un'altra barca ci farà navigare su tutto il fiume Tortuguero. 4-5 bellissime ore per ammirare muri di altissimi alberi, scimmie, colonie di caimani ecc. Arrivati a Puerto Limon prendiamo un bus che va a sud. E siamo a Cahuita. Caraibiiiiiii.
________________________________________________

GIORNO 19: CAHUITA
Cahuita è un altro splendido Parco Nazionale del Costa Rica. Una spiaggia bianca come ne avete viste poche, con un'acqua azzurra e calda dove stare a mollo tutto il giorno. Insomma: paradiso terrestre.
E la sera rummettino e quattro salti in paese non ce li toglie nessuno!
________________________________________________
 
GIORNO 20: CAHUITA - SAN JOSÈ
Sveglia con calma, all'ora di pranzo prendiamo il bus che ci riporterà a San Josè, dove si dorme un'ultima notte.
________________________________________________

GIORNO 21: SAN JOSÈ - VOLO PER L'ITALIA
Se abbiamo tempo in mattinata facciamo ulteriori visite e acquisti. Poi andiamo in aeroporto per il nostro volo di ritorno.
________________________________________________

GIORNO 22: ARRIVO IN ITALIA

________________________________________________
 
 
image

 

 

Quota

€ 2280 a persona
 Supplemento agosto, Natale e Capodanno: € 200 a persona
 
_____________________________

Cassa comune

Cassa comune: $650 a persona  (dollari americani)

La cassa comune è una previsione di spesa di tutte quelle voci che non sono incluse nella voce “la quota include” e come tale va intesa.  Questa previsione di spesa è calcolata in base ai viaggi precedenti o alla nostra esperienza nel caso di prime. Si versa solo una volta arrivati in loco e il valore è calcolato in base a dei costi medi. 
Per informazioni dettagliate vi invitiamo e leggere per bene qui: CASSA COMUNE DI VAGABONDO.

 
 

LA QUOTA INCLUDE:

- Il volo internazionale e le tasse aeroportuali
- l trasporto in barca privata per i 6 giorni di visita della Ruta del Agua, con assistenza della guida Josè (in spagnolo, ma il TL di Vagabondo traduce).
- le notti in posada (camera doppia o tripla con bagno privato) sulla Ruta del Agua (isole Solentiname e El Castillo)
- la prima notte in hotel a San Josè di Costa Rica oppure Alajuela
- Assicurazione sanitaria e bagaglio.

Al viaggio partecipa sempre anche un nostro Vagabondo Doc.

 

LA QUOTA NON INCLUDE (per questi pagamenti utilizzeremo la cassa comune, stimata in circa 650 USD)

- tutti gli altri pernottamenti in camera doppia o tripla
- tutti i mezzi pubblici
- i pasti nei ristoranti locali
- i biglietti di ingresso a siti e monumenti
- le guide (eccetto Josè che è incluso)
- le tasse di frontiera
- le altre escursioni

Assicurazione annullamento opzionale: se la volete stipulare avvertite lo staff al momento dell'iscrizione e vi sarà inviato il preventivo con il costo previsto)

La quota può subire supplementi a seconda del periodo dell’anno, del numero degli iscritti o dei cambi repentini dei prezzi dei voli. A volte siamo costretti ad inserire dei supplementi a causa del costo elevatissimo dei voli, ma vi informiamo sempre e con anticipo. Inoltre i supplementi non hanno MAI valore retroattivo e quindi valgono solo per i futuri iscritti. Sul forum specifico del viaggio trovate le cifre aggiornate di volta in volta e le ragioni di eventuali variazioni. 

 


 

VISTI E VACCINAZIONI

PASSAPORTO:
Nicaragua:
 Necessario, con validità residua di almeno 6 mesi.
Costa Rica: Necessario, (si consiglia una validità residua di almeno 90 giorni dal momento dell’ingresso nel Paese). 
 

VISTO:
Nicaragua: non necessario per turismo fino a 90gg di permanenza nel Paese.
Costa Rica: non necessario per turismo fino a 90gg di permanenza nel Paese. E’ necessario possedere il biglietto aereo di andata e ritorno.

Sul sito Viaggiare Sicuri puoi controllare lo stato attuale del Paese di destinazione.

VACCINAZIONI: 
Non ci sono vaccinazioni obbligatorie per viaggiatori provenienti dall'Italia.
Sia per il Nicaragau che per la Costa Rica è richiesto il vaccino contro la febbre gialla per chi proviene da paesi a rischio trasmissione (qui la lista dei paesi a rischio) e per chi abbia un transito di più di 12 ore in una paese a rischio trasmissione.

É sempre bene verificare con il proprio medico di base e con l’Asl della propria zona.

 

Informazioni utili

Per viaggiare in Nicaragua e Costa Rica vi servono assolutamente:
-    uno zaino: le strade sono spesso viottoli fangosi e con il trolley non si va da nessuna parte
-    un telo copri zaino integrale: i bagagli vengono caricati sul tetto dei bus
-    una torcia: nei piccoli centri non c’è illuminazione stradale
-    antizanzare 
-    K-way: da portare sempre con voi perché piove all’improvviso

Potrebbero esservi utili
-    sacco a pelo 
-    zanzariera o fornelletto da mettere in camera per dormire al sicuro dalle zanzare
-    coltellino
-    spago

 


DATE E PARTENZE PREVISTE PER QUESTO VIAGGIO:

image

Partenza e Ritorno Iscritti, Status, TL Note Prenotazioni Forum
Gio 5/12/2019
-
Gio 26/12/2019
0
Da confermare
- Prenotami!
Gio 16/1/2020
-
Gio 6/2/2020
0
Da confermare
- Prenotami!
Gio 20/2/2020
-
Gio 12/3/2020
0
Da confermare
- Prenotami!
Gio 19/3/2020
-
Gio 9/4/2020
0
Da confermare
- Prenotami!
Gio 9/4/2020
-
Gio 30/4/2020
0
Da confermare
- Prenotami!
Gio 21/5/2020
-
Gio 11/6/2020
0
Da confermare
- Prenotami!
Gio 11/6/2020
-
Gio 2/7/2020
0
Da confermare
- Prenotami!
Gio 2/7/2020
-
Gio 23/7/2020
0
Da confermare
- Prenotami!
Gio 23/7/2020
-
Gio 13/8/2020
0
Da confermare
- Prenotami!
Gio 13/8/2020
-
Gio 3/9/2020
0
Da confermare
- Prenotami!

Pagine


Vagabondo viaggia senza inquinare

 

 

Racconti di gente che ha fatto questo viaggio

Fototeche di gente che ha fatto questo viaggio

Lo sapevi?

Viaggi di Vagabondo