Brasile a Oltranza: Bahia e Maranhao

Paesi visitati Tipo di Viaggio
In letargo

Un viaggio nel Nordest brasiliano, per assaporare i colori di Salvador, le bellezze naturalistiche della Chapada Diamantina e del Maranhao. 

Brasile a Oltranza: Bahia e Maranhão

Durata:

17 giorni. Partenza da Roma o Milano

Costi:

Giugno, settembre e ottobre: 2250 Euro 

Dal 15 luglio e agosto (supplemento 300 euro perchè i voli costano MOLTO di più): 2550 euro

Note:
Viaggio effettuabile da giugno a ottobre.
Gruppo minimo: 5  partecipanti + il vagabondo DOC.
Gruppo massimo 14 partecipanti + il vagabondo DOC.
A Bahia ci muoviamo con i mezzi pubblici. Da Sao Luis a Jericoacara useremo 4x4, pulmini, barche... 
Difficoltà:

Richiesto spirito di adattamento.

Parte del viaggio é in 4x4 immersi nella natura. Strutture durante la parte in nordest: pousadas (strutture spartane ma accoglienti)

Per informazioni scrivere a staff@vagabondo.net o telefonare al 333 2675541.  

programmi qui sotto

 

Al momento non sono previste date di viaggio in questo luogo.
Per maggiori informazioni scriveteci!


Vagabondo viaggia senza inquinare

image
Programma di viaggio

Giorno 1: Italia - Salvador. Notte in volo o arrivo in serata, a seconda del piano voli. Partenza lunedì.
 
Giorno 2: Savador Martedì.

Scarpe comode e si parte per la visita della città.

- La Città Alta
La prima tappa è il Largo do Pelourinho, il cuore della città alta. Qui tutto è simpatico e colorato: gli edifici e le persone. Ma questa piazza nasconde un passato molto amaro: qui venivano legati e frustati, a volte fino alla morte, gli schiavi colpevoli di aver cercato di scappare dai propri padroni. Una punizione esemplare, eseguita in pubblica piazza, ai quali i ricchi signori dello zucchero assistevano dai balconi delle proprie ville. Il presente ora è (fortunatamente!) molto allegro: la piazza è animata da gruppi di percussionisti, capoeristi e bahiane nei loro costumi tradizionali. 
Se avete letto i libri di Jorge Amado (se non lo avete fatto, fatelo prima di partire), vale la pena dare un'occhiata al museo dedicato a lui che si trova proprio sulla piazza.
Visiteremo la chiesa di San Francisco, una delle più belle chiese brasiliane e poi il Museo Afro-Brasileiro dove approfondiremo l'incontro con la religione sincretica del Candomblè, dove ad ogni santo cristiano corrisponde una divinità animista. Una religione perfettamente a metà tra cristianesimo e animismo, frutto dell'escomatage messo in atto dagli schiavi, che non ne volevano sapere di abbandonare le proprie credenze e ingannavano i loro padroni pregando in chiese cristiane ma in realtà adorando i propri dei. Mi raccomando, in questo museo, non perdetevi per nulla al mondo la sala con i pannelli in legno dello scultore argentino Carybè!

Prendiamo l'ascensore Lacerda e in pochi secondi siamo nella città bassa.

- La Città Baixa
Andiamo al tradizionale e variopinto Mercato Modelo che è carico di colori e odori, dove si possono incontrare una grande varietà di cibi, oggetti artigianali, articoli religiosi legati al Candomblé e soprattutto dove si entra in contatto con la vera anima di Bahia, espressione della cultura africana che ha caratterizzato la storia di questa città in maniera molto forte.

Ogni martedì alle 18 nella chiesa di Nossa Senhora do Rosário dos Pretos, al Pelourinho, c'è una messa un po' insolita. Questa chiesa del XVIII sec è stata tirata su dagli schiavi e liberti che, la sera tardi dopo il lavoro massacrante nei campi, venivano a contribuire alla sua costruzione. Tuttora è l'emblema del sincretismo religioso tra cattolicesimo e Orixàs. Infatti qui, l'atmosfera raccolta e silenziosa delle messe classiche è stata sostituita da canti animati e dalle percussioni vibranti. Prendete posto all'interno della chiesa e preparatevi a partecipare attivamente al rito battendo le mani a tempo di musica. Finita la messa, ci facciamo trasportare dall'entusiasmo fino alle gradinate della chiesa do Passo, dove tutti i martedì dalle 19 in poi c'è il concerto gratuito di Geronimo (una vera istituzione da queste parti) e la sua band Monserrat. In alcuni periodi dell'anno, sempre il martedì, si può assistere alle prove tra le strade del pelourinho del complesso di percussioni Olodùm.

 
Giorno 3: Salvador Mercoledì
Oggi mattinata libera per girare, andare al mare o riprendersi dalla serata di ieri.
Nel pomeriggio prendiamo l'autobus e ci spostiamo alla Igresia NS do Bomfim, luogo di culto per tutti i bahiani. La sacrestia a destra dell'altare è tappezzata da ex voto. L'impatto può essere un po' macabro con tutte quelle mani e gambe di cera che vi penzolano sulla testa ma è interessante per capire la forte devozione dei baianos al Senhor do Bonfim. La chiesa è famosa sopratutto per il rituale delle fitinhas: nastrini da legare al polso con tre nodi, un nodo per ogni desiderio da esaudire. Anche le cancellate della chiesa sono tappezzate dai nastrini colorati.
Finiamo la giornata con una passeggiata nel quartiere di Ribeira, appena fuori la chiesa. Sul suo lungomare è facile assistere a tramonti da togliere il fiato.
Stasera possiamo andare a vederci lo spettaccolo di danze tradizionali del Balè folclorico di Bahia, che ogni sera si esibisce alle 20 nel Teatro Miguel Santana al Pelourinho. 50 minuti che voleranno via e vi lascieranno addosso una voglia matta di sapere tutto quello che c'è da sapere sugli Orixàs, la capoeira e questo universo a sè che è la cultura Baiana.
 
Giorno 4:partenza per Lençois - Chapada Diamantina Giovedì
Stamattina presto prendiamo un bus che per l'ora di pranzo ci farà arrivare a Lençois, la porta d'ingresso alla Chapada diamantina. La Chapada Diamantina è un Parco Nazionale, tra i più importanti e belli dell'intero Brasile, che regala un'infinità di scorci magnifici e la possibilità di fare numerosissime attività avventurose. Ce n'è per tutti i gusti: trekking, speleoturismo, rapel e roccia... Offre anche numerosi sentieri, di diversi livelli, percorribili in poche ore... o in diversi giorni! Ci facciamo un giro in questa cittadina coloniale e ci riposiamo un po', da domani ci aspetta una due giorni pieni all'interno del parco.
 
 
Giorno 5 e 6: Chapada Diamantina Venerdì e sabato
Decidiamo insieme, aiutati dal nostro Vagabondo DOC, se preferiamo fare base a Lençois e fare delle escursioni giornaliere per visitare le diverse attrattive della Chapada, oppure se preferiamo fare un tour di due giorni nel parco. 
Preparatevi quindi a cascate (tra cui la cascata da fumaça, la più alta del Brasile!), grotte, montagne e tutto lo sport estremo o no, che vorrete fare!
 
Giorno 7 ritorno a Salvador Domenica
Oggi salutiamo la Chapada e torniamo a Salvador in bus.
Ultima cena a Bahia, che salutiamo con malinconia.
 
Giorno 8 Volo Salvador - Sao Luis Lunedì
 Con un volo interno raggiungiamo Sao luis, capitale dello stato del Maranhao e patrimonio culturale dell’umanità per l’Unesco. Nel pomeriggio ci godiamo gli scorci decandenti e affascinanti di questa città considerata la patria brasiliana del reggae: questo è l’unico luogo al mondo dove il reggae si balla in coppia. Le strette e colorate strade ricordano un po’ Lisbona, in molti vicoli gli edifici sono rivestiti dagli azulejos, le caratteristiche piastrelle di maiolica dipinte a mano. La sera possiamo mangiare in uno dei ristoranti sulla spiaggia e goderci la rilassata atmosfera della baia di Sao Marcos. Pernottamento a Sao Luis
 
Giorno 9: Sao Luis - Barreirinhas Martedì
 

Stamattina iniziamo la parte avventurosa del nostro viaggio: la rota delle emozioni! Ci vengono a prendere e partiamo per Barreirinhas dove arriviamo verso l'ora di pranzo. Andiamo subito a fare un'escursione (compresa nella quota) per vedere i famosi lençois, dune di sabbia bianchissima costellate di specchi d'acqua dolce che formano uno spettacolo naturale unico al mondo! Facciamo il bagno nei laghi più grandi: Lagoa azul e Lagoa Bonita. Non dimenticate il costume da bagno! (Sentitevi liberi di rotolarvi per le dune come bambini, ci penseremo noi a infangare le prove Occhietto ) Ceniamo a Barreirinhas dove dormiamo.

Giorno 10: Barreirinhas - Atins Mercoledì
 
Questa mattina ci imbarchiamo su una chalana e percorriamo il fiume Preguiças e ci fermiamo a Vassouras, villaggio popolato da macaco prego, scimmiette simpatiche e dispettose! Attenti a occhiali, macchinette fotografiche e cibo! Qui visitiamo anche i piccoli lençois. La seconda sosta la facciamo a Mandacarù, un villaggio di pescatori che con il suo faro ci regala una vista panoramica sulla zona (navigazione compresa nella quota). Arriviamo ad Atins nel pomeriggio e possiamo decidere se andare a esplorare ancora altri lençois e fare un'escursione in 4x4 per vedere i piccoli lençois e la splendida laguna di Guajiru (non compresa). Cena e pernottamento nel villaggio sabbioso di Atins.

Giorno 11: Atins - Delta das Americas Giovedì

Da Atins raggiungiamo subito la vicina Caburé con barca veloce e poi partiamo in 4x4 alla volta del Delta das Americas, il più grande delta di tutto il continente americano. Percorriamo una sconfinata spiaggia deserta attraversando di tanto in tanto piccoli villaggi di capanne di pescatori come Paulino Neves e Tutoia. Una volta giunti a Parnaiba, dal porto di Tatus, iniziamo una nuova avventura in barca veloce che ci porterà a conoscere il labirinto delle isole del Delta. Percorreremo stretti canali circondati dalle mangrovie. Avvisteremo iguane, coccodrilli, scimmie, oltre a innumerevoli specie di uccelli. La natura di questo posto ci riempirà gli occhi.
Notte a Parnaiba.

Giorno 12: Parnaiba - Jericoacara Venerdì

Dopo colazione partiamo in 4x4 per raggiungere la perla del Nordeste: Jericoacoara. E' un parco naturale con un mare bellissimo, dove si possono praticare un sacco di sport acquatici, imparare la capoeira o semplicemente rilassarsi spaparanzati su un'amaca in riva al mare. Per i prossimi giorni questo angolo di paradiso lo chiameremo casa: è un posto informale, dove si gira in infradito o a piedi nudi perchè l'asfalto qui non c'è essendo un parco naturale nazionale.

Giorno 13: Jericoacara Sabato

Giornata di relax a Jericoacara, mare e sport acquatici. Qui i carretti preparano ad ogni ora del giorno e della notte la celeberrima Caipirinha, soprattutto il tardo pomeriggio quando tutti salgono sulla grande duna ad ammirare il tramonto. Cena e pernottamento nel villaggio di Jericoacoara.

Giorno 14: Jericoacara Domenica

Jericoacara, escursione alle lagune vicine. A bordo dei buggies e accompagnati da una guida locale, possiamo esplorare le vicine lagune di jericoacoara. Per chi preferisce un’esperienza ancora più naturale, al pomeriggio è possibile fare una passeggiata a cavallo per ammirare il suggestivo tramonto di Pedra Forada.

Giorno 15: Jericoacara (possibile trasferimento a Fortaleza a seconda del volo) Lunedì

se domani il nostro volo di rientro è la sera dormiamo un'altra notte qui. Se è la mattina il pomeriggio ci spostiamo a Fortaleza dove passiamo la notte. Possiamo decidere se arrivare a Fortaleza in 4x4 facendo il percorso passando attraverso le spiagge o quello più veloce percorrendo strade in parte asfaltate.

Giorno 16: Jericoacara - Italia Martedì

Jericoacara – Fortaleza – ahimè! casa

Giorno 17: Italia Mercoledì
arrivo in Italia.

La quota comprende
- Voli internazionali comprensive di tasse aeroportuali e bagaglio;
- Pernottamenti a Salvador, in pousada.
- Voli interni Salvador – Sao Luis compreso di tasse e bagaglio fino a 23 kg.
- Notte a Sao Luis
- Tutti i trasporti durante la rota - utilizziamo solo veicoli con il permesso di circolazione per i parchi di Lençois e Jericoacara:
Sao luis- Barreirinhas: in pulmino condiviso che ci viene a prendere in hotel a Sao Luis
Barrerinhas - Atins: in chalana (barca) lungo il fiume Preguiças
Atins - Delta do Parnaiba: in barca e 4x4
Parnaiba - Jericoacara: in 4x4
- Escursioni:
Grandi Lençois Maranhenses da Barreirinhas 
Delta do Parnaiba in barca
-Pernottamenti e colazioni a Barreirinhas, Atins, Parnaiba in doppia con bagno privato, tripla se siete dispari.
- assicurazione medico e bagaglio
 
AL viaggio partecipa sempre un vagabondo DOC - chi è? cosa fa?
 

La quota non comprende

- Trasporti, notte e escursioni a Chapada Diamantina
- Notti a Jericoacara 
- eventuale notte a Fortaleza (non per tutte le partenze si dorme a Fortaleza, vedere sul forum della partenza)
- trasporto da Jericoacara a Fortaleza – si può scegliere di fare il percorso attraverso le spiagge in 4x4 o quello più rapido e più economico che fa le strade asfaltate.
- Pasti
- Ingressi a musei e monumenti a Salvador.
- Tutto ciò non specificato nella quota comprende.

Per queste spese verrà fatta una cassa comune  - prevediamo circa 650 Euro.


Lo sapevi?

Viaggi di Vagabondo