Bhutan e Sikkim da Calcutta

Paesi visitati Tipo di Viaggio
Bhutan, India Viaggi di Gruppo

Un viaggio alla scoperta di Calcutta, dello stato indiano del Sikkim e del Darjeling nel West Bengala, dove viene prodotto il famoso tè… Ma anche un viaggio alla scoperta del Bhutan, l'unico regno buddista tibetano rimasto indipendente, un piccolo gioiello himalayano che lascia senza parole. Andiamo?

image

 

Bhutan e Sikkim da Calcutta

Durata:

15 giorni  

Partenza da Milano o Roma (partenze da altri aeroporti su richiesta e previa disponibilità).

Costi:

3650 Euro a persona per gruppi da 10 a 15 partecipanti
3800 Euro a persona per gruppi da 4 a 9 partecipanti

+ Cassa comune da aggiungere alla quota base e versare in loco: 150 euro a persona (Cos’è e come funziona la cassa comune?)

Periodo:

Da marzo ad ottobre. 

I periodi migliori per visitare il Bhutan sono autunno e primavera in quanto il clima è secco, mentre giugno, luglio ed agosto sono più piovosi.

Difficoltà:



Visto:


Vaccinazioni:

Facile ma con itinerario intenso. L'altitudine non è un problema (non si dorme mai troppo in alto).

 

Necessario il visto per viaggiare in India.
Come richiedere visto per l’India
Come si compila il modulo di richiesta visto India online

 

Nessuna obbligatoria, ma sempre meglio consultare la propria ASL di riferimento o il proprio medico personale.

 

Partenza e Ritorno Iscritti, Status, TL Note Prenotazioni Forum
Sab 8/6/2019
-
Sab 22/6/2019
0
Da confermare
- Prenotami!
Sab 13/7/2019
-
Sab 27/7/2019
0
Da confermare
- Prenotami!
Ven 9/8/2019
-
Ven 23/8/2019
4
Confermato
_Nur_

Con il vagabondo doc Tommaso / _Nur_. Iscritto un vagabondo di 49 anni

- Prenotami!  Forum! 
Sab 7/9/2019
-
Sab 21/9/2019
0
Da confermare
- Prenotami!
Gio 3/10/2019
-
Gio 17/10/2019
0
Da confermare
- Prenotami!

Vagabondo viaggia senza inquinare

Da sapere Mi informo...

Il Bhutan è una meta tanto sognata quanto difficile da visitare. Il Regno infatti, per preservare cultura e territorio, applica delle regolamentazioni piuttosto restrittive per ciò che riguarda il turismo e per visitare il paese è necessario appoggiarsi ad una agenzia locale che provvederà ad organizzare tutti i servizi per il soggiorno. Inoltre ci sono solo due compagnie aeree che volano in Bhutan e partono solo da alcune (poche) città asiatiche.

Per queste ragioni, ai fini della conferma del viaggio, è di fondamentale importanza iscriversi con larghissimo anticipo.

 

Itinerario Bhutan e Sikkim da Calcutta

GIORNO 1: Italia – India
GIORNO 2: Arrivo a Calcutta
GIORNO 3: visita di Calcutta
GIORNO 4: Calcutta - Paro (in aereo) (Altitudine 2280 m)
GIORNO 5: Paro
GIORNO 6: Paro - Thimpu (65 km, 2 ore) (Altitudine 2320 m)
GIORNO 7: Thimpu - Punakha - Thimpu (160 km in tutto)
GIORNO 8: Thimpu - Phuntsholing (180 km, 6 ore) (altitudine 293 m)
GIORNO 9: Phuntsholing – Gantok (170 km, 7 ore) (altitudine 1700 m)
GIORNO 10: Gantok
GIORNO 11: Gantok - Kalimpong (70 km, 2 ore) (altitudine 1250 m)
GIORNO 12: Kalimpong - Darjeeling (80 km, 3 ore) (altitudine da 1800 m a 2400 m)
GIORNO 13: Darjeeling (piccolo trekking al Tiger Hill)
GIORNO 14: Darjeeling - Bagdogra Airport (95 km, 3 ore) - volo per Delhi
GIORNO 15: Delhi - Italia

 

Programma di viaggio

GIORNO 1: Italia – India
Partiamo dall’Italia alla volta dell’India.
 
 
GIORNO 2: Arrivo a Calcutta
Sbarchiamo a Calcutta “la città della Gioia” secondo Dominique Lapierre  e “la città dell’orribile notte” secondo Rudyard Kipling. Ma anche la città di Madre Teresa e della cultura. E’ questa una città carica di simboli e contraddizioni, un agglomerato di almeno 12 milioni di persone (quelle dichiarate) costruito dal nulla nel 1690 per volere degli inglesi, un posto magico e demoniaco dove gli ingorghi durano ore e c’è sempre una vacca sacra nel mezzo. Questo sarà il nostro battesimo indiano.
Notte a Calcutta.

GIORNO 3: visita di Calcutta (KALI TEMPLE, MOTHER TERESSA HOUSE, HOWRAH BRIDGE AND BAZAAR)
Oggi facciamo una bella visita della città.
Iniziamo dal tempio di Kali, che non è un luogo turistico ma un tempio attivo e frequentatissimo che può illustrarvi molto bene il panorama della ritualità induista. Qui la mattina dalle 6 e mezza alle 9 e mezza vengono esposti i corpi dei defunti, che poi verranno spostati ai ghat per la cremazione. Qui avvengono sacrifici animali (soprattutto capre). Qui gli sposi vengono ad attaccare un filo per chiedere l’arrivo di un figlio e, una volta arrivato, lo staccano e offrono una ghirlanda di ibisco.
Poi andiamo a vedere il vicino Nirmal Hriday, il  lazzaretto di Madre Teresa e ci ricordiamo questa piccola infaticabile suora albanese, vincitrice del Nobel per la pace.
Passiamo sul Howrah Bridge, il ponte di metallo divenuto il simbolo di Calcutta, un’unica arcata di 450 metri sul fiume Hooghly. Sotto il ponte viene allestito il mercato dei fiori che è sempre animatissimo.
E poi ci perdiamo nel Bazaar e nella caotica vita pulsante della città.
Notte a Calcutta. 

GIORNO 4: Calcutta - Paro (in aereo) (Altitudine 2280 m)
Oggi ce ne andiamo all’aeroporto e in poco più di un’ora di volo siamo a Paro, in Bhutan.
Arrivo a Paro aeroporto e trasferimento in hotel. Il resto della giornata è libero per girare questa piccola città che si trova nel centro della ricca e fertile valle di Paro, caratterizzata da bellissimi paesaggi, villaggi pittoreschi ed edifici storici. Qui troverete i più grandi, più vecchi e più affascinanti dzong (monasteri) del regno. Un luogo davvero da favola.
Pernottamento a Paro.

GIORNO 5: Paro

Al mattino iniziamo la giornata con la visita di uno dei luoghi simbolo del Bhutan: il Taktsang Monastery, noto anche come Tiger nest. Proseguiamo poi con la visita di Drukgyel Dzong (la fortezza dei vittoriosi Drukpa) appollaiata su una roccia a strapiombo. Pernottamento a Paro.
Poi andiamo a vedere la torre di guardia, in lingua locale chiamata Ta-Dzong, che ospita il Museo Nazionale. E' una elaborata torre a pianta circolare situata in posizione davvero suggestiva. Nel museo al suo interno sono esposti sia oggetti di uso domestico che di vita religiosa, sia armi della passata attività militare bhutanese. E poi ovviamente bellissimi tangka come non ne avete mai visti. Il museo è chiuso il lunedì,
Facciamo quindi una breve piacevole passeggiata in discesa fino al Dzong Rinpung, che è uno dei più celebri monasteri bhutanesi. Questo tempio-fortezza del XVII secolo ospita oggi una comunità di 200 monaci ed è usato come centro amministrativo del distretto. Anche chiamato "La fortezza dei gioielli ammonticchiati", è famoso per la qualità della lavorazione del legno, per i suoi mandala cosmici e per aver ospitato le riprese del Piccolo Buddha di Bernardo Bertolucci.
Torniamo a piedi in città attraversando il ponte e facciamo una bella passeggiata per il mercato.
Pernottamento a Paro.
 
image

GIORNO 6: Paro - Thimpu (65 km, 2 ore) (Altitudine 2320 m)
Dopo colazione partiamo per Thimpu, la capitale del Buthan, che si trova in una bellissima vallata ricca di boschi, adagiata su una collina sulla sponda del fiume Thimphu Chhu. La città ha conservato il suo fascino medioevale, con le case colorate e gli ornamenti lignei.
Dopo aver lasciato i nostri bagagli in hotel visitiamo la città: il Memorial Chorten, che oltre a rappresentare un vissuto centro devozionale contiene numerosi dipinti sacri e statue tantriche, ed il tempio Changgangkha. Poi andiamo al grandioso Trashi Chhoe Dzong (fortezza della Religione Gloriosa), uno dei monasteri più importanti e suggestivi del Buthan. Oggi ospita la sede del governo e la sede estiva del clero. Lo dzong originale fu costruito nel 1216 ma a causa di ripetuti incendi è stata ricostruito tre volte. Completiamo la visita della città con lo Zoo, la Zilukha Nunnary, La Biblioteca Nazionale, la School of Arts & Crafts o la Scuola di Pittura dove si insegnano le attività tradizionali a bambini particolarmente dotati provenienti da tutto il Bhutan. 
Pernottamento a Thimpu.

 
image

GIORNO 7: Thimpu - Punakha - Thimpu (160 km in tutto)
Oggi facciamo un’escursione a Punakha per visitarne l’omonimo Dzong che domina il suo fondovalle. E’ un edificio maestoso costruito tra il 1637 e il 1638 che si trova alla confluenza dei fiumi Pho Chhu e Mo Chhu. Nel 1907 qui avvenne l'incoronazione del primo re del Bhutan: Ugyen Wangchuck (o Deb Nagpo).
Rientro a Thimpu per la cena e il pernottamento.

GIORNO 8: Thimpu - Phuntsholing (180 km, 6 ore) (altitudine 293 m)
Prima colazione in hotel e poi partiamo per il lungo viaggio che ci farà scendere dalle montagne e ci porterà a Phuntsholing, alla frontiera con l’India. Sulla strada ci fermiamo a visitare la diga del Chukkha Hydel project, una grande centrale idroelettrice molto importante per le relazioni politiche tra India e Buthan.
Arriviamo a Phuntsholing e facciamo il check-in in hotel. Ci facciamo un giretto per questa città di frontiera con la sua popolazione di etnie provenienti un po’ da tutto il continente indiano.
Pernottamento a Phuntsholing.

GIORNO 9: Phuntsholing – Gantok (170 km, 7 ore) (altitudine 1700 m)
Oggi passiamo la frontiera e torniamo in India arrivando a Gangtok, la capitale del Sikkim. Qui il panorama è spettacolare con la cornice di alti monti che si staglia all’orizzonte.
Lasciati i bagagli in hotel visitiamo l’esposizione del Directorate of Handicrafts and Handlooms oppure del Government Institute of Cottage, dove vengono conservati ed esposti manufatti tipici. Visitiamo anche il Monastero di Enchey, un piccolo eremo costruito da Lama Druptob Karpo.

Pernottamento a Gantok.

GIORNO 10: Gantok
Oggi visitiamo ancora i monumenti presenti a Gantok: lo stupa buddhista del Do-Drul Chorten (Stupa), l’ Istituto di ricerca sulla tibetologia dove potrete imparare certamente qualcosa che ancora non sapete sul buddhismo vajrayana e sulla cultura tibetana in generale. Poi ce ne andiamo al Monastero di Rumtek, in puro stile tibetano, che svolge un ruolo importantissimo nella vita religiosa e politica locale. E’ infatti la sede della setta buddhista esiliata dei Kagyu (i Berretti Neri). Il complesso è molto grande, praticamente un villaggio con edifici religiosi e scuole. Famosissimo è il Golden Stupa, che ospita le ceneri del celebre XVI Karmapa. Dopo saliamo anche al Ganesh Tok, dedicato al dio Ganesh, dal cui belvedere si gode di un panorama mozzafiato sulla città. Ci fermiamo anche al view point di Tashi per fare delle foto.
Pernottamento a Gantok.

GIORNO 11: Gantok - Kalimpong (70 km, 2 ore) (altitudine 1250 m)
In mattinata partiamo per Kalimpong, che si trova nel distretto di Darjeeling. Siamo quindi tornati nello stato del West Bengala. Kalimpong  è un luogo di villeggiatura ideale per il suo clima mite durante tutto l'anno. E’ molto bello osservare per le sue strade una miscellanea di etnie e religioni diverse provenienti dai vicini Tibet, Sikkim, Nepal e Bhutan. Visitiamo la città con calma e ognuno avrà tempo libero per girarla secondo i suoi ritmi.
Pernottamento a Kalimpong.

image
GIORNO 12: Kalimpong - Darjeeling (80 KM, 3 ORE) (altitudine da 1800 m a 2400 m)
Al mattino partiamo per Darjeeling. La città è popolarmente conosciuta come la "Regina delle colline" e produce il famoso tè Darjeeling, uno dei migliori tè del mondo. Si sviluppa su vari livelli per cui la sua altitudine… varia a seconda dei quartieri. Ci sono un sacco di scale quindi… gambre in spalla! Il resto della giornata è libera.
Pernottamento a Darjeeling.

GIORNO 13: Darjeeling (piccolo trekking al Tiger Hill)
Stamattina ci svegliamo presto per salire al Tiger Hill per veder sorgere il sole su Himalaya. Due o tre ore di piacevole camminata ci porteranno ad ammirare alcune tra le vette più alte del mondo. Nel pomeriggio visitiamo Darjeeling: il Mountaineering Institute e l’Everest Museum (che piaceranno molto agli appassionati di montagna), visita dell'istituto alpinismo, il Lebong race course e, ovviamente, una bella passeggiata per le piantagioni di tè.
Pernottamento a Darjeeling.

image

GIORNO 14: Darjeeling - Bagdogra Airport (95 km, 3 ore) - volo per Delhi
Oggi ci trasferiamo all'aeroporto di Bagdogra per prendere il volo per Delhi.
Notte a Delhi.

GIORNO 15: DELHI - ITALIA
Ed eccoci qui: stamattina abbiamo il nostro volo di ritorno in Italia. Carichi di ricordi, belle foto e qualche souvenir ce ne torniamo a casetta.

 

La quota comprende:

- voli intercontinentali 
- tasse aeroportuali
- i voli interni
- tutti i trasporti per tutta la durata del viaggio (Si utilizzano sia pulmino a Calcutta e Delhi che auto Toyota Land Cruiser / Toyota Innova o similare in Buthan e nel passaggio di confine Buthan/India).
- tutti i pernottamenti in hotel in camera doppia (tripla se il gruppo è dispari) con bagno privato
- trattamento di pensione completa durante i giorni in Buthan
- trattamento di mezza pensione durante i giorni in India
- guida locale parlante inglese durante i giorni in Buthan ed a Calcutta
- Ingressi a tutti i monasteri, parchi e monumenti visitati
- tasse governative di soggiorno
- visto per il Bhutan

- Assicurazione Medico Sanitaria e Bagaglio

 
Al viaggio partecipa un vagabondo DOC - chi è? cosa fa?

Non comprende (per queste spese stimiamo una cassa comune di 150 euro):
- Il Visto India
- I pranzi in India
- mance
 
OPZIONALI:
- assicurazione annullamento viaggio (vedi sotto)
- camera singola con supplemento singola 50 euro per notte.
 
 

Hotel normalmente utilizzati per questo viaggio

KOLKATA  Hotel Regenta Orkos  - 3 star superior 
THIMPU  Phuentshopelri  / Tashi Yoedling/ Wangchuk Resort / Migmar /  Amodhara / Similar 
PAROO   latha Olathang / Dewachen / Base Camp Resort / Khangkhu / Metta / similar 
PHUENTSHOLING  Hotel Lhaki / hotel  Orchid / hotel  Park 
GANGTOK  Orange Village, Gangtok 
KALIMPONG  Hotel Silver Oaks 
DARJEELING Hotel Cedar Inn 
DELHI Hotel Grand Vikalp 
 

VISTI E VACCINAZIONI

PASSAPORTO:
Necessario. Il passaporto deve essere valido per almeno 6 mesi dalla data di uscita dal Bhutan.
 
VISITI:
Necessari sia per l'India che per il Bhutan. 
Per l'India è necessario ottenere il visto prima della partenza e la richiesta vista può essere fatta online. A questi link maggiori informazioni ed indicazioni su come procedere alla compilazione della richiesta visto: Come richiedere visto per l’IndiaCome si compila il modulo di richiesta visto India online
Per il Bhutan, il nostro corrispondente locale si occuperà della procedura per ottenere il visto. Per elaborare il visto, vi richiederemo la copia scannerizzata del vostro passaporto e le tempistiche di rilascio sono di circa 14 giorni. Il visto vi verrà consegnato al vostro arrivo in India e dovrete portarlo con voi durante il viaggio. 
 
VACCINAZIONI: 
Non sono previste vaccinazioni obbligatorie, ma è sempre bene verificare con il proprio medico di base e con l’Asl della propria zona.
 
 

Lo sapevi?

Viaggi di Vagabondo