Risveglio nella giungla

Inguainata in un fuseax di pelle verde smeraldo con degli intriganti riporti nero brillante, quella notte, Lei, non sarebbe certo passata inosservata.
I suoi pro  fondi occhi scuri tradivano una lucentezza strana, forse rugiada, forse una lagrima, chissà .

A Khao SOK, dove ero col mio gruppo di vagabondi, si vive quasi inghiottiti dalla rigogliosa natura circostante.

La bruma mattutina spazza dolcemente la nebbia che ovatta le cime degli alberi.
Mi ero appena svegliato .
Una voglia incontenibile di uscire dal mio capanno e godere , in solitudine , il risveglio della foresta.
Tutto taceva attorno, o forse no.
Lei non mi mollava gli occhi di dosso.
Avrei voluto baciarla con passione e tenerezza ma tutto sarebbe stato scontato. La giungla fuori, lo sciabordio del torrente accanto : era il momento giusto, anzi perfetto.
Le volsi le spalle, feci una doccia fredda ma l'acqua che mi bagnava , pareva calda, bollente, sulla mia pelle.
Lei paziente attese, si stiracchio' e il suo sguardo incrocio' il mio per l'ennesima ed ultima volta.
Mi rivolse, allora, un dolce,dolcissimo gracchiante saluto.

Ciao Raganella che hai condiviso quella notte, nella tua giungla, con me.

Sito correlato:
Autore: 
Carlos

Lascia il tuo commento

Accedi o registrati per inserire commenti.

I viaggi di vagabondo nei luoghi del racconto

I viaggi di vagabondo nei luoghi del racconto

carlos711

Ritratto di carlos711
Offline
Last seen: 2 settimane 4 giorni fa
Iscritto: 3/3/2013

Lo sapevi?

Data del viaggio: 
22/02/2015
Luoghi: 

Prossime partenze

Pagine