Gruppo Giappone freak style - Partenza del 12-04-2020

Viaggio in Giappone alla scoperta dei suoi Patrimoni Unesco, delle sue meraviglie naturali, delle sue tradizioni e della sua modernità. E ancora dell’ottimo cibo giapponese da un lato e dei suoi enigmi dall’altro.

Clicca qui per informazioni generali sul viaggio. Nel forum saranno pubblicate le informazioni specifiche per questa partenza.

Giappone freak style

Giappone freak style

34 contenuti / 0 nuovi
Ultimo contenuto
Ritratto di Vagabondo0
Offline
Last seen: 9 ore 51 min fa
Iscritto: 10/02/2012 - 01:24

Con la vagabonda doc Raffaella / Raffa_OnTheShore

image

Raffa nasce a Bari e cresce a focaccia, pesce crudo e peroni ghiacciata. Un bel giorno le regalano un biglietto per Parigi e lì capisce che non può vivere senza portare di frequente la sua testa nel posto che da sempre preferisce: le nuvole! Così comincia a girare: in Europa, negli Stati Uniti, in Africa, Centroamerica e Sudest Asiatico a volte da sola e molto spesso in compagnia. Adora vivere i luoghi come se fosse una persona del posto: viverne il giorno e la notte, provare il cibo locale e lo street food, chiacchierare con chiunque, esplorare i posti con lunghe camminate o corse in bici. Ha vissuto a Chicago, Dublino, Londra, Milano e ha stabilito, da ultimo, la sua base a Roma. Da anni si cimenta nel teatro comico amatoriale con una splendida compagnia con cui, quando possibile, gira l'Italia per partecipare a rassegne e concorsi.

image

 

Quota

€ 1900 a persona

+ cassa comune da aggiungere alla quota base e versare in loco: € 800 a persona  (Cos’è e come funziona la cassa comune?)

LA QUOTA INCLUDE:

- Il volo dall'Italia a/r compreso il bagaglio da stiva
- tasse aeroportuali
- Japan Rail Pass per 7 giorni (da conservare con molta cura perchè se perso non si può rifare. Il vostro Japan Rail Pass coprirà i trasporti dal giorno 7 al giorno 13)
- Le prime 5 notti a Tokyo in ostello in camerata con bagno condiviso
- Assicurazione Medico Sanitaria e bagaglio
 
Al viaggio partecipa sempre anche un nostro Vagabondo Doc - chi è? cosa fa?
 

LA QUOTA NON INCLUDE (e per queste spese è stata stimata una cassa comune di € 800 a persona):

- i pernottamenti non inclusi (4 notti a Kyoto, 2 a Hiroshima, 2 a Tokyo). Si dorme in ostelli o ryokan in camerate camerate con bagno in comune
- I pasti (colazione, pranzi e cene. A differenza di come possa sembrare, in Giappone è possibile mangiare dell’ottimo cibo a prezzi incredibilmente bassi. Da 6 a 10 euro a pasto, spuntini da 2 euro)
- Ingresso ai templi e parchi (gli ingressi variano da un minimo di 200 yen a un massimo di 1.000 yen, ma la maggiorparte delle entrate costa 500yen)
- gli spostamenti non inclusi nel Japan Rail Pass 
 
Opzionale
- assicurazione annullamento (da richiedere al momento dell'iscrizione. Costa un 5-6 % del costo del viaggio)
- estensione massimali polizza medica 
 
A volte siamo costretti ad inserire dei supplementi a causa del costo elevatissimo dei voli, ma vi informiamo sempre e con anticipo proprio su questo forum. Vi consigliamo però di iscrivervi con anticipo se non volete correre il rischio di supplementi da pagare.

image

Programma Viaggio Giappone Freak Style

Potete trovare il programma viaggio Giappone Freak Style dettagliato qui:

image

Al momento della conferma del viaggio il programma potrà subire delle piccole variazioni in base ai voli utilizzati. Sempre al momento della conferma del viaggio, vi verrà inviato il programma definitivo via mail insieme a tutte le altre informazioni di viaggio.

Gruppo

Da confermare.

Il numero minimo di partecipanti per la conferma di questo gruppo è di 4 o 5 persone + il Vagabondo Doc.

Informazioni utili

image

Viaggio di Vagabondo: 
Vagabondo DOC: 
Ritratto di Raffa_OnTheShore
Online
Last seen: 9 min 17 sec fa
Iscritto: 16/07/2010 - 18:47
Pasqua in Rosa!

"Il Fujiyama vegliava su di me,
sui miei pensieri riflessi in un bicchiere di profumato the
che c'è
sotto i mandorli in fiore"


Buon pomeriggio Futuri compagni di viaggio!!!!

... per caso riconoscete i versi qui sopra? Un indizio: non si tratta di un haiku Pardon

nè di una citazione presa da un libro di uno dei molti scrittori giapponesi di fama Si si

Ma è il primo "verso" che mi è venuto in mente appena ho avuto la bellissima notizia che avrei accompagnato il viaggio primaverile di Vagabondo in Giappone!!

Pensate che meraviglia: un concerto di profumi e colori tutto per noi!!

Sono anni che sogno di vivere il Giappone in questo periodo: senza il caldo soffocante estivo o il freddo invernale, ma quando la bellissima natura lo ricopre interamente di rosa!

E allora pronti a vivere questa bellissima avventura? Nei prossimi mesi scopriremo i luoghi geografici che visiteremo e la cultura millenaria di quei posti... una cultura di cui sono innamorata!!


A questo proposito, vi svelo un piccolo segreto: il mio nickname è un piccolo omaggio proprio a uno dei miei scrittori preferiti, Giapponese DOC Occhietto Di chi si tratta? Lo rivelo al primo che indovina la citazione con cui ho aperto il post!!

Pronti a partire?

pink

ah dimenticavo!! Io sono Raffaella, o come dicon tutti Raffa (semi-cit.), e sono la Doc che vi accompagnerà in questo splendido viaggio e avrà il compito di farvi innamorare perdutamente di questa terra!!

Ciao

Ritratto di Raffa_OnTheShore
Online
Last seen: 9 min 17 sec fa
Iscritto: 16/07/2010 - 18:47
benvenuta!

... ma abbiamo già la nostra prima iscritta!!!

Benvenuta!!! Un brindisi al sakè per te, virtuale per il momento, e offerto dalla sottoscritta - sul serio - appena atterreremo in Giappone!!! Cuore

Assieme al brindisi, per festeggiare la tua iscrizione, anche un'immagine di Kyoto in fiore Ciao piccolo anticipo, in questa giornata di pioggia, di quel che vivremo la prossima primavera!!

5 Amazing And Less Crowded Cherry Blossom Spots Near Kyoto!

se ti va, vieni qui a presentarti!

Per tutti voi, miei cari lettori, presto torno qui a parlarvi di Giappone con qualche chicca di cultura giapponese che non vedo l'ora di condividere con voi: in particolare, il prossimo post lo dedicheremo al fukinsei.


Avremo molto da scoprire assieme!

Stay tuned!!

Ciao

Ritratto di Raffa_OnTheShore
Online
Last seen: 9 min 17 sec fa
Iscritto: 16/07/2010 - 18:47
L'insostenibile bellezza di un'asimmetria.

Goooooooooogmorning Travellers!!!

che programmi avete in questo w.e. lungo di festa? Partite o restate a casa?

Se vi và, vorrei portarvi per qualche minuto dall'altra parte del mondo: partiamo assieme? Via!

Si chiama Fukinsei e in giapponese significa asperità, asimmetria ed è uno dei principi su cui si basa l'estetica zen.

L'idea è quella di controllare l'equilibrio in una composizione attraverso l'irregolarità. Avete presente l'enso? Il così detto "Cerchio Zen" è spesso raffigurato come una forma dipinta a pennello ed incompleta

Risultati immagini per fukinsei

 

Questa irregolarità è voluta, cercata: simbolizza l'imperfezione che è parte integrante del'esistenza. Per l'estetica zen, le composizioni asimmetriche sono bellezza: perchè dinamiche, in divenire. Perchè reali. La natura stessa è piena di composizioni asimmetriche, imperfette, che tuttavia raggiungono un'armonia e un equilibrio che fa esplodere tutta la loro bellezza.

Fukinsei.

Quanto è lontano questo principio dall'estetica occidentale cui siamo abituati? Dalla ricerca di perfezione, dall'ossessione per la simmetria, quella regolarità, spesso così finta, che governa il "nostro" principio di bellezza.

In altro luogo, in altra cultura, quel che è irregolare è invece bello: perchè vivo, in divenire.

In Giappone lo chiamano kintsugi (金継ぎ), o kintsukuroi (金繕い), letteralmente oro (“kin”) e riunire, riparare, ricongiunzione (“tsugi”) ed è la pratica che utilizza l'oro per saldare e ricomporre un vaso rotto: i cocci rotti non vengono buttati, anzi, i frammenti sono riuniti dandogli un aspetto nuovo attraverso le cicatrici impreziosite. Ogni pezzo riparato diviene unico e irripetibile, per via della casualità con cui la ceramica si frantuma e delle irregolari, ramificate decorazioni che si formano e che vengono esaltate dal metallo.

Risultati immagini per vasi saldati con oro fuso giappone

L'irregolarità viene esaltata. Le cicatrici, addirittura, diventano pezzi d'arte.

Al fukinsei o al kintsugi mi viene da pensare quando, girando il mondo, mi è capitato di vedere pezzi di storia, di passato doloroso, che anzichè essere cancellati, sono stati esaltati, divenendo bellissima arte.

Come l'east Side Gallery, che ha trasformato in espressione artistica un pezzo del perimetro del muro di Berlino.

Risultati immagini per east side gallery

O l'Holiday Inn di Beirut, lasciato con le sue cicatrici di guerra in mostra: nè abbattuto nè ricostruito. Monumento ad un passato recente, in mezzo ad un quartiere in pieno rinnovo, in piena vita, circondato da nuovissimi grattacieli che rivaleggiano con la skyline di Manhattan.

IMG_1354.jpg

Kintsugi e Fukinsei.

Quel che vi anticipo, miei cari lettori e futuri compagni di viaggio, è che nel corso di questa nostra scoperta virtuale del Giappone e, ancora di più, nel corso della nostra scoperta reale, il prossimo aprile, non ci limiteremo a visitare quella bellezza tanto evidente e famosa di questo Paese, soprattutto in primavera, e che esplode negli occhi. Ma andremo anche alla ricerca delle cicatrici. Delle bellezze nascoste ed imperfette.

Delle strade non canonicamente belle, ma vere.

image

 

Di scorci di vita quotidiana.

image

Di ballate notturne di stradine e lanterne

image

Bene, direi che per oggi vi ho già rubato abbastanza tempo Felice

Prima di salutarvi, vi rimando a questa bellissima riflessione di Francesca Borri (corrispodente di guerra in Medio Oriente) proprio sui principi del fukinsei e del kintsugi di cui abbiamo parlato oggi!

https://www.facebook.com/syriandust/photos/a.1610852222291268/2494601107249704/?type=3&theater

Un abbraccio a tutti e a presto!!

Ciao

Ritratto di Raffa_OnTheShore
Online
Last seen: 9 min 17 sec fa
Iscritto: 16/07/2010 - 18:47
Haiku

Buon pomeriggio Viaggiatori in ascolto!!!! 

(anzi, in lettura)

Oggi, visto il tempo uggioso un po' in tutta Italia, ho pensato sarebbe stato bello passare un po' di tempo a sognare la primavera e il Giappone.

Pertanto, continuiamo la nostra scoperta di questa terra così emozionante!!!

Sapete cos'è un Haiku (俳句)? E' un componimento poetico nato in Giappone e che, inizialmente, voleva essere una sorta di gioco (Haiku è l'abbreviazione di  haikai no ku 俳諧の句 - "verso di un poema a carattere scherzoso") e che ad un certo punto, ha cominciato a mutarsi in bellissime poesie, i cui tratti essenziali erano la brevità e il riferimento ad elementi della natura.

Risultati immagini per haiku


Nel XII secolo, Matsuo Basho (un letterato, monaco zen e poeta viaggiatore) accorcia una forma poetica già esistente e simile (per regole) a quello che diventerà l'Haiku e dà vita all’Hokku (com’era inizialmente chiamato l’Haiku), stabilendo le regole fondamentali:

– essere composto da 17 onji (segni grafici dell’alfabeto giapponese) in sequenza di 5-7-5

– contenere un kigo, ovvero un elemento della natura che rimanda a una specifica stagione

a cui associare stati d’animo quali:

  • il sabi (la bellezza della solitudine non come tristezza ma come riflessione, il "distacco");
  • il wabi (il risveglio interiore, l’amore per l’imperfezione - vedi post precedente Occhietto - il cogliere la bellezza delle cose semplici);
  • l'aware (il senso della transitorietà);
  • lo yugen (profondità e mistero)

In un haiku il poeta fissa uno stato d'animo riflesso nelle immagini della natura.

Ero, soltanto
ero, intorno
cadeva la neve. 

(Kobayashi Issa,1763 – 1828)

Contrariamente a quanto si possa pensiìare, la fama dell’Haiku non rimase relegata al Giappone, ma girò il mondo, interessando poeti come Paul Éluard. Alcuni di questi poeti non si limitarono a leggerlo e studiarlo, ma arrivarono a scriverne di propri, il più conosciuto di essi è sicuramente Jorge Luis Borges.

Non solo, ad avvicinarsi molto all’Haiku fu la Beat Generation: Allen Ginsberg, che ne fu studioso e compositore, e ancor di più con Jack Kerouac, che compose più raccolte.

Da noi ad avvicinarsi all'Haiku furono soprattutto Giuseppe Ungaretti e Umberto Saba. Quest'ultimo compose addirittura, nel 1927, “Intermezzo quasi giapponese”, contenente alcuni componimenti simil-haiku.

Risultati immagini per intermezzo quasi giapponese saba

All'arte degli Haiku è dedicato soprattutto un breve, bellissimo libro che ha visto la luce nel 1999. L'autore è francese: Maxence Fermine ed il suo titolo è Neve.

"Yuko Akita aveva due passioni. L'haiku. E la neve. La neve è una poesia. Una poesia che cade dalle nuvole in fiocchi bianchi e leggeri. Questa poesia arriva dalle labbra del cielo, dalla mano di Dio. Ha un nome. Un nome di un candore smagliante. Neve"

Neve racconta la storia di Yuko, un ragazzo giapponese discendente di una stirpe di grandi monaci e guerrieri, che decide di rompere gli schemi di una tradizione che gli sta stretta per seguire il suo sogno: diventare un grande poeta.

Inizia così a dedicare la sua vita alle due sole cose che riescono a riempirlo di gioia: gli haiku e la neve. Ogni inverno scriverà, ispirato dal candore che ricopre tutto ciò che lo circonda ed ogni estate attenderà l’arrivo di un nuovo inverno e di una nuova neve.

E' un libro breve, fatto di capitoli brevissimi: come se ognuno di essi fosse un Haiku e che ha in apertura un Haiku.

Se vi va di farvi un regalo e di avvicinarvi a questa affascinante arte, ve lo consiglio con tutto il cuore!!!

 

Risultati immagini per neve maxence fermine

... questo è un post inusuale, lo so, ma sono davvero convinta che la bellezza di questo Paese passi anche per la delicatezza delle sue tradizioni Occhietto

Alla prossima Travellers!!!


“ 'Cos'è la poesia?' domandò il monaco. 'È un mistero ineffabile', rispose Yuko. Un mattino, il rumore della brocca dell'acqua che si spacca fa germogliare nella testa una goccia di poesia, risveglia l'animo e gli conferisce la sua bellezza. È il momento di dire l'indicibile. È il momento di viaggiare senza muoversi. È il momento di diventare poeti. Non abbellire niente. Non parlare. Guardare e scrivere. Con poche parole. Diciassette parole. Un haiku. Un mattino, ci si sveglia. È il momento di ritirasi dal mondo, per meglio sbalordirsene. Un mattino, si prende il tempo per guardarsi vivere." (Neve, Maxence Fermine, Bompiani, 1999).


Ritratto di Raffa_OnTheShore
Online
Last seen: 9 min 17 sec fa
Iscritto: 16/07/2010 - 18:47
Spirited Away

Gooooooodmorning Travellers!!!


Anche oggi sono qui per trasportarvi qualche minuto dall'altra parte del mondo... e per farlo, questa volta, saremo "costretti" a passare per la Città Incantata del Maestro  Hayao Miyazaki. Applauso

Per chi non lo conoscesse, Miyazaki è IL regista d'animazione giapponese più conosciuto al mondo. Per molti, il più bravo regista d'animazione vivente. I suoi film sono in genere prodotti dal celeberrimo Studio Ghibli leggendario studio d'animazione fondato dallo stesso Miyazaki.

I film di animazione di Miyazaki vanno ben oltre l'esser "semplici" cartoni animati: si tratta di vere e proprie bellissime, poetiche, toccanti opere d'arte. 

Fra queste bellissime opere, un posto d'onore merita sicuramente La Città Incantata (Spirited Away) che ha visto la luce nel 2001 e che fra i suoi molteplici riconoscimenti annovera anche l'Orso d'Oro a Berlino, nel 2002.

Il film narra le avventure di Chihiro, una bambina di dieci anni che si introduce senza rendersene conto, insieme ai genitori, in una città incantata abitata da yōkai (spiriti). In questa città i genitori di Chihiro vengono trasformati in maiali dalla potente maga Yubaba e così, la piccola protagonista decide di rimanere nel regno fatato per tentare di liberarli.

L'opera è davvero bellissima: se non vi è mai capitato di vederla, ve la consiglio con tutto il cuore. E alla sua bellezza, così come accade spesso per i film di Miyazaki, concorrono le bellissime ambientazioni,  per le quali il Maestro prende spesso spunto da luoghi esistenti.

Fra queste ambientazioni, una delle più suggestive è sicuramente quella del "treno dull'acqua" che Chihiro ad un certo punto prende per recarsi dalla strega Zeniba.

image

Post image

... vi è mai capitato di trovarvi di fronte ad un paesaggio bellissimo, guardando un film e pensare (soprattutto quando si tratta di un film di animazione) "che bello sarebbe se esistesse sul serio!!!"?


Bene... il paesaggio qui sopra esiste davvero e si trova... vicino Tokyo!

Si tratta della città di Kisarazu, situata nella parte centro-est della Prefettura di Chiba e, più precisamente della vista che si gode dalla spiaggia di Egawa.

Non ci credete? Guardate qui:

egawaMiyazaki2

egawaMiyazaki

... soprattutto con l'alta marea, con il velo d'acqua che ricopre il suolo i pali sembrano fluttuare proprio come nel film di Miyazaki.

Per alcuni è anche noto come il Salar de Uyuni giapponese Felice ad appena un'ora di metro da Tokyo!!

Screen Shot 2016-01-22 at 4.26.38 PM

Screen Shot 2016-01-23 at 1.34.53 PM

 

... noi a Tokyo resteremo un po'... che ne dite, oltre a bearci dei fiori nei parchi della città, a girare le sue strade più famose e a camminare per i suoi scorci storici... un salto a vedere questo posto "meno noto", quando la marea sale, vogliamo farloApplauso

A presto!!!

Ciao

P.s. per gli appassionati: nella capitale c'è anche il bellissimo Museo Ghibli!! Per chi vorrà, un salto a veder da vicino il "regno incantato" fra il Castello errante di Howl e l'isola volante di Laputa, potremo farlo!!! Felice

 

Ritratto di Fly79
Offline
Last seen: 5 giorni 18 ore fa
Iscritto: 20/04/2016 - 13:16
fioritura

ciao! sarà tardi x la fioritura? 

Ritratto di Raffa_OnTheShore
Online
Last seen: 9 min 17 sec fa
Iscritto: 16/07/2010 - 18:47
Ciao!!

Intanto un grande benvenuto sul forum!!!

ti direi di no: non dovrebbe essere tardi.

Le date "ufficiali" dell'Hanami 2020 saranno rese note fra gennaio e febbraio, quindi possiamo basarci su quelle degli scorsi anni. In genere la fioritura ha date molto diverse che spaziano da fine marzo a maggio, a seconda della zona (il Giappone è molto "lungo").

Negli scorsi anni, il "full blossom" (la fioritura piena, quella che richiama la massa di turisti anche dal Giappone stesso), a Tokyo (primissima tappa del nostro viaggio) è stata fra l'1 e il 5 di aprile (ed è cominciata verso il 20 marzo). Quindi noi, arrivando davvero appena dopo l'esplosione vera e propria, potremmo trovare subito fiori e... meno ressa per godercela al meglio Occhietto

I parchi di Tokyo, poi, sono bellissimi e davvero irresistibili in primavera!!... per non parlare di Kyoto poi!!... insomma, io andrei proprio a controllare di persona se è tutto bello come raccontano Occhietto

Per qualsiasi altro dubbio o curiosità non esitare a chiedere!!

Ciao

Ritratto di Fly79
Offline
Last seen: 5 giorni 18 ore fa
Iscritto: 20/04/2016 - 13:16
grazie

...per il momento non ho altre domande. cmq..continuerò a seguire il tutto. ci aggiorniamo presto. grazie x le informazioni

Ritratto di Raffa_OnTheShore
Online
Last seen: 9 min 17 sec fa
Iscritto: 16/07/2010 - 18:47
Benissimo!

Per qualsiasi altro info, sono qui Felice

Ritratto di Raffa_OnTheShore
Online
Last seen: 9 min 17 sec fa
Iscritto: 16/07/2010 - 18:47
Memories of a Geisha

Hello Vagabonds!!!


Eccomi qui a parlarvi ancora di Giappone!!! E oggi da Tokyo facciamo un volo verso Kyoto e verso una delle immancabili icone che vengono in mente quando si parla di Giappone... le Geishe!

 

memorie di una geisha

 

Per parlare di Geishe non partiremo dal (bel) libro di Arthur Golden, ma proprio dal nome che ad esse si associa. Non molti lo sanno, ma in Giappone, a Kyoto soprattutto, le Geishe vengono chiamate (e si chiamano) Gaiko che altro non vuol dire se non "persona versata nelle arti". Quelle che noi conosciamo come Geishe, infatti, sono innanzi tutto artiste La distinzione terminologica è diventata essenziale, data l'omonimia che si è creata nel corso degli anni tra le geisha della antica tradizione giapponese (le artiste, appunto) e le Onsen Geisha, che sono invece associate alla prostituzione.

L'esercizio della professione di gaiko richiede anni di severa preparazione durante i quali le apprendiste (dette maiko) sono educate all'apprendimento delle più nobili arti giapponesi, quali il canto, le danze tradizionali, i complessi rituali della cerimonia del tè e lo shamisen, strumento musicale a tre corde.

Per un periodo di cinque anni, dai 15 ai 20 anni, le ragazze vivono nelle Okiya, apposite case-scuola in cui si svolge il loro apprendistato.

Le geisha, quindi (anzi, le gaiko), sono delle intrattenitrici professioniste: intelligenti, di cultura e talento, pagate per ravvivare le occasioni sociali di un certo livello. L'idea occidentale che le vorrebbe prostitute d'alto bordo è pertanto errata: le gaiko non sono prostitute e non sono tenute ad avere rapporti sessuali con i loro clienti.

okyia

Oggi, si dice che esistano non più di un migliaio di Gaiko, la maggior parte delle quali vive ed esercita la sua professione a Kyoto: bellissima capitale delle tradizioni giapponesi, famosa per i bellissimi templi e i 18 Siti eletti patrimonio dell'Unesco, ha anche ben cinque hanamachi, ossia i quartieri in cui vivono le Geisha.

Fra questi quartieri, il più famoso è senz'altro Gion, dove Golden ha ambientato il suo libro. Il quartiere, la notte, assume una forma incredibilmente pittoresca, regalando scorci d'altri tempi: lanterne colorate, sale da tè, ristoranti eleganti e case tradizionali, collegate alla strada con il caratteristico ponticello.

kyoto

machiya

In questa atmosfera rarefatta, non è difficile imbattersi in una gaiko o una maiko che si dirige verso una sala da tè o ritorna alla sua okiya.

geisha

Che spettacolo vero? Ah, lo sapete vero, che Kyoto è ovviamente nel nostro itinerario? Occhietto


Prima di lasciarvi, vorrei raccontarvi qualche piccola curiosità: sapete che clienti di Geisha si diventa solo su invito Si può essere invitati solo dalla okaa san (la "madre" a capo della okiya). I clienti devono sono uomini particolarmente facoltosi. L’appartenenza alla classe sociale più agiata dei clienti delle geiko dipende, principalmente, da due motivi: una cena in una okiya con una o più geiko è molto costosa e il conto, spesso, non viene presentato a fine serata ma viene addebitato direttamente sul conto in banca del cliente (il che presuppone naturalmente molta fiducia nel cliente stesso).  

Quanto al famosissimo romanzo, invece (e all'omonimo film), Arthur Golden intervistò diverse geiko per documentarsi. Fra queste, anche una delle  geikopiù famose:Mineko Iwasaki. Sembra tuttavia che la geisha in questione avesse accettato di lavorare con lui a patto che la sua collaborazione non fosse resa nota. Golden, invece, oltre a citarla nel libro fra i ringraziamenti e la nominò in diverse interviste. Questa circostanza, unita al fatto che Mineko non fosse stata assolutamente soddisfatta dell'uso che lo scrittore aveva fatto dei suoi racconti, fecero si che la stessa intentasse una causa legale nei confronti dello scrittore e scrivesse, a sua volta un libro (in Itala con il titolo emblematico "storia proibita di una geisha"), con la "sua verità" sulla vita di una geisha.

Fra le "tradizioni" descritte nel libro di Golden e contestate da Mineko anche la cerimonia del mizuage: ossia un'asta con cui veniva offerta "al miglior offerente" la deflorazione della maiko. In realtà, il mizuage, per una geiko, non è altro che una cerimonia per il passaggio alla maggiore età. È per le oiran, le prostitute d'alto bordo, le cortigiane, che corrisponde a una deflorazione pagata profumatamente.

Sia che l'opera di Mineko fosse dettata da amor di verità che dal desiderio di immettersi nella scia di fama creata dal romanzo, resta che la sua vita e il suo racconto sono oltremodo affascinati:Mineko Iwasaki era la geisha più famosa di Gion. Il suo ritiro, alla giovane età di 29 anni, ha fatto un enorme scalpore e ha causato il ritiro di altre 70 geisha che hanno voluto imitarla. 

Mineko, peraltro, si ritirò come "protesta" alle rigide regole che Gion imponeva per l'educazione delle geiko. Fra queste, spiaccava l'impossibilità di educare le maiko alla conoscenza della lingua inglese, nonosante la frequente presenza di ospiti stranieri all'interno delle sale da tè. Mineko stessa aveva intrattenuto ospiti stranieri di enorme prestigio come il Principe Carlo D'Inghilterra e non poteva che trovare assurda ed anacronistica una simile presa di posizione assurda.

Ma a Gion nulla può cambiare, men che meno la tradizione.

Consigni di lettura

  • Memorie di una Geisha, Arthur Golden;
  • Storia proibita di una Geisha, Mineko Iwasaki

Consigli per la visione:

  • Memorie di una Geisha - Rob Marshall

libro&film

              

Ritratto di Raffa_OnTheShore
Online
Last seen: 9 min 17 sec fa
Iscritto: 16/07/2010 - 18:47
Come in un videogame

Hello travellers!!!!

Come state?

Che ne dite, prima di cena ci teletrasportiamo per qualche minuto nella terra del sol levante?

Oggi vorrei cambiare per un attimo registro e lasciare da parte poesia e tradizione per parlarvi delle stranezze ed assurdita' che una cittá come Tokyo può regalare. Si perché quel che affascina, di metropoli come questa é la possibilitá di trovare (e vivere) tutto ed il contrario di tutto, come se si fosse in un film oppure, come in questo caso, in un videogameConfuso...

Non ci credete? Venite con me!

1. In kart come Super Mario Bros

Quali modi vi vengono in mente per girare le cittá? Metro? Taxi? Lunghe passeggiate? Bene, sappiate che a Tokyo esiste anche la possibilitá di sfrecciare in GoKart per le vie del centro, come se si fosse nel videogioco di SuperMario Bros, per vivere un'incredibile avventura in 3 D ( e in real life, aggiungerei)!!!

La particolarità è che... per guidare questi kart bisogna esser vestiti proprio come i personaggi dell'omonimo videogioco!!

Mario

... una mise semplice e sobria fornita direttamente dalla compagnia che fornisce il servizio, non temete!

Ah, e la società avverte: non dovete preoccuparvi se sbagliate strada e finite ad Hokkaido, i kart hanno il gps, quindi qualcuno vi verrà a recuperare!!! Si si (anche se non è esattamente quello il timore che avrei io se dovessi guidare un kart nel traffico di una metropoli!!)

Certo, vi immaginate se, passeggiando per Tokyo, dovessimo incontrare questa assurda parata di personaggi da videogame?

 ... in questo caso voi per chi tifereste? Mario o Luigi? 

Luigi

2) Journey to the end of the night

Non vi importa un fico secco di Mario e adorate i film horror? Non vi perdete una puntata di The Walking Dead  nemmeno sotto tortura? 

Bene, ho anche quello che fa per voi. Dal 2015 ad oggi, a Tokyo, si organizza un evento chiamato Journey to the end of the night. Di cosa si tratta? Previa iscrizione su internet, ci si trova in un sobborgo di Tokyo uno di quei posti, recitano gli organizzatori, in cui preferireste non trovarvi, soprattutto quando cala la notte. Perchè, direte voi?

- Si tratta di un'area malfamata?

No no

- Potrebbe essere un posto solitario e poco frequentato che mette i brividi?

No no.

- Potrebbero esserci gli studi orientali di pomeriggio 5 con la D'urso che vi insegue per sottoporvi ad una delle sue interviste!?!?

Naaaaa non scherziamo!

Perchè al calar della notte, quell'area si popola di chasers. Inseguitori. Zombie ( o alieni o morti viventi o la declinaziome orrorifica che preferite). E il compito dei partecipanti sarà scappare ed evitare di esser presi, pena la trasformazione in chasers a loro volta.

Risultati immagini per thriller michael jackson

Come si sfugge? Semplice (si fa per dire): ci sono aree in cui i chaser non possono seguire i partecipanti al gioco e per scoprire queste aree i partrcipanti dovranno risolvere degli enigmi posti di volta in volta da alcuni personaggi che "sapranno farsi riconoscere" (almeno cosí recita sibillinamente il sito).

Il gioco dura la bellezza di 4 ore e si corre per circa 10 km. Una Dejay ten 2.0 in salsa zombie insomma! Paura!!

Sareste pronti ad affrontare un tale cardiopalma?

(Per la corsa eh? La vista dei chasers sono confidente di saperla sostenere: affronto la mia immagine riflessa nello specchio tutte le mattine quando mi alzo presto, non possono essere di molto peggiori) Risata

Zombie nignt

... e per la rubrica "stranezze made in Japan" oggi è tutto (e si tratta solo della prima puntata, state certi, le assurdità di cui vi parlerò saranno molte!!)

A presto Vagabonds!!!!

Ciao

Ritratto di Raffa_OnTheShore
Online
Last seen: 9 min 17 sec fa
Iscritto: 16/07/2010 - 18:47
Sleep Well

Hello Vagabonds!!

pronti a volare in Giappone?? Partiamo anche oggi per la nostra "dose" periodica di Sol Levante!!

Quel che amo di un viaggio è la sensazione di “immersione” in qualcosa di completamente diverso e lontano dal nostro quotidiano.

Nel mio modo di vedere, un viaggio, per esser completo, deve essere svolto su un doppio livello: il luogo “dei luoghi”. Dei templi, dei monumenti, della natura che esplode e ti soverchia.

E il luogo della gente: delle tradizioni, della cultura, delle abitudini. Di un quotidiano che più appare lontano dal nostro, più risulta affascinante.

 

Questo secondo viaggio, in Giappone, può diventare addirittura distopico quando tradizioni millenarie e abitudini rurali si innestano in cornici moderne o addirittura futuristiche di città come Tokyo.

 Ne volete un esempio?

 La metro di Tokyo.

La metro di Tokyo è il sistema di trasporto urbano più trafficato al mondo. Ha un afflusso di utilizzatori giornaliero pari ad almeno il doppio di quello che affollano l’Underground di NewYork.

 I treni, spesso, nelle ore di punta viaggiano oltre quella che sarebbe la loro capienza.

 gente

 

 Eppure, quel che più colpisce un viaggiatore straniero quando si trova a prendere la metro di Tokyo è… l’assoluto, irreale silenzio che vi regna!!

 E proprio su questi mezzi affollati, in questo silenzio anomalo (soprattutto dal nostro di punto di vista tutto “latino”), si può assistere ad uno degli eventi più curiosi (dal nostro punto di vista tutto occidentale) che riguardano il vivere quotidiano giapponese: l’Inemuri. In other words: persone che placidamente si addormentano in metro, per poi, magicamente svegliarsi appena giunte alla loro destinazione.

 In America lo chiamano “power nap”, e non è il risultato di notti brave… ma un sonnellino rigenerante, generalmente di una decina di minuti, “schiacciato” al fine di recuperare le energie.

La differenza (non di poco conto però) è che in Giappone questi sonnellini ristoratori vengono fatti in luoghi pubblici, anziché sul divano di casa.

 

Ma come possono delle persone addormentarsi, anche profondamente, in pubblico, senza che nessuno le svegli? Per trovare una risposta a questa domanda, bisogna considerare che Giappone è uno dei paesi in cui si lavora di più e per il maggior numero di ore. Questi “pisolini estemporanei”, quindi, non sono “socialmente” visti come pigrizia o lassismo, al contrario: sono ritenuti il meritato “riposo” per chi ha dovuto duramente lavorare. Per cui, gli Inemuri non devono essere interrotti!!!

 sleep

 

La pratica è talmente diffusa da essere naturale dal punto di vista di chi vive nel Paese del Sol Levante.

 La scrittrice Francesca Scotti, nel suo romanzo “L’Origine della Distanza” accenna proprio alla quotidianità di questa tradizione.

 “E’ notte, sono in una stanza d’albergo a Gamagori, cittadina che affaccia sull’Oceano Pacifico. Insieme a me c’è Saori, un’amica giapponese con la quale condivido il fine settimana di vacanza. Alle 4, il nostro sonno viene crudelmente interrotto dalla sveglia del suo cellulare. Lei si affretta a spegnerlo e a scusarsi.

 ‘Saori, ma perché alle 4!?’

 ‘Perché a quest’ora mi sveglio per andare a lavorare’

 ‘Ma non abiti così lontano, perché ti alzi tanto presto?’

 ‘Perché devo prepararmi, voglio uscire a correre e arrivare con calma. Tanto posso riposare in metropolitana o in pausa pranzo’.

 “(…) dopo aver osservato ed interrogato Saori ma anche amici e conoscenti nipponici, ho capito che il torpore, come quello del cosiddetto inemuri, è sì un istante in cui si è mentalmente assenti, ma dal quale si è in grado di ritornare alle dimensione sociale nel momento in cui è richiesto. ‘Un po’ come i gatti’”

E proprio per dare un galateo a questi “gatti metropolitani”, sulla linea della metro di Tokyo, non è inusuale trovare cartelli in cui i viaggiatori sono esortati a non addormentarsi sulla spalla del proprio, sconosciuto “vicino” Felice

 

 

 advice

 ... non so voi, ma io ho l' abitudine di addormentarmi ovunque (si, anche sulla spalla di perfetti sconosciuti, specialmente sui mezzi pubblici)... direi che mi sento già a metà perfettamente integrata negli usi e costumi del posto!!!

E voi?

un abbraccio travellers e a prestissimo con tantissime altre curiosità made in japan!!!

 

Consigli di lettura:

 Un romanzo che ruota attorno allo shock culturale di un’Italiana che si trova immersa in usi e costumi spesso incomprensibili: in un Paese dove c'è chi "sparisce" grazie ad apposite agenzie, chi si isola senza uscire più, chi smette di mangiare per paura delle radiazioni

 Francesca Scotti, L’Origine della distanza.

 

***************

 

Un racconto bello, profondo ed inquietante (come tutti i libri dello stesso autore) che accarezza anche il rapporto fra i giapponesi e il sonno. Una donna attraversa la routine di giorni tutti uguali finché qualcosa di inaspettato irrompe nella sua vita: smette di dormire. Quello che all’inizio sembra un dono diventa la porta di accesso a una realtà segreta e inquietante

 Haruki Murakami, Sonno.

Ritratto di Raffa_OnTheShore
Online
Last seen: 9 min 17 sec fa
Iscritto: 16/07/2010 - 18:47
Once Upon a Time

Hello Vagabonds!!!

come state? Non so voi, ma a me questa atmosfera e frenesia natalizia mette addosso un’insana voglia di partire (che comunque mantengo tutto l’anno) e una (fortunatamente meno irrequieta) voglia di leggere di fiabe e leggende (magari sorseggiando una tisana leggera e calda, inzuppata fino all’orlo di nutella biscuits. Perché la saturazione coronarica è una scelta che va accarezzata e perseguita con determinazione giorno dopo giorno).

Così, complice la meta primaverile, quest’anno sto leggendo di miti e leggende del Sol Levante. E mentre lo faccio non posso esimermi dal pensare che (i) alcune (le leggende metropolitane soprattutto) sono degne del peggior sceneggiatore di film Horror hollywoodiano strafatto di crac; (ii) i miti e leggende “classici” asiatici sono spesso una riedizione dei nostri miti e leggende (nostri intesi come bacino del mediterraneo) e (iii) sarebbe opportuno (se non addirittura indispensabile) condividere queste storie con voi.

D’altra parte, sono sicura che siete incappati in questo forum mentre siete alla ricerca di storie assurde ed improbabili. Giusto??

Diversamente, per quale altra ragione si dovrebbe navigare su internet e su un sito di viaggi a ridosso del periodo natalizio!?? Felice

Allora eccoci qui, per la prima puntata di questa magnifica e delirante Beautiful in salsa asiatica (Perché si, ci saranno anche altre puntate. E questa non è una promessa, ma una minaccia).

 image

Izanagi e Izanami – Parte Prima (sottotitolo: Le origini del Mondo)

C’erano una volta tutti gli dei dell’olimpo giapponese (che probabilmente non erano proprio situati sul monte Olimpo vero e proprio, ma immaginiamoli simili a quelli che conosciamo, salvo avere gli occhi a mandorla). Gli dei passavano le loro giornate annoiandosi, finché un giorno uno di loro si affacciò dal cielo dove vivevano e vide che al di sotto di questo regnava il caos: un magma informe, caotico, insostenibile e senza speranza. Tipo il Raccordo Anulare all’ora di punta, insomma.

«Oh divinità tutte» disse il fancazzista che s’era affacciato «ma vi rendete conto della schifezza che regna fuori della porta di casa nostra? Mandiamo qualcuno a dare una sistemata e a popolare la zona. Magari una volta bonificata ci troviamo un mega-attico pluriaccessoriato e ci trasferiamo tutti.».

Detto fatto. Gli dei si guardarono fra loro approvando la proposta: il più potente guardò il meno potente. Il più anziano guardò il più giovane. Alla fine il giro di sguardi era finito e gli ultimi due, che non avevano chi altro guardare, furono spediti sulla terra.

Si trattava di Izanagi e Izanami. Fratello e sorella i cui nomi, vista la somiglianza, tutti confondevano. Così, spedendoli lontano dal cielo, gli dei si toglievano dall’imbarazzo di questa confusione.

Prima di inviarli nel magma informe che era all’epoca la terra, gli dei consegnarono ai due la Lancia Gioiello del Cielo [ame-nu-hoko] e dissero:

«Orsù, scendete dalla Pianura dell'Alto Cielo, formate un paese dal caos e rendetelo abitabile! ».

 image

I due giovani dei scesero sul Ponte Fluttuante del Cielo [ame-no-hashi-date] e, sospesi al di sopra delle acque turbinanti, vi immersero la lunga lancia creando la terra.

Quando ritrassero la lancia, dalla punta gocciolarono alcune gocce di fango, da cui furono create le isole del Giappone. La prima di esse, la prima isola del mondo, fu l'isola di Onogoro [Awagi].

 image

A quel punto, Izanagi e Izanami si trovarono nell’imbarazzo di dover popolare la terra appena creata. Così, piantarono la lancia per terra e cominciarono a girarci attorno, camminando in direzioni opposte. Dopo il primo giro i due si trovarono uno di fronte all’altro.

A quel punto Izanami, guardando Izanagi, disse:  «Anvedi che figo!»

E  Izanagi risposte: «Che tocco di figliola!»

 Dopo questo corteggiamento lampo, i due concepirono un figlio.

Quando venne il momento del parto, l’erede che Izanami diede alla luce era debole e privo di ossa. A quel punto, poiché l’eugenetica spicciola era argomento piuttosto ricorrente nei miti dell’antichità (asiatici come occidentali), i genitori prima scelsero un nome che esprimesse tutta la gioia data da quella nascita: Hiruko, ossia «bimbo-sanguisuga». Dopodichè, senza troppi convenevoli, lo misero su una barca di canne e lo abbandonarono in mare.

A quel punto Izanagi disse: « Iza, dobbiamo avere sbagliato qualcosa nel concepimento. Andiamo a chiedere spiegazioni agli altri dei».

Iza&Iza salirono quindi sul Ponte Fluttuante del Cielo e andarono a chiedere conto di quanto successo agli dei.

Questi risposero: «Il concepimento di Izanami non è andato bene perché nel vostro incontro la donna ha parlato per prima. Ripetete la cerimonia nuziale ancora una volta e che l'uomo parli per primo!».

Izanagi e Izanami ridiscesero dal cielo e tornarono a girare intorno alla lancia. Quando si incontrarono, questa volta fu Izanagi a parlare per primo: «Che tocco di figliola!» disse.

«Anvedi che figo!» rispose Izanami.

Anche a questo giro Izanami si trovò di incinta e i figli che nacquero da lei, questa volta, furono grandi e possenti divinità. Essi proseguirono l'opera di creazione dei loro genitori popolando tutta la terra.

Cosa ci lascia questa leggenda?

A me almeno due considerazioni: se anche oggi per procreare si dovesse aspettare che sia l’uomo a prendere l’iniziativa, la razza umana si estinguerebbe inesorabilmente.

E il secondo, e meno prosaico, che Ponte Fluttuante del Cielo esiste sul serio. E’ in Giappone, naturalmente, ed è un luogo in cui qualsiasi dio sarebbe felice di vivere.

 image

image

 

ph: Davide Lena.

Ciao

Ritratto di Raffa_OnTheShore
Online
Last seen: 9 min 17 sec fa
Iscritto: 16/07/2010 - 18:47
Sheldon Cooper's Paradise (Lost)

Goooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooood Evening Travvellers!!!


Come state? Vi siete ripresi dalla prima puntata dei miti degli dei e degli eroi in salsa nipponica?

Lo spero bene... Perchè io son qui pronta a riportarvi nel paese del Sol Levante, da un'altra angolazione ancora: ossia quella dei loro mitici (e per certi versi mitologici) treni!!!

I treni, in Giappone, rappresentano un mondo da decifrare e - a tutti gli effetti - un viaggio nel viaggio.

I treni in Giappone significano teconologia futuristica, velocità supersonica, precisione e puntualità a cui difficilmente siamo abituati.

image

... significano possibilità di coprire moltissimi km in un tempo che si avvicina sempre più a quello degli aerei.

Ma i treni in Giappone sono anche paradosso: essere circondati da una folla imbarazzante di gente che viaggia composta e in perfetto silenzio: uno dei mezzi più utilizzadi dell'intero pianeta, sa essere anche uno dei posti più silenziosi che visiteremo!

 

Risultati immagini per treno giappone silenzio

Ma i treni, in Giappone, sono anche alienazione: una folla sa essere anche uno dei posti più isolati in cui stare. Una moltitudine di persone chine a guardare il loro smartphone, senza quasi interazioni umane.

Un posto dove sentirsi così vicini e così lontani dal mondo nello stesso tempo.

Treni sono anche uno dei campi in cui Giapponesi hanno saputo rendere concreta la loro incredibile fantasia.

Risultati immagini per thomas the tank engine japan

Ma il treno è anche il luogo-non luogo che useremo per attraversare alcuni dei posti più iconici della nazione.

Risultati immagini per tokaido shinkansen panorama

Risultati immagini per tokaido shinkansen panorama night

Risultati immagini per tokaido shinkansen panorama night

... e oltre a quelli supersonici che prenderemo da programma, io vorrei prenderne qualcuno in più, meno teconologico, ma che renda ancora più autentica la nostra esperienza, permettendoci di immergerci in una parte della nazione in cui la natura raggiunge l'apice del suo splendore.


Date anche voi un'occhiata: vi piacerebbe fare questo percorso qui? Occhietto

Risultati immagini per sagano scenic railway

Risultati immagini per sagano scenic railway bloom

Immagine correlata

Non vi viene una voglia immensa di essere già lì???

Bene, con tutta questa bellezza vi saluto e vi mando un grandissimo abbraccio: nei prossimi giorni sarò con un viaggio vagabondo dall'altra parte del mondo. Se avete dubbi, curiosità o domande scrivete pure qui: vi risponderò appena possibile!!

Auguri di Buone feste a tutti Vagabonds!!!

Ciao

Ritratto di Raffa_OnTheShore
Online
Last seen: 9 min 17 sec fa
Iscritto: 16/07/2010 - 18:47
Voglia di primavera!

Hello Kids!!!


Spero abbiate passato delle bellissime feste!! Io sono appena rientrata da un bellissimo viaggio Vagabondo in Costarica: posti e gruppo super!!

E' stato tutto così bello che non vedo l'ora che arrivino le belle giornate e si possa partire di nuovo!!!

E allora, eccomi a parlarvi ancora della nostra prossima, incantevole meta Felice in modo da dipingere di colore queste giornate così inaccettabilmente fredde!!

Il colore di cui voglio parlarvi oggi è il rosa: in tutte le sue mille sfumature... e non solo il rosa dei famosissimi ciliegi: da metà aprile, infatti, a un paio d'ore di treno da Tokyo si può assistere all'incredibile spettacolo della fioritura dei glicini nell' Ashigaka Flower Park dove dal 13 aprile al 19 maggio si tiene il Great Wisteria Festival (festival dei Glicini, appunto, o, come dicono da quelle parti, Fuji) e noto per esser considerato il parco più bello del mondo!

image

Qui oltre 350 piante di glicine secolari in piena fioritura accolgono i visitatori per ammaliarne la vista e l'olfatto. I fiori scendono come grappoli incantati dalle maestose arcate che sostengono le piante mentre il profumo pervade tutto il parco. 

image

Tra le sue molte attrazioni, le più impressionanti sono forse il tunnel di glicine

Risultati immagini per tree of life avatar ashikawa

O l'albero secolare, di ben 144 anni che fiorisce, imperturbabile ogni anno

Risultati immagini per wisteria tree ashikawa

 

... e se, per caso, guardandola questa immagine vi sembrasse familiare... avreste ragione: questo albero ha ispirato James Cameron per tratteggiare l'albero della vita di Avatar Occhietto

Immagine correlata

... un'altra fiaba da vivere sul serio, oltre al treno che corre sull'acqua di Miyazaki Felice


Non siete curiosissimi di visitarlo? Un'altro dei tantissimi "fuori programma" che sto aggiungendo alla nostra bucket list!!

Che ne dite, vi gusta? Occhietto

A presto Vagabodi, vi lascio a questi sogni in rosa!!!

Ciao

Ritratto di Raffa_OnTheShore
Online
Last seen: 9 min 17 sec fa
Iscritto: 16/07/2010 - 18:47
Happy b.day sensei!!

Buon pomeriggio e buona domenica vagabonds!!!

Sono qui per ricordarvi che oggi compie gli anni uno dei nuovi "simboli" del Giappone: lo scrittore (anzi, LO SCRITTORE) Haruki Murakami!!!!

Avete mai letto qualcosa di suo? Da noi é famosissimo per il romanzo (tanto bello quanto triste) Norwegian Wood.

Ma questo scrittore straordinario ha molte anime, da un lato autore di romanzi nel senso più classico del termine (norwegian wood, a sud del cofine ad ovest del sole). E poi esiste una vena onirica, che personalmente é quella per cui impazzisco.

Avete mai sentito parlare di 

- 1Q84

- l'uccello che girava le viti del mondo

- Dance, dance, dance

- Kafka sulla spiaggia (aka Kafka on the shore) Felice

?

Provate a leggerne uno... e vi assicuro che anche voi, nelle notti di luna piena, non potrete fare a meno di scrutare il cielo, per assicurarvi che non vi splendano due lune Felice

Murakami

 

Ciao

Ritratto di Raffa_OnTheShore
Online
Last seen: 9 min 17 sec fa
Iscritto: 16/07/2010 - 18:47
Chilling out

Hello Travellers!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Come state?

Dicono che oggi sia blue monday, il lunedì più triste dell'anno. Allora, direi, proviamo a riempirlo di pensieri positivi. Quindi... Andiamo a bighellonare per un po' assieme in Japan?

Oggi vorrei ancora visitare Tokyo. Capitale piena di contraddizioni e piena di cose incredibili da vedere. Come tutte le metropoli e ancora più di altre metropoli, così sospesa fra passato e futuro. Fra tradizione e provocazione. Fra Occidente ed Asia.

1) Blade Runner

Tokyo è una città dai molti volti, che durante la notte assume i tratti di un film fantascientifico.

Immaginate di essere in città, prendere la metro Hanzomon Line e scendere alla fermata Suitengu-mae. Appena fuori dall'uscita, immaginate di alzare la testa verso l'alto.

Questa è la Hakozaki Junction. Welcome in Year 4020.

Hakozaki Junction

 

2) The Empire Strikes Back

Se un posto viene chiamato Metropolitan Area Outer Underground Discharge Channel, è difficile immaginare si tratti di un posto che valga la pena visitare.

Eppure, nella periferia di Tokyo si trova questa gemma nascosta... il più grande "canale di scolo del mondo" (per mancanza di parole più eleganti).

Questa incredibile struttura, nella sue enormità è circondata da 25 metri di mura e da colonne gigantesche. Costituisce una vera e propria chicca da visitare, fuori dalle classiche rotte turistiche, la cui visita può essere prenotata anche via web.

Metropolitan Area Outer Underground Discharge Channel

(aspettiamo che Darth Veder si affacci fra le collone, vero?) Linguaccia

3) Path to light

Il Nezu Museum accoglie centinaia di opere pre-moderne Giapponesi ed Est Asiatiche... ivi incluse 7 tesori nazionali.

Eppure, l'aspetto più particolare e meno gettonato è anche la gemma da visitare: ossia il suo giardino!

Data la sua natura di "pezzo d'arte nascosta", visitarlo vorrà dire ripararsi dal caos della città, passeggiandovi attraverso, in esclusiva compagnia dei propri pensieri,  proprio mentre ci si trova nel centro di Tokyo. 

 Nezu Museum


Visto quanto c'è da vedere?

(e tutte queste sono ancora fuori programma, ancora devo entrar nel vivo delle cose che certamente faremo!!)

Buona giornata a tutti Travvellers!!

E vai!!

Ritratto di Raffa_OnTheShore
Online
Last seen: 9 min 17 sec fa
Iscritto: 16/07/2010 - 18:47
A proposito di blue monday

... a proposito di blue monday, questa é per chi, come me, é cresciuto a pane e cartoni giapponesi, ed é della mitica pagina FB Sopravvissuti ai Traumi Causati dai Cartoni Giapponesi


image

... e direi che é perfettamente in tema!!

Risata

'dnight a tutti!

Ritratto di Raffa_OnTheShore
Online
Last seen: 9 min 17 sec fa
Iscritto: 16/07/2010 - 18:47
Touring around

Hello Travvellers!!!


Come state? Pronti a volare in Giappone?

Oggi vorrei che veniste con me in una prima, virtuale, visita di questa incredibile città.

Dopo esserci svegliati e aver fatto una bella colazione, ce ne andremo sparati alla conquista di Tokyo, dove cominceremo con una visita al tempio di Senso-Ji.


Volete dare una sbirciatina? Nascosto accontentanti! Felice

senso-ji

Si tratta di uno dei templi buddisti più visitati del mondo: pensate che accoglie 30 Milioni di visitatori ogni anno!!

senso-ji

senso-ji

Dopo la visita al tempio potremo perderci fra le bancarelle del vicinomercato di Nakamise  Pardon

nakamise

Dopo aver percorso in lungo e in largo le bancarelle colorate... andiamo a prenderci un respiro dal caos e dalla gente. Ad improvvisare un pic nic magari... in quel caso, potete riuscire ad immaginare una cornice migliore di questa?

ueno

ueno

Risultati immagini per ueno park

 

Dopo aver fatto il pieno di bellezza, è il momento di spostarci di nuovo e perderci fra le strade della Tokyo più moderna... avete mai sentito parlare dell'incrocio di Shibuya, il più trafficato al mondo?!?!? Dove traffico, per una volta, si intendono i centinaia di pedoni!! Confuso...

Risultati immagini per shibuya

shibuya

Ci perderemo fra le ipermoderne vie di una delle più grandi metropoli esistenti. E potremo esimerci dal darle un'occhiata anche dall'alto?!?!

Immagine correlata


Ora che sta cominciando a calare la sera, sarà il caso di rivedere la città con un vestito diverso. Non potremo mancare di vedere uno dei moltissimi festival che animano Tokyo durante la primavera!

E allora via, verso Rappongi e Mid-Town, dove ad Aprile gli alberi di cilegio sono illuminati anche durante la notte e sono animati da tantissimi locali indoor e outdoor. Immaginatevi allora a sorseggiare un vin rosè mentre passeggiamo in questa cornice Felice

image


A questo punto sarà venuto anche il momento di cenare... e allora perchè non perderci ancora per la città, provando qualcosa di supertipico?

Immagine correlata

Fra lanterne colorate e seduti per terra potremo assaggiare del Ramen in pieno Jap-Style!! E vai!!

Risultati immagini per ramen street tokyo

... perderci fra i sapori e sentirci un po' come lui... ve lo ricordate? (un indizio sul nome è nell'insegna alle sue spalle) Linguaccia

Risultati immagini per ramen zenigata

Un abbraccione Travellers!

Domani torno a raccontarvi cosa potremmo fare DOPO CENA!!!

Ciao

Ritratto di Raffa_OnTheShore
Online
Last seen: 9 min 17 sec fa
Iscritto: 16/07/2010 - 18:47
Chilling out (By Night)

Hello Travellerssssss!!!!


Giornata lavorativa terminata? Che fate stasera?

Prima di uscire per le strade di questo freddo giovedì sera, catapultiamoci in primavera a Tokyo. Eravamo rimasti alla nostra cena caratteristica alla Zenigata... e poi? Che si potrebbe fare?

Beh... saremo in una metropoli, e come in tutte le metropoli... ci sarà solo l'imbarazzo della scelta!!

First of all, direi di provare di qualcosa di tipicamente locale!! E sapete qual è uno dei passatempi preferiti degli abitanti del Sol Levante?

Il Karaoke!!

Immagine correlata

... non siete curiosi di vederli scatenati cantare come amano fare?

E non avete voglia di scatenarvi pure voi assieme a loro?!?

Risultati immagini per giappone karaoke cosplay

 

... e se avessimo voglia di qualcosa di più inusuale e raffinato?

Il JBS Bar a Tokyo è quasi una leggenda: con i suoi muri decorati da migliaia di dischi di vinile e il suo proprietario, Kazuhiro Kobayashi, che seleziona ad hoc la musica più particolare per i suoi avventori!

Immagine correlata

Siete alla ricerca di qualcosa di ancora più inusuale? Ho quello che fa per voi!! Il Nakame Takkiu Lounge è un Secret Bar!

Niente insegne e niente vetrine quindi: per entrare, occorre suonare il campanello di un anonimo appartamento. Appena si entra, si è accolti da un'atmosfera quasi casalinga e... da un bel tavolo da ping pong in cui giocare, sfidando gli altri avventori ed aspettando il proprio drink Felice

Avevate mai pensato che giocare a ping pong potesse essere così divertente?

Nakame Takkyu Lounge

Voglia di un posto uscito da una fiaba?

Il Bar Les Grands Arbres è sul piano superiore di un fioraio... ed ha un enorme albero che parte dalla base e lo attraversa Felice

Les Grands Arbres

... e siamo ancora all'inizio!! Non vogliamo fare un salto al Bar High Five?!?!? E' noto per essere uno dei più bei bar del mondo!!!

Risultati immagini per . Bar High Five tokyo

 

... se siete pronti, dopo questo giro di vita mondana, tornerei alla tradizione per il bicchiere della staffa!!Il quartiere di Golden Gai, illuminato dalle sue migliaia di insegne colorate è quel che farà per noi!! Ci perderemo fra queste strette viuzze, dividendoci per le piccole botteghe che lo animano, per bere un sakè gomito a gomito con la working class giapponese!!

Golden Gai

... che ne dite, a questo punto torniamo a casa o ricominciamo il giro con qualche altro dei moltissimi, bellissimi e poco conosciuti posti in cui possiamo goderci la notte e i cui nomi sto raccogliendo?? E vai!! Salute!!

Balla

Ciao

Ritratto di Raffa_OnTheShore
Online
Last seen: 9 min 17 sec fa
Iscritto: 16/07/2010 - 18:47
buon weekend & preview!

Hello Kids!!


Oggi vi auguro buon w.e. con un piccolo spoiler di quel che parleremo prossimamente: il MORI Building Digital Art Museum: teamLab Borderless (anche comunemente, Museo della Tecnologia).

Tanto per capirci, vi racconterò di questo "museo" che in realtà rappresenta una vera e propria esperienza, non assimilabile a niente altro abbiate provato in passato!


Non ci credete? Date un'occhiata!!

Risultati immagini per mori digital art museum tokyo

 

... situato nell'isola artificiale di Oidaba, dove si erge quest'altra peculiarissima costruzione Felice

Risultati immagini per Odaiba gundam

... ma non mi dilungo oltre altrimenti vi spoilero il prossimo post!!!!

Buon w.e. Vagabondi!!!

Ritratto di Raffa_OnTheShore
Online
Last seen: 9 min 17 sec fa
Iscritto: 16/07/2010 - 18:47
Arte Digitale

Hello Kids!!!


Finalmente questo w.e. ha smosso la vostra curiosità e ho ricevuto diverse mail di informazioni Felice

Allora, mentre aspettiamo con ansia che le vostre richieste di ferie siano accolte, passo a parlarvi, come promesso del "Museo d’arte digitale“ di Tokyo aka il Tokyo MORI Building Digital Art Museum: teamLab Borderless.

Come dice il titolo, questo peculiarissimo museo è stato creato nel 2011 dal TeamLab che altro non è se non un collettivo artistico formato da “un gruppo interdisciplinare di ultratecnologi” (secondo quel che recita il loro sito) che cercano di unire arte, scienza, tecnologia, design e lo studio della natura.

Questo collettivo unico al mondo, quindi, è composto da artisti, in primis, ma anche da programmatori, ingegneri, esperti di animazione, matematici e architetti che lavorano da due anni al progetto teamLab creando qualcosa di nuovo, un modo nuovo di fare e vivere l’arte.

il TeamLab aveva già dato prova delle loro capacità anche qui in Italia all’Expo di Milano nel 2015 con due installazione nel Padiglione Giapponese (quello che, dati i contenuti, aveva code lunghissime che lo rendevano inavvicinabile. Ve lo ricordate?).

Risultati immagini per padiglione giapponese expo


E allora diamo un'occhiata a questo "museo", che ne dite? E per farlo, innanzi tutto, tocca dimenticarsi di qualsiasi altro museo visitato fino ad oggi, perchè non contiene d’arte, ma perchè saremo entro un'opera d’arte.

Il museo, infatti, è composto da cinque aree tutte da esplorare, con opere d’arte digitale proiettate sui muri che si mutano e fondono tra di loro "senza limiti" (“Borderless”, appunto) venendo influenzate dalle nostre interazioni.

Risultati immagini per mori building digital art museum teamlab borderless

Immagine correlata

Risultati immagini per mori building digital art museum teamlab borderless

Ma il Tokyo MORI Building Digital Art Museum: teamLab Borderless non è solo arte digitale proiettata sui muri: ci sono lle installazioni dove l’arte digitale si fonde con quella fisica, luoghi in cui si attraversare cascate di leddistendersi su rete sospese nel vuoto, arrapicarsi su degli alberi luminosi inseguendo un colore e addirittura una tea house dove bere il tè in un modo unico!!

Immagine correlata

Risultati immagini per mori building digital art museum teamlab borderless climbing tea house


Risultati immagini per mori building digital art museum teamlab borderless climbing tea house


... non siete curiosi, emozionati ed impazienti di vivere un'esperienza che non possibile vivere in nessun'altra parte del mondo?!

Immagine correlata

Ritratto di Raffa_OnTheShore
Online
Last seen: 9 min 17 sec fa
Iscritto: 16/07/2010 - 18:47
Our Japanese Houses

Hello Kids!!


Oggi faccio una veloce e breve digressione per mostrarvi dove dormiremo. Come indicato nella descrizione del viaggio, infatti, questo viaggio prevede comunemente ostelli e camerate.

Gli Ostelli in Giappone, però, sono molto diversi da quelli cui comunemente siamo abituati: per efficienza, bellezza e, soprattutto, pulizia!

Così, per assicurarci il meglio con il budget a disposizione, ho provveduto a bloccare già da qualche mese delle soluzioni (cancellabili gratuitamente) che ci permettessero di essere in posti belli e super-centrali. Il rating medio di ciascuna di queste strutture è da 8.5 in su. E non avremo grandi camerate, ma divideremo la stanza massimo in 6 Felice

Volete dare un'occhiata?

Eccoli qui:

Hostel Kyoto Kizuna, 9,1 di media su quasi 2000 recensioni booking. Nel cuore di Kyoto e a 20 minuti di passeggiata da Gion (in modo da non esser vincolati ai taxi quando rietreremo la sera)

Risultati immagini per hostel kyoto kizuna

 

The Share Hotels Kiro Hiroshima, 9,3 di punteggio medio su booking. Anche questo centralissimo e... caruccio, direi Occhietto

Risultati immagini per the share hotels kiro hiroshima

Hostel East Blue Kasai Tokyoanche questo ha come media punteggio su booking 8.5 su oltre 1.300 recensioni. Il gruppo di Vagabondo che c'è stato la scorsa primavera l'ha adorato: per posizione e confort. E anche questo non pare bruttarello Occhietto

image

Immagine correlata

... naturalmente, sono tutte soluzioni cancellabili gratuitamente, quindi - se non dovessero convincervi - provvederò a cambiarle. Ma mi piaceva darvi un'idea concreta di dove andremo a stare, ben prima di partire!

Fatemi sapere... voi che ne pensate? Vi piacciono?

Un abbraccio a tutti Vagabondi!!

Ritratto di Raffa_OnTheShore
Online
Last seen: 9 min 17 sec fa
Iscritto: 16/07/2010 - 18:47
Benvenuta!!

e benvenuta alla nostra seconda iscritta, Elisabetta!!!Salute!!


Con cui ho avuto il piacere di parlare ieri e sulla cui simpatia posso garantire!! Un brindisi virtuale al saké per te! Salute!!

Dopo la conversazione con lei, ho pensato fosse opportuno chiarire alcune cosette "burocratiche".

1) l'iscrizione al viaggio é gratuita: vagabondo non vi chiede il pagamento di nessun acconto. Questo vi sarà richiesto solo quando il viaggio avrà raggiunto il numero minimo per la partenza e sarà comfermato! 

2) nel compilare la scheda si iscrizione, se non avete il passaporto perché lo state rinnovando, potete scrivere nel relativo campo IN RINNOVO. La vostra iscrizione sarà comunqie registrata!

3) se avete qualche esigenza particolare (ad es. volete valutare orari di partenza, altri aeroporti di imbarco oltre a quello principale che avete indicato) potete scriverlo in nota: lo staff di vagabondo vi contatterà al momento della conferma per valutare le alternative possibili.

4)  perché é importante iscriversi prima possibile? Perché per adesso non ci sono sovrapprezzi dovuti a rincari di voli, ma potrebbero essercene in futuro... ma se vi iscrivete quando il rincaro non c'è a voi non sarà applicato!

5) se avete dubbi circa imprevisti lavorativi, potete chiedere a vagabondo (mettendolo in nota al momento dell'iscrizione) di stipulare un'assicurazione annullamento dovuto ad eventi terzi.

... credo sia tutto! Potrebbe esserci altro? Ah si! I fiori di ciliegio! Noi dovremmo arrivare subito dopo quello che si prevede il picco di fioritura piena. Quindi dovremmo vederli. Ma ad aprile non ci sono solo i ciliegi: il 10 aprile cominciano i festival di azalee e glicini, quindi non solo rosa! Vedremo tanti bellissimi colori primaverili!!

... certo potremo immaginare la bellezza godersi l'inizio della primavera in un paese cosí bello!!

*******


Ma in tutto questo, guardiamoci negli occhi, mica vorremo andare in Giappone a vedere solo ramoscelli e fiori!?!?!!! Saremo in un paese che brulica di vita e di cose da fare!! Linguaccia

Per questa ragione, il nostro fine sarà vivere un'esperienza piena partendo con l'idea di doverci (obbligatoriamente) divertire moltissimo! Vivendo questo paese a 360 gradi!

Visite, colori, parchi e templi e tantissima interazione con la vita locale!!

Risultati immagini per collage japan pic fun

photo collage

Quindi, per cominciare, visto che viaggeremo a Pasqua, al gruppretto che farà confermare il viaggio offro un uovo di pasqua da scartare in aeroporto (in una pentola in acciaio inox, a la giorgio mastrota, se ci tenete!)!!

(e un giro di sakè appena sbarcati in terra nipponica, via!)

Risultati immagini per japan sake toast

 

(Una preview dell'uovo, che sarà scelto appositamente fra le alternative più trash che gli scaffali del Carrefour sotto casa mia possano offrire)

Uovo


(Guardate che bellino e immaginatevelo agli imbarchi per tokyo Innamorato )


(Ci aggiungo pure un ramoscello finto di fiore di ciliegio per farvi contenti)

Risultati immagini per ramoscello fiore di ciliegio finto


il tutto sarà consegnato in aeroporto ai fortunati vincitori! Quindi, via con le telefonate!! Ah, no, scusate, volevo dire VIA CON LE ISCRIZIONI!!

C'é altro da dire?!?!

Ah si!!! 

P A R T I A M O !!!!


Ritratto di Raffa_OnTheShore
Online
Last seen: 9 min 17 sec fa
Iscritto: 16/07/2010 - 18:47
Un tuffo indietro nel tempo

gooooooodmorning kids!!!

passo di qui al volo perchè stamattina mi sono svegliata con la voglia di organizzare qualcosa di figo, ed ho pensato che durante il nostro viaggio saremo pressoché sempre in grandi e bellissime città... ma anche nel loro caos!

... ma non vorremo provare anche qualcosa di moooolto tradizionale?

Così ho pensato che l'ultima notte a kyoto, potremmo passarla in un ryokan!!

Sapete cos'ė un ryokan?! Una locanda tradizionale, il cui stile ė rimasto sostanzialmemte immutato nel tempo, che pare risalga all'epoca Edo.

I ryokan, quindi, mantenendo lo stile e l'arredo giapponese, sono un vero e proprio tuffo nel passato: con i pavimenti formati da tatami e i futon per dormire!

Ryonkan

Così stamattina, vi dicevo, ho bloccato alcune stanze in un ryokan sui monti di kyoto (facilssimamente raggiungibile con un bus che parte dal centro della città e arriva dritto lí).

E il nostro non sarebbe solo un ryokan, ma avrebbe anche un Onsen.

Cos'é un Onsen? Sono terme naturali di acqua calda, che i giapponesi usano per rilassarsi.

Tipo queste, per dire:

Onsen

... in sostanza, il nostro ultimo giorno a Kyoto, nel tardo pomeriggio, anziché nel nostro albergo in centro città, potremmo spostarci in questo paradiso immerso nei monti, provare una cena tradizionale, rilassarci nella piscina termale, e poi dormire nel nostro futon!

Che ne dite, vi piacerebbe? Dei molti gruppi di vagabondo partiti per il giappone, due l'hanno provato e l'hanno definita l'esperiemza piú bella! Vogliamo essere il terzo gruppo a provarlo?

Io la prenotazione l'ho fatta! È cancellabile gratuitamente, quindi potremo decidere con calma se l'esperienza fa per noi, ma se vogliamo: il nostro buen retiro sui monti di kyoto è lí a portata di mano!!!

P A R T I A M O!!!!!

(In foto uno scorcio del villaggio di Ohara, dove sarebbe il nostro ryokan)

 

image

image

Ritratto di Raffa_OnTheShore
Online
Last seen: 9 min 17 sec fa
Iscritto: 16/07/2010 - 18:47
E... un salto ad Osaka?

Hello Travellers!!!!!


***
Vi ricordo che la promozione esclusiva per vincere l'uovo di pasqua trash e il ramoscello di ciliegio finto è sempre attiva e che questo è l'unico viaggio che propone questa offerta esclusiva ed unica nel suo genere!!! Chi saranno i prossimi 3 fortunati vincitori??***

Finito l'angolo promozionale, anche oggi voglio ancora parlarvi di un'altra delle cose fichissime che potremmo fare durante il nostro viaggio!!


Per esempio, mettete di passare una delle giornate intere che abbiamo a Kyoto, dedicandole alla visita della città e di voler fare qualcosa di particolare e diverso per cena: sappiate che potremmo saltare su uno dei treni super-veloci che sfrecciano per il Giappone (ed inclusi nel nostro JR Pass, quindi senza dover pagare la corsa) e - nel tempo che si impiega a Roma per attraversare un quartiere - andare a cenare ad Osaka (città NON prevista dal nostro itinerario), godersi la città e i suoi canali bynight... e rientrare a Kyoto in tempo per l'ultimo giro di sakè e la nanna!

Potremmo però farci un giro in barca qui:

Image result for osaka by night"

cenare da qualche parte qui:

 

Image result for osaka by night"

passeggiare e salutare una città che altrimenti non avremmo in programma di vedere Salute!!

Image result for osaka by night"

per poi rientrare a dormire qui:

Image result for kyoto by night"

 

dai dai dai

questa sarà una dei viaggi più fighi della nostra vita!!

P A R T I A M O!!

Ritratto di Raffa_OnTheShore
Online
Last seen: 9 min 17 sec fa
Iscritto: 16/07/2010 - 18:47
Wandering around Kyoto

Goooooooooodmorning travellers!!!!


Come state?

Oggi ho deciso di farvi annoiare un po', quindi vi chiederò di accompagnarmi in una visita virtuale di Kyoto, seguendo paro paro il nostro programma di viaggio.

E' mattina, nel nostro albergo di Tokyo, ci svegliamo e andiamo a fare una colazione. La colazione è una di quelle tristi tristi come tutte quelle che si fanno in vacanza, con poca scelta e soprattutto poco ghiotte

 Image result for colazione vacanza"

magari condite da qualche opzione locale, ma sono opzioni che non ci stupiscono perchè le troveremmo in qualsiasi bar in Italia

Image result for colazione giapponese"

Quindi, un po' annoiati per aver dovuto sopportare la vista e il sapore di tanto ben di dio (o ben di Buddha), ce ne andiamo in stazione a prendere un treno triste triste, di quelli che vedremmo sicuramente in qualsiasi stazione del nostro paese.

Image result for shinkansen"

 Questi treni si chiamano shinkansen e non possiamo fare a meno di notare che hanno un nome un po' cacofonico. Per di più  viaggiano velocissimi su binari dedicati e quindi meno soggetti al traffico regolare tanto che hanno un ritardo medio registrato annualmente di meno di 1 minuto per treno, al giorno. 

Ma noi alla puntualità siamo abituati perchè i nostri treni sono sempre regolarissimi.

Così saliamo sul treno-proiettile dal nome cacofonico e, partendo, salutiamo subito una montagnetta che abbiamo visto un sacco di volte in tv, quindi non possiamo fare a meno di notare che anche questa è una cosa già vista.

Image result for shinkansen fuji"

Dopo metà del tempo che impieghiamo giornalmente sul raccordo anulare, arriviamo a Kyoto che tutti osannano come una delle città più belle del mondo. Ma a non non ci fregano: le città antiche giapponesi le abbiamo viste a Euro Disney da bambini, quindi questo legno immerso in alberi rigogliosi non è nulla di esaltante.

Image result for kyoto"

Siccome vogliamo essere generosi, concediamo alla città un'opportunità di essere visitata, anche se chiaramente se la tira perchè solo lei ha 17 siti dell'Unesco.


Nella nostra gitarella qualcosa di carino, effettivamente, riusciamo a trovarlo, anche se l'abbiamo visto e rivisto su Instagram.

image

Image result for Ninen-zaka"

Così proseguiamo e arriviamo in un punto piuttosto panoramico da cui ci concediamo un'occhiata della città. Magari mentre ci sorseggiamo una birra (giapponese) fresca.

Image result for Kiyomizu-dera"

A quel punto, ci accorgiamo di avere di nuovo una discreta fame. Quindi ci prendiamo in uno dei molti supermarket qualcosa da mangiare, magari un sushi che comunque non sarà mai buono come quello di Tony Jo, il giapponese di orgine ecuadoriana che abbiamo sotto casa nostra, e andiamo a mangiare in questo parco, vicino al tempio panoramico, che è così così, anche se i giapponesi l'hanno pure acchittato tutto a festa.

 Image result for Maruyama-koen"

Image result for Maruyama-koen"

Nel parco, mentre addentiamo un nigiri, non possiamo fare a meno di notare che in questo paese per organizzare un pic nic non hai bisogno nemmeno di portarti appresso un pareo o una coperta: hanno pensato a tutto loro, pure a pre-apparecchiarti un parco bellissimo.

Finito il nostro pranzo, dopo esserci riposati, ci rimettiamo in marcia per vedere qualche altro posto che le guide e i viaggiatori celebrano come bellissimo ma che a noi lascia completamente indifferente.

Image result for Yasaka shrine"

Image result for Yasaka shrine"

Peraltro comincia a far buio e tutti i monumenti e gli alberi sono illuminati. 

Ma noi passiamo per le vie piuttosto annoiati perchè sono immagini che vediamo dal 1980 in qualsiasi cartone animato giapponese.

Image result for kyoto by night"

Quindi, visto che abbiamo passato una giornata piuttosto noiosa e senza vedere nulla di interessante, torniamo in albergo a rinfrescarci un attimo, perchè stasera abbiamo in programma di partecipare ad una cerimonia del the.

Image result for cerimonia del te giappone"

ma di quest'altra attività super noiosa vi parlo la prossima volta perchè già so che - per oggi - abbiamo sbadigliato abbastanza!!

Rotola dal ridere

(P A R T I A M O!!!!)

Ritratto di Raffa_OnTheShore
Online
Last seen: 9 min 17 sec fa
Iscritto: 16/07/2010 - 18:47
Famous places to visit

Nascosto

Avete mai visto in foto questo posto?

Arashiyama Bamboo Grove

 Image result for arashiyama bamboo grove

Image result for arashiyama bamboo grove

... sapete che potreste vederlo dal vivo?

Ritratto di Raffa_OnTheShore
Online
Last seen: 9 min 17 sec fa
Iscritto: 16/07/2010 - 18:47
acqua pura!

Buongiorno Viaggiatori!!

Come passate oggi il vostro w.e.?

Ovunque e comunque lo stiate passando, ricordate che fra un paio di mesi potremmo essere qui:

tempio dell-acqua pura

... e sappiate che questo bellissimo posto a Kyoto, il Tempio dell'acqua pura, e' stato fi7 nalista (e non e' rientrato per un soffio) fra le c.d. 7 Meraviglie del Mondo Moderno!!!


Bellissimo, vero?

Ritratto di Raffa_OnTheShore
Online
Last seen: 9 min 17 sec fa
Iscritto: 16/07/2010 - 18:47
Ora di pappa!

Hello travellersssss!!!!!!!!!!


Come procede la giornata?

Oggi, data l'ora (e la conseguente fame), ho pensato di portarvi un po' a spasso per locali tipici che visiteremo a Kyoto.

 

  • Nishiri market

Appena arrivati in città, potremo subito dedicarci alla visita di uno dei mercati gastronomici più cool della città: pieno di prelibatezze, di bancarelle di street food, con proposte super classiche e altre ... buffe e particolari! Occhietto
 
Kyoto Cosa vedere dove mangiare
 
  •  和食房 つるや 勇寿 
Tutto chiaro no?!?!?! Rotola dal ridere Questo mini ristorante, con il nome solo in lingua originale, piccolo, intimo e poco conosciuto alle masse, si narra abbia la cucina più buona del Giappone E vai!!
 
Image result for " 和食房 つるや 勇寿"
 
sia per chi ama il sushi...
Image result for " 和食房 つるや 勇寿"
 
... che per chi vuol assaggiare altro della cucina tradizionale giapponese!!
 
Kyoto Cosa vedere dove mangiare
 
  • Shabu Shabu

C'è un posticino a Gion, dove vorrei portarvi, dove si narra facciano uno Shabu Shabu da urlo!
 
... cos'è lo Shabu shabu? E' un piatto tipico della zona: carne con vari condimenti che viene cotta direttamente dagli avventori in una pentola portata al tavolo dai ristoratori Felice
 
Kyoto Cosa vedere dove mangiare
 
  • Antico caffè 

... in un posto speciale di Kyoto, per bellezza e fama, c'è questo caffè fuori dal tempo, in cui si gusta in The seduti sul tatami, come se si vivesse fuori dal tempo Cuore
 
Image result for YOJIYA CAFE GINKAKUJI
 
  • Cerimonia del the

... e se ci dovesse andare, che ne pensate di partecipare ad una cerimonia de the?!!?!?!?
 
Image result for TEA CEREMONY EN
 
(ho già idea di dove potremmo andare!) Salute!!
 
  • anche nelle nostre gite fuori porta Felice

Anche nelle nostre gite fuori porta, previste dal nostro programma, mentre saremo a Kyoto... ho trovato qualche localino super-classico dove potremo bearci e rifocillarci!! Balla

Image result for MAGURO KOYA

 

  • il bicchiere della staffa
 
E la sera prima di andare a dormire? Ho trovato un posto specialissimo che serve ottimo gin Felice non ci resta che andare a provarlo!!
 
Image result for NOKISHITA 711
 
 
  • Carne di Kobe
e per chi volesse... sapete, vero, che in zona si mangia quella che viene considerata la "carne più buona del mondo"?!? Si tratta del manzo di Kobe!
 
Image result for manzo di kobe
 
.... anche dal punto di vista culinario direi che potrebbe essere il viaggio della vita!!!

P A R T I A M O!!!!

Ciao
Ritratto di Raffa_OnTheShore
Online
Last seen: 9 min 17 sec fa
Iscritto: 16/07/2010 - 18:47
happy Valentine's

Buongiorno viaggiatori!!!

oggi voglio augurarvi buon san valentino con un pensiero al Giappone e ad una famosa massima giapponese:

 

"Più forte dell'odio è l'amore

Più forte dell'amore è un lottatore di sumo.

Forse"


(semi - cit.)

Linguaccia

 Image result for lottatore sumo

 

 

Per quest'anno stop ad anelli e/o cioccolatini: a San Valentino regalale (e regalati) un viaggio in Giappone!!

(o un lottatore di sumo)

Ritratto di Raffa_OnTheShore
Online
Last seen: 9 min 17 sec fa
Iscritto: 16/07/2010 - 18:47
Parlando (per un attimo) di cose serie

Buongiorno vagabonds!!


Come state? Oggi vorrei (per poco) assumere un tono serio e tranquillizzarvi sul c.d. Coronavirus.

L'epidemia non interessa al momento il Giappone che, anzi, come immaginabile (data la precisione marziale che lo caratterizza) ha preso severe misure per evitare l'ingresso dell'epidemia: intensificando controlli anche medici e quarantene forzate agli arrivi in aeroporto e sospendendo e cancellando molti voli con la Cina (soprattutto, impedendo del tutto l'ingresso a chi viene o ha cittandinaza originaria delle zone maggiormente interessate dall'epidemia).

La farnesina (che sta monitorando la questione giornalmente, aggiornando tempestivamente gli alert sul sito viaggiaresicuri.it) non solo non scoraggia, ma nemmeno sconsiglia (e non ha sconsigliato in tutto questo periodo) viaggi in tutto il territorio del Giappone: evidenziando, anzi, le misure di contenimento prese dal Paese e la sua ottima assistenza sanitaria.

In aggiunta, anche Vagabondo sta attentamente monitornado la situazione, sospendendo i viaggi che possano essere considerati "a rischio".

Al di là degli allarmismi, quindi, le notizie ufficiali non registrano rischi. E se, in futuro, ce ne fossero, i viaggi sarebbero cancellati (come è già successo).

Da quanto riportato, con il passare dell'inverno, l'epidemia dovrebbe (finalmente) andare a scemare.

Pertanto, non ci sono ragioni per privarsi della bellezza di questi posti a metà aprile!!

Stiamo parlando di un paese serio e molto rigoroso. Ed anche incredibilmente bello.

Per cui, forza, vi aspetto!!

Image result for giappone simbolo

Ritratto di Raffa_OnTheShore
Online
Last seen: 9 min 17 sec fa
Iscritto: 16/07/2010 - 18:47
Curiosità al limite del Voyeurismo

Buonpomeriggio Vagabondi!!!!!!!


Alla faccia del Coronavirus, sono ancora qui a raccontarvi del paese più bello del mondo e del viaggio più figo della vostra vita!!

E per farvi comprendere quanto potrebbe essere unica la nostra esperienza, indimenticabile h24, sono qui a dirvi che anche andare al bagno potrebbe essere un'esperienza I R R I P E T I B I L E!!


Quindi, oggi, vi parlo dei gabinetti giapponesi Cuore

 

Forse non tutti sanno che, i bagni (intesi proprio come toilette) hanno una rilevanza fondamentale nella cultura nipponica, in cui la pulizia e  l'igiene  hanno la stessa importanza di qualità  come bellezza e ordine.

Nelle abitazioni giapponesi, spesso così piccole che diverse generazioni di famiglie sono costrette a vivere sotto lo stesso tetto, il bagno è spesso l'unica zona che permetta una certa intimità. Per questo motivo si pone una grande attenzione alle tecnologie che rendono le toilette eccezionalmente puliti e confortevoli.

Ma dedichiamo a questo utensile domestico l’excursus storico che si merita (data la rilevanza che riveste per ognuno di noi, non solo per i Giapponesi).

Il gabinetto è generalmente separato dalla stanza adibita alla pulizia del corpo, poiché nella cultura giapponese vi è la tendenza a dividere le aree considerate "pulite" da quelle "non pulite", e si cerca di mantenere minimo il contatto tra esse.

Questa pratica ha origini antiche e risale al periodo Edo, quando le toilette erano delle piccole cabine in legno poste di fuori delle abitazioni.

 waterEdo

Fino alla seconda guerra mondiale i sanitari più diffusi erano quelli alla turca (cliccate qui per un approfondimento ad hoc).

Image result for bagno alla turca

Dopo il conflitto mondiale, però, cominciarono a diffondersi in tutto il paese i vasi sanitari occidentali (quelli che abbiamo noi, insomma) con sciacquone.

Image result for bagno con sciacquone

A partire dagli anni ’80, tuttavia, l’Impero del Sol Levante ha implementato - come suo solito - l’idea presa  dall’occidente introducendo i water con funzioni di bidet detti anche washlet, una crasi delle parole inglesi wash (lavaggio) e toilet. Dimostrandosi all’avanguardia non solo nel perfezionamento del gabinetto, ma anche nell’uso delle crasi, che in occidente abbiamo usato per creare i Ferragnez, per esempio.

Image result for washlet japan

Ad oggi, i washlet sono in più dell’80% delle case nipponiche.

 

Ed eccolo qui, in tutta la sua fulgida espressione tecnologica, un gabinetto giapponese, protagonista di esperienze di meditazione più uniche che rare!

 Giappone, Wc tecnologici sempre più smart: led e sensori, il water è un'astronave

Nelle plance di comando poste a lato, potete modulare la direzione del lavaggio, e il tipo di spruzzo.

 image

 

E non solo. Vi viene in mente esperienza più sgradevole, quando ci si sveglia presto la mattina, d’inverno, della tazza fredda e poco accogliente?

Bene, sappiate che in Giappone la tazza può essere anche dolcemente riscaldata, consentendovi un’esperienza unica e confortevole. E non solo! I bagni sono spesso anche retroilluminati: in modo da non dar vita al classico problema della "ricerca della tazza" quando bisogna recarsi in bagno al buio!!

 Image result for toilet japan future

Siete pronti a sperimentare il secolo XXII anche quando entrate in bagno?!?!

 Image result for toilet japan future

P A R T I A M O!!!

Ciao

Lo sapevi?

Viaggio di Vagabondo: 
Partenza e Ritorno: 
da 12/04/2020 a 26/04/2020
Iscritti finora: 
2
Status: 
Da confermare
Vagabondo DOC:
Raffa_OnTheShore
Luoghi: 

Altre date

Dom 1/3/2020
Da confermare
0 Iscritti
Dom 22/3/2020
Confermato
13 Iscritti
Dom 29/3/2020
Confermato
10 Iscritti
Dom 12/4/2020
Da confermare
2 Iscritti
Dom 26/4/2020
Da confermare
1 Iscritto
Dom 10/5/2020
Da confermare
0 Iscritti