Viaggio in Russia

Autore: 
di Joseph Roth 1987 - Ed. Adelphi Lit. 14.000 (€ 7,23)

"Nell'estate del 1926 la ""Frankfurter Zeitung"" propose a Joseph Roth un viaggio in Russia. Dopo i primi anni di entusiasmo per la rivoluzione, quando si firmava ""Roth il Rosso"", egli era entrato, ora in una fase di dubbio: così vide quel viaggio come una preziosa occasione di verifica. Attento, curioso, con occhio vivido e mano ferma, vagò per le grandi città, seguì il corso del Volga, si spinse fra i popoli dell'Asia Centrale, scrivendo a caldo le sue corrispondenze. All'inizio, il suo atteggiamento è di forte simpatia verso quel mondo in formazione. Ma la sua lucidità gli permette anche di vedere il tetro squallore di quell'""uomo nuovo"" che già si incontra in ogni strada. Mentre schiere di scrittori occidentali avrebbero visitato la Russia per decenni, gareggiando (salvo poche eccezioni) in cecità e servilismo, Roth vide e seppe raccontare tutto ciò che allora si poteva vedere. Queste sue pagine vibrano non solo per la sua arte di narratore, ma per la sua chiaroveggenza di testimone. A Walter Benjamin, quando si incontrarono a Mosca, Roth disse di essere partito bolscevico e di ritornare monarchico. In verità si stava compiendo in quei mesi la trasformazione di Roth in uno dei suoi personaggi: Franz Tunda, il protagonista di ""Fuga senza fine"", colui che combatte per la rivoluzione e poi si aggira in un'Europa decaduta, ma soprattutto non appartiene più a nulla, ha reciso ogni legame di affinità con tutti i mondi che lo circondano e ascolta ""rapito il canto dei tarli"". Questo viaggio è una delle prime testimonianze illuminate di uno scrittore occidentale sulla Russia sovietica: ma esso segna anche un passaggio decisivo nell'evoluzione di Roth. Come leggiamo in una sua lettera da Odessa a Bernhard von Brentano: ""E' una gran fortuna che abbia fatto questo viaggio in Russia: altrimenti non avrei mai riconosciuto me stesso" (www.bol.it)

Lo sapevi?

Recensito da

Ritratto di Vagabondo0
Offline
Last seen: 5 ore 11 min fa
Iscritto: 10/2/2012