Galapagos per Viaggiatori Indipendenti

Autore: 
Enrica

Assolutamente da non mancare e da programmare senza tempi ristretti. E’ veramente qualcosa di speciale ed irreale, non sciupate il viaggio con il “toccata e fuga” che vi propinano le agenzie, molto probabilmente nella vita non ci tornerete un'altra volta ed allora non lasciatevi rimpianti. Premesso che è un’esperienza costosa visto che solo per toccare il loro suolo vi serve un biglietto aereo –costoso per noi turisti- e ben 100$ di tassa di ingresso, cerco ora di darvi un po’ di consigli validi però alla sola condizione che voi viaggiate in bassa stagione (ma la regola del buon viaggiatore è sempre di viaggiare in bassa).

Clicca per ingrandire Clicca per ingrandire Clicca per ingrandire Clicca per ingrandire Clicca per ingrandire Clicca per ingrandire Clicca per ingrandire Clicca per ingrandire Clicca per ingrandire
  • Evitate i mesi estivi: c’è il pienone di europei, i prezzi sono più alti, il mare è mosso e l’acqua gelata.
  • Non prenotate niente dall’Italia, e nemmeno da Quito, l’ideale è iniziare la ricerca di un volo da Guayaquil : cercate un last minute per Baltra (l’isola di Santa Cruz e non per San Cristobal).
  • Arrivati a Santa Cruz ( aeroporto sull’isoletta adiacente di Baltra) dopo aver pagato i vostri 100$ senza scampo, con un bus, un traghettino ed un altro bus arriverete a Puerto Ayora e già vi sentirete immersi nella magia delle isole: aironi, sule, pellicani, iguane, fregate diventeranno i vostri fedeli compagni a distanze ravvicinate... e la sera tardi passeggiando sul molo.. incontri di tutti i generi animali immaginabili.
  • Calma e senza fretta, dico questo perché il metodo tutto ecuadoreño di fregarvi è quello di mettervi fretta.... Cercate un alberghetto economico ( ce n’è molti noi siamo stati al residence Flamingo- bagno privato ) e fate un primo giro del pueblo ( scoprite la stradina dei chioschi- ristorantini ) ed adocchiate le varie agenzie....ma attenti agli squali di terra!
  • Ed ora attenzione vi diranno che le isole sono parco naturale e non si può andare in giro liberamente senza guida... non è del tutto vero: nei dintorni di Puerto Ayora ci sono diverse spiagge bellissime libere di accesso , potrete fare snorkeling ed ho visto anche surfisti, una è Tortuga Bay che vale una visita, ancora un'altra ( molto piccina ma con un mare antistante molto popolato) è nei pressi del centro Darwin – che potrete visitare gratis e per tutto il tempo che vi pare – ed ancora un’altra si raggiunge con il taxi-boat dal molo ed è la playa de los Alemanos. Detto questo ed aggiungendo che Puerto Ayora ha anche gelaterie, caffè, pizzerie, ristoranti italiani ( cercate ecuador il Palermitano spenderete un po’ di più ma....ecuador vale la pena è uno show-man, cucina e canta benissimo) capirete perché non dovete avere fretta.
  • Ed ora parliamo del mercato/businnes delle crociere. Mentre dall’Italia e da Quito vi parlano di crociere di 4,5 o 8 giorni, a Puerto Ayora le stesse diventano di 3,4,7 giorni e già abbiamo fatto un passo avanti considerando che ogni giornata a bordo vi costerà dai 65/75$ minimi a prezzi per nababbi. Ma c’è di più:ogni crociera prevede anche una intera giornata per visitare l’isola di Santa Cruz, ma se voi ve la visitate da terra mai vi costerà quanto una giornata a bordo. (E’ consigliabile l’escursione a terra per circa 20$ per andare a vedere le tartarughe giganti**** , un paio di crateri vulcanici , una galleria lavica *) Tutte le barche sostano almeno una giornata intera nella baya di Puerto Ayora. Ed allora , fatevi proporre dalle agenzie tutte le varie partenze nei giorni successivi ed i vari prezzi last minute, prendete accurata nota del nome delle barche e poi via di corsa al molo salite sul taxi-boat e fatevi portare (0,5$) a bordo delle singole barche. A bordo potrete contrattare il prezzo direttamente col capitano, verificare la sistemazione, accertarvi dell’itinerario-visto che spesso lo cambiano e le agenzie nemmeno lo sanno- non solo , ma vi imbarcheranno solo dopo cena così voi risparmierete ancora un’altra giornata sul salato conto; ed ancora il capitano sarà lieto di cedervi anche la sua cabina ( a noi è successo proprio così ), trovando per lui un’altra sistemazione.
  • Viste le spiegazioni che vi ho dato mi sembra ovvio consigliarvi la crociera di 8 giorni che poi non sono nemmeno 7, perché quelle più brevi non vi compensano nemmeno di tutto quello che avete già speso di aereo ed ingresso e soggiorno alle isole ).
  • Ancora.... A fine crociera, cioè alle nove del mattino dell’ultimo giorno , vi scaricheranno all’aeroporto di Baltra, dove arriva il carico di nuovi polli da spennare , noi, avendo scelto di passare ancora due notti a Puerto Ayora, abbiamo chiesto di poter sbarcare solo al tramonto godendoci così un’altra intera giornata a bordo senza extra ma questo dipende dall’itinerario della barca e da quanto.... avrete fatto amicizia col capitano. ( Il nostro era fantastico: la barca ANTARTIDA –decisamente non di lusso e decisamente non in piena forma- era allegra ed accogliente con un cuoco super e soprattutto piena di allegri ragazzi di tutta Europa e non di ricconi con scarpe nuove e puzza sotto al naso come si rischia di trovare sulle barche più in !!)

E’ tutto sulle Galapagos.

Ora per finire una serie di brevi flash su aspetti che ci hanno colpito

  • “qué le vaja bien” è il saluto più frequente
  • Gli jugos sono ottimi ( anche di tomate)
  • I bambini sono belli, ma i lama sono più puliti!
  • Dai bus si sale e si scende in corsa, la destinazione non è quasi mai scritta, ma gridata dal bigliettaio appeso fuori al bus.
  • Sui bus vendono di tutto
  • I diminutivi sono abituali sentirete “dollarito” “centesimino” ma il più bello è stato “basurita”!
  • Posti telefonici tanti (ed economici per l’Italia) anche internet quasi ovunque.
  • Può convenire mangiare nei mercati ( Baños il più nuovo e pulito) anche perché potete vedere prima il cibo che vi sarà servito.
  • Non ponete mai il vostro zaino nei vani alti del bus e nemmeno sotto il sedile: tenetevelo in braccio.
  • La “fritada” non è una frittata ma tocchetti di maiale fritti in padelloni d’olio (!?!) e serviti con mais fritto e patate lesse ( si mangia con le mani ed è buona)
  • Gli hotel sono soliti tenere il portone rigorosamente chiuso anche di giorno occorre suonare per entrare.
  • Nella stanza dell’hotel di Guayaquil il televisore era inserito in una gabbia di ferro con lucchettone, il condizionatore d’aria anche, ma la cosa che più ci ha colpito è stata che il portacenere era........“inchiodato” al comodino !!
Luoghi: 

Lo sapevi?