Gruppo Laos e Cambogia freak style - Partenza del 2016-12-20

Laos e Cambogia freak style



  • Prezzo base: 1850
  • Cassa comune: 600
  • Partenza: 20 Dicembre 2016
  • Ritorno: 7 Gennaio 2017
  • Durata: 19 Giorni
  • Iscritti/posti:
  • Status: Confermato
  • Vagabondo DOC
PRENOTA FORUM



Partecipanti

Vagabondo DOC: Giampaolo.KABKA3   

Giampaolo, trentanni, è un vagabondo pacato e gentile, deciso e con la grande capacità di trasmettere ai suoi compagni di viaggio la passione per il viaggio. Di grande cultura, si è laureato in archeologia con indirizzo Asia centrale. Si allontana dal mondo accademico per incompatibilità dalla stasi e per richiamo da questo nomade nomade Mondo (cit.). Quando non viaggia o progetta viaggi porta avanti una decina tra passatempi e passioni. Giampaolo parla bene inglese, francese, russo, un po' di svedese e un po' di georgiano (Vive in Georgia da qualche mese).

Iscritti/posti:

Con il vagabondo DOC Giampaolo Giampaolo

imageGiampaolo, trentanni, è un vagabondo pacato e gentile, deciso e con la grande capacità di trasmettere ai suoi compagni di viaggio la passione per il viaggio. Di grande cultura, si è laureato in archeologia con indirizzo Asia centrale. Si allontana dal mondo accademico per incompatibilità dalla stasi e per richiamo da questo nomade nomade Mondo (cit.). Quando non viaggia o progetta viaggi porta avanti una decina tra passatempi e passioni. Giampaolo parla bene inglese, francese, russo, un po' di svedese e un po' di georgiano (Vive in Georgia da qualche mese).

Elenco iscritti

Claudia Claudi - da Venezia - Cerca compagna di stanza Giulia - da Bangkok - cerca compagna di stanza Velvet Velvet - da Milano - cerca compagna di stanza Elena EleB - da Milano - cerca compagna di stanza Francesca fralux - da Lussemburgo - cerca compagna di stanza Giulia - da Roma - cerca compagna di stanza Stefania Stefania ... - da Roma - cerca compagna di stanza
Con il DOC Giampaolo - da Roma - cerca compagno di stanza  

Quota

2100 euro a persona + 500 euro circa di cassa comune  

Piano voli

Da Roma Fiumicino (con Ethiad/Alitalia) (Giulia e Stefania)
EY7086 20 dic Fiumicino Roma Atene 08:40 11:40  
EY90 20 dic Atene Abou Dhabi 13:40 20:25  
EY406 20 dic Abou Dhabi Bangkok 23:40 08:55 21 dic
EY401 7 gen Bangkok Abou Dhabi 20:10 00:05 8 gen
AZ853 8 gen Abou Dhabi Fiumicino 02:25 06:20  

NOTA: questo volo da Roma arriva 1h30 prima del Vagabondo Doc. Il ritorno sarà la sera del 7 gennaio con arrivo in Italia l'8 gennaio.
Da Milano (Lufthansa / Thai Airways / Swiss Airlines) (Velvet, Elena)
LH275 20 dic Linate Milano Frankfurt 17:55 19:15
TG923 21 dic Frankfurt Bangkok 20:55 13:35
TG970 07 gen Bangkok Zuerich 00:35 06:55
LX1616 07 gen Zuerich Malpensa Milano 09:40 10:35
N.B.: Si parte da Milano Linate e si torna a Milano Malpensa.     Da Venezia (Lufthansa / Thai Airways / Swiss Airlines) (Claudia)
LH329 20 dic Venezia Frankfurt 14:45 16:10
TG923 21 dic Frankfurt Bangkok 20:55 13:35
TG970 07 gen Bangkok Zuerich 00:35 06:55
LX1660 07 gen Zuerich Venezia 07:40 08:45

 

Da Lussemurgo con rientro posticipato  (Lufthansa / Thai Airways / Luxair) (Francesca)
LH395 20 dic Lussemburgo Frankfurt 14:25 15:10
TG923 21 dic Frankfurt Bangkok 20:55 13:35
TG970 14 gen Bangkok Zuerich 00:35 06:55
LX750 14 gen Zuerich Lussemburgo 09:00 10:00


Da Roma Fiumicino (con Aeroflot) (Giampaolo con rientro posticipato)
SU3203 20 dic Fiumicino - Roma Moscow Sheremetyevo 10:25 16:10  
SU272 20 dic Moscow Sheremetyevo Bangkok 21:45 10:35 21 dic
SU291 5 feb Hanoi Moscow Sheremetyevo 10:45 17:10  
SU2404 5 feb Moscow Sheremetyevo Fiumicino - Roma 20:15 22:05  


Itinerario in breve 

image

Giorno 1: Volo dall'Italia – Bangkok (20 dicembre)
Giorno 2: Bangkok (arrivo) (21 dicembre)
Giorno 3: Bangkok - Luang Prabang (volo) (22 dicembre)
Giorno 4: Luang Prabang (grotte, distretto rurale e punto panoramico) (23 dicembre)
Giorno 5: Luang Prabang (visita città) (24 dicembre)
Giorno 6: Luang Prabang - Vang Vieng (25 dicembre)
Giorno 7: Vang Vieng - Vientiane  (26 dicembre)
Giorno 8: Vientiane (27 dicembre)
Giorno 9: Vientiane - Ban Nahin (28 dicembre)
Giorno 10: Na Hin (Kong Lor Cave) (29 dicembre)
Giorno 11: NaHin - Pakse (30 dicembre)
Giorno 12: Pakse - 4000 Islands (31 dicembre)
Giorno 13: 4000 Islands (1 gennaio)
Giorno 14: 4000 Islands - Siem Reap (2 gennaio)
Giorno 15: Siem Reap (Angkor Wat) (3 gennaio)
Giorno 16: Siem Reap (Angkor Wat) (4 gennaio)
Giorno 17: Siem Reap (5 gennaio)
Giorno 18: Siem Reap - Bangkok (6 gennaio)
Giorno 19 :Bangkok - Italia (7 gennaio)

 

Itinerario in dettaglio

Giorno 1: VOLO ITALIA – Bangkok Un volo notturno ci porterà in Asia.   

Giorno 2: Bangkok
Arrivo a Bangkok nel pomeriggio. Un bel giro per la città e una prima cena tutti assieme.
Notte a Bangkok.

Giorno 3: Bangkok - Luang Prabang (in volo)
Questa mattina un rapido volo aereo ci porterà a Luang Prabang, un gioiellino di città sperso nella giungla, sul Mekong, a 500 km da ogni altra forma di civiltà. Questa splendida città è patrimonio dell’UNESCOconta 22000 abitanti e 134 monasteri (detti Wat, dal sanscrito Whattu) di cui 30 sono nella via principale. Qui inizieremo ad assaporare la vita laotiana, passeggeremo e brinderemo all’inizio del viaggio lungo il fiume Mekong (la città sorge alla confluenza tra il Mekong e il fiume Khan), visiteremo alcuni templi e prima che il sole tramonti saliremo sulla collina che domina la città, dove da un monastero si gode un meraviglioso panorama sui templi e la confluenza dei fiumi. Pernottamento a Luang Prabang. 

Giorno 4: Luang Prabang (grotte, distretto rurale e punto panoramico) Oggi di mattina presto prenderemo una barca che ci porterà alle grotte di Pak Ou, due grotte comunicanti con dentro migliaglia di statuette di Buddha dorate di diverse forme e grandezza lasciate qui dai fedeli. Lungo la strada ci fermeremo presso il villaggio di Ban Xanghai, dove fanno un vino di riso locale. Rientreremo in città per pranzo e passeremo a piedi il ponte di bambù che porta al distretto di Chompet, dove osserveremo il lento scorrere della vita rurale, in una zona non turistica. nel pomeriggio il magnifico tempio Wat Xieng Thong e a seguire gli altri templi principali fino al calar della sera. 


Giorno 5: Luang Prabang
Sveglia poco prima dell’alba, ora in cui i monaci buddisti escono per la consueta pratica della questua: noi li osserveremo e li fotograferemo in rispettoso silenzio immersi in un’atmosfera mistica. Poi, dopo una bella colazione, andremo a visitare le cascate di Tad Sae e volendo anche quelle di Tat Kuang Si, ancora più imponenti ma più distanti. Questa sarà l'ultima sera a Luang Prabang e protremo approfittarne per fare un giro al night market. Pernottamento a Luang Prabang.

 

Giorno 6: Luang Prabang - Vang Vieng (5 ore) Stamattina ci svegliamo presto e saliamo sul bus per Vang Vieng. Durante il tragitto attraverseremo un meraviglioso scenario naturale. Arriviamo a Vang Vieng nel primo pomeriggio e una volta posati i nostri bagagli in hotel possiamo fare subito l'attività che ha reso celebre questa città: il tubing! Scendere lentamente il fiume in una camera d'aria.  Pernottamento a Vang Vieng. 
Giorno 7: Vang Vieng - Vientiane (5 ore) La mattina esploreremo la famosa grotta di Tham Jang, che era stata usata dai locali come nascondiglio durante l’invasione cinese. Attraverseremo anche un fiume per raggiungere Ban Huai Ngai, un piacevole villaggio dove possiamo osservare i differenzi stili di vita dei locali. A seguire pranzo e subito dopo ci mettiamo in viaggio verso Sud per raggiungere la capitale Vientiane (meglio chiamarla in lingua Pasalao VIENG CHAN, dal sanscrito "città della luna"), dove arriveremo prima del tramonto. Pernottamento a Vientiane   Giorno 8: Vientiane Ancora un po’ insonnoliti cercheremo una pasticceria, lascito del colonialismo francese, per una colazione diversa e più europea; poi prenderemo la nostra stanza in albergo e dedicheremo la giornata a visitare la città: il tempio Wat Sisakhet (con le sue innumerevoli statuette di Budda), il Patuxai (monumento stile Arco di Trionfo parigino), il sacro That Luang (stupa dorato) e altri templi minori. Se avremo tempo il centro visite COPE (associazione che aiuta le vittime delle mine inesplose, piaga del dopo guerra della zona). Prima del tramonto una corsa in taxi condiviso fino al meraviglioso parco dei Budda, poco fuori città, dove ammireremo mastodontiche raffigurazioni buddiste. Dopo il Budda Park ci si può fermare in una sauna alle erbe immersa in un parco che al tramonto è incatnevole. Poi una birra sull’imponente lungo Mekong prima della cena. Pernottamento in hotel.  

Giorno 9:  Vientiane - Ban Nahin
Dopo colazione un autobus ci porterà, passando per bei paesaggi di collina e campagna, nella natura incontaminata del Laos centrale, alloggeremo in dei bungalow immersi nel verde presso la cittadina di Ban Nahin, dove potremo fare una passeggiata pomeridiana e domani ci attende un’escursione fantastica. Cena e pernottamento.

Giorno 10: Na Hin (escursione a Kong Lor Cave)
Oggi un’escursione fluviale (pranzo al sacco) ci porterà a Kong Lor, un fiume sotterraneo che scorre per 7 km. dentro una grotta, dove con le torce ammireremo uno degli scenari più suggestivi che il Laos possa offrire. Alla fine del giro in barca si potrà fare anche un bel bagno nell'acqua trasparente del fiume.  Poi di nuovo ritorno alla nostra sistemazione per la cena e il pernotto.

Giorno 11: NaHin - Pakse
Trasferimento in bus nel Laos meridionale, dove raggiungeremo la tranquilla città di Pakse. Una bella birra fredda ci rifocillerà dopo il lungo viaggio. Passeggiata, cena e pernottamento.

Giorno 12: Pakse - 4000Islands
In questo punto il Mekong si allarga e forma un arcipelago che conta circa 4000 tra isole e isolotti. Sulla più grande di esse giungiamo con un breve tragitto bus+traghetto. Ci attende una guesthouse, posiamo i bagagli e via subito in bicicletta per delle foto straordinarie tra campagne, una cascata strepitosa, villaggi dove il tempo sembra essersi fermato e una luce che al tramonto irradia gli stagni dove anatre e bufali vivono liberi. Rientriamo dopo il tramonto per una doccia, una birra fresca e un’ottima cena nei ristorantini sul Mekong.

Giorno 13:  4000 Islands
Oggi un’altra escursione fluviale ci accompagna attraverso le più belle isole dell’arcipelago, dove se saremo fortunati avvisteremo il rarissimo delfino dell’Irawaddy, l’unico d’acqua dolce. Nel pomeriggio un po’ di relax oppure una passeggiata rilassante o un altro giro in bici scambiando 4 chiacchiere (o meglio gesti) con i simpatici abitanti dell’isola.

Giorno 14: 4000 Islands - Siem Reap
Oggi un trasferimento prima in battello, poi in bus, ci porterà in Cambogia. Sbrigate le pratiche di frontiera, salutiamo il Laos con qualcosa di meraviglioso rimasto nei nostri ricordi e iniziamo l’avventura nella terra degli Khmer. 
Stiamo per arrivare in uno dei posti più belli del mondo! SiemReap sarà la nostra base per l’esplorazione delle suggestive rovine di Angkor Wat, patrimonio UNESCO, posto incredibile dove non potremo che rimanere a bocca aperta. Sistemiamo i nostri zaini in hotel e ci concediamo una bella cena, assaggiando le specialità cambogiane.

Giorno 15: Siem Reap (Angkor Wat)
Questa mattina ci alzeremo molto presto per la visita della madre di tutti i templi ovvero Angkor Wat. Questo tempio è considerato la più grande costruzione religiosa al mondo è considerato anche come la perfetta fusione tra simbolismo e simmetria ed è un qualcosa di cui tutti i Khmer ne sono molto fieri. Costruito nel 12th secolo da Re Suryavarman II, è il più famoso tempio di Angkor. Appena tutta la folla ritorna agli hotel iniziamo la visita di Angkor Wat nella quiete piu’ assoluta.
Nel pomeriggio visita della citta’ che era amministrativa Angkor Thom, il fiore all’occhiello del re Jayavarman VII. Subito dopo l’occupazione di Angkor da parte dei Chams dal 1177 al 1181 il nuovo re decise di costruire una fortezza nel cuore del suo impero. La nostra visita inizia con la Terrace of the Leper King, ovvero una piattaforma finemente intagliata, usata come crematorio reale, poi la Terrace of Elephants, originariamente usato come posto di osservazione del re durante le parate, performance e festival. Nella parte Sud della città troveremo il più bel tempio della città ovvero il Baphuon, datato 11th secolo. Subito dopo visiteremo il gioiello buddista, l’ enigmatico tempio di Bayon, posizionato esattamente al centro della città di Angkor Thom. In questo tempio ci sono 54 torri e su ogni una di essa sono rappresentate le 4 facce di Avalokiteshvara (Buddha della Compassione).  Cena e pernottamento a Siem Reap.

Giorno 16: Siem Reap (Angkor Wat)
Questa mattina raggiungiamo Ta Prohm, forse il tempio più famoso (anche a causa del celebre film qui girato, TombRaider).
Questa mattina visiteremo anche i resti di un vecchio ponte Angkorian. I re Khmer costruirono strade di connessione tra le città dell’impero tra cui appunto magnifici ponti.
Villaggio di Preah Dah dove troveremo il tempio di Banteay Samre costruito dal Re Suryavarman II ne 12th secolo. Dopo la visita di questo tempio ci dirigiamo a Nord verso Banteay Srei  che tradotto significa “ La fortezza delle donne” famoso per le sue raffinatissime sculture del l’era angkoriana (il nome deriva dal fatto che la raffinatezza è pertinente alle donne).
Subito dopo, per il tramonto, visiteremo la piramide di Takeo, ovvero uno dei più alti templi nella zona. Costruito nel 10th secolo e mai completato.
Cena e pernottamento a Siem Reap.

Giorno 17: Siem Reap
Questa mattina ci concediamo un’ultima escursione fluviale, forse la più caratteristica. In questa zona, l’acqua è fonte di vita per la popolazione locale:  si muovono sull’acqua,  si nutrono pescando e..ci abitano! Visiteremo infatti un paese interamente costruito su palafitte, che ha adottato uno stile di vita unico. Gli abitanti di questo villaggio non toccano praticamente mai la terraferma. Entreremo in una di queste case galleggianti dove porteremo qualche dono, riceveremo sorrisi e ci renderemo conto di come tutto questo tipo di esistenza sia possibile. 
Rientro a Siem Reap nel pomeriggio, cena e pernottamento.

Giorno 18: Siem Reap - Bangkok
In bus lasciamo la Cambogia e ci addentriamo da Est nella Thailandia moderna ed efficiente, dove ritroveremo la città da dove eravamo partiti 15 giorni fa: Bangkok. Se avremo del tempo a disposizione gireremo per uno dei quartieri più suggestivi, come quello antico portoghese, o Chinatown, poi cena e pernottamento in hotel.

Giorno 19: Bangkok - Italia
Purtroppo siamo giunti al termine del nostro viaggio e un volo internazionale ci riporta in Italia con le macchine fotografiche, il cuore e la mente pieni di emozioni e ricordi. Ma al mattino, se avremo tempo prima del volo, faremo un ultimo giro, visitando a scelta: il quartiere Thonburi col magnifico tempio Wat Arun, il Wat Phra Kaew (tempio del Budda smeraldo), il Grand Palace, il mercato degli amuleti  o se capiteremo nel fine settimana..acquisteremo gli ultimi ricordi al mercato di Chatuchak, il più grande mercato dell’Asia, dove si trova di tutto e di più e riempiremo gli ultimi spazi vuoti dei nostri bagagli.

 

La quota comprende: 
- Voli internazionali incluse tasse aeroportuali (franchigia bagaglio 20kg)
- Volo Bangkok - Luang Prabang incluse tasse aeroportuali e bagaglio
- Alberghetti locali a Bangkok, Siem Reap, Luang Prabang, Nahin /Sistemazione in camere doppie (o triple se siete dispari)
- Assicurazione medico bagaglio

Al viaggio partecipa un vagabondo DOC - chi è? cosa fa?


La quota non comprende (per queste spese verrà fatta una cassa comune di circa 500 euro)
- Altri pernottamenti
- Mezzi pubblici (bus, barche, tuk tuk, taxi)
- Visto d’ingresso in Laos
- Visto d’ ingresso in Cambogia
- Tassa d'uscita dalla Thailandia
- Pasti (colazioni, pranzi e cene)
   

- Supplemento camera singola 25  eur/ notte

- assicurazione annullamento (opzionale, se volete stipularla avvertite lo staff al momento dell'iscrizione)

 

I trasporti

Per alcune tratte si riescono ad utilizzare autobus relativamente comodi, con aria condizionata, snack ed acqua in omaggio (come la tratta Luang Prabang - Vientiane), ma in altre zone può capitare di trovare anche autobus meno confortevoli, in cui sullo stesso mezzo viaggiano persone, merci ed animali. Gli autisti di questi autobus amano ascoltare musica laotiana a tutto volume e voi a un certo punto potreste trovarvi a rimpiangere di non aver portato dei tappi per le orecchie! Ma soprattutto una cosa importante da sapere è che in Laos e Asia in generale, la concezione del tempo è un po' diversa dalla nostra e non è affatto raro che il vostro autobus arrivi o parta con qualche ora di ritardo. In questi casi non c'è molto altro da fare se non armarsi di pazienza ed aspettare, pensando a questa attesa come una parte integrante della vostra esperienza di viaggio! Il vagabondo DOC Chinaski ha scritto un bel racconto al rientro dal  suo viaggio dal titolo emblematico: "Cosa fai oggi? prendo il bus. A che ora? Oggi." Leggetelo, è divertente!

 

I visti

I visti per Laos e Cambogia si prendono e si pagano all'entrata nei due paesi.
Laos: costo visto 35 USD. Servono due fototessere. Per chi esce dal paese in aereo c'è anche una tassa aeropurtuale alla partenza di 10 USD. Per chi esce via terra si pagano 5 USD.
Cambogia: costo visto alla frontiera di circa 30 USD. Sono necessarie 2 fototessere 4x6 con sfondo bianco

Raccomandiamo di portare dollari contanti per pagare i visti. Si possono pagare anche in altre valute (monete locali, thailandesi e euro) ma gli impiegati di frontiera applicano dei tassi di cambio assolutamente folli e intascano la differenza.
Thailandia: non serve visto, si compila solo un formulario all'arrivo. 
Attenzione: in Indocina le regole cambiano spesso, quindi magari il costo di visti e tasse potrà cambiare, sia verso il basso che verso l'alto.

CONSIGLIAMO DI PORTARE IN VIAGGIO ALMENO 6 FOTOTESSERE + fotocopia passaporto prima pagina







Forum del Viaggio



Forum del viaggio

Avevo appena scritto un nuovo post e guarda che sorpresa!!! *shok*

Benvenuta tra noi, benvenuta in Thailandia, in Laos e in Cambogia... sarò ripetitivo, ma non vedo l'ora anch'io di solcare di nuovo i corsi d'acqua, di avventurarmi tra le rovine incredibili di Angkor, di girare sui tuk tuk e di lanciarmi in piacevoli discorsi infiniti di gesti e sorrisi con chi vive da quelle parti. A presto!

Mer, 11/02/2016 - 16:14 Collegamento permanente

A chi l'onore e l'onere della conferma?? 

E' un compito gravoso ma ben ripagato... da sollievo procurato con sventagliate di foglia di palma, processioni in trionfo, petali di fiori esotici sparsi lungo il cammino e offerte d'incensi e di bevute che vanno ben oltre la solita birra...

;) Che si fa??

Ven, 11/04/2016 - 10:12 Collegamento permanente

Ciao ragazze/o, sarò io la quarta appena domani raggiungo il pc con il mio bel passaporto alla mano per l'iscrizione!!!!

Evviva che si parte!!!*clapping**clapping**clapping*

Ma sono serpi quelle che vedo nelle bottiglie??*shok*

Ven, 11/04/2016 - 19:44 Collegamento permanente

In risposta a di EleB

Siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii    *clapping* *clapping*   *clapping*   *clapping*  

Grande Elena, benvenuta a bordo !!  *lol*   Eh si che sono serpi, scorpioni e animaletti vari.... :shy: :shy: Bevande aromatizzate  ?  :glasses: *lol* 

Ven, 11/04/2016 - 23:16 Collegamento permanente

Eccomi qui! Iscrittaaaaaaaa!!!

Grazie Claudia;)

Non vedo l'ora di conoscervi tutti e...oggi vado a comprarmi una bella guida per acculturami un po'...

Ciao ciao

Sab, 11/05/2016 - 12:02 Collegamento permanente

Tempi tecnici per l'aggiornamento dello status, ma ci siamo! Un mese e due settimane e ci imbarchiamo in questa nuova avventura!!! *yahoo*

Scrivendo da Tbilisi per il momento non potrò che comiciare a conoscervi via forum e social vari, ma è un piacere sentirvi così cariche... aspettiamo il piano voli anche per capire dove effettivamente ci si incontrerà, per ora nessun altro che parta da Fiumicino. Ma... qualche compagno di viaggio che equilibri e m'assista in tutte quelle operazioni di carico e scarico, rimozione fauna selvatica, apertura noci di cocco e varie??

Dai, che per le giornate oziose in famiglia con le ginocchia sotto il tavolino ce n'è fin troppe di opportunità!!!

Dom, 11/06/2016 - 10:40 Collegamento permanente

Grazie Velvet!

Giampaolo, come ci si sente ad essere il beato tra le donne?  Sarai l'invidia dei VagaDoc... per ora....;)

Forza quote azzurre! Il nostro Giampaolo già si sente solo ed in minoranza!

Ora che il viaggio è confermato fatevi avanti perchè la partenza si avvicina e magari riusciamo (almeno parlo per i milanesi e dintorni) anche a vedeerci prima di partire; cosa ne dite?

Dom, 11/06/2016 - 12:29 Collegamento permanente

Ancora è presto per scegliere tra le diverse sistemazioni fermate per ogni tappa, ma intanto magari condivido qualche foto, perché la partenza si avvicina si, ma lentamente e sentirsi già un po' lì ci può essere d'aiuto per questo mesetto e qualche giorno che manca...

- scelti per posizione ottimale

- recensioni positive e cura degli ambienti

- caratteri diversi, perché provare un po' di tutto ci sta...

- contatto con la natura, come qui nell'isola più affascinante dell'arcipelago Si Phan Don.

Contro ogni aspettativa siamo adesso ad un passo dalla conferma del viaggio quindi ad essere incoronato sarà anche il prossimo ad iscriversi. Quanto detto tra post #25 e #26 resta valido, ogni promessa sarà rispettata, semplicemente chi deciderà di unirsi a noi guadagnerà lo stesso trattamento ma elevato alla quarta... non mi pare una cosa da poco. *dirol*

Mer, 11/09/2016 - 19:57 Collegamento permanente

E mai ce ne fu una più lieta... era solo una questione di tempi tecnici.         Siamo  C O N F E R M A T I.

Mi scrivo a breve con Giulia, e sarà buona cosa organizzare invece qui sul forum man mano già come muoverci a Bangkok, in modo che lei che sarà già lì e per qualche giorno in più possa organizzarsi senza dover rivedere le cose più volte o fare giri alternativi ai nostri... Stay tuned insomma!

Al quinto allora gloria, stima e un secchiello su Khaosan Road. Ecco intanto qualche ascolto adatto, a tema e per entrare nel mood giusto. Come sottofondo, quando avete modo, sicuramente non in uffici o spazi pubblici. Vai così!!!

Gio, 11/10/2016 - 16:37 Collegamento permanente

Contentissima della conferma! Alè! 

Le sistemazioni proposte mi piacciono tutte, soprattutto l'ultima :)

A Bangkok col precedente viaggio Vagabondo ci siamo trovati benissimo a Erawan House, che sta accanto a Rambuttri Rd. Un quartiere pieno di ristorantini e cose da fare (per quando arriviamo il lutto per la morte del Re dovrebbe essere meno rigido, e dovrebbero ripartire i concerti in strada...)

Ciao a tutti:)

Gio, 11/10/2016 - 17:17 Collegamento permanente

Ciao!

Cominciamo a parlare di info pratiche tipo: abbigliamento, vaccinazioni, medicine, crema solare, ecc. perchè l'ora di fare il nostro bello zaino si avvicinaaaaaaaa *DANCE*

Buon we

Ven, 11/11/2016 - 16:51 Collegamento permanente

Cominciamo da vaccini e medicine, con la postilla scontata che non essendo il mio campo e piuttosto avendo un approccio abbastanza spartano regolatevi soprattutto secondo sensibilità e rivolgendovi in caso di dubbi a chi ne sa ben di più... Io giro soltanto con i vaccini di base, richiesti anche per le missioni di scavo, antitetanica, epatite A e B e tifo. Nessuna specifica profilassi è richiesta per questo viaggio. Medicinali classici essenziali, normix, imodium, tachipirina per la febbre, magari un antidolorifico, un antibiotico in pasticche generico tipo Amoxicillina che danno senza prescrizione, poi un repellente per zanzare a base di DEET (qui dovrebbero avere alcuni Autan, Zig Zag, Off... vedere etichetta) anche se lì se ne trova facilmente. Qualche cerotto, magari un disinfettante per le mani a secco e la regola comunque di tener conto di eventuali proprie allergie e di portare i medicinali che si usano abitualmente, tipo antistaminici che aiutano anche per problemi di cinetosi, una pomata oculare contro congiuntiviti, disinfettante fosfomicina in caso di cistite, qualcosa tipo derivati della senna come lassativo, varie ed eventuali... ma io mi fermo al primo elenco e nemmeno proprio a tutto tutto. Una crema solare può tornare utile anche se non si prevedono grosse esposizioni, ma magari per le pedalate o i tragitti in barca, secondo grado d'esigenza. La cosa migliore è lasciare in Italia le scatoline che occupano troppo spazio e portare solo bugiardini e blister, rinforzandoli in caso con una passata di scotch, sennò le pasticche si disperdono. Il tutto può stare in un piccolo first-aid-beauty-case da portare rigorosamente nel bagaglio a mano, ché non si sa mai quanto imbarcato finisse in Scandinavia...

Di zaino/valigia/trolley ho scritto già qualcosa sopra, vediamo cosa metterci dentro, evitando le cose troppo scontate e cercando di non perdermi nella deformazione professionale:

Cominciamo dal basso, ciabatte infradito e/o sandali come siete abituate, una scarpetta da ginnastica comoda leggera per le camminate più lunghe ed escursioni, calzino d'ordinanza per templi da tenere sempre con se se non volete andare scalze. Di calzoni lunghi io non ne porto mai più di due, uno addosso alla partenza e l'altro al seguito, un costume torna utile di sicuro, io forse ne avrò anche uno a calzoncino per sfruttarlo anche per giri su terra. In alcuni templi come nel Palazzo Reale di Bangkok in particolare l'accesso è abbastanza regolato, quindi spalle coperte e in quelle occasioni sicuramente niente shorts. Magliette, smanicate e cannottiere posso andar bene un po' dappertutto comunque, non è un paese islamico, certo non troppo scollate magari e sempre con un pizzico d'attenzione alla sensibilità dei locali, dei monaci ancor di più, e così via. A manica lunga io ne uso regolarmente, l'importante per tutto è che siano di tessuto più leggero possibile, in grado di asciugarsi anche rapidamente se dovessimo prendere uno sgrullone, cosa rara in questo periodo. Un cappello o una fascia per la testa, secondo abitudine, non credo saremo a rischio insolazione in nessun caso, ma se pensate d'usarne. Asciugamani ne troveremo ovunque nelle soste, giusto un telo leggero in microfibra o come ne avete per bagni quà e là e per qualsiasi altro uso in viaggio.

Lì si trova di tutto & very very cheap, quindi meglio sempre partire con qualcosa in meno e ampliare lì la collezione piuttosto che avere cose inutili che riportate indietro ancora piegate. Non so come arriverete in aeroporto, comunque di vestiario pesante meno possibile, una felpetta o un pile per le ore più fredde o sui mezzi dove necessario.  

Potreste man mano associarvi già in coppie per stanza, poi rifiniremo quando il gruppo sarà completo (anche in caso di tripla) e sempre e comunque aperti a rimescolamenti e modifiche successive (tutti in una camera, tutti sul tetto a guardar le stelle, saltando la notte a piè pari... è un viaggio non una parata del 4 novembre). In questo modo però si può risparmiare un po' di spazio e peso dividendosi cose di uso comunitario, un solo phon per camera (decisi i pernotti vedo se c'è), un solo trasformatore se doveste già averlo (altrimenti tanto vale prenderlo a destinazione), un pezzetto di sapone da bucato, un cordino per stendere due panni, tutto contribuisce ad avere un bagaglio più leggero, perché chi arriva più carico sconterà la tipica punizione indocinese... Scherzo. Certo.

E in quanto a preparativi in camera come siete?? Rapide e scattanti o leeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeenteeeeeeeeeeeeeeeeeee?! *lol*

PS: in un prossimo post approfondiamo l'oggettistica utile, vediamo le valute, carte di credito e varie altre e se necessario aggiungiamo qualsiasi cosa saltata sopra. Intanto buona settimana da Tbilisi!

Mar, 11/15/2016 - 07:48 Collegamento permanente

Ciao Giampaolo, ciao a tutte,

grazie mille per le dritte! Avrei una domanda, probabilmente scema. Alla partenza saremo bardati, essendo il 20 dicembre. Già solo la giacca invernale (per quanto leggera sia) + il maglione portano via un bel po' di spazio nello zaino. Secondo voi ci sarebbe modo di lasciarli all'aeroporto di Bangkok? Mi spiego: potrei portare un trolley, dentro al quale alla partenza metto solo uno zainetto da 20 lt vuoto. Una volta arrivata a Bangkok, tolgo lo zaino e metto i vestiti invernali (miei e anche di un'altra compagna di viaggio, se desidera, così dividiamo la spesa), per poi lasciarli in deposito. Potrebbe valerne la pena, piuttosto che portarsi dietro un maglione, un pimino, pantaloni e calzettoni. 

Secondo voi ha senso oppure no?

Ciaaaaaaaooooo :)

Velvet

Mar, 11/15/2016 - 12:46 Collegamento permanente



  • Prezzo base: 1850
  • Cassa comune: 600
  • Partenza: 20 Dicembre 2016
  • Ritorno: 7 Gennaio 2017
  • Durata: 19 Giorni
  • Iscritti/posti:
  • Status: Confermato
  • Vagabondo DOC
PRENOTA FORUM


Tutte le altre date


    
Trova il tuo viaggio

Effettua la ricerca in base a:

Continente
Italia
Sud America
Centro America
Africa
Sud Est Asiatico
Asia
Medioriente
Europa
Nord America
Oceania
Paese
Nord Italia
Centro Italia
Isole
Sud Italia
Argentina
Belize
Bolivia
Brasile
Cile
Colombia
Peru
Costa Rica
Cuba
Giamaica
Guatemala
Messico
Nicaragua
Etiopia
Marocco
Namibia
Seychelles
Sud Africa
Tanzania
Birmania-Myanmar
Cambogia
Filippine
Laos
Malesia
Singapore
Thailandia
Vietnam
Bhutan
Cina
Giappone
India
Indonesia
Ladakh
Mongolia
Nepal
Sri Lanka
Tibet
Uzbekistan
Georgia
Giordania
Israele
Oman
Palestina
Turchia
Albania
Austria
Belgio
Bosnia Herzegovina
Croazia
Finlandia
Francia
Germania
Gran Bretagna – UK
Grecia
Irlanda
Islanda
Malta
Norvegia
Polonia
Portogallo
Repubblica Ceca
Romania
Russia
Serbia
Spagna
Ungheria
Usa
Canada
Quebec
Arizona
California
Colorado
Florida
Mississippi
Nevada
New York
Nuova Zelanda
Mese
Gennaio
Febbraio
Marzo
Aprile
Maggio
Giugno
Luglio
Agosto
Settembre
Ottobre
Novembre
Dicembre


In maniera REALE, concreta e verificabile; qui in Italia, nel Parco della Valle del Treja!

APPROFONDISCI