Gruppo Barcellona Fly and Drink - Partenza del 2015-12-29

Barcellona Fly and Drink



  • Prezzo base: 430
  • Cassa comune: 200
  • Partenza: 29 Dicembre 2015
  • Ritorno: 1 Gennaio 2016
  • Durata: 4 Giorni
  • Iscritti/posti:
  • Status: Completo
  • Vagabondo DOC
PRENOTA FORUM



Partecipanti

Iscritti/posti:

Questo è il forum del viaggio Barcellona Fly and Drink dal 29 dicembre 2015 al 1° gennaio 2016.

Con la Vagabonda DOC Maria Feliciana

image

Feliciana vive a Roma ma è cresciuta a San Costantino Albanese, un paesino del sud Italia dove è presente una nutrita comunità italo-albanese. Sin da piccola è stata immersa in una multiculturalità che l'ha stimolata a viaggiare e a studiare lingue, letterature e traduzione.
Amante delle culture del Mediterraneo, è anche andata a vivere in Albania per un periodo.
Maestra di pizzica, sente la necessità di danzare ad ogni ritmo popolare. Ama l'arte ed è una vera cacciatrice di street-art. 
Parla inglese, spagnolo, francese, albanese e un po' di tedesco.

Elenco Iscritti

Livio Livio80 - da Roma - cerca compagno di stanza Simona - da Roma - con Mariarosa Mariarosa Mariarosa_10 - da Roma - con Simona Roberta Roberta1981 - da Milano - cerca compagna di stanza Riccardo riccardo84pt - da Pisa - cerca compagno di stanza David David279 - da Milano - cerca compagno di stanza Cesare - da Bologna - cerca compagno di stanza Marianna - da Roma - con Milena Milena milena vagabonda - da Roma - con Marianna Eleonora Eleonora Ferrari - da Milano - cerca compagna di stanza Maurizio Maurizio19 - da Roma - cerca compagno di stanza
La DOC Maria Feliciana - da Roma - cerca compagna di stanza

Quota

530 Euro

Per chi si è iscritto prima del 24 ottobre ha pagato: 450 Euro

* a capodanno i voli salgono in fretta, potrebbero esserci dei supplementi. Per non pagarlo, basta iscriversi subito!

Piano voli

Da Roma Fiumicino (Ryanair) ANDATA - martedì 29 dicembre 2015
Ryanair FR6342
09:05 FCO Roma Fiumicino Andata 1h 55min
11:00 BCN Barcellona Destinazione
Arrivo: martedì 29 dicembre 2015 Durata del viaggio: 1h 55min RITORNO - venerdì 1 gennaio 2016
Ryanair FR7070
20:00 BCN Barcellona Andata 1h 55min
21:55 FCO Roma Fiumicino Destinazione
Arrivo: venerdì 1 gennaio 2016 Durata del viaggio: 1h 55min   Da Milano - Bergamo Orio al Serio (Ryanair) ANDATA - martedì 29 dicembre 2015
Ryanair FR6354
08:35 BGY Milano Bergamo Orio al Serio Andata 1h 40min
10:15 BCN Barcellona Destinazione
Arrivo: martedì 29 dicembre 2015 Durata del viaggio: 1h 40min
RITORNO - venerdì 1 gennaio 2016
Ryanair FR6365
19:40 BCN Barcellona Andata 1h 50min
21:30 BGY Milano Bergamo Orio al Serio Destinazione
Arrivo: venerdì 1 gennaio 2016 Durata del viaggio: 1h 50min   Da Pisa (Vueling) ANDATA - martedì 29 dicembre 2015 Vueling Airlines VY6771 15:10 PSA Pisa Andata 1h 35min 16:45 BCN Barcellona Destinazione Durata del viaggio: 1h 35min Viaggio di ritornoRITORNO - venerdì 1 gennaio 2016 Vueling Airlines VY6770 12:50 BCN Barcellona Andata 1h 30min 14:20 PSA Pisa Destinazione Durata del viaggio: 1h 30min   Da Bologna (Vueling) ANDATA - martedì 29 dicembre 2015 Vueling Airlines VY6525 09:45BLQ Bologna International1h 35min 11:20BCN Barcellona Arrivo: martedì 29 dicembre 2015Durata del viaggio: 1h 35min RITORNO - venerdì 1 gennaio 2016 Vueling Airlines VY6522 15:50BCN Barcellona1h 35min 17:25BLQ Bologna International Arrivo: venerdì 1 gennaio 2016Durata del viaggio: 1h 35min  

Programma di viaggio

Giorno 1: Italia – Barcellona (martedì 29 dicembre)

Un rapido volo ci porta a Barcellona. 
Lasciamo le nostre cose in albergo e saliamo subito a vedere la città dall'alto. Si può salire in funicolare  o con il Trasnbordador arei (funivia che passa sul porto) fino al Montjuic e qui visitare la Fundaciò  Mirò e/o l'orto botanico che domina tutta la città. Quassù ci sono anche lo stadio e il Museo Nacional d’Art de la Catalunya (MNAC).
Poi scende a piedi o con le scale mobili fino a Plaza De Espana dove ci sono il padiglione tedesco, la mecca di tutti i pellegrinaggi degli architetti, e la Plaza De Toros dove però non si fanno più corride (perchè i catalani non le vogliono, anche per distinguersi dagli spagnoli!). L’edificio dove facevano le corride è comunque bello, in stile moresco, oggi è stato sollevato (tutto intero) e adattato ad usi commerciali.

Di sicuro ci faremo una prima divertentissima uscita barcellonese. Si può fare un giro sulle Ramblas, passeggiando da Plaza Cataluña fino al Monumento a Colon. Las Ramblas sono famose per la quantità impressionante di persone che le percorrono ad ogni ora del giorno… e della notte. E si può cenare o tapeare al porto.

 Giorno 2: Barrio Gotico e Born. La Barcelona vecchia, romana e gotica (mercoledì 30 dicembre)

Oggi ci inoltriamo nel dedalo di viuzze che corrisponde al cuore di Barcellona: il centro storico, meglio conosciuto come Barrio Gotico.

Il Barrio Gotico (barrio vuol dire quartiere) corrisponde alla antica città romana. Indicativamente si estende da Plaza Cataluña al mare ed è delimitato da un lato dalle Ramblas e dall’altro confina con il quartiere Born, quartiere alternativo degli artisti.

Si visita bene a piedi. Sicuramente non si devono perdere la Cattedrale, di tipico stile gotico (specialmente il chiostro) e le rovine romane adiacenti (le mura si vedono bene in calle del Bisbe). Ma scopriamo altri posti e monumenti: piazza Sant Jaume, Plaza del Rei con alcuni tra i più interessanti edifici della Barcelona medioevale e Santa Maria del Mar.

Imperdibile anche il Museo Picasso, un complesso di 5 splendidi palazzi medievali che racchiude l’opera di questo straordinario artista. Picasso 3 anni prima di morire donò alla città un migliaio circa delle sue opere. Grazie!

A pranzo, imboccate le Ramblas, arriviamo al Mercado de la Boqueria, un mercato storico coperto con una splendida struttura Art nouveau in ferro e vetro. Qui si trovano frutta, verdura e… pesce. All’interno è possibile riuscire a mangiare del pesce veramente fresco!

Poi andiamo al Palau de la Musica Catalana, altro Patrimonio dell’Unesco. Il palazzo progettato da Lluis Domenech i Montaner è il riassunto folle dei deliri architettonici del primo Novecento. Ma domani ne vedremo di altrettanto folli!

Infine ci spostiamo al Born, il quartiere degli artisti, pieno di negozi alternativi e di atelier di artisti e disegnatori. I locali sono “trendy” e frequentati da giovani. Si può terminare la giornata alla coctelerìa Gimlet o al 9cata e “tapear” per la cena.

Alternativa può essere il vecchio quartiere dei pescatori la Barceloneta, dove si possono trovare buoni ristoranti di pesce ma anche tipi poco raccomandabili…

Giorno 3: Passeig de Gracia e sagrada Familia: la “ruta del modernismo” (giovedì 31 dicembre)

Barcelona è anche e soprattutto la città di Antonio Gaudi, artista inimitabile e uno dei massimi esponenti del cosiddetto modernismo. Si può quindi dedicare la giornata alla cosiddetta “ruta del modernismo”, partendo da Plaza de Cataluña e muovendosi a piedi e con i mezzi pubblici. Partendo dalla piazza, si percorre verso nord il Passeig de Gracia, un’avenida monumentale piena di negozi chic e circondata da edifici famosissimi come Casa Lleò i Morera, Casa Amatller, la splendida Casa Batllò e l’ancora più famosa Casa Milà, meglio conosciuta come “La pedrera”.

Tappa obbligata successiva è la Sagrada Familia, troppo famosa per descriverla. Vi diciamo soltanto che dopo molti anni…all'interno non è più un cantiere!

Poi raggiungiamo l’Hospital de Sant Pau con una salita parecchio ripida per avenida Gaudi. Ma ne vale la pena! Questa fantasia di mattoni, maioliche e tegole smaltate opera di Lluis Domenech i Montaner è patrimonio dell’Unesco. Da qui si gode di una vista panoramica sulla Sagrada Familia e la città. Per finire la giornata si sale al Parc Guell, anch’esso patrimonio Unesco, un parco disegnato da Gaudi integrando l’architettura modernista nella natura.

Il quartiere dell’Eixample è anche pieno di ristorantini, soprattutto ci sono alcune delle “taperias” più interessanti della città. Buono a sapersi dato che nel frattempo ci sarà venuta fame.

Giorno 4: Barcellona - Italia (venerdì 1 gennaio)

Oggi si torna a casa.

Chi ha il volo nel pomeriggio può fare ancora qualche giro. 

 

 La quota di partecipazione comprende: 

- volo aereo andata e ritorno da Roma o da Milano - solo bagaglio a mano 10 kg
- tasse aeroportuali
- pernottamento in hotel a Barcellona in camera doppia (o tripla se siete dispari)
- assicurazione sanitaria

Al viaggio partecipa anche un vagabondo DOC - chi è? cosa fa?

La quota non include:
- il bagaglio sul volo aereo (possibile richiederlo con supplemento)
- pranzi e cene
- ingressi nei siti e musei a pagamento
- trasporti in loco (metro, bus e taxi)
- prime colazioni (ma a volte in alcune partenze sono previste)

 

La quota di partecipazione comprende: 
- volo aereo andata e ritorno da Roma o da Milano - solo bagaglio a mano 10 kg
- tasse aeroportuali
- pernottamento in hotel a Barcellona in camera doppia (o tripla se siete dispari)
- assicurazione sanitaria

Al viaggio partecipa anche un vagabondo DOC - chi è? cosa fa?

La quota non include:
- il bagaglio sul volo aereo (possibile richiederlo con supplemento)
- pranzi e cene
- ingressi nei siti e musei a pagamento
- trasporti in loco (metro, bus e taxi)
- prime colazioni  - Tasse di soggiorno (circa 2-3 E a persona) - assicurazione annullamento (opzionale)
n

Forum del Viaggio



Forum del viaggio

Buon pm ragazzi!!!

Anch'io opto per la prima opzione,meglio essere itineranti e godercelo in pieno la sera del 31,al massimo la seconda opzione puo essere considerata se proprio quella sera c e un tempo da schifo. Speriamo chiaramento di no.

Direi di prenderci una cosa al volo,da qualche parte e andare a Plaza de la Catalunya,o cmq spostandoci dove c e piu casino*biggrin**yahoo*.

Poi chiaramente vedendo facendo se tutti siamo d'accordo.

Ben arrivati ai nuovi intanto. siamo 11 in totale per ora.

Stasera si rompe il ghiaccio,(magari con il mojito) ahahaha, chi e' di Roma vuol venire?

Ciau!!!

Ven, 12/04/2015 - 16:56 Collegamento permanente

Da buon emiliano preferirei mangiare seduto, comunque va benissimo anche l'opzione uno...l'importante è bere acqua (poca *lol*).

Ne approfitto anch'io per dare il benvenuto alle nuove iscritte!!!

Dom, 12/06/2015 - 18:11 Collegamento permanente

ciao a tutti vagabondi,vedo che qua c è un bel gruppetto che vuol far casino MI PIACE..

domanda x lo più x lo staff..qual è il numero max di partecipanti a questo fly and drink?? se ho i gg di ferie dal mio boss quasi quasi mi unisco a voi x brindare al nuovo anno *drinks*

Lun, 12/07/2015 - 11:23 Collegamento permanente

Prima di tutto ben arrivata Eleonora Ferrari!!

Mariarosa_10 riguardo al saldo è già all'attenzione dello staff organizzativo. ;-)

Ciao MariaBenelli!!!! Eh si, siamo belli carichi e pronti per festeggiare la NocheVieja tra la movida catalana.

Il gruppo aumenta a vista d'occhio, per cui ti consiglio di prenotare quanto prima se vuoi contribuire al casino :-)

Lun, 12/07/2015 - 17:17 Collegamento permanente

I giorni scorrono veloci e tra un pasto e l'altro, tra un aperitivo e l'altro..l'attenzione cade sulla mitiche e deliziose Tapas spagnole.

 

Si dice che el re Alfonso X “Il saggio” abbia deciso che, nei ristoranti della Castiglia, non si dovesse servire un bicchiere di vino senza essere accompagnato da un pó di cibo. Questo per evitare che i commensali si inebriassero troppo velocemente.

Inizialmente la tapa si metteva sobra la brocca o il vaso di vino, per far sí che “tappasse” il recipiente; da qui deriva l’origine della parola. Accompagnava la bibita e, allo stesso tempo, evitava che qualche insetto vi cadesse dentro. A quei tempi la tapa consisteva in una fetta di prosciutto, di salame o di un altro salume e, altre volte, veniva sostituita con un pezzo di formaggio.

Cervantes, nel “Quijote” chiama le tapas “llamativos” (qualcosa di appariscente) mentre Quevedo le chiama “aviso” o “avisillo” (avviso). C’è qualcuno che assicura che la storia della tapa ebbe origine con questo aneddoto:

il re Alfonso XIII stava visitando la provincia di Cadiz e, passando per il Ventorillo del Chato (albergo che esiste ancora oggi), si fermó per riposare un pó. Il re chiese un vino di Jerez, in quel momento entró una corrente d’aria per la finestra e, affinché il vino non si riempisse di sabbia, il cameriere ebbe la brillante idea di mettere una fetta di prosciutto sul bicchiere de re. Il re chiese il motivo di quel gesto ed il cameriere, scusandosi, gli disse che l’aveva fatto per evitare che la sabbia finisse nel vino.

Al re piacque l’idea, mangió la tapa e bevve il vino e chiese un altro bicchiere con un’altra tapa. Quando i membri della Corte che lo accompagnavano videro la scena, chiesero lo stesso. Come possiamo osservare  é piú o meno la  stessa storia, ma con un altro protagonista.

Ce ne sono di tutti di gusti e anche le storie sulla sua origine sono diverse, una cosa è certa però

SONO DAVVERO DELIZIOSE!

Lun, 12/07/2015 - 17:37 Collegamento permanente

Ciao a tutti, 

sono nuovo del sito, volevo chiedere se sono posti liberi per Barcellona? :)

sono stato già una volta a barcellona ma ci tornerei di corsa...ferie permettendo...

Grazie e buona serata

Mar, 12/08/2015 - 18:05 Collegamento permanente



  • Prezzo base: 430
  • Cassa comune: 200
  • Partenza: 29 Dicembre 2015
  • Ritorno: 1 Gennaio 2016
  • Durata: 4 Giorni
  • Iscritti/posti:
  • Status: Completo
  • Vagabondo DOC
PRENOTA FORUM


Tutte le altre date


    
Trova il tuo viaggio

Effettua la ricerca in base a:

Continente
Italia
Sud America
Centro America
Africa
Sud Est Asiatico
Asia
Medioriente
Europa
Nord America
Oceania
Paese
Nord Italia
Centro Italia
Isole
Sud Italia
Argentina
Belize
Bolivia
Brasile
Cile
Colombia
Peru
Costa Rica
Cuba
Giamaica
Guatemala
Messico
Nicaragua
Etiopia
Marocco
Namibia
Seychelles
Sud Africa
Tanzania
Birmania-Myanmar
Cambogia
Filippine
Laos
Malesia
Singapore
Thailandia
Vietnam
Bhutan
Cina
Giappone
India
Indonesia
Ladakh
Mongolia
Nepal
Sri Lanka
Tibet
Uzbekistan
Georgia
Giordania
Israele
Oman
Palestina
Turchia
Albania
Austria
Belgio
Bosnia Herzegovina
Croazia
Finlandia
Francia
Germania
Gran Bretagna – UK
Grecia
Irlanda
Islanda
Malta
Norvegia
Polonia
Portogallo
Repubblica Ceca
Romania
Russia
Serbia
Spagna
Ungheria
Usa
Canada
Quebec
Arizona
California
Colorado
Florida
Mississippi
Nevada
New York
Nuova Zelanda
Mese
Gennaio
Febbraio
Marzo
Aprile
Maggio
Giugno
Luglio
Agosto
Settembre
Ottobre
Novembre
Dicembre


In maniera REALE, concreta e verificabile; qui in Italia, nel Parco della Valle del Treja!

APPROFONDISCI