Gruppo Vagabondando in Persia - Partenza del 2014-09-14

Vagabondando in Persia

14
Set
Da confermare

Ogni viaggio in Iran oscilla tra due immagini diverse: il passato, riconsegnato dallo splendore di Persepoli e dai gioielli dell'arte islamica, e il presente inquieto e affascinante di un popolo che vuole misurarsi con la modernità, senza perdere la sua storia e la sua identità.

Conosci il gruppo

Partecipa, scrivi, chiedi, conosci i tuoi compagni di viaggio!

Image
Vai al forum

Dettagli del viaggio

Da confermare
  • Quota:
  • Cassa comune:
  • Partenza: 14  Settembre  2014
  • Ritorno: 25  Settembre  2014
  • Durata: 12 Giorni
  • Vagabondo DOC: Giampaolo.KABKA3

Partecipanti

Vagabondo DOC
Vagabondo DOC
Giampaolo è un vagabondo pacato e gentile ma deciso e con la grande capacità di trasmettere ai suoi compagni di viaggio la passione per il viaggio. Di grande cultura, si è laureato in archeologia con indirizzo Asia centrale. Si allontana dal mondo… Continua a leggereVagabondo DOC

Giampaolo è un vagabondo pacato e gentile ma deciso e con la grande capacità di trasmettere ai suoi compagni di viaggio la passione per il viaggio. Di grande cultura, si è laureato in archeologia con indirizzo Asia centrale. Si allontana dal mondo accademico per incompatibilità dalla stasi e per richiamo da questo nomade nomade Mondo (cit.). Quando non viaggia o progetta viaggi porta avanti una decina tra passatempi e passioni. Giampaolo parla bene inglese, francese, russo e preme per fare progressi con l'arabo visto che vive in Kurdistan/Medioriente tre mesi buoni ogni anno.

Giampaolo.KABKA3

Questa partenza

  • 14
    Set
    Dal 14  Set al 25  Set
    Da confermare

Forum del viaggio

Per poter commentare o dialogare con i partecipanti al viaggio è necessario accedere o registrarsi al sito.

Forum del viaggio

25/7/2014 - 17:16 Collegamento permanente

Medi, Achemenidi, Seleucidi, Parti, Sasanidi, Ilkhanidi, Safavidi, Qagiari se questi nomi vi dicono poco o nulla ecco il viaggio che fa per voi! *DANCE*
Viaggiando in Iran scopriremo come un paese oggi all'avanguardia (e formato secondo un modello di sviluppo così distante dal nostro, e così mal compreso...) possa trarre radice direttamente da diverse tra le civiltà più importanti e durature mai esistite, di cui è stato l'epicentro.
Io sono Giampaolo, il tour leader che avrà il piacere di scortarvi in questa meta di indescrivibile splendore.

Il viaggio avrà inizio dalla capitale Teheran, tra moschee, suntuosi palazzi e giardini, musei e deliziose pietanze farsi... Qui saremo accolti dall'Iran più moderno e laico e troveremo anche il tempo di perderci nel dedalo di viuzze in cui da sempre operano i bazari, i commercianti.

Ecco il monumento per i 2500 anni dell'Impero Persiano, oggi chiamato Torre della Libertà.

Da qui un volo interno ci porterà a Shiraz, la città dei poeti e della cultura, capitale per lungo tempo e per questo ricca di monumenti magnifici, probabilmente tra i centri più rispettati e apprezzati dalla stessa popolazione iraniana. Nel mausoleo Aramgah-e Shah-e Cheragh, saremo abbagliati dagli incredibili giochi di luce dei cristalli e degli specchi sulle pareti.

Da visitare con gli occhiali da sole... *dirol*

E per il momento chiudiamo la preview a Persepoli, il centro celebrativo achemenide in cui ancora oggi, dopo l'incendio punitivo appiccato dalle truppe di Alessandro il Macedone ed oltre duemila anni d'oblio interrato, i popoli sottomessi dall'imperatore Dario I convergono in un'infinita fila ordinata per portare doni e tributi.

Repondi
28/7/2014 - 06:40 Collegamento permanente

A proposito di Persepoli, voglio condividere un enigma archeologico che sembra aver avuto una svolta nel corso di una delle ultime missioni di scavo dell'Università di Bologna in Iran. A 3 km e 1/2 dalla capitale achemenide, nel sito di Tol-e Ajori, è stata portata alla luce da alcuni anni una struttura imponente dalla funzione incerta le cui mura, spesse fino a 10 metri, permettevano un alzato di 20-30 metri intorno ad un ambiente di modeste dimensioni. Il materiale di costruzione dell'opera è l'argilla, in mattoni crudi e cotti rivestiti sulla faccia esterna di invetriatura. Proprio nello scavo dell'estate scorsa ne è stata rinvenuta una serie con una decorazione a rilievo.

In questo caso quanto si vede è riconoscibilissimo all'occhio anche non troppo esperto perché riconduce ad un'opera grandiosa e fondamentale nell'ambito dell'archeologia del vicino oriente: la porta di Ishtar di Babilonia.

 

Costruita nel 575 a.C. su ordine di Nabucodonosor II, e ri-costruita a Berlino nel Pergamon Museum dove è esposta (con una resa difficilmente descrivibile), la porta presenta una decorazione a motivi floreali ed animali legati alle divinità principali tra cui spicca il mushkusshu, ibrido mitologico con corna, testa e corpo serpentiforme, zampe anteriori feline e posteriori di aquila, compagno del dio Marduk e qui rappresentato come protettore stesso della città di Babilonia.

La corrispondenza delle misure va ben oltre la semplice somiglianza, lasciando supporre una riproduzione a partire dalle stesse matrici, o comunque con una particolare attenzione, e getta nuova luce riguardo la datazione e il carattere della struttura. L'opera è attribuita al regno di Ciro, colui che è riconosciuto come vero fondatore dell'Impero Achemenide, che ne ha esteso i confini fino ad includere appunto Babilonia e di cui avremo modo di vedere la tomba monumentale a Pasagardae. Wow!

Repondi
1/8/2014 - 20:05 Collegamento permanente

Bella scoperta di oggi. Il NYT l'ha definito il Bob Dylan iraniano... stile di base tradizionale influenzato da Blues e Rock (mentre in alcuni passaggi, oltre che nell'aspetto, non può non far pensare al sommo Frank Zappa). I testi spaziano da suoi scritti a poemi classici e contemporanei. Al solito non riesco a non farlo partire in automatico, lascio il link va. Buon ascolto!

https://www.youtube.com/watch?v=6oPA0PEClAs

Repondi
12/8/2014 - 20:54 Collegamento permanente

Ciao Giampaolo, sono Fabio del Marocco, ti ricordi?

Mi interessa moltissimo questo viaggio in Iran, però mi sono un pò scoraggiato guardando le pratiche per il visto e la lettera di invito, sono ancora in tempo?

A me andrebbe bene anche la partenza del 28 settembre.

Ciao.

Repondi
15/8/2014 - 02:38 Collegamento permanente

Se mi ricordo? Scherzi?! Certo! Non sai quante volte incappo ancora su Dropbox nelle foto condivise del viaggio, splendide come le giornate passate insieme... Ora ci si muove verso il Rajasthan, con rientro il 4/09 mentre per il 28/09 si potrebbe provare se ai piani alti concordano, tempo per il visto ce ne sarebbe e la stagione è ancora ottima... manca solo un manipolo di coraggiosi!

Ecco qualche altro scorcio dal viaggio, anche se odio le anticipazioni...

 

(Yadz)

 

(Le torri del silenzio)

 

(La cattedrale armena di Vankh)

... tanto quanto preferisco le divagazioni: classificato tra i più bassi nell'elenco per stato della libertà stampa nel rapporto Freedom House più recente, L'Iran gode comunque di un ampio panorama di vignette satiriche estere o di celata origine locale (spesso non comprensibili e non solo per la lingua). Così pure i muri di Teheran ed altri centri spesso fungono da tavolozza per opere artistiche e per messaggi che criticano scelte politiche e stato sociale del Paese. 

Repondi
22/8/2014 - 11:38 Collegamento permanente

Giampi, giampi vai in Iran e non dici niente ai tuoi vecchi amici ? E`un viaggio che voglio fare di sicuro e pensavo la prossima primavera magari con la compagnia marocco (almeno alcuni ) , ma tu ci hai preceduto . purtroppo per questa data sono gia`impegnato (vado a Istanbul ) . Poi ora poco tempo per quelle pratiche burocratiche . Comunque ti saluto e ricordo  caramente e spero che per questo viaggio tu sia disponibile anche in futuro . Ciao ciao Flavio

 

Repondi
24/8/2014 - 21:31 Collegamento permanente

Ehi, grande capo!

Per il momento la partenza di questo viaggio e' piu' che in dubbio... anche se si spostasse la data al 28 non si sta raccogliendo il numero oceanico di interessati che immaginavo :no: e qui dall'India ho opportunita' limitate di seguire il forum. Aggiungi che in piu' mi sono preso una zecca, ma direi nessun problema, solo una storia in piu' da raccontare... Insomma, per la primavera ci si potrebbe pensare seriamente, un abbraccio per ora dalla calda Jaipur. Gл

Repondi