Gruppo Islanda Wild Style - Partenza del 2020-07-25

Speciale:

Islanda Into The Wild 25 luglio Confermato

Islanda Wild Style



  • Prezzo base: 1600
  • Cassa comune: 1350
  • Partenza: 25 Luglio 2020
  • Ritorno: 8 Agosto 2020
  • Durata: 15 Giorni
  • Iscritti/posti:

    4 - Gruppo composto da 2 vagabondi e 2 vagabonde dai 28 a 56 anni.

  • Status: Confermato
  • Vagabondo DOC
PRENOTA FORUM



Partecipanti

Vagabondo DOC: Drew.Noh   

Partenopeo per nascita e geometra nel campo del restauro monumentale, Andrea è viaggiatore dall'età di 15 anni. Ha iniziato ad andare in giro per il mondo prima con la famiglia, che gli ha tramandato questa passione e poi lungo strade più avventurose.
Grazie ai suoi viaggi, oltre ad arricchire il suo passaporto, ha arricchito anche se stesso attraverso l’incontro con diverse culture. 
Incuriosito per natura da cosa si nasconda dietro l’angolo, alla domanda: dove andiamo? Risponde sempre: andiamo! 
Appassionato di fotografia, arte, natura e trekking, si adatta ad ogni situazione, cercando sempre di trarre da ogni evento il lato positivo. Nella sua filosofia di viaggio preferisce chi sfrutta tutto il tempo che ha a disposizione, senza sprecare neanche un secondo. 
Insomma per lui: “chi ha tempo non aspetti tempo!”

Utenti Iscritti:
 Kal
 da
 SimonaPetrelli
 da Ancona AN, Italia
 cinziab
 da
 fabio63
 da
Iscritti/posti:

4 - Gruppo composto da 2 vagabondi e 2 vagabonde dai 28 a 56 anni.


Quota

1600 euro a persona
Supplemento agosto: 150 euro 

*** a partire da mercoledi 1 luglio per i voli da Milano verrà applicato un supplemento di €80

________________________________________________

Cassa comune

Cassa comune: € 1350 a persona

La cassa comune è una previsione di spesa di tutte quelle voci che non sono incluse nella voce “la quota include” e come tale va intesa.  Questa previsione di spesa è calcolata in base ai viaggi precedenti o alla nostra esperienza nel caso di prime. Si versa solo una volta arrivati in loco e il valore è calcolato in base a dei costi medi. 
Per informazioni dettagliate vi invitiamo e leggere per bene qui: CASSA COMUNE DI VAGABONDO.

LA QUOTA INCLUDE:
- voli a/r incluse tasse aeroportuali ( franchigia bagaglio 20kg)
- 3 pernottamenti in ostello a Reykjiavik  
- il noleggio dei mezzi di trasporto: auto o minivan (esclusa benzina)
- assicurazione Medico Bagaglio  

Al viaggio partecipa sempre anche un nostro Vagabondo DOC - chi è? cosa fa? 


LA QUOTA NON INCLUDE (e per questo abbiamo stimato una cassa comune di € 1350 a persona):

- tutti i pernottamenti in ostello con uso di proprio sacco a pelo (eccetto 3 notti a Reykjiavik )

- pasti (dove possibile si mangia al sacco o cucinando noi)
- benzina

- il navigatore satellitare non è incluso. Ci sono gruppi che preferiscono usare le mappe del loro cellulare o le "antiche" mappe cartacee e quindi pensiamo che non sia giusto fargli pagare il costo del navigatore satellitare che non usano. Quindi non lo includiamo nella quota che si paga dall’Italia. Poi, se il gruppo lo vuole, potrà prenderlo al ritiro dell'auto pagandolo extra. 

***Per entrare in Islanda è richiesto di sottoporsi al test covid-19 che va effettuato in aeroporto e ha un costo di approx. €100. Il test sarà a carico del viaggiatore.

OPZIONI SU RICHIESTA: 
*** Stanza singola 
Possibile su richiesta e con supplemento, ma soggetta a disponibilità. 
Il costo NON è incluso nella quota, serve scrivere a staff@vagabondo.net per avere il preventivo e per verificare se disponibile.
 

*** Assicurazione annullamento opzionale 
Se la volete stipulare avvertite lo staff al momento dell'iscrizione e vi sarà inviato il preventivo con il costo previsto

 

La quota può subire supplementi a seconda del periodo dell’anno, del numero degli iscritti o dei cambi repentini dei prezzi dei voli. A volte siamo costretti ad inserire dei supplementi a causa del costo elevatissimo dei voli, ma vi informiamo sempre e con anticipo. Inoltre i supplementi non hanno MAI valore retroattivo e quindi valgono solo per i futuri iscritti. Sul forum specifico del viaggio trovate le cifre aggiornate di volta in volta e le ragioni di eventuali variazioni. 

 

Piano voli

Da Roma
SK682    Roma Fiumicino Copenaghen Sab 25 lug11:35Sab 25 lug14:10
SK6160    Copenaghen Reykjavik Sab 25 lug17:35Sab 25 lug18:50
SK6156    Reykjavik Stoccolma Sab 08 ago07:35Sab 08 ago12:45
SK1841    Stoccolma Roma Fiumicino Sab 08 ago17:50Sab 08 ago21:00

Da Milano
SK1686    Milano Malpensa Copenaghen Sab 25 lug 11:20Sab 25 lug 13:25
SK6160    Copenaghen Reykjavik Sab 25 lug 17:35Sab 25 lug 18:50
BA801    Reykjavik Londra Sab 08 ago 10:10Sab 08 ago 14:10
BA580    Londra Milano Malpensa Sab 08 ago 18:05Sab 08 ago 21:05

***è possibile partire da altri aeroporti. Voli diversi potrebbero richiedere un supplemento. Per informazioni scrivere a staff@vagabondo.net


Forum del Viaggio



Forum del viaggio

Salve Staff Vagabondo, come d'accordo mi sono iscritto a questo viaggio ed ho scelto questa data di partenza nella speranza che possa partire. Grazie 🐾 

Lun, 06/01/2020 - 23:18 Collegamento permanente

Il Vagadoc non è stato ancora assegnato, per cui faccio un po' di informazione.. 😉

Per gli eventuali vagabondi che danno un'occhiata a questo forum, desiderosi come me di visitare questa splendida terra durante questa estate.. 😍

..un aggiornamento sullo stato attuale della situazione che riguarda i protocolli islandesi per riprendere ad accogliere i turisti dentro il loro territorio, senza più le rigide restrizioni di quarantena valide fino al 15 giugno prossimo.

Ripreso dal sito ufficiale del governo islandese ecco l'ultimo post informativo utile per orientarsi: 

https://www.government.is/news/article/2020/06/05/Information-for-travellers-arriving-in-Iceland-from-15-June-2020/

Praticamente dal 1 luglio, al posto dei 14 giorni di quarantena imposti ad oggi obbligatoriamente all'arrivo, viene proposto in alternativa giunti in aeroporto in Islanda un test per il coronavirus il cui costo di 100 € sarà a carico del viaggiatore (affrontando il rischio di passare una quarantena se positivi, con tutte le conseguenze sanitarie del caso).

Molto più semplice e assolutamente sicuro (previa prenotazione anticipata) sottoporsi 4/5 giorni prima di partire ad un bel test sierologico degli anticorpi Igg e Igm, chiudersi in casa ed aspettare i relativi risultati entro 24/48 ore, e se è tutto a posto portarsi i risultati appresso e partire con tranquillità senza preoccuparsi troppo del tampone a cui si verrà comunque sottoposti all'arrivo in Islanda (come si dice.. viaggiare sul sicuro!).

Se malauguratamente poco prima della partenza i test sierologici non fossero a posto, si ricorre all'assicurazione di annullamento del viaggio che si può stipulare nel momento in cui si forma il gruppo e il viaggio viene confermato (cosa che in genere accade a un mesetto dalla partenza).

In questi anni di straordinari viaggi io stesso ho stipulato preventivamente un paio di volte la polizza di assicurazione annullamento che Vagabondo propone su richiesta, perchè alcune mie situazioni personali lo richiedevano, ma poi tutto è andato bene e sono partito tranquillamente (tutte esperienze di "vagabondaggio" di cui porto ricordi bellissimi durate gli ultimi sette anni).

Le indicazioni esposte sopra sono abbastanza semplici da attuare..e rendono il viaggio concretamente fattibile.. 😜

Dunque fatevi avanti vagabondi!.. che qui bisogna farsi passare l'astinenza e l'isolamento del viaggiatore! 😄

 

 

 

Dom, 06/07/2020 - 02:10 Collegamento permanente

Ciao Simona, piacere di conoscerti.

Ti informo che siamo in tre iscritti. Si è aggiunta oggi anche la mia amica Cinzia con cui ho viaggiato in Ladakh.

A questo punto aspettiamo che lo staff di vagabondo assegni subito il Vagadoc guida, così il viaggio va verso la conferma.

Un saluto 🐾🐾

Lun, 06/08/2020 - 23:38 Collegamento permanente

Ciao ragazzi! 👋  mi presento, sono Andrea

É con estremo piacere che vi annuncio di essere stato assegnato per questo fantastico viaggio in Islanda 😍  e di conseguenza (anche se in ritardo) ricambio il benvenuto!
Visto il poco preavviso e la scadenza vicina, vi informo che ho già prenotato alcune sistemazioni per accaparrare i posti migliori al prezzo più conveniente. 
Chiaramente vi coinvolgerò e cercheremo ulteriori alternative a breve, in modo da scegliere quelle che più preferite insieme. In caso voleste poi affidarvi completamente a me, farò in modo di garantirvi il meglio in base alla mia esperienza passata sull'isola.

Come già preannunciava gentilmente Kal sulla situazione Covid19, i protocolli islandesi promettono abbastanza bene e di conseguenza sto iniziando ad interessarmi sull'argomento. Bisognerà solo decidere (una volta confermato il viaggio) come si voglia procedere al test per il tampone... ma di questo vi aggiornerò io a tempo debito. 

Per il resto l'itinerario è da paura, ci sono posti paesaggistici che vi lasceranno senza fiato e una varietà di colori che cambieranno completamente la concezione che avete di contatto con la natura!

Avanti tutta! attendiamo conferma 😜 

Sab, 06/13/2020 - 14:58 Collegamento permanente

Ciao Fabio benvenuto nel gruppo!!! 👋  Ma quale media non scherziamo! 😜

Non vedo l'ora di conoscervi da vicino per poter scambiare due chiacchiere e condividere insieme questa avventura, sono carichissimo! 

Nel frattempo, sto lavorando per voi...
Siamo in 5, dai che finalmente non dovremmo piú immaginarla l'isola 😌

🐾

Ven, 06/19/2020 - 20:51 Collegamento permanente

ciao ragazzi, avete ricevuto la mail di vagabondo? non è simpatica la norma che prevede, in caso un vicino di posto in aereo, fino a due file avanti e dietro, sia positivo al covid, dobbiamo stare in quarantena, e quindi viaggio rovinato. io penso di confermare lo stesso, ma un minimo di rischio c'è.

 

Mar, 06/23/2020 - 17:58 Collegamento permanente
Kal

In risposta a di fabio63

Ciao Fabio e a ciao tutti,

a proposito della mail dello Staff, che ho contattato per chiedere chiarimenti, sono andato sul sito del governo islandese indicato da Vagabondo, e ho capito questo: se risulto negativo al tampone in aeroporto mentre nello stesso momento un altro passeggero (che si trovava nel volo appena sbarcato entro due file rispetto alla mia) sottoposto anche lui in aeroporto dovesse poi risultare positivo al test e presentare dei sintomi due giorni dopo, allora verrò contattato dal team di tracciamento islandese per essere sottoposto ad un'intervista, immagino sul tuo stato di salute.

In questo caso potrebbe essere necessario sottoporsi all'auto-quarantena per due settimane dal momento dell'ultimo contatto (in aereo appunto).

Detto così come è scritto non significa che ti dicono quarantena obbligatoria solo per esser stato vicino in aereo ad uno poi risultato positivo in aeroporto, immagino ti facciano un altro esame prima di decidere. 

Questo è il sito: https://www.covid.is/categories/tourists-travelling-to-iceland?fbclid=IwAR1_g5eNTKwn3p0_4jtTOj8yT7NR4_uVKZRw4WqVxVeVPndo_43JaHRhDMc

 

 

 

Mar, 06/23/2020 - 18:57 Collegamento permanente

ciao a tutti

ho letto per ora velocemente, ma mi sembra di avere capito che il governo islandese si riservi la possibilita' di metterci in quarantena qualora fossimo stati durante il viaggio aereo in prossimita' di un positivo al virus. Non ci sono al momento regole precise che ci aiutino a capire cosa accadra' in ogni situazione, ma la possibiita' c'e'. Resta da capire cosa accadra' in questo caso per l'eventuale rimborso; la mia decisione si basera' anche su questo punto. Stasera leggero' tutto con calma e poi rispondero' alla mail con dubbi e perplessita' che dovessero sorgere

Mar, 06/23/2020 - 19:35 Collegamento permanente

Ho appena inviato questa richiesta al sito del governo islandese che si occupa dei viaggiatori in entrata nel paese (quello che vi ho postato sopra):

I am preparing a trip to Iceland in late July and I have doubts about the quarantine procedure described in the following article that appears on your site covid.is "visiting iceland":

"In the event of an obligatory self-quarantine
A negative test result does not guarantee that an individual will not later be required to self-quarantine if they have been exposed to infection, e.g. on the flight to Iceland.

The contact tracing team interviews those who have been in close contact with a confirmed active case during two days prior to the onset of symptoms, e.g. been within 2 meters of an individual for more than 15 minutes, or those who have sat close to an infected individual on an airplane (usually within two seat-row radius). They might be required to self-quarantine for two weeks from the time of last contact. "

My question to you is this: does obligatory self-quarantine become automatic if I have been in close contact with a passenger described in the above article? or does the procedure include other tests before you decide to apply for obligatory auto quarantine?

Thank You

Best Regards

che tradotto recita più o meno così: 

Sto preparando un viaggio in Islanda a fine luglio e ho dubbi sulla procedura di quarantena descritta nel seguente articolo che appare sul vostro sito covid.is "visitare l'Islanda":

"In caso di auto-quarantena obbligatoria.

Un risultato negativo del test non garantisce che un individuo non dovrà ricorrere in seguito all'auto-quarantena obbligatoria se è stato esposto a infezione, ad es. sul volo per l'Islanda.

Il team di tracciamento dei contatti intervista coloro che sono stati in stretto contatto con un caso attivo confermato nei due giorni precedenti l'insorgenza dei sintomi, ad es. essere stato entro 2 metri da un individuo per più di 15 minuti, o coloro che si sono seduti vicino a un individuo infetto su un aereo (di solito entro il raggio di due sedili). Potrebbe essere necessario ricorrere all'auto-quarantena per due settimane dal momento dell'ultimo contatto. "

La mia domanda per voi è questa: l'auto-quarantena obbligatoria diventa automatica se sono stato in stretto contatto con un passeggero descritto nell'articolo precedente? o la procedura include altri test prima di decidere di richiedere la quarantena automatica obbligatoria?

Grazie

I migliori saluti

Mar, 06/23/2020 - 20:03 Collegamento permanente

Ciao ragazzi, 

Purtroppo da quello che ho capito, il virus può avere un periodo di incubazione di circa due settimane, per cui un tampone fatto in aeroporto dopo un contatto accertato con un positivo sull'aereo, non garantirebbe un esito negativo anche dopo essersi sottoposti al test. Per cui il governo islandese a scanso di equivoci, si riserva per sicurezza il discorso di auto-quarantena. 

Diverso sarebbe stato se al posto del tampone, avessero previsto il test sierologico, ma in questo caso mi pare di aver capito che il protocollo islandese non lo preveda.
È chiaro che la situazione è delicata perchè il problema chiaramente esiste, statisticamente non è una cosa facile, ma sicuramente bisogna valutare e assimilare tutte le informazioni per decidere in piena serenità. 

Attendo i vostri pensieri, commenti e pareri sull'argomento e rimango a piena disposizione per confrontarci  🐾
 

Mar, 06/23/2020 - 20:45 Collegamento permanente

Ciao Andrea, Ciao a tutti!

sui test sierologici non sarei così sicuro nell'escluderli, infatti il sito informativo del governo islandese recita così "If a passenger tests positive, they may be offered to undergo further tests to determine whether or not they have an active infection." per cui potrebbe trattarsi di un altro tampone o dei sierologici, non è specificato.

Nel frattempo ho chiesto ieri sera via mail allo stesso sito islandese dei chiarimenti sulla quarantena in caso di eventuale contatto con un vicino di volo che poi dovesse risultare positivo in aeroporto e presentare i sintomi entro due giorni dall'arrivo.

Mi daranno una risposta entro dopodomani.

A questo proposito ho chiesto poco fa allo Staff di Vagabondo una proroga di altrettanti giorni per decidere se confermare il viaggio da parte nostra..

Se è come penso tutto si basa sui test, al massimo due, entro i primi due giorni dall'arrivo (quando secondo il nuovo programma di viaggio saremo ancora nella capitale Reykjiavik).

Nel qual caso le possibilità che il viaggio possa saltare durante la permanenza in Islanda diventano più remote (sono legate essenzialmente al comportamento prudenziale la settimana precedente alla partenza e sulle cautele nostre adottate durante lo stesso volo di andata).

Incrociamo le dita 🙏🐾🐾

Mer, 06/24/2020 - 07:39 Collegamento permanente

Ecco la risposta inviatami poco fa via mail del servizio informazioni del sito del Governo Islandese: 

Does obligatory self-quarantine become automatic if I have been in close contact with a passenger described in the above article? or does the procedure include other tests before you decide to apply for obligatory auto quarantine?

In the event of someone testing positive for COVID-19 on a flight people sitting in the two seat rows around the person, if infectious, will have to enter quarantine. In the event of this happening, you will be contacted by the contact tracing team to inform you if you need to enter quarantine.

Come immaginavo la quarantena non viene richiesta od obbligata se ci si è trovato semplicemente vicino entro due file dalla propria ad un passeggero poi risultato positivo al covid al tampone in aeroporto che presenta sintomi evidenti di infezione entro due giorni dalla data del volo.

Infatti specificano che nel caso dovesse spuntare un positivo vicino di posto in aereo (che poi si ammala, cioè che sviluppa la malattia e presenta sintomi evidenti entro due giorni dal volo) allora si viene contattati dal Team di tracciamento governativo per farti delle domande sul tuo stato di salute (nel sito c'è scritto interviews).. ecco il passaggio:

The contact tracing team interviews those who have been in close contact with a confirmed active case during two days prior to the onset of symptoms

Morale della favola, ci stanno dicendo che ne caso di cui sopra ti contattano per informarsi sul tuo stato di salute e in base a quello che uno dichiara (presenza sintomi o meno, etc) decidono se proporti altri test.. non direttamente la quarantena! Infatti nel sito c'è questo altro passaggio:

If a passenger tests positive, they may be offered to undergo further tests to determine whether or not they have an active infection

Quindi la discrezionalità sta nel fatto che nei limiti del possibile loro (immagino dei medici) quando ti contattano vogliano principalmente capire se tu sia una persona contagiata infetta e ammalata, cioè con evidenti sintomi della malattia (parlano di "un infezione attiva" infatti)

Male che vada se non sono convinti ti possono obbligare a fare un altro test (un altro tampone di 100€ oppure i sierologici.. costano la metà) proprio durante il secondo giorno, mentre siamo ancora nella capitale Reykjiavik.

A questo punto per me la situazione è chiara e molto meno drastica di come era stata prospettata nella mail dello staff, e quindi io confermerò la mia adesione a viaggio con il nuovo programma (stesso itinerario).

Consiglio a questo punto a tutti di rispondere anche voi allo Staff sulla vostra decisione di confermare o meno l'adesione al viaggio. Io lo faccio subito.

A presto  👍🙏😃🐾🐾

Mer, 06/24/2020 - 13:41 Collegamento permanente

Grazie Kal, 🙏

Le informazioni sembrano abbastanza chiare anche se rimangono molto fuorvianti le indicazioni che lo stesso governo islandese aveva dato sul sito inviateci gentilmente dallo staff di Vagabondo. 

A questo punto, visto che il programma è cambiato mi adopero immediatamente alla modifica delle prenotazioni che avevo fatto o alla cancellazione e la prenotazione di nuove strutture, nella speranza che nel frattempo ci sia ancora disponibilità di sistemazioni a basso costo per la gestione della cassa comune. 

Non appena aderite e confermano il viaggio, magari creiamo un gruppo whatsapp e vi inoltro mano a mano il lavoro che sto facendo di programmazione a cui sto lavorando già da un po' 

Sono contento che l'esito della risposta sia comunque rincuorante 😌
Attendo notizie anche dagli altri e nel frattempo vi auguro una buona giornata 👋 

Mer, 06/24/2020 - 14:57 Collegamento permanente
Vagabondo0
Staff  Staff

Cari vagabondi,

ci dispiace per le piccole incongruenze sulla nostra interpretazione delle disposizioni di ingresso in Islanda, confermiamo che il test sierologico sia preceduto dal tampone e non viceversa. A prescindere dall’ordine in cui vengano effettuati i test all’arrivo nel paese, il messaggio che abbiamo cercato di trasmettere con la precedente mail - come risulta dal paragrafo qui sotto - è che c'è il rischio di andare in quarantena nonostante il proprio test risulti negativo per la vicinanza, durante il volo aereo, a un soggetto positivo. 

In the event of someone testing positive for COVID-19 on a flight people sitting in the two seat rows around the person, if infectious, will have to enter quarantine. In the event of this happening, you will be contacted by the contact tracing team to inform you if you need to enter quarantine.

Al di là delle modalità di ulteriore screening dei vicini di aereo a un soggetto risultato positivo, che non sono state chiarite ufficialmente vista la complessità del caso, il succo è che la negatività al test all’arrivo non può garantire che non si venga richiamati per andare in quarantena.

Il paese ha aperto i confini il 15 giugno e, visti i pochissimi casi di covid-19 positivi registrati sui voli aerei, pensiamo che il rischio di andare in quarantena a causa della vicinanza ad un soggetto positivo sia minimo, ma decisamente questa non è una componente su cui si possa fare fede. Inutile dire che saremmo felici se fosse possibile svolgere il viaggio senza complicazioni ma, da parte nostra, ci teniamo che in questo periodo davvero particolare i nostri viaggiatori siano a conoscenza dell’eventualità che il viaggio non possa essere svolto o che possa subire alcune complicazioni, una volta arrivati in Islanda. 

Restiamo a disposizione per qualunque altro dubbio o domanda, anche telefonicamente.

Un caro saluto dallo staff 🐾

 

Mer, 06/24/2020 - 19:18 Collegamento permanente

ciao

grazie dei chiarimenti da parte di tutti. Non mi e' pero' ancora chiaro se, in caso di quarantena non dovuta alla propria positivita', si avra' diritto a qualche rimborso.

grazie

Mer, 06/24/2020 - 20:03 Collegamento permanente

Ringrazio Vagabondo per le precisazioni.

E aggiungo che la negatività al test all’arrivo in aeroporto, se esposti ad un passeggero risultato poi positivo e due giorni dopo pure ammalato, non esclude per noi il rischio di essere a sua volta contagiati con la conseguenza di un quarantena obbligatoria.

Ma il resto è un’interpretazione forzata, e non trova riscontro nel sito islandese, sito che comunque è scritto in modo solo apparentemente ambiguo, tale da lasciare al governo islandese un margine di libertà se la situazione sanitaria dovesse peggiorare e se fossero costretti a imporre per esempio nuovamente dei lockdown (nazionali o locali).

Qui si parla di protocolli sanitari basati su evidenze scientifiche, al limite estremo basati su un principio di cautela preventiva, che è bene ribadirlo si fondano su un criterio di ragionevolezza scientifica (ripeto.. come nel caso di un nuovo focolaio in Islanda con conseguente blocco totale o parziale del paese, analogamente a quanto successo in Italia e negli altri stati del mondo), e non si tratta invece di decisioni aleatorie ed arbitrarie basate su una totale discrezionalità del tipo non mi fido e ti sbatto in quarantena.

Neanche una decisione politica può essere presa in questo modo (infatti non lo è stato da nessuna parte).

Notare che per avere la sicurezza di un caso di infettività in atto le autorità locali possono attuare una procedura che, a fronte di una positività al primo test, può prevedere ulteriori accertamenti medici prima di stabilire se sei una persona ammalata con sintomi evidenti tale da dover essere posta in quarantena. Un doppio passaggio medico nei protocolli.

Lo ribadisco, sul passaggio (islandese) ormai stracitato riportato nel post dello staff c’è scritto chiaramente che nel caso di un passeggero in aereo poi risultato positivo, le persone vicine entro due file, se infette, dovranno andare in quarantena (ovvio).

Ma per sapere se sono infette, anche se risultate negative al primo tampone in aeroporto, dovranno essere successivamente richiamate per accertarlo, e di questo se ne occuperà un team di tracciamento (di potenziali contagi) che ci contatterà e ci interrogherà per capire se siamo stati esposti e contagiati, poi deciderà il da farsi.. ovvero lasciarci proseguire la vacanza osservando le dovute prescrizioni e cautele, proporci altri accertamenti, sbatterti in quarantena se per esempio nel nostro piccolo gruppo rilevassero un principio di focolaio attivo (sempre dopo aver accertato con esami clinici che tale è la situazione).

E qui viene giustamente il dubbio della collega e amica Cinzia, ovvero se uno continua ad essere sempre negativo ai test, mentre per esempio un tuo compagno di viaggio con cui sei stato in contatto per giorni risulta positivo, e le autorità decidono che tutto il nostro gruppetto debba andare in quarantena, il rimborso è previsto da Vagabondo? 

Ricordiamoci che porre in quarantena delle persone costa al governo Islandese, per cui non lo fanno mica con leggerezza. 

Capisco la posizione dello Staff, che per forza di cose debba tenere un profilo di cautela alto, ma quello che c’è scritto sul sito del governo locale non cambia.. sarà in burocratese.. ma il succo è chiaro.

Quindi, a questo punto Io decido di confermare il viaggio. 👍🏻🙏🏻🐾🐾

 

 

Gio, 06/25/2020 - 05:26 Collegamento permanente



  • Prezzo base: 1600
  • Cassa comune: 1350
  • Partenza: 25 Luglio 2020
  • Ritorno: 8 Agosto 2020
  • Durata: 15 Giorni
  • Iscritti/posti:

    4 - Gruppo composto da 2 vagabondi e 2 vagabonde dai 28 a 56 anni.

  • Status: Confermato
  • Vagabondo DOC
PRENOTA FORUM


Tutte le altre date


    
Trova il tuo viaggio

Effettua la ricerca in base a:

Continente
Italia
Sud America
Centro America
Africa
Sud Est Asiatico
Asia
Medioriente
Europa
Nord America
Oceania
Paese
Nord Italia
Centro Italia
Isole
Sud Italia
Argentina
Belize
Bolivia
Brasile
Cile
Colombia
Peru
Costa Rica
Cuba
Giamaica
Guatemala
Messico
Nicaragua
Etiopia
Marocco
Namibia
Seychelles
Sud Africa
Tanzania
Birmania-Myanmar
Cambogia
Filippine
Laos
Malesia
Singapore
Thailandia
Vietnam
Bhutan
Cina
Giappone
India
Indonesia
Ladakh
Mongolia
Nepal
Sri Lanka
Tibet
Uzbekistan
Georgia
Giordania
Israele
Oman
Palestina
Turchia
Albania
Austria
Belgio
Bosnia Herzegovina
Croazia
Finlandia
Francia
Germania
Gran Bretagna – UK
Grecia
Irlanda
Islanda
Malta
Norvegia
Polonia
Portogallo
Repubblica Ceca
Romania
Russia
Serbia
Spagna
Ungheria
Usa
Canada
Quebec
Arizona
California
Colorado
Florida
Mississippi
Nevada
New York
Nuova Zelanda
Mese
Gennaio
Febbraio
Marzo
Aprile
Maggio
Giugno
Luglio
Agosto
Settembre
Ottobre
Novembre
Dicembre


In maniera REALE, concreta e verificabile; qui in Italia, nel Parco della Valle del Treja!

APPROFONDISCI