Gruppo Laos e Cambogia freak style - Partenza del 2020-02-19

Laos e Cambogia freak style



  • Quota: 1850
  • Cassa comune: 600
  • Partenza: 19 Febbraio 2020
  • Ritorno: 8 Marzo 2020
  • Durata: 19 Giorni
  • Iscritti/posti:
  • Status: Completo
  • Vagabondo DOC
PRENOTA FORUM



Partecipanti

Vagabondo DOC: _Nur_   

Tommaso è fiorentino, e ha una Smodata Passione per i Viaggi e sopratutto per le diversità che ha sempre accolto come fonte di arricchimento. Ha studiato informatica e attualmente scienze della comunicazione, ma è anche appassionato di Antropologia, Fotografia, Poesia e Musica etnica per compensare il suo lato più razionale.

Ha sempre avuto la passione del viaggio,per conoscere le diversità, le varie sfumature di cui è fatto il nostro mondo e i popoli che lo abitano e i suoi punti di vista, calarsi il più possibile nella realtà del paese visitato e non semplicemente come meri "turisti" alla scoperta solo delle attrattive più famose.

Iscritti/posti:

→ COMPLETO (non è più possibile iscriversi a questo gruppo)

Con il Vagabondo DOC Tommaso / _Nur_

image

Tommaso è fiorentino, e ha una Smodata Passione per i Viaggi e sopratutto per le diversità che ha sempre accolto come fonte di arricchimento. Ha studiato informatica e attualmente scienze della comunicazione, ma è anche appassionato di Antropologia, Fotografia, Poesia e Musica etnica per compensare il suo lato più razionale.

Ha sempre avuto la passione del viaggio,per conoscere le diversità, le varie sfumature di cui è fatto il nostro mondo e i popoli che lo abitano e i suoi punti di vista, calarsi il piu possibile nella realtà del paese visitato e non semplicemente come meri "turisti" alla scoperta solo delle attrattive più famose.

image

Quota

€ 1850 a persona 

+ cassa comune da aggiungere alla quota e versare in loco: € 600 a persona - Cos’è e come funziona la cassa comune?

LA QUOTA INCLUDE:

- Il volo dall'Italia a/r compreso il bagaglio da stiva
- Volo Bangkok - Luang Prabang incluso il bagaglio da stiva
- Tasse aeroportuali - Alberghetti locali a Bangkok, Siem Reap, Luang Prabang, Nahin /Sistemazione in camere doppie (o triple se siete dispari)
- Assicurazione medico bagaglio

Al viaggio partecipa sempre anche un nostro vagabondo DOC - chi è? cosa fa?


LA QUOTA NON INCLUDE (e per queste spese è stata stimata una cassa comune di € 600 a persona):

- Altri pernottamenti
- Mezzi pubblici (bus, barche, tuk tuk, taxi)
- Visto d’ingresso in Laos
- Visto d’ ingresso in Cambogia
- Tassa d'uscita dalla Thailandia
- Pasti (colazioni, pranzi e cene)

- assicurazione annullamento (opzionale, se volete stipularla avvertite lo staff al momento dell'iscrizione)

A volte siamo costretti ad inserire dei supplementi a causa del costo elevatissimo dei voli, ma vi informiamo sempre e con anticipo proprio su questo forum.
Vi consigliamo però di iscrivervi con anticipo se non volete correre il rischio di supplementi da pagare.

image

Elenco iscritti

Lucia LUCCIOLA - da Roma - cerca compagna di stanza Federico WebGenius - da Venezia - cerca compagno di stanza Veronica veronica_88 - da Venezia - cerca compagna di stanza
Il vagabondo doc Tommaso _Nur_ - da Bologna - cerca compagno di stanza

Piano Voli


Da Milano (con Aeroflot) 
SU2411 Milano Malpensa MXP - Mosca SVO - 19feb 11:55 - 19feb 17:35 SU272 Mosca SVO - Bangkok BKK - 19feb 21:25 - 20feb 10:40 SU271 Bangkok BKK - Mosca SVO - 08mar 10:15 - 08mar 16:20
SU2414 Mosca SVO - Milano Malpensa MXP - 08mar 20:50 - 08mar 22:40

Da Roma (con Aeroflot) su questo volo Lucia

SU2419 Roma Fiumicino FCO - Mosca SVO - 19feb 12:45 - 19feb 18:45 SU272 Mosca SVO - Bangkok BKK - 19feb 21:25 - 20feb 10:40 SU271 Bangkok BKK - Mosca SVO - 08mar 10:15 - 08mar 16:20
SU2404 Mosca SVO - Roma Fiumicino FCO - 08mar 20:15 - 08mar 22:20   Da Venezia (con Aeroflot) su questo volo Veronica e Federico   SU2597 Venezia VCE - Mosca SVO - 19feb 12:35 - 19feb 18:10 SU272 Mosca SVO - Bangkok BKK - 19feb 21:25 - 20feb 10:40 SU271 Bangkok BKK - Mosca SVO - 08mar 10:15 - 08mar 16:20
SU2422 Mosca SVO - Venezia VCE - 08mar 20:30 - 08mar 22:05   Da Bologna (con Aeroflot) su questo volo il Vagabondo Doc Tommaso   SU2425 Bologna BLQ - Mosca SVO - 19feb 11:45 - 19feb 17:20 SU272 Mosca SVO - Bangkok BKK - 19feb 21:25 - 20feb 10:40 SU271 Bangkok BKK - Mosca SVO - 08mar 10:15 - 08mar 16:20
SU2428 Mosca SVO - Bologna BLQ - 08mar 20:55 - 08mar 22:40

 

Programma di viaggio Laos e Cambogia freak style

Potete trovare il programma Laos e Cambogia freak style dettagliato qui:

image

Al momento della conferma del viaggio il programma potrà subire delle piccole variazioni in base ai voli utilizzati. Sempre al momento della conferma del viaggio, vi verrà inviato il programma definitivo via mail insieme a tutte le altre informazioni di viaggio.

Gruppo

COMPLETO
Non è più possibile iscriversi a questo gruppo.

Informazioni utili


Forum del Viaggio



Forum del viaggio

Ciao a tutti e Benvenuti!

Mi chiamo Tommaso aka Nur e sarò il vostro Tour Leader in questo spettacolare ed emozionante viaggio.

Come tutta l'Asia e l'India in particolare che mi porto sempre nel cuoreCuore, anche l'Indocina è uno dei miei posti preferiti. Laos e Cambogia sono due perle assolutamente da vedere ma soprattutto "Vivere" come faremo noi che ci immergeremo, anche attraverso i trasporti locali più disparati, in questi due bellissimi paesi. A breve comincerò a stuzzicarviOcchiettoRotola dal ridere con qualche foto e racconto delle cose che andremo a vedere nel nostro itinerario di viaggio.

A presto e fatevi avanti che partiamo!!!!Risata

Ovviamente per qualsiasi dubbio o domanda, mi trovate qua a vostra disposizione,

A presto!

P.S: Un gran bel Benvenuto alle 2 iscritte!! *clapping**yahoo*

Fatevi vive se volete!*lol*

Lun, 11/11/2019 - 22:47 Collegamento permanente

Come non rimanere attoniti e stupiti di fronte a tanta magnificenza e bellezza?

 

 

Angkor Wat (in lingua khmer Tempio della città) è un tempio Khmer, all'interno del sito archeologico di Angkor in Cambogia nei pressi della città di Siem Riep. Fu fatto costruire dal re Suryavarman II nel 12 Secolo. E' Partomonio Dell'Unesco dal 1991 ed è il piu grande complesso religioso al mondo. Il re ordinò che la costruzione del gigantesco edificio partisse contemporaneamente dai 4 lati, cosicché l'opera fu completata in meno di 40 anni.

L'ipotesi più probabile è che si tratti di un mausoleo, un luogo dove il re potesse essere venerato dopo la morte. Infatti, l'entrata principale è situata a ovest, come nei templi funerari, e non a est, come consuetudine per i templi indù. Il tempio è a forma di rettangolo, lungo circa 1,5 km da ovest a est e 1,3 km da nord a sud; all'interno del fossato che circonda completamente il muro perimetrale di 3,6 km vi sono tre gallerie rettangolari, costruite una sopra l'altra. Al centro del tempio si trovano cinque torri.

Angkor Wat riassume due principali caratteristiche dell'architettura Cambogiana: il tempio-montagna che si erge all'interno di un fossato e che simboleggia il Meru (la montagna degli dei nella religione indù. Il tempio, infatti è consacrato a Vishnu, e i successivi templi a galleria.

Nel XIV o XV secolo il tempio fu convertito al Buddhismo Theravada, e tale è rimasto fino ai nostri giorni. Angkor Wat si differenzia dagli altri templi di Angkor perché non è mai stato del tutto abbandonato, e inoltre il fossato esterno lo ha in un certo qual modo, protetto dall'avanzare della giungla.

 

Fino al XVI secolo il tempio era conosciuto come 'Preah Pisnulok', dal nome dato a Suryavarman dopo la sua morte. In questo periodo prese il suo nome moderno, che significa "Città Tempio".

Uno dei primi visitatori occidentali del tempio fu Antonio da Magdalena, un monaco portoghese che lo visitò nel 1586 e affermò che "è una costruzione così straordinaria che è impossibile da descrivere con una penna, poiché non c'è un edificio simile al mondo".

 

 

E' sempre stato uno dei miei sogni visitarlo, spero si avveri assieme a voi, che aspettate ad iscrivervi?ApplausoE vai!!

 

Da solo vale il Viaggio!Rotola dal ridereRisata

Lun, 03/09/2020 - 14:25 Collegamento permanente

Ecco il secondo Patrimonio Unesco che andremo a visitare....un gioielllino immerso nella giungla sul Mekong a 500km da ogni altra forma di civiltà.

 

 

 

L'avete riconosciuta? No?

E' Luang Prabang, traslitterato anche Luang Phrabang o Louangphrabang, chiamata in passato anche Xieng Dong Xieng Thong e Mueang Sua, è una città del Laos centro-settentrionale ed è capoluogo dell'omonima provincia. Si affaccia sulle rive del Mekong, a circa 425 km a nord di Vientiane e conta all'incirca 50mila abitanti.

 

 

La città fu dal XIV al XVI secolo la capitale del Regno di Lan Xang, il primo grande Stato laotiano. Prima dell'ascesa al potere dei comunisti, avvenuta nel 1975, era la residenza del sovrano del Regno del Laos. La città è entrata nel 1995 nella lista dei patrimoni dell'umanità dell'UNESCO.

 

 

 

 

 

Non la trovate splendida?

Lun, 03/09/2020 - 14:28 Collegamento permanente

Pak Ou, Kong Lor e Tad Fan....non sono parolacce ma tre delle più belle attrazioni naturali che andremo a vedere durante il nostro viaggio.

Pak Ou sono delle splendide e antiche grotte poco lontane da Luang Prabang che ospitano centinaia di immagini di Buddha. I buddisti credono che le immagini di Buddha rotte portano sfortuna, e quindi dovrebbero essere sistemate in un tempio o in un luogo sacro. Le grotte hanno la funzione di una cripta per le cose danneggiate, e sono diventate un luogo di pellegrinaggio e, più recentemente, un’attrazione turistica. Durante le festività per il nuovo anno in Laos molti abitanti del posto si riuniscono presso le grotte per lavare le immagini rotte e farsi merito.

 

 

Kong Lor o Tham Kong Lo sono una serie di grotte carsiche profonde 7km ricche di stalattii e stalagmiti molto scenografiche situate all'interno del parco nazionale di Phu Hin Bun ad un oretta di distanza dalla cittadina di Na Hin. Dentro le grotte è presente una piscina dalle acque color smeraldo che i locali considerano sacra perchè credono che il dio indiano della folgore Indra abbia toccato con la sua pelle queste acque.

 

 

 

Le  bellissime cascate di Tad fan si trovano invece poco lontano dalla cittadina di Pakse e prevedono anche alcune escursioni nella giungla tutte piu o meno di breve percorrenza(20-30 min).

 

Natura stupenda vero?

Ma non è finita qui....Rotola dal ridere

Lun, 03/09/2020 - 14:29 Collegamento permanente

Vicino Pakse, al confine tra Laos e Cambogia, il fiume Mekong si allarga e forma un arcipelago che conta circa 4000 tra isole e isolotti, questo arcipelago è uno dei più spettacolari paesaggi del nostro viaggio. Abbiamo la possibilità, unica da queste parti, di passare alcuni giorni girovagando per una delle isole sperdute dove la vita è come la immaginiamo in epoche remote, vivendo in bungalow ai ritmi della luce naturale. 

 

 

 

 

 

Capanne di paglia, carri trainati da buoi, risaie e tranquilli paesani che salutano o guardano con curiosità e timidezza. Rimaniamo qualche giorno in questo paradiso che si affaccia sul Mekong facendo anche alcune passeggiate in bicicletta ed escursioni sulle isole principali alla ricerca del raro ed unico Delfino dell'Irawaddy, l'unico d'acqua dolce.

 

 

Le isole in realtà non sono 4000 -ma poco importa- e l’arcipelago si chiama Si Phan Don. Le tre isole più conosciute sono Don Det, Don Khon  e Don Khong. L’ultima e più grande delle tre, è lunga 18 km e larga 8: è probabilmente la più strutturata, con elettricità e strade.  Lea ltre due sono più piccole ma piene di cascate e villaggi interessanti.

Lun, 03/09/2020 - 14:30 Collegamento permanente

Eccoci di nuovo al consueto appuntamento alla scoperta delle meraviglie che andremo a visitare nel nostro viaggio Rotola dal ridereRisata

Vientiane...la capitale del Laos...



Città dall’incedere tranquillo e dalle atmosfere europee, Vientiane con i suoi 250.000 abitanti assomiglia ad una tranquilla città francese non fosse per il fatto di essere affacciata su uno dei fiumi più potenti e grandi al mondo, il Mekong. Seduta lungo il fiume e a pochi chilometri dal confine con la Thailandia, la capitale laotiana è collegata al vicino tramite il ponte dell’amicizia, inaugurato nel 1904 e uno dei maggiori punti di collegamento. Altro punto di arrivo e partenze è l’aeroporto Vientiane-Wattay, scalo internazionale che la collega a diversi aeroporti asiatici.

Vientiane (il cui significato più accreditato è “La foresta degli alberi di sandalo del re”, dagli alberi indiani famosi per la loro fragranza) offre passeggiate tranquille intramezzate da pranzi sul Mekong e cene gustose da leccarsi i baffi. La lunga colonizzazione francese ha lasciato il segno sulla città, a dimostrarlo stanno i bar con i tavolini all’aperto quasi a ricomporre spizzichi di Parigi in atmosfera umida e tropicale.

Vìangciàn (così viene chiamata dai locali e dai thai) è una città per nulla cara, si vive bene spendendo 15 euro al giorno.

Ma Vientiane non è solo cibo e relax, qualcosa da vedere c’è:

Il Parco del Buddha è “un giardino di statue formato gigante per raccontare la storia della religione in Laos” che si trova a circa 25 km dal centro. Ideato dal buddista-induista Luang Pu Bunleua Sulilat, il parco contiene oltre 200 statue in cemento armato e ha lo scopo di unire le due religioni attraverso l’arte.

 

 

 

Ho Pha Keo (altare del Budda di Smeraldo), è un tempio buddista costruito nel XVI secolo e diventato museo di arte sacra nel XX secolo. All’interno del museo oltre al Buddha è possibile vedere un trono dorato, numerose sculture e una stele buddhista di origine khmer.

E ancora il Museo nazionale del Laos, ex residenza del governatore francese che contiene importanti testimonianze della resistenza laotiana contro le potenze occidentali occupanti; Patuxay, un arco di trionfo in salsa laotiana dedicato ai caduti della guerra d’indipendenza contro la Francia (scherzi del destino…); Pha That Luan, vicino al centro della città, è uno dei complessi templari più noti di tutto il paese e risale al XVI secolo; e Talat Sao, il mercato di Vientiane, ubicato all’angolo tra Lan Xang Rd. e Khu Vieng Rd, nel cuore della città: destinazione molto popolare tra i turisti, il mercato apre dalla 7 alle 16 tutti i giorni e offre una vasta gamma di negozietti di tessuti e gioielli, ristoranti, caffè, strumenti musicali e artigianato locale.

 

 

 

 

Non viene nessuno a vedere e "vivere" queste meraviglie?

io ci sono, aspetto solo voi!Rotola dal ridereBallaApplauso

Lun, 03/09/2020 - 14:31 Collegamento permanente

Dovremo alzarci presto per vederlo perchè di solito è fuori dal programma, ma vale lo sforzo e l'alzatacciaRotola dal ridereRisata

Il paesaggio culturale di Champasak, insieme al complesso di templi di Vat Phou, è un sito archeologico del Laos con più di 1000 anni di vita. Si trova nella provincia laotiana di Champasak. Dal 2001, insieme a Vat Phou, forma un patrimonio dell'umanità dell'UNESCO.

Il Vat Phou (trascritto anche Wat Phu) è un tempio khmer situato nei pressi di Champasak, sulla sponda destra del Mekong, nel Laos meridionale.

Il nome significa “Tempio della montagna” in lingua lao, e si deve al fatto di essere stato costruito sulla pendici orientali del monte Kao. La montagna possedeva un particolare significato religioso in antichità, in quanto la particolare forma del suo picco ricorda il lingam, ovvero la forma fallica sotto cui viene sovente adorato il dio Śiva. Per questo motivo, la montagna era chiamata nelle iscrizioni khmer antiche Lingaparvata, ovvero Montagna del Lingam. Nel XI secolo è stato trasformato in un luogo di culto buddhista.

Venne modellato geometricamente per raffigurare la visione induista della relazione tra natura e uomo, facendo uso di templi d'acqua e santuari, con un'estensione di 10 km. Il sito comprende anche due piccole città che sorgono sulle due rive del Mekong, oltre al monte Phou Kao. L'intero insieme rappresenta lo sviluppo dal V al XV secolo, soprattutto ad opera dei Khmer.

 

 

 

 

 

 

 

Vagabondi, rompete gli indugi ed iscrivetevi!!!!Rotola dal ridere

Dovremo alzarci presto per vederlo perchè di solito è fuori dal programma, ma vale lo sforzo e l'alzatacciaRotola dal ridereRisata

Il paesaggio culturale di Champasak, insieme al complesso di templi di Vat Phou, è un sito archeologico del Laos con più di 1000 anni di vita. Si trova nella provincia laotiana di Champasak. Dal 2001, insieme a Vat Phou, forma un patrimonio dell'umanità dell'UNESCO.

Il Vat Phou (trascritto anche Wat Phu) è un tempio khmer situato nei pressi di Champasak, sulla sponda destra del Mekong, nel Laos meridionale.

Il nome significa “Tempio della montagna” in lingua lao, e si deve al fatto di essere stato costruito sulla pendici orientali del monte Kao. La montagna possedeva un particolare significato religioso in antichità, in quanto la particolare forma del suo picco ricorda il lingam, ovvero la forma fallica sotto cui viene sovente adorato il dio Śiva. Per questo motivo, la montagna era chiamata nelle iscrizioni khmer antiche Lingaparvata, ovvero Montagna del Lingam. Nel XI secolo è stato trasformato in un luogo di culto buddhista.

Venne modellato geometricamente per raffigurare la visione induista della relazione tra natura e uomo, facendo uso di templi d'acqua e santuari, con un'estensione di 10 km. Il sito comprende anche due piccole città che sorgono sulle due rive del Mekong, oltre al monte Phou Kao. L'intero insieme rappresenta lo sviluppo dal V al XV secolo, soprattutto ad opera dei Khmer.

 

 

 

 

 

 

 

Vagabondi, rompete gli indugi ed iscrivetevi!!!!Rotola dal ridere

Lun, 03/09/2020 - 14:32 Collegamento permanente

Ciao Webgenius e Benvenuto!!!! *DANCE*

Speriamo davvero di riuscire a confermare questo viaggio spetacolare!

Dai ragazzi ne manca solo uno!*yahoo**drinks*

Mar, 12/03/2019 - 12:06 Collegamento permanente

No non è una parolaccia tranquilli....è Un Grande lago...letteralmente!Rotola dal ridere

Il Tonlé Sap (che significa “Grande fiume dalle acque fresche” ma più comunemente tradotto come Grande Lago) è un sistema combinato tra lago e fiume di enorme importanza per la Cambogia. È il più grande lago di acqua dolce del sud-est asiatico ed è un punto ecologicamente critico che è stato dichiarato "riserva della biosfera" dall'UNESCO nel 1997.

 

 

Per la maggior parte dell'anno il lago è relativamente piccolo, intorno ad un metro di profondità e grande circa 2.700 km². Durante la stagione dei monsoni tuttavia, il fiume Tonle Sap che collega il lago con il fiume Mekong lo alimenta in abbondanza. L'acqua è spinta dal Mekong verso il lago, facendone aumentare l'area fino a 16.000 km² e la sua profondità fino a 14 metri, ed allagando i campi e le foreste circostanti. Tutta la zona soggetta all'allagamento diventa una zona perfetta per la riproduzione dei pesci.

 

 

Il sistema pulsante con l'enorme zona allagata, la ricca biodiversità, e il deposito annuale di ricchi sedimenti portati dal Mekong rendono il Tonle Sap una delle zone di pesca interne più ricche del mondo, fornendo cibo per più di 3 milioni di persone, contribuendo per il 75% al totale della pesca interna della Cambogia e al 60% del consumo proteico dell'intera popolazione cambogiana. Al termine della stagione delle piogge, il corso si inverte ed il pesce viene portato a valle.

In questa zona come avrete capito l'acqua è fonte di vita per la popolazione locale e noi grazie a questo avventuroso viaggio potremo passare una mezza giornata a visitare Kompong Khleang, uno dei tanti paesi sul lago interamente costruito su palafitte che ha adottato uno stile di vita unico, infatti gli abitanti di questo villaggio non toccano quasi mai la terraferma. entreremo in una di queste case gallegggianti dove porteremo qualche dono, riceveremo sorrisi e ci renderemo conto di come tutto questo tipo di esistenza sia possibile....

 

 

Siamo vicini alla Conferma del viaggio!!!*yahoo**drinks**DANCE*

Lun, 03/09/2020 - 14:33 Collegamento permanente

Ciao a tutti, 

siamo davvero vicinissimi alla conferma di questo bellissimo viaggio : ne manca solo uno e poi si parte! *lol**yahoo**clapping*

Quindi rompete gli indugi e iscrivetevi!

Al primo  che lo fa ha una birra offerta da me! *DANCE*

Sab, 12/07/2019 - 14:27 Collegamento permanente

Sulla montagna sacra di Phnom Santuk, situata nella provincia di Kompong Thom, nel paese di Ko Koh si trovano pagode e grandi Budda sdraiati, in cemento, accanto a statue di Budda molto più antiche, intagliate nella roccia. E' il uogo più sacro della regione la cui sommita si raggiunge percorrendo uno splendido percorso formato da 829 gradoni con infinite statue di Buddha in pietra ai lati.

 

 

 

 

 

 

Una bella testimonianza di un fervore religioso che ha attraversato le varie epoche.

Lun, 03/09/2020 - 14:34 Collegamento permanente

Ci sarà una componente anche avventurosa al nostro viaggio! 

Da Luang Prabang prenderemo una barca per visitare le grotte di Pak Ou, due grotte comunicanti con dentro migliaia di statuette di Buddha dorate di diverse forme e grandezza lasciate qui dai fedeli.

© Em7/Shutterstock.com

Una volta a Vang Vieng invece, sarà l'ora di provare il famoso Tubing: il cave tubing potrebbe essere un'attività interessante, non si scende solo dal fiume in una camera d'aria gigante, ma si entra anche in grotta trascinandosi attaccati ad una corda. Tutti d'accordo? 

Poi si fa anche qualche sosta a qualche bar, volendo! 

 

© Naomi @eatloveexplore

e se ci avanza un po' di tempo anche il kayaking sempre a Vang Vieng lungo il fiume Nam Song o più verso il sud del Paese, nei passaggi successivi, verso Ban Nahin e le 4000 islands dove non mancheranno comunque altre grotte, bagni nei fiumi e gite in bicicletta. 

 

© Naomi @eatloveexplore

Ovviamente più il gruppo è propenso a questo tipo di attività, più rendiamo il viaggio adrenalinico Felice

Allora, chi si aggiunge? Dai, ne manca solo uno per partire!!*lol*


Lun, 03/09/2020 - 14:34 Collegamento permanente

Ora tocca agli indecisi, dai che si parte! 

Qui un'idea video di tutto quello che si può fare in Laos, il Paese magico dalla natura immensa.. non vedo l'ora di buttarmi nella giungla! 

https://www.youtube.com/watch?v=db380yjx4D0

Lun, 12/16/2019 - 10:32 Collegamento permanente

Forza indecisi è il momento!!*DANCE*

 

Se non parte non dovrete pagare nulla, se si parte vi sarà chiesto di pagare una volta confermato il viaggio! Quindi cliccate su PRENOTA Occhietto

 

 © DanFlyingSolo.com

Dai così potremo immergerci nella tranquillità del Laos e perderci nella natura e nella semplicità laotiana, e poi passare di tempio in tempio fino ad arrivare alla Cambogia, dove non ci perderemo l’alba ad Angkor Wat, tra i posti più conosciuti, i ricordi alla Tomb Rider a Ta Prohm ed i templi nelle stradine più impervie.

 

 © tourdublog.com

Tra giri in bicicletta, discese di fiume e sconfinati paesaggi, siete pronti per l’avventura dell’Asia meno conosciuta?

C’è ancora qualche giorno! Prenotatevi subito! 

 

© DanFlyingSolo.com

Lun, 03/09/2020 - 14:34 Collegamento permanente



  • Quota: 1850
  • Cassa comune: 600
  • Partenza: 19 Febbraio 2020
  • Ritorno: 8 Marzo 2020
  • Durata: 19 Giorni
  • Iscritti/posti:
  • Status: Completo
  • Vagabondo DOC
FORUM


Tutte le altre date


    
Trova il tuo viaggio

Effettua la ricerca in base a:

Continente
Viaggi in Italia
Sud America
Centro America
Africa
Sud Est Asiatico
Asia
Medioriente
Europa
Nord America
Oceania
Paese
Nord Italia
Centro Italia
Isole
Sud Italia
Argentina
Belize
Bolivia
Brasile
Cile
Colombia
Peru
Costa Rica
Cuba
Giamaica
Guatemala
Messico
Nicaragua
Etiopia
Marocco
Namibia
Seychelles
Sud Africa
Tanzania
Birmania-Myanmar
Cambogia
Filippine
Laos
Malesia
Singapore
Thailandia
Vietnam
Bhutan
Cina
Giappone
India
Indonesia
Ladakh
Mongolia
Nepal
Sri Lanka
Tibet
Uzbekistan
Georgia
Giordania
Israele
Oman
Palestina
Turchia
Albania
Austria
Belgio
Bosnia Herzegovina
Croazia
Finlandia
Francia
Germania
Gran Bretagna – UK
Grecia
Irlanda
Islanda
Malta
Norvegia
Polonia
Portogallo
Repubblica Ceca
Romania
Russia
Serbia
Spagna
Ungheria
Usa
Canada
Quebec
Arizona
California
Colorado
Florida
Mississippi
Nevada
New York
Nuova Zelanda
Mese
Gennaio
Febbraio
Marzo
Aprile
Maggio
Giugno
Luglio
Agosto
Settembre
Ottobre
Novembre
Dicembre


In maniera REALE, concreta e verificabile; qui in Italia, nel Parco della Valle del Treja!

APPROFONDISCI