Condizioni generali di contratto di viaggio

Lo sapevi?

Per un rissunto delle principali condizioni, in linguaggio meno burocratico, leggi qui...

1. PRESUPPOSTI E CONDIZIONI
I servizi di viaggio sono forniti, salvo quanto previsto nel successivo art. n. 20, dalla Vagabondo Viaggi S.r.l., qui di seguito chiamata "Organizzatore", con sede in via Guido Reni 56, Roma. P.IVA 11046341001 e iscritta camera di Commercio di Roma con il n. 1274471. La Vagabondo Viaggi S.r.l. è stata autorizzata all'esercizio delle attività di produzione, organizzazione e vendita di viaggi e soggiorni, nonché di intermediazione nei predetti servizi, dalla Provincia di Roma.
Il fruitore dei suddetti servizi è qui di seguito definito "Viaggiatore".


2. FONTI LEGISLATIVE
La vendita di pacchetti turistici, che abbiano ad oggetto servizi da fornire in territorio sia nazionale che estero, è disciplinata dalla L. 27/12/1977 n° 1084 di ratifica ed esecuzione della Convenzione Internazionale relativa al contratto di viaggio (CCV) firmata a Bruxelles il 23.4.1970 - in quanto applicabile - nonché dal Codice del Consumo di cui al D. Lgs n. 206 del 6 settembre 2005 (art. 82-100) e sue successive modificazioni.
In base all’art. 2 (1° comma) del D.L. n. 111/95 in attuazione della Direttiva CEE, i pacchetti turistici hanno per oggetto i viaggi, le vacanze ed i circuiti "tutto compreso", risultanti dalla prefissata combinazione di almeno due degli elementi di seguito indicati, venduti od offerti in vendita ad un prezzo forfettario e di durata superiore alle 24 ore, ovvero estendentisi per un periodo di tempo corrispondente almeno una notte: trasporto, alloggio, servizi turistici non accessori al trasporto o all’alloggio che costituiscano parte significativa del "pacchetto turistico".
Le responsabilità della società organizzatrice non può in nessun caso eccedere i limiti previsti dalla legge n. 1084 del 27.12.1977 in ratifica di esecuzione della Convenzione Internazionale relativa al Contratto di Viaggio (CCV). Firmata a Bruxelles il 23.04.1970. Il contratto è sottoposto nonostante qualsiasi clausola contraria, alle disposizioni della Convenzione di cui all’art. 3 della L.R.T. 16/94 (CCV) ed alle disposizioni della direttiva 90/314/CEE, nonché al DL 111/95.


3. PRENOTAZIONI
La domanda di prenotazione dovrà essere redatta su apposito modulo on-line presente sul sito www.vagabondo.net, compilata in ogni sua parte e sottoscritta dal cliente. L’accettazione delle prenotazioni è subordinata alla disponibilità dei posti e si intende perfezionata, con conseguente conclusione del contratto, solo al momento della conferma scritta da parte dell’Organizzatore. L’Agenzia di viaggio venditrice, in possesso di regolare licenza, potrà rilasciare al consumatore, ai sensi dell’art. 6 del DL 111/95, copia del contratto solo se già in possesso della conferma di cui al precedente paragrafo. Le indicazioni relative al pacchetto turistico non contenute nei documenti contrattuali, negli opuscoli ovvero in altri mezzi di comunicazione, saranno fornite dall’Organizzatore in regolare adempimento degli obblighi previsti a proprio carico dal DL 111/95 in tempo utile prima dell’inizio del viaggio.


4. PAGAMENTI
All’atto della prenotazione dovrà essere versato un acconto pari a quanto scritto sul materiale informativo relativo al viaggio. Tale importo è normalmente corrispondente a circa il 25% del prezzo totale, salvo qualora sia necessario acquistare con largo anticipo servizi non rimborsabili, nel qual caso può essere richiesto fino al 50%. Il saldo dovrà essere effettuato almeno 20 giorni prima della partenza. Per le prenotazioni in epoca successiva alla data sopraindicata, l’intero ammontare dovrà essere versato al momento della prenotazione in unica soluzione. La mancata effettuazione dei pagamenti di cui sopra alle date stabilite costituisce clausola risolutiva espressa del contratto, tale da determinare la risoluzione, fatto salvo il risarcimento degli ulteriori danni subiti dall’Organizzatore.
Vagabondo Viaggi S.r.l. NON prevede quote di iscrizione, né spese di rimborso pratica per i suoi clienti.


5. MODIFICHE DEL CONTRATTO DI VIAGGIO
I prezzi indicati nel contratto possono essere modificati fino a 20 giorni precedenti la data fissata per la partenza e soltanto in seguito a variazioni di: costi di trasporto, incluso il costo del carburante; diritti e tasse su alcune tipologie di servizi turistici quali imposte, tasse di atterraggio, di sbarco o di imbarco nei porti e negli aeroporti; tassi di cambio applicati al pacchetto in questione. Per tali variazioni si farà riferimento al corso dei cambi ed al costo dei servizi in vigore alla data di prenotazione.
Se prima della partenza l’Organizzatore è costretto a modificare in maniera significativa un elemento essenziale del contratto, incluso il prezzo, egli è tenuto a darne tempestiva comunicazione al Viaggiatore. A tali fini si considera significativa una modifica del prezzo superiore al 10% del medesimo, ovvero qualunque variazione su elementi configurabili come fondamentali ai fini della fruizione del pacchetto turistico complessivamente considerato. Il Viaggiatore che riceva una comunicazione modificativa di un elemento essenziale o della modifica del prezzo superiore al 10% avrà la facoltà di recedere dal contratto, senza corrispondere alcunché, ovvero di accettare la modifica, che diverrà parte del contratto con l’esatta individuazione delle variazioni e dell’incidenza delle stesse sul prezzo. Il Viaggiatore dovrà dare comunicazione della propria decisione all’Organizzatore o al venditore entro 2 giorni lavorativi da quando è venuto a conoscenza della modifica, che altrimenti si intende accettata.


6. MODIFICHE DOPO LA PARTENZA
L’Organizzatore, qualora dopo la partenza si trovi nell’impossibilità di fornire per qualsiasi ragione, tranne che per un fatto proprio del consumatore, una parte essenziale dei servizi contemplati in contratto, dovrà predisporre soluzioni alternative, senza supplementi di prezzo a carico del contraente e qualora le prestazioni fornite siano di valore inferiore rispetto a quelle previste, rimborsarlo in misura pari a tale differenza. Qualora non risulti possibile alcuna soluzione alternativa, ovvero la soluzione predisposta dall’organizzatore venga rifiutata dal consumatore per comprovati e giustificati motivi, l’organizzatore fornirà senza supplemento di prezzo, un mezzo di trasporto equivalente a quello originario previsto per il ritorno al luogo di partenza o al diverso luogo eventualmente pattuito, compatibilmente alle disponibilità di mezzi e posti, e lo rimborserà nella misura della differenza tra il costo delle prestazioni previste e quello delle prestazioni effettuate fino al momento del rientro anticipato.


7. MODIFICA DEL CONTRATTO DI VIAGGIO DA PARTE DEL VIAGGIATORE
Ogni richiesta di modificazione dei servizi di viaggio e di soggiorno che sia formulata dal Viaggiatore prima dell'inizio dei servizi, deve essere considerata come annullamento del Contratto, salvo diverso accordo scritto delle Parti. Dopo la partenza, i servizi possono essere modificati, a richiesta del Viaggiatore, solo in caso di espressa accettazione da parte dell'Organizzatore, il quale, in tale ipotesi, deve ricevere dal Viaggiatore l'eventuale supplemento di quota, il rimborso delle spese sostenute per la modifica, nonché il risarcimento degli eventuali danni conseguenti alla modificazione.


8. RECESSO DAL CONTRATTO DI SERVIZI DI VIAGGIO DA PARTE DEL VIAGGIATORE
Prima dell'inizio dei servizi di viaggio e di soggiorno (costituiscano questi, o meno, un pacchetto turistico) il Viaggiatore può recedere unilateralmente dal Contratto a condizione che ne dia comunicazione scritta all'Organizzatore con lettera raccomandata A.R. ovvero con telegramma. In tal caso il corrispettivo del recesso dovuto all'Organizzatore è fissato nel:
- La quota versata come acconto, fino a 21 giorni liberi prima della data di inizio dei servizi;
- 75% della quota, dopo il ventunesimo giorno, ma non meno di 7 giorni liberi prima della data di inizio dei servizi;
- 100% della quota, dopo tale ultimo termine.

L’Organizzatore ha facoltà di soddisfare il suo diritto al corrispettivo del recesso trattenendo il relativo importo dalla quota di partecipazione versatagli dal consumatore. L'eventuale differenza tra la quota di partecipazione versata e il corrispettivo del recesso è restituita al consumatore nel più breve tempo possibile e, comunque, entro 30 giorni dalla data di ricevimento della comunicazione di recesso.

Il Viaggiatore può recedere dal contratto, senza corrispondere alcunché, soltanto allorché gli venga comunicata la modifica di un elemento essenziale, ai sensi del precedente art. 5, nel qual caso, ove eserciti il recesso, ha diritto, in via alternativa, ad usufruire di un altro pacchetto turistico, ovvero ad essere rimborsato della parte del prezzo già corrisposta al momento del recesso. Il pacchetto turistico di cui il consumatore decida di fruire, dovrà essere di importo uguale o superiore a quello originariamente previsto. Se l’Organizzatore o, per suo conto, il venditore non sono in grado di proporre un pacchetto di importo equivalente o superiore, il consumatore ha diritto ad essere rimborsato della differenza.


9. SOSTITUZIONI
Il Viaggiatore rinunciatario può farsi sostituire da altra persona sempre che:
a) l’Organizzatore ne sia informato per iscritto entro 4 giorni lavorativi prima della data fissata per la partenza, ricevendo contestualmente comunicazione circa le generalità del cessionario;
b) non vi ostino ragioni attinenti al passaporto, ai visti, ai certificati sanitari, alla sistemazione alberghiera, ai servizi di trasporto o comunque tali da rendere impossibile la fruizione del pacchetto da parte di persona diversa dal cliente rinunciatario;
c) il soggetto subentrante rimborsi all’Organizzatore tutte le spese sostenute per procedere alla sostituzione nella misura che gli verrà quantificata all’atto della comunicazione della cessione.
Il Viaggiatore rinunciatario sarà solidalmente responsabile con il cessionario per il pagamento del saldo del prezzo, nonché degli importi di cui alla lettera c) del presente articolo.


10. ANNULLAMENTI, MANCATA ESECUZIONE DEL VIAGGIO
Nei caso in cui i viaggi non venissero effettuati per decisione dell'Organizzatore per causa di forza maggiore, o per ragioni indipendenti dalla volontà dell'Organizzatore stesso, verranno rimborsate integralmente le quote versate a qualsiasi titolo. A tale proposito si specifica che scioperi, avvenimenti bellici, disordini civili e militari, sommosse, saccheggi, atti di terrorismo, calamità naturali, avverse condizioni atmosferiche, problemi tecnici o simili, che possono causare modifiche anche sostanziali al programma di viaggio, costituiscono causa di forza maggiore e non sono imputabili a Vagabondo Viaggi S.r.l. nè ai vettori nè ad altri operatori che partecipano alla organizzazione del viaggio. L'Organizzatore non è pertanto tenuta a rimborsare eventuali spese supplementari sopportate dal partecipante al viaggio, né l'eventuale costo di prestazioni che per tali cause venissero meno e non fossero recuperabili. L'Organizzatore non è responsabile del mancato utilizzo dei servizi prenotati a cause di ritardi o cancellazione di trasporti dei vettori aerei, marittimi o terrestri.
L'Organizzatore può ugualmente annullare il contratto di viaggio quando il numero minimo di Viaggiatori per l'effettuazione del viaggio stesso non sia raggiunto. In tal caso l'Organizzatore si obbliga a dare notizia al partecipante dell’annullamento del viaggio non oltre i venti giorni lavorativi antecedenti la data di partenza prevista dal programma di viaggio e a restituire l’acconto corrisposto dal Viaggiatore all'atto della prenotazione.


11. MANCATO O INESATTO ADEMPIMENTO DELLE OBBLIGAZIONI DELL'OPERATORE RELATIVE A SERVIZI DI VIAGGIO E DI SOGGIORNO
In caso di mancato o di inesatto adempimento delle obbligazioni assunte col Contratto, l'Organizzatore è tenuto a risarcire al consumatore i danni da questo subiti, se non prova che il mancato o inesatto inadempimento non è a lui imputabile, essendo derivato, ad esempio, da fatti dello stesso consumatore, ovvero da fatti di terzi estranei al rapporto contrattuale, ovvero da cause di forza maggiore o da casi fortuiti, ovvero, ancora, da circostanze che l'Organizzatore, in base all'ordinaria diligenza, non poteva ragionevolmente prevedere, né evitare. Se il mancato o inesatto inadempimento dipende da fatti imputabili ai prestatori dei servizi di cui l'Organizzatore si avvale per la fornitura dei servizi, l'Organizzatore è tenuto al risarcimento dei danni sofferti dal consumatore, salvo il diritto di rivalersi nei confronti di detti prestatori di servizi.


12. ANNULLAMENTI E MODIFICAZIONI DEI SERVIZI DI VIAGGIO E DI SOGGIORNO CHE NON COSTITUISCONO PACCHETTI TURISTICI DA PARTE DELL'OPERATORE
L'Organizzatore può, dandone tempestiva comunicazione scritta, annullare, senza indennità, il Contratto, totalmente o parzialmente, prima o durante l'esecuzione del Contratto, ai sensi e per gli effetti dell'Art. 10 della Convenzione Internazionale di Bruxelles.
In caso di annullamento del Contratto prima della sua esecuzione, l'Organizzatore deve rimborsare al viaggiatore la quota di partecipazione che gli sia stata in precedenza versata relativa al servizio o a quella parte del servizio che è stato oggetto dell'annullamento.
Peraltro, qualora l'annullamento del Contratto dipenda da cause di forza maggiore (quali, ad esempio: guerre, epidemie, scioperi, motivi politici, sospensioni di nulla osta da parte delle competenti Autorità, ecc.) l'Organizzatore può trattenere il 5% della quota di partecipazione dei servizi annullati, a titolo di parziale rimborso spese, oltre le eventuali indennità che debbano essere versate dall'Organizzatore a corrispondenti, vettori, fornitori di servizi, ecc.
In caso di annullamento, totale o parziale, del Contratto in corso di esecuzione, l'Organizzatore prende tutte le iniziative necessarie nell'interesse del Viaggiatore; in tal caso l'Organizzatore e il viaggiatore si indennizzano reciprocamente secondo equità.
L'Organizzatore può, senza indennità, a sua discrezione e in qualsiasi momento, anche durante l'esecuzione dei servizi, modificare il programma dei servizi e, comunque, sostituire i servizi stessi con altri di analoghe caratteristiche e qualità, nel caso in cui ciò si renda necessario per esigenze operative o per cause di forza maggiore.


13. OBBLIGHI DEI PARTECIPANTI
Il Viaggiatore provvede a:
- munirsi di passaporto o di altro documento equivalente che sia valido per la fruizione dei servizi in Contratto;
- munirsi degli eventuali visti di ingresso, di transito e di soggiorno che siano necessari per la fruizione dei servizi in Contratto;
- sottoporsi alle vaccinazioni e a tutti gli altri eventuali accertamenti sanitari, nonché munirsi delle relative certificazioni medico-sanitarie che siano richieste per la fruizione dei servizi stessi.
- provvedere, prima della partenza, a verificare l’aggiornamento delle informazioni generali fornitegli dall’Organizzatore presso le competenti autorità (per i cittadini italiani le locali questure ovvero il Ministero degli Affari Esteri tramite il sito www.viaggiaresicuri.it ovvero la centrale operativa telefonica al numero 06.491115) adeguandovisi prima della fruizione dei servizi. In assenza di tale verifica, nessuna responsabilità per la mancata partenza potrà essere imputata all’Organizzatore.

Il Viaggiatore inoltre, sia prima che durante la fruizione dei servizi, deve:
- attenersi scrupolosamente a tutte le disposizioni emanate dalle Autorità e dall'Organizzatore stesso in relazione alla fruizione dei servizi;
- uniformare il proprio comportamento ai dati, alle notizie, alle informazioni e alle indicazioni fornitigli dall'Organizzatore;
- assumere comportamenti ispirati all'osservanza delle regole della prudenza e della diligenza.

Qualora l'inosservanza di questi punti arrechi un effettivo danno materiale o d'immagine all'Organizzatore, il Viaggiatore è tenuto a risarcire il danno.


14. PARTECIPANTE TOUR LEADER
Per alcuni viaggi viene indicato un partecipante a cui è affidato dal gruppo il compito di coordinare la gestione collettiva del viaggio. Il partecipante-coordinatore usufruisce delle gratuità concesse al gruppo sia per i trasporti aerei che per i servizi a terra e di un rimborso per le eventuali spese operative.


15. RESPONSABILITÀ DELL’ORGANIZZATORE
L’Organizzatore risponde dei danni arrecati al Viaggiatore a motivo dell’inadempimento totale o parziale delle prestazioni contrattualmente dovute, sia che le stesse vengano effettuate da lui personalmente che da terzi fornitori dei servizi, a meno che provi che l’evento è derivato da fatto del consumatore (ivi comprese iniziative autonomamente assunte da quest’ultimo nel corso dell’esecuzione dei servizi turistici) od a quello estraneo alla fornitura delle prestazioni previste dal contratto, da caso fortuito, da forza maggiore, ovvero da circostanze che lo stesso Organizzatore non poteva, secondo la diligenza professionale, ragionevolmente prevedere o risolvere.
L’Organizzatore non potrà essere ritenuto responsabile degli incidenti dovuti all’imprudenza di uno o più partecipanti al viaggio.
Limitatamente alla durata del trasporto con i loro mezzi, i vettori sono responsabili nei confronti dei viaggiatori in conformità a quanto da essi previsto nelle proprie condizioni di trasporto, alle norme IATA e Governative. Vagabondo Viaggi S.r.l. non assume veste di vettore ai sensi dell'art. 1681 C.C. agendo semplicemente da intermediario tra i viaggiatori ed i soggetti erogatori dei servizi. Nessuna responsabilità compete all'Organizzatore per qualsiasi danno che potessero subire i partecipanti e le cose di loro proprietà a causa dei vettori.
Documenti per l’espatrio: nessuna responsabilità compete all’Organizzatore per ogni e qualsiasi danno dovesse derivare al viaggiatore per l’impossibilità di iniziare e/o proseguire il viaggio, causata dalla mancanza o dalla irregolarità dei prescritti documenti personali di espatrio (come, ad esempio, passaporto, visto consolare, certificato sanitario, vaccinazione, ecc.).
Il bagaglio viaggia a rischio e pericolo del cliente ed eventuali perdite o danni non potranno essere imputati alla responsabilità dell'Organizzatore.
Il risarcimento dei danni non può essere in ogni caso superiore ai limiti indicati dagli artt. 94 e 95 del Codice del Consumo.
L'avvicinamento con qualunque mezzo all'aeroporto di partenza indicato nel programma di viaggio non fa in nessun caso parte del pacchetto di viaggio e l'Organizzatore non ne è in alcun modo responsabile, anche quando, su richiesta e per conto del cliente, provvede all'acquisto dei relativi servizi.


16. SISTEMAZIONI IN ALBERGO O IN ALTRO TIPO DI ALLOGGIO
Le categorie e i livelli di comfort delle sistemazioni in albergo o in altro tipo di alloggio sono indicate nel Contratto ovvero sul sito web http://www.vagabondo.net/ in cui i relativi servizi sono riportati e illustrati, tenendo conto della classificazione fatta dalle competenti Autorità dei Paesi dove devono essere fruiti i servizi.
In caso di assenza di classificazioni ufficiali, le categorie e i livelli di comfort delle sistemazioni sono stabiliti dall'Organizzatore in base a propri criteri di valutazione di idoneità all'accoglimento delle strutture di albergo e di alloggio.
Nel caso in cui i servizi d'albergo e di alloggio, fruiti dal Viaggiatore, risultino essere di categoria e di comfort inferiori a quelli indicati in Contratto, il Viaggiatore ha diritto solo e unicamente al rimborso del maggior importo versato rispetto a quanto effettivamente dovuto in base alla categoria e al comfort delle sistemazioni fruite.


17. SOSTITUZIONE DEI SERVIZI DI VIAGGIO E DI SOGGIORNO, NONCHE’ DEI FORNITORI DA PARTE DELL'OPERATORE
L'Organizzatore, senza indennità, a sua discrezione e in qualsiasi momento, anche durante l'esecuzione, può sostituire i servizi in oggetto (costituiscono questi, o meno, un pacchetto turistico) ovvero i fornitori dei servizi stessi con altri di analoghe caratteristiche e qualità, qualora ciò si rendesse necessario per cause di forza maggiore, per esigenze operative o per altro ragionevole motivo.


18. OBBLIGO DI ASSISTENZA
L’Organizzatore è tenuto a prestare le misure di assistenza al consumatore imposte dal criterio di diligenza professionale esclusivamente in riferimento agli obblighi a proprio carico per disposizione di legge o di contratto. L’Organizzatore non è responsabile nei confronti del consumatore per l’inadempimento da parte del venditore degli obblighi a carico di quest’ultimo o quando la mancata od inesatta esecuzione del contratto è imputabile al consumatore stesso.


19. RECLAMI E DENUNCE
Il consumatore, a pena di decadenza, deve denunciare per iscritto, sotto forma di reclamo, all’Organizzatore le difformità ed i vizi del pacchetto turistico, nonché le inadempienze nella sua organizzazione o realizzazione, all’atto stesso del loro verificarsi o, se non immediatamente riconoscibili, entro 10 giorni dalla data del previsto rientro presso la località di partenza. Qualora i reclami siano presentati nel luogo di esecuzione delle prestazioni turistiche, l’Organizzatore deve prestare al consumatore l’assistenza richiesta dal precedente art. 18 al fine di ricercare una pronta ed equa soluzione.
Il Foro competente per qualunque controversia è quello di Roma


20. SERVIZI TURISTICI FORNITI DA ORGANIZZATORI DI VIAGGIO TERZI
Nelle vendite di pacchetti/servizi turistici realizzati da organizzatori di viaggio terzi la Vagabondo Viaggi S.r.l. agisce solo ed esclusivamente quale mero intermediario; la stessa risponde unicamente per le obbligazioni della detta sua attività di intermediario e, comunque, nei limiti delle leggi in materia (Legge 27 Dicembre 1977 n. 1084/1977 e Decreto Legislativo del 6 Settembre 2006 n, 206 c.d. Codice del Consumo) limitatamente alle norme degli intermediari/venditori nelle vendite di pacchetti/servizi turistici.
Il rapporto tra il viaggiatore e l’Organizzatore di Viaggio Terzo indicato sul fronte è regolato dai cataloghi e opuscoli informativi dell’Organizzatore di Viaggio Terzo, dalle sue Condizioni Generali di Contratto, nonché dalle norme che regolano la figura dell’Organizzatore, di cui alla Legge n. 1084/77, Codice del Consumo e Convenzioni in materia di trasporto, in quanto applicabili ai servizi del pacchetto turistico.
In considerazione di detta sua estraneità ai servizi forniti, in nessun caso la Vagabondo Viaggi S.r.l. potrà essere tenuta a rispondere delle obbligazioni dell’Organizzatore di Viaggio Terzo.
Il viaggiatore dichiara, con la sottoscrizione del presente Contratto, di aver ricevuto copia della suddetta documentazione dell’Organizzatore di Viaggio Terzo, ivi comprese le relative Condizioni Generali di Contratto che dichiara di avere letto attentamente ed approvato specificatamente.


21. ASSICURAZIONE
L'Organizzatore ha stipulato con la MONDIAL ASSISTANCE EUROPE N.V. la polizza assicurativa n. 186065 a garanzia dei propri obblighi verso il fruitore dei suoi servizi.

Prima dell'inizio dei servizi il viaggiatore può stipulare, secondo le condizioni fissate dalle Compagnie di Assicurazione prescelte, speciali polizze per le penalità e le spese conseguenti all'annullamento dei servizi, per le perdite di bagagli, per gli infortuni, per le spese di rimpatrio in caso di incidenti e malattie, ecc.. I relativi premi non sono compresi nei prezzi o nelle quote di partecipazione.


22. FONDO NAZIONALE DI GARANZIA
Secondo l’Art. 100 del Codice del Consumo, è stato istituito, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, un Fondo nazionale di garanzia per consentire, in caso di insolvenza o di fallimento del venditore o dell’organizzatore, il rimborso del prezzo versato e il rimpatrio del consumatore nel caso di viaggi all’estero, nonché per fornire un’immediata disponibilità economica in caso di rientro forzato di turisti da Paesi extracomunitari in occasione di emergenze, imputabili o meno all’organizzazione; il tutto a condizione che il pacchetto turistico sia stato venduto od offerto in vendita con contratto stipulato in Italia dall’organizzazione o dal venditore in possesso di regolare autorizzazione.
La domanda per accedere alle erogazioni del Fondo deve essere indirizzata alla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento del Turismo, Comitato di Gestione del Fondo nazionale di garanzia per il turista, entro e non oltre tre mesi dalla data prevista per la conclusione del viaggio; la domanda deve essere corredata dall’originale del contratto di viaggio, da copia della ricevuta del versamento della somma corrisposta all’agenzia di viaggi e da ogni elemento atto a comprovare la mancata fruizione dei servizi pattuiti.


23. COMUNICAZIONE OBBLIGATORIA AI SENSI DELL’ART. 16 DELLA LEGGE 3 AGOSTO 1998 N. 269 - PROSTITUZIONE E PORNOGRAFIA MINORILE
La Legge italiana punisce, con la pena della reclusione, i reati inerenti alla prostituzione e alla pornografia minorile, anche se gli stessi sono commessi all’estero.


PRIVACY: INFORMATIVA EX ART. 13 D.LGS 196/2003
Il trattamento dei dati personali dei clienti - il cui conferimento è necessario per la conclusione e l’esecuzione del contratto - è svolto, nel pieno rispetto del D. Lgs. 196/2003, in forma manuale e digitale. L’eventuale rifiuto nel conferimento dei dati comporterà l’impossibilità di concludere il contratto e fornire i relativi servizi. Titolari dei trattamenti sono - salvo dove diversamente indicato – la Vagabondo Viaggi S.r.l..
I dati saranno comunicati soltanto ed a tutti quei soggetti cui la comunicazione sia necessaria per consentire l’esecuzione del contratto e la fornitura dei servizi compresi nel pacchetto turistico, o alle Autorità qualora imposto da specifiche normative. I dati potranno inoltre essere eventualmente comunicati a consulenti fiscali, contabili e legali per l’assolvimento degli obblighi di legge e/o per l’esercizio dei diritti in sede legale.
In ogni momento potranno essere esercitati tutti i diritti ex art. 7 D. Lgs. 196/2003 contattando il responsabile del trattamento dei dati presso Vagabondo Viaggi S.r.l. - Via Guido Reni 56, 00196 Roma, anche via Internet attraverso il sito http://www.vagabondo.net/